Paolo Villaggio

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Applausi (piccola).gif
Questa pagina ha ricevuto 92 minuti di applausi!
Il ragionier Fantozzi, matricola 1001/bis dell'Ufficio Sinistri,
approva questo articolo!
Firmato: Ugo Fantozzi
L'estetica del grande Paolo Villaggio celebrata in una tipica posa con mutande ascellari rinforzate.
« Ma quali amici inseparabili! Quel ciccione spilorcio è trent'anni che mi deve ventimila lire! Ma me le pagherà, dovessi crepare! »

Villaggio ragionier Paolo (Genoa, 25 dicembre 0 - qualche tempo fa) è stato uno sceneggiatore, scrittore, critico, trasformista, collaudatore di materassi e centometrista italiano. È celebre per la creazione di numerosi personaggi televisivi e per aver fatto credere a tutto il mondo di essere un bravo attore.

Giovinezza[edit]

Paolo Villaggio nacque. E fin qui siamo tutti d'accordo. Il suo fu un parto difficile: viste le dimensioni del cucciolo, si dovette optare per un cesareo rinforzato per creare un varco sufficientemente ampio per farlo passare. Con questo avvenimento si guadagnò immediatamente l'ira della madre, circoncisa come un glande, e delle ostetriche, che lo punirono immediatamente obbligandolo a pulire lo schifo che aveva lasciato in sala parto.
Crebbe forte e vigoroso e fin dai primi istanti di vita dimostrò un amorevole attaccamento per il fratello Pierino, con il quale era praticamente inseparabile: con lui andava a scuola, con lui tornava da scuola, con lui giocava ai soldatini, con lui dormiva, mangiava e defecava. E soprattutto con lui risolse un giorno il loro problema di siamesismo.
Molto attivo nell'apprendimento, frequentò numerose scuole, senza portarne a termine nemmeno una, fino a trovare finalmente in un liceo classico un'aura particolare, a misura della sua persona, che lo aiutò a giungere al diploma: era la scuola più vicina a casa sua.

La vita lavorativa[edit]

Da precario[edit]

Come ogni eclettico che si rispetti, l'esimio Villaggio seppe guadagnarsi la pagnotta senza dover chiedere nulla a nessuno. In fondo i genitori erano morti da un pezzo, lasciandogli una villa, una rendita ingente e una colossale fortuna, quindi non avrebbe avuto nemmeno il bisogno che muovesse uno zigomo. Ma il cuore genovese che era in lui non era d'accordo e sapeva che volere era potere, potere era governo e governo era danaro facile. Una possibilità troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire. Ed ecco che il neo-diplomato venne catapultato nel mondo del lavoro, cadendo malamente e procurandosi lesioni permanenti alla spina dorsale.
Il primo approccio lavorativo fu in una chiatta turca che pescava gamberi e zucchine. Il compito del Paolo era quello di staccargli la testa con un morso per poterli servire immediatamente in qualche bettola costiera. Fu proprio il contatto con questi curiosi animaletti (i gamberi, non i turchi), a ispirare in chissà qual modo la sua vena comica. Il suo primo incarico da intrattenitore lo ottenne per la prima volta proprio in quell'umile barcone. Coi gamberi.

Da mendicante[edit]

Il periodo pre-depressione di Villaggio, qui immortalato mentre vende la dignità per un pacchetto di grissini.

Stufo di divertire crostacei morti, Villaggio decise di cambiare totalmente attività e tentare il successo componendo melodia da strada, nel senso che strimpellava e cantava sul marciapiede per racimolare spiccioli. Fu proprio all'apice della sua carriera da menestrello che incontrò il compaesano, futuro collega e poveraccio Fabrizio de André, con il quale compose i mitici Il ciambellone e Carlo Bordello torna dalla spanciata di Foie gras. Poi però il Faber morì e Paolo si ritrovò in mezzo alla strada (prima era sul marciapiede).

Da merdaccia[edit]

Ebbene sì, una notizia più sconvolgente dell'atomica su Hiroshima e della non esistenza di Babbo Natale. Il nostro Paolo Villaggio visse veramente il suo periodo da "merdaccia", precisamente quando, stanco di nutrirsi di mozziconi di sigaretta e bitume, decise di compiere un gesto estremo, chiedendo l'assunzione nella Megaditta italpetrolcemeterdesossiribonuchimica di Roma, dove si stabilì con la famiglia[1].
Qui comincia il periodo più educativo della vita di Villaggio, all'insegna dell'apprendimento della vita. Egli imparerà che:

  • Filarsi una collega sgorbio per vent'anni non serve a un beato cazzo se lei non te la dà nella prima settimana di collegio;
  • A sostituire l'intero personale dell'azienda per coprirne l'assenteismo si guadagna una gogna pubblica in ginocchio sui vetri rotti;
  • Seguire le iniziative di un folle mezzo ciecato produce solo una marea di guai;
  • Ribellarsi al capo produce solo una marea di guai;
  • Prendere iniziative personali produce solo una marea di guai;
  • Proporre il "lancio dello stronzo" a un tizio che è appena stato nominato Mega Direttore Naturale Gran. Farabut. non è esattamente una buona idea;
  • Sbrigare il lavoro dei colleghi non ti rende gentile e disponibile ma semplicemente un coglione;
  • Leccare il culo ai superiori è l'unica garanzia di successo nella carriera personale.

Fu proprio quest'esperienza che lo ispirò nella creazione del suo più riuscito personaggio realmente esistito: il mostro di Loch Ness il ragionier Fantocci.

Da doppiatore[edit]

Il nostro eroe alle prese col suo primo doppiaggio da professionista: uno sbadiglio.

Trancio relativamente breve della vita di Villaggio, dovuta a una scarsa propensione per questo mestiere. Ciò è ben dimostrato dal fatto che l'unico personaggio che gli è stato permesso di doppiare è stato un infante odioso.

- Osservazione: “Tonto, gli infanti manco parlano!”
- L'autore di questo articolo: “Appunto...”

Da conduttore[edit]

L'idea di fare il conduttore avvenne in maniera piuttosto casuale: dopo essere stato colpito da un fulmine, notò la sua predisposizione naturale ad attirare e condurre elettroni. Ricevette immediatamente numerose proposte di lavoro nel campo dell'elettrotecnica, dell'elettronica e della Nutella. Le proposte erano talmente tante che il fortunato si permise di scegliere a caso, beccando l'unica opzione che non c'entrasse nulla con la conduzione: Striscia la notizia. Inizia così un periodo buio per il buon Villaggio, ridotto a umiliarsi dietro una scrivania di cartone e costretto a sgolarsi ogni sera per sovrastare quelle maledette risate finte.
Le cose migliorarono un pelo nelle conduzioni di altri programmi:

  • Affiancò Baudo nella conduzione del Festival di San Romolo, nonostante in tutte le oltre 600 edizioni del festival le uniche parole che pronunciò furono prova... prova....
  • Condusse Quelli della domenica, nel quale nacque un altro, amatissimo personaggio: il buontempone meteorologo professor Kranz Giuliacci.
  • Sempre in mano sua anche È domenica, ma senzo impegno, versione censurata di È domenica, tu sfiora quel campanello e vedrai che ci faccio con i tuoi opuscoli.
  • Fece un breve periodo anche in Domenica in, dopodiché lasciò di propria volontà poiché stanco delle battutine idiote di Baudo.

Gli anni 2000: tra teatro, letteratura e liposuzione[edit]

50 anni a Roma non bastano a estirpare un cuore genovese.

Negli anni 2000, nonostante i comprensibili acciacchi dovuti ad anni di bastonate sul set di Fantozzi, che naturalmente erano tutte reali, l'indistruttibile Villaggio non si è ancora arenato nel dimenticatoio dei personaggi famosi, preferendo sblusarsi in una poltrona di pelle di tarantola[2]a scrivere.
Lavora innanzitutto per sè stesso, scrivendo la sua biografia e, visti i magri sviluppi, comprandosela.

Nel 2002 inizia a collaborare anche nell'ambito scolastico, pubblicando il libro per bambini Vita, fianchi e sciacquone di un pezzo di merda: fisiologia alimentare spiccia.
Nello stesso periodo avviene uno spiacevole avvenimento in famiglia: il figlio settantenne Pierfrancesco ricade nel gorgo della tossicodipendenza, da dov'era stato ripescato vent'anni prima. La cosa segna profondamente Pierfrancesco, soprattutto per via delle vergate nei lombi che gli somministrò il padre. Nello stesso periodo, precisamente allo scocco della 45esima frustata, la vena scrittrice si scioglie nuovamente e i suoi nuovi capolavori letterali si materializzarono in un batter di cinghia: Il fumo è grigio, nel 2003; Il tomacco fa schifo, nel 2004; L'ultima peperonata, nel 2005; Francesi di merda! nel 2006. Il successo dei libri però declina in fretta, costringendo Villaggio ad andare sullo schermo solo per pubblicizzarsi e per approfittare dei buffet omaggio offerti dalle produzioni.

Il 2012 vede il Villaggio lanciato nelle nuove avventure di Fantozzi puccettone Ugo, nelle sue ultime, malinconiche sfighe.

Lunedì 3 luglio 2017 il ragionier Ugo Fantozzi viene finalmente convocato dal Direttore Megagalattico, a seguito di quella sua richiesta di promozione datata 30 dicembre 1932. Non è più tornato in ufficio, quindi o è stato licenziato - probabile - o forse promosso al ruolo cui tanto ambiva; i maligni dicono che sicuramente è morto dall'emozione prima del colloquio, mentre alcuni tra i più cari amici sorridono leggermente - senza sbilanciarsi.

Lo spirito protettore su Genova[edit]

La verità sul Ponte Morandi: lo spirito di Paolo Villaggio aiuta gli inquirenti fornendo un nitido fermoimmagine del momento del crollo

Nel 2018, lo spirito di Villaggio viene scosso dall'orrido pouf in cui cercava di dormire in pace; il crollo dell'amata altalena in cemento armato più costosa del mondo, vanto e cruccio di qualsiasi genovese, era giunto infatti alle sue orecchie, dando vita a Phantozzaman, lo spirito giustiziere in pantalone ascellare fatto in fibra di adamantio fuori - e cotone dentro, pronto a vigilare su Genova e a proteggere i suoi concittadini. Come prima impresa, Phantozzaman riesce a recuperare una nitida foto del crollo, in cui si vede esattamente come sono andate le cose (più o meno come si vede nei filmati ufficiali divulgati).

Filmografia[edit]

  • 1911 - Fantossi (ruolo: capufficiopacchi)
  • 1911 - La Corazzata Potëmkin (ruolo: corazzata)
  • 1969 - Fantozzi ragionier Ugo (ruolo: parafulmine dell'azienda)
  • 1972 - Fantozzi nitrisce ancora (ruolo: Ragionier Ugo Fantocci)
  • 1978 - Fracchia contro Dracula (ruolo: bara)
  • 1981 - Fantozzi va in purgatorio (ruolo: terzino sinistro)
  • 1987 - Le coliche (ruolo: rene sinistro)
  • 1988 - Fracchia la merdaccia umana (ruolo: merdaccia)
  • 1999 - Io speriamo che me la Chievo (ruolo: Gigi Del Neri)
  • 1999 - Io speriamo che me la chiavo (ruolo: Fantozzi impotente)
  • 1999 - Fantozzi 2000: la Colazione (ruolo: Tiffany)
  • 2000 - Ho vinto la lotteria di capodanno: un portachiavi... (ruolo: botta di culo)
  • 2001 - Fantozzi contro Totti (ruolo: Cassano)
  • 2010 - L'ennesimo tragico Fantozzi (ruolo: Jolly)
  • 2011 - Fantozzi ha rotto il chezzo! (ruolo: Lino Banfi)

Opere letterarie[edit]

  • Fantossi.
  • La corazzata.... Si, insomma, i film qui sopra in versione cartacea per i piromani.

Note[edit]

  1. ^ Certo che aveva una famiglia, solo che loro se ne stavano tranquilli nel villone a sollazzarsi con la colossale fortuna e la rendita ingente.
  2. ^ Per gli impiegati di dodicesimo grado questo passa il convento

Voci correlate[edit]

Altri progetti[edit]

Papocchio ciak 2.png Orgogli e vergogne della settima arte Papocchio ciak.png
Logo NonCinema.JPG
Fantascienza e avventura Animazione
Fantasy Film d'azione
Comico Orrore
Film vincitori del premio "Nobody cares" Attori vincitori del Premio Oscarrafone
Tutto lo spaventoso mondo del cinema Categorie
Clicca su una voce per espanderla.
Fantasy

Le coliche di Narnia, Il Principe Gaspare - Il signore delle parure - Aragorn - Aborto per ragazzine - Cronache di una bulimia nervosa - Il Miglio verde - il Film dove Ade è Metallaro - Quello che vedi se ti fai troppo di canne - La maschera verde - I duellanti - Conigli e viaggi nel tempo - Sette anime in Tibet - Miscela di grecità random

Film d'azione

V per Vaffanculo - Io sono leggero - Kill Bill Kaulitz - La foresta delle pugnette volanti - I cruciverba - Road trap - Troia - Cuore bravo - Spartaaaaaaaa! - Salvate il soldato Ryanair - I tre balenghi - Gli amici di Charlie Manson - Il nemico a Porta a Porta - Full mafia racket - Un giorno di ordinaria demenza - Life is now - Plasmoon - Puolp Fiction - La città in bianco e nero - Robocop vs Cinesini Saltellanti - Top Gun - Shut the fuck up Island - Cani Riservati... - ... e incazzati - Il riassunto - I guerrieri della botte - Black Hawk Down - Sconti titanici - Il tassinaro - vacanze mafiose a Milano - Fausto e Furio contro l'autovelox - L'uomo di ferro & figlio - La reunion dall'ospizio di attori di action movie vari - Non avere la testa è più divertente - Demoralition man - Le Solite Polpette - La sagra dell'harakiri - I Vendemmiatori - Il mi' Uest, maremma maiala! - Gente con problemi mentali - Alba zozza - Burino al cimitero - Battledogs - Pacific Rimmel - Quelli che è meglio non toccare

Comico

Nemici tuoi - Fantocci - 10.000 lire - La Febbra 1 e 2 - Mobbasta - Momenevado - Fuga da Napoli - Natale al cesso - Il nonsense della vita - Il finto Gesù di Nazareth - Torta Americana - Quel mostro di Franco - Film Spaventoso - L'alba dei morti balbuzienti - Il grande Swarowski

Orrore

Non battete quella porta - Collina zitta - Sega - Il pozzo dei desideri - Derby - Sciamalaiaaaaaaan! - Redrum redrum redrum - Il silenzio della Innocenti - Il sollevatore dell'Inferno - The Vigentina Bitch Project - Setten - Il pianeta dei terroni - Alien vs Predator - Dark Water - Paranormal Activity - Caso cestino e seguito - 30 giorni di buio - Nek - Pecora Nera - Anche l'horror è romantico - Il buco - Il fratello di Van Halen - Giuda ballerino! - L'attacco dei pomodori assassini - V per Vicenza - Non violentate Jennifer - Le mani fatate - Il Discesa - A bad book

Film vincitori del premio "Nobody cares"

Alex l'ariete - Il prequel di Lost - American Biuti - Casto lontano - Diverso a chi? - Quello che corse per 3 anni - Grazie Padre Pio - Grease - Vaselina - Harry Fotter - High School Bordello - 'O Savvatore - Non mi chiamo Qualcuno - La partita a scacchi con la morte - L'ultimo film orrendo di Nicolas Cage - Il GPS nuovo - La cagata pazzesca - La febbre del sabato sera - Gente che evade passando in tunnel pieni di merda - Lemonade Mouth - Il paradosso di Gaetano - Mission (non quella Impossible) - La donna che visse una volta sola - Tredici - Quello che faceva un rumorino da niente - Troppo Belli - Tre metri dentro al culo - Ultimo mango a Parigi - Tormentone natalizio - Il film con Grissom capellone e Goblin truzzo - 100 peggiori film di tutti i tempi - De Drimers - Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto - Vi presento Joe Black - Locke

Attori vincitori del Premio Oscarrafone

Gionni Profondo - Gesuccristo - Uataaaaa! - Il furioso - Fei belliffima... - Lo sbabbaro - Scavicchimanonapra evolution - The Tres - Scamorzoun' - Frocettino - Maccio Capatonda - Brucia lì - Modello Giuditta - Cinetto Arco - Pelo Ponneso - Orso Pozzi - Cipollino - Erberto Dancer - Ispettore Frank Drebin - La moglie di Cletus il bifolco - Il cowboy - La roccia - Marlon Brandy - Miss Divorzio - Tommaso Matasse - Nicolas Toupet - Black Lee - Miss Occhiaie - La produttrice di detergenti intimi - Quella che si spoglia sempre nelle pubblicità - Sabrinona nazionale - L'androide paranoide - Quello che in Italia lavora solo lui - L'uomo dalle mille espressioni - Il baffo - Il mozzaorecchie - Paolo Metropoli - Renato Pozzo senza fondo - Caz Woman - Lupo Alberto è sordo - Lo stupìdo... - ... il compare Cicciozzilla... - ... e la loro fusione - Blackjack - Attenti al gorilla - La serial killer - Guglielmo Fabbro - Quelli originali - Quello nella scatola di latta - Roberto Del Negro

Tutto lo spaventoso mondo del cinema

Film - Come realizzare un film - Cinema - Gente che rompe le palle nei cinema - Hollywood - Cinecittà - TV - Western - Horror - Snuff movie - Cinepanettone - The Asylum - Oscar...rafone - Anche in Albania fanno film - Spada e sandali - Cineturismo

Categorie

Tutte le pellicole - Le fuckcions - Tutti gli attori, le attrici e i registi - Il meglio - Tutte le locandine dei film

Fantascienza e avventura

Star Whores - La sua versione turca - E il suo sequel - Star Treccina - Ettì - La guerra degli immondi - Tremori - La saga di Mosconi Wars - Parco nazionale dei dinosauri domestici - Libertà per il Pride! - Numerix - Pelati dei Caraibi - I Gummies - Rita Levi Montalcini - La storia del barbone matto che mangia le bacche velenose e poi muore a causa della dissenteria - Macachi su Marte - Ritorno al futuro - Avatar - Inception - Il film con la ninfomane fatta in casa - Prometheus - Mostriciattoli verdi che si moltiplicano se bagnati - Babylon A.D. - The Revenant - Jupiter - Il destino dell'universo - Luogo di nascita di George W. Bush e Maurizio Gasparri - Doomsday - il regista senza giudizio

Animazione

Emmmorta!!! - Mostrone verde - L'era del freezer - L'era di sbrinare il freezer - La terza era, arriva la carne - L'era in cui il freezer va in tilt - Sta finendo il mondo e ti preoccupi del freezer? - La pantegana che cucina - No alla depilazione!!! - La storia dei vibra... ehm giocattoli - McDonald's City - Il cattivo di un videogioco che spacca tutto - Vichinghi vs draghi pucciosi - Qualcuno ha visto Nemo? - Bianca e Berna nella terra di Fanculo - Titanic:in space - L'attacco dell'addetta al reparto surgelati