Portale:Filosofia

Jump to navigation Jump to search


Filosofo su cesso 2.png
Benvenuti nel portale sulla filosofia
Filosofo su cesso 1.png


« Questo portale è morto »
(Nietzsche)
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif


Cartella blu.jpg
Nietzsche logo.png
Voce in latrina
Vecia the.jpg

La filosofia nasce come l'arte di inventarsi una scusa molto elaborata dopo aver tradito la propria moglie o dopo non aver fatto i compiti, ed è considerata la prova indiscutibile del fatto che le canne giravano fin dall'antichità.

Prima di poter parlare di essa è necessario sapere che cos'è la filosofia, altrimenti si otterrebbe lo stesso risultato che si ottiene trovando un politico onesto o un eterosessuale al Gay pride: un paradosso che porterebbe al risucchio del pianeta tramite un buco nero, proprio come accadde nel remoto 2008 a causa degli scienziati pazzi del CERN. E noi non vogliamo che accada questo, vero?Ma anche sì. Iniziamo allora a vedere che cos'è la filosofia: secondo milioni di studenti in tutto il mondo è semplicemente un'inutile materia in più per spillare soldi ai contribuenti e rompere i maroni agli studenti anche tramite l'uso di barboni scurrili e maleducati, ma non è così. In realtà la filosofia è la ricerca costante della verità sulle cose che ci circondano, sull'essere in generale, sul mondo, su Dio e sugli stili di vita: in altre parole è un modo per non scassarsi il cazzo guardando Buona Domenica.

Leggi la voce...


Cartella blu.jpg
Nietzsche logo.png
Gentaglia che poteva farsi i cazzi propri
Marx payne.jpg

Karl Marx era un cabarettista giapponese vissuto nell'epoca Kazzumosho, che a tempo perso si occupava di lavoro minorile. Viene spesso scambiato per suo fratello Groucho o per suo cugino Babbo Natale, anche da morto.

Karl Marx (in Italiano, Carlo Marxi) il quarto, il più bello, il più intelligente e il più comunista dei fratelli Marx è nato a New York City il 1666 A.P. (avanti Popolo) da immigrati ebreo-tedeschi e si è subito dato alla filosofia, alla musica e alle droghe nel Village, assieme a tanti altri debosciati beatniks, fra i quali il suo degno compare Engels, cugino minore del ben più noto filosofo e poeta underground Hegel. Suoi passatempi furono l'architettura (ha progettato, tra l'altro, la città di Taranto) e le donne. Ebbene sì, come sventrapassere non se la cavava male. Affascinato dal mito dei feroci Alieni Comunisti, presenti da milioni di anni sulla Terra e in perenne attesa di invaderla definitivamente, durante l'Independence Day, scrisse un testo allucinato e scombinato, forse anche a causa delle sue continue assunzioni di pastiglie come LSD, Ecstasy, Aspirina, Momendol, ma di tal forza espressiva da diventare in breve tempo un best seller, apprezzato soprattutto dal mondo bolscevico: Il Capitale.

Leggi la voce...


Cartella blu.jpg
Nietzsche logo.png
Stronzate filosofiche ©
Merda d'oro.jpg

Se la merda fosse oro è una corrente scientifico-filosofico-culturale propria dell'uomo moderno, nata in questi anni di crisi economica, che vorrebbe che quella roba puzzolente e marrone che esce dal culo servisse a qualcosa. Prima di addentrarci nella dottrina scientifico-filosofica de "Se la merda fosse oro" dobbiamo fare una breve digressione storica che fornisca le basi per capire tale corrente di pensiero. Nella preistoria la merda aveva un grande valore. Le feci venivano spesso utilizzate come combustibile, per costruire le case, come disinfettante e come cosmetico per le donne e per i maiali sacrificali. Gli abitanti del neolitico pregavano il Dio della merda affinché li facesse cagare sempre di più, poi capirono che dovevano semplicemente mangiare più fibre o assumere il bifidus acti regularis come Alessia Marcuzzi. Gli escrementi trovavano impiego in qualsiasi campo, dalla religione alla decorazione delle caverne. Le feci di una particolare razza di babbuino che si nutriva di aloe vera venivano impiegate nella cosmesi, gli stronzi di cane fungevano da pastelli per disegnare, le bagole di capra erano le monete di allora. I forni a merda erano molto utilizzati, soprattutto perché conferivano un aroma ai cibi che allora era considerato indispensabile. Oggi la merda ha lo stesso valore solo nei paesi del terzo mondo come Napoli.

Leggi la voce...


Cartella blu.jpg
Nietzsche logo.png
Immagini

Benedetto Croce.jpg


Cartella blu.jpg
Nietzsche logo.png
Tutti i filominchiologi


Cartella blu.jpg
Nietzsche logo.png
Sai di non sapere, ma se vuoi sapere devi consultare la categoria del sapere


Cartella blu.jpg
Nietzsche logo.png
Cazzate filosofominchiologhe
« So di non sapere, perché sapere è non sapere, e non sapere è sapere. »
« Dunque sapere è non sapere di sapere, e non sapere è sapere di non sapere. »
« Cioè sapere è non sapere di sapere di non sapere e non sapere è sapere di non sapere di sapere... »
« ....vorrei però almeno sapere che cazzo ho detto!! »
« Lo disse Socrate, lo confermò Santippe, che è meglio una scopata che centomila pippe. »
(Giacomo Leopardi sul letto di morte)
« Non è vero! Io mi trovo benissimo anche così! »
(Tutti gli sfigati a cui non la dà nessuno, te compreso, sulla precedente affermazione di Socrate.)
« L'essere è e non può non essere, Il non essere non è e non può essere »
(Socrate che dopo dopo una sbronza cerca di fregare le teorie del suo "caro amico" Parmenide)