Grazie Padre Pio

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Wikipedia nera.png
GIOITE!
Dopo aver letto questo articolo anche noi potremo dire:
"Nonciclopedia ha questo articolo e Wikipedia no, pappappero!"
Alla facciaccia tua, Wikipedia!
« È che penso a tutta quella gggente che soffre e combatte quotidianamente per la libbertà! »
(La grande sensibilità di Sara)
« Chi vuol male a Donatello, vuol male pure a Don Franco... »
(Don Franco durante il brindisi della confraternita)
« Lo sai? Sei un uomo che fa eccezione! »
(Sara al fantastico Donatello)

Grazie Padre Pio è un thriller del 2001, noto a livello internazionale per il suo immenso potenziale artistico.

Genere[edit]

Mentre il titolo può spingere a pensare che si tratti soltanto di una pellicola religiosa, Grazie Padre Pio incarna in sé diversi generi che vanno dall'action al musical, creando una miscela omogenea difficilmente riscontrabile in altre produzioni di questo calibro, capace di tenere lo spettatore col fiato sospeso fino all'ultimo minuto del lungometraggio. Il pathos che trasuda dalle prime scene di vita familiare, in cui un fantastico Gigione parte per la tournée lasciando al figlio le raccomandazioni di rito viene presto spezzato dall'angosciante turbine di mistero in cui la vita del giovane Jo Donatello precipita dopo l'ìncontro con la timida Sara e il losco Don Franco. Ed è proprio in questo momento che si innesta la vicenda che vede il nostro Santo Padre Pio compiere il miracolo che riporterà il bravo Donatello sulla retta via, grazie all'aiuto di un senza tetto e alla tenacia del povero Gigione, costretto ad un difficile pellegrinaggio in pullman a San Giovanni Rotondo per riprendersi il figlio.

Analisi di un capolavoro dei nostri tempi[edit]

Prima parte[edit]

Original video


Dopo un'incredibile carrellata di panorami mozzafiato di Napoli che introduce l'ambientazione partenopea neorealista del film, scopriamo che il nostro beniamino Gigione è in partenza per lavoro, ma prima di andarsene fa la solenne promessa al figlio Jo Donatello che al suo ritorno canteranno insieme. Donatello però sembra presagire gli eventi che segneranno il suo prossimo futuro lasciandosi sfuggire un doloroso "Seee.... ma quando?!". Ma Gigione, dall'alto della sua infinita saggezza, lo rassicura ricordandogli che per i giovani un mese passa in fretta. Il breve ma intenso dialogo tra padre e figlio ci fa capire subito quanto i due siano legati e quanto Gigione conti per il giovane Donatello. La famiglia è il primo dei grandi temi affrontati e in poco meno di due minuti il regista dipinge un quadro che molti film dei grandi maestri d'oltreoceano hanno saputo soltanto accennare (il valore della famiglia ne Il padrino è solo un pallido esempio).

La scena si sposta quindi a Napoli centro, dove Donatello incontra un suo grandissimo amico accompagnato da due fini e timide ragazze, tra cui Sara che pare immediatamente catturata dal fascino del giovane. La ragazza nel complimentarsi con Donatello per la sua guida, viene a sapere che ha il brevetto di pilota e ingenuamente gli chiede di partecipare ad una gara clandestina altamente pericolosa. Donatello titubante non dice nulla, ma è chiaro che per Sara accetterà la sfida. L'atmosfera si fa infuocata, volano occhiatine imbarazzate e alla fine Donatello canta la sua prima canzone d'amore alla ragazza che rimane letteralmente spiazzata. Il film ci regala quindi una perla che rimarrà negli annali della cinematografia mondiale, introducendo il secondo grande tema: la lotta per la libertà

- Sara: “Scusa Donatello... Non perché non mi piace, è solo che...”
- Donatello: “Non ti è piaciuta la canzone?”
- Sara: “No anzi! Mi è piaciuta tantissimo!”
- Donatello: “Perché sei triste?”
- Sara: “È che penso a tutta quella gggente che soffre e combatte quotidianamente per la libbertà!”
- Donatello: “Già... Questo rattrista anche a me...”
- Sara: “Ma adesso basta! Via la tristezza. Non stavi forse per baciarmi?”
- Donatello: “Sì.”

Seconda parte[edit]

Original video
« È sempre gradito il vostro caffè Don Franco! »
(Sara, parlando in codice)

Donatello non tiene fede alla parola data al padre, ma accecato dall'amore che prova per Sara si lascia convincere dalla mite ragazza a incontrare Don Franco, un uomo legato agli ambienti camorristici (citato anche in Gomorra, di Roberto Saviano), in un baretto della zona. Fin dalle prime battute, Don Franco si dimostra ben disposto verso il giovane Donatello, grazie all'ambasciata precedente di Sara. Il tema delle corse clandestine viene quindi descritto in tutto il suo squallore in un breve dialogo tra i tre, dialogo intriso di ammiccamenti e codici camorristici che solo lo spettatore più attento riesce a cogliere.

- Don Franco: “Sara mi ha detto che sei un bravo pilota.”
- Donatello: “Se lo dice lei...”
- Don Franco: “E te la sentiresti di fare una corsa di prova?”
- Sara: “Sappi però che anche se di prova si scommettono soldi e... scusate se mi sono permessa.”
- Don Franco: “Hai fatto bene a sottolinearlo.”
- Donatello: “Sara, io vincerò per te!”
- Sara: “Donatello devi vincere anche per Don Franco”
- Donatello: “Don Frà, vincerò anche per voi!”

Donatello e Sara vengono allontanati dal locale da Don Franco, che fissa l'appuntamento per la prima corsa. E a questo punto l'amore tra i due ragazzi esplode incontrollato e dopo una passeggiata romantica, un parcheggio d'emergenza e un cappotto spiritato che compare all'improvviso, finalmente scocca l'ora della prima gara automobilistica che viene vinta brillantemente dal nostro eroe. Accolto da Don Franco come un messia del terzo millennio, Donatello viene festeggiato lungamente nello scantinato del bar visto in precedenza, evidente quartier generale della mala vita napoletana. Sara ricompensa quindi il suo amore con una calda scena di sesso e quando Donatello esce dal bagno per pettinarsi i boccoli la giovane si apre completamente a lui.

« Lo sai? Sei un uomo che fa eccezione! »
(Sara)

Ma la parentesi intima vissuta della coppia viene presto dimenticata grazie alle sconvolgenti riprese della seconda corsa di Donatello (a cui in seguito si ispirerà Vin Diesel con il suo Fast and Furious), ricca di adrenalinici sorpassi ai limite del possibile che porteranno naturalmente alla vittoria del nostro eroe. La vita sembra regalare a Donatello una soddisfazione dopo l'altra e il ragazzo dimentica la sua vita precedente fatta di scuola e serate a cantare negli ospizi partenopei col padre. Ma proprio Gigione, di ritorno dalla sua tourné internazionale, metterà presto fine alla sregolatezza del figlio. Dopo un dialogo intenso con la moglie, affranta dal dolore, l'uomo decide di andare a parlare direttamente con Don Franco e riprendere Donatello sotto la sua ala protettiva. Ritorna prepotente il tema della famiglia...

Terza parte[edit]

Original video

Gigione viene accompagnato dal losco cameriere nell'ufficio di Don Franco, che lo aspetta impassibile pur sapendo cosa il nostro pover'uomo gli sta per chiedere. La quiete che precede la tempesta viene spazzata via dall'impavido Gigione che risponde a modo al camorrista Don Franco in un dialogo ricco di tensione e arguzia come non se ne vedeva dai tempi di Pulp Fiction.

- Don Franco: “Portaci due caffè.”
- Cameriere: “Ceeeeertamente!”
- Gigione: “Io il caffè lo bevo solo con gli amici.”
- Don Franco: “Allora niente caffè. Prego accomodatevi.”
- Gigione: “Io mi siedo solo con gli amici.”
- Don Franco: “Allora carissimo Gigione siete destinato a bere pochissimi caffè, e a starvene quasi sempre in piedi! Cosa posso servirvi?”
- Gigione: “MIO FIGLIO!!!”

Don Franco, sebbene decida di non uccidere Gigione, non sembra intenzionato a sottostare al volere del nostro eroe a cui indica il luogo della prossima corsa del giovane Donatello. Gigione si reca sul luogo, ma in un dialogo spezza cuore si accorge che ormai per Jo non c'è più nulla da fare. Ormai è parte della malavita organizzata. All'improvviso un senza tetto corre da Gigione e gli consiglia di rivolgere le sue preghiere al santissimo Padre Pio. Gigione decide quindi di partire in pellegrinaggio per San Giovanni Rotondo.

Donatello tornato vittorioso da una corsa scopre Sara avvinghiata a Don Franco e incredulo fa per andarsene quando la giovane lo convince a restare con lei, poiché è la sua ultima notte in città.

« Ho deciso di stare vicino alla ggente che combatte per la libbertà! »
(Sara spiega la sua decisione di andarsene)

Don Franco rivela a Donatello che Sara ha stretto un patto con la camorra e ha intascato i soldi delle corse clandestine esclusivamente al fine di aiutare la gente che combatte per la libertà, anche se non spiega esattamente di quali persone parla con esattezza. Donatello capisce che i propositi della ragazza sono puri, sceglie di rimanere con lei per l'ultima volta ma allo stesso tempo decide di troncare il rapporto malsano con Don Franco, il quale stranamente si dimostra molto comprensivo, al contrario degli altri grandi boss della camorra. Finalmente arriva il momento della terza fantastica canzone di Donatello che ci allieta con una melodia traboccante di dolcezza, accompagnato da un montaggio video che ci fa scoprire gli ultimi momenti insieme della coppia intermezzati da reminiscenze struggenti dei loro precedenti incontri. Nel frattempo Gigione si appresta a partire per San Giovanni Rotondo.

Quarta parte[edit]

Original video

Gigione prega Padre Pio che compie immediatamente il miracolo! Donatello lascia le corse e, informato dalla madre, decide di partire anche lui alla volta di San Giovanni Rotondo. Veniamo quindi allietati dall'incredibile interpretazione di Gigione di un'ode a Padre Pio accompagnato da alcuni giovani.

« Com'è buono Padre Pio, è la luce del Gargano, riscalda tutti i cuori che vengono a pregar. Padre Pio, padre buono. Proteggici dal male, insegnaci a pregar! Padre Pio, padre buono. Proteggici dal male, insegnaci ad amar! »
(Gigione e la sua commovente interpretazione)

E proprio sotto la benevola statua del Santo del Gargano, Gigione sfinito dalla preghiera ritrova il suo giovane rampollo Jo Donatello finalmente rinsavito. I due tornano a casa dove ritrovano la pace e l'intimità familiare. E una sera Gigione mantiene la sua promessa cantando una indimenticabile canzone dedicata alla moglie insieme a suo figlio, raccogliendo il giusto plauso da tutti gli avventori del ristorante La Vela in cui si erano dati appuntamento. Ed è di nuovo con il tema della famiglia che si chiude infine il capolavoro neorealista che è Grazie Padre Pio.

Curiosità[edit]

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

  • In molti si sono chiesti per quale motivo ogni volta che viene ordinato un caffè, nessun caffè viene effettivamente servito. Alcuni pensano che sia un codice camorristico, altri che a Napoli siano vietate le riprese di persone che bevono caffè. Il mistero ad ogni modo viene rivelato nel commento del regista presente nei contenuti speciali del bluray disc del film.
  • Nel commento viene anche affrontato il tema della gente che lotta per la libertà, se ancora vi state chiedendo di chi si tratta realmente.
  • Di grande interesse sono le innovative scelte registiche compiute nella scena in cui Donatello si reca al bar per conoscere il famigerato Don Franco: il nostro eroe, cercando la sua amata, si guarda attorno e, nonostante lei si trovi già al suo fianco, resta fedele al suo copione pronunciando un perplesso: "Mah?!"; dopo essersi scambiati qualche battuta, i due si incamminano verso Don Franco e, improvvisamente, iniziano a muovere la mascella e gesticolare fingendo un'interessante conversazione, pur non emettendo suoni, mentre è quasi assordante il rumore dei biliardini.
  • Nel 2001 Gigione e Jo Donatello fecero causa a Rob Cohen, regista di Fast and Furous per plagio. I due abbandonarono poi la causa grazie ad un accordo con la major che distribuì il film americano. Le loro canzoni infatti vennero inserite nel soundtrack ufficiale della pellicola e possono essere ascoltate durante tutto l'arco del film.
  • Pare che il regista Robert Zemeckis voglia dirigere il remake americano della pellicola, con Bob Hoskins e Tom Hanks protagonisti. Hanna Montana e Hayden Panettiere si contendono il ruolo di Sara, mentre Robert De Niro tornerà a ingrassare venti chili come ai tempi di Toro Scatenato per interpretare il ruolo di Don Franco.

Pagine correlate[edit]

Papocchio ciak 2.png Orgogli e vergogne della settima arte Papocchio ciak.png
Logo NonCinema.JPG
Fantascienza e avventura Animazione
Fantasy Film d'azione
Comico Orrore
Film vincitori del premio "Nobody cares" Attori vincitori del Premio Oscarrafone
Tutto lo spaventoso mondo del cinema Categorie
Clicca su una voce per espanderla.
Fantasy

Le coliche di Narnia, Il Principe Gaspare - Il signore delle parure - Aragorn - Aborto per ragazzine - Cronache di una bulimia nervosa - Il Miglio verde - il Film dove Ade è Metallaro - Quello che vedi se ti fai troppo di canne - La maschera verde - I duellanti - Conigli e viaggi nel tempo - Sette anime in Tibet - Miscela di grecità random

Film d'azione

V per Vaffanculo - Io sono leggero - Kill Bill Kaulitz - La foresta delle pugnette volanti - I cruciverba - Road trap - Troia - Cuore bravo - Spartaaaaaaaa! - Salvate il soldato Ryanair - I tre balenghi - Gli amici di Charlie Manson - Il nemico a Porta a Porta - Full mafia racket - Un giorno di ordinaria demenza - Life is now - Plasmoon - Puolp Fiction - La città in bianco e nero - Robocop vs Cinesini Saltellanti - Top Gun - Shut the fuck up Island - Cani Riservati... - ... e incazzati - Il riassunto - I guerrieri della botte - Black Hawk Down - Sconti titanici - Il tassinaro - vacanze mafiose a Milano - Fausto e Furio contro l'autovelox - L'uomo di ferro & figlio - La reunion dall'ospizio di attori di action movie vari - Non avere la testa è più divertente - Demoralition man - Le Solite Polpette - La sagra dell'harakiri - I Vendemmiatori - Il mi' Uest, maremma maiala! - Gente con problemi mentali - Alba zozza - Burino al cimitero - Battledogs - Pacific Rimmel - Quelli che è meglio non toccare

Comico

Nemici tuoi - Fantocci - 10.000 lire - La Febbra 1 e 2 - Mobbasta - Momenevado - Fuga da Napoli - Natale al cesso - Il nonsense della vita - Il finto Gesù di Nazareth - Torta Americana - Quel mostro di Franco - Film Spaventoso - L'alba dei morti balbuzienti - Il grande Swarowski

Orrore

Non battete quella porta - Collina zitta - Sega - Il pozzo dei desideri - Derby - Sciamalaiaaaaaaan! - Redrum redrum redrum - Il silenzio della Innocenti - Il sollevatore dell'Inferno - The Vigentina Bitch Project - Setten - Il pianeta dei terroni - Alien vs Predator - Dark Water - Paranormal Activity - Caso cestino e seguito - 30 giorni di buio - Nek - Pecora Nera - Anche l'horror è romantico - Il buco - Il fratello di Van Halen - Giuda ballerino! - L'attacco dei pomodori assassini - V per Vicenza - Non violentate Jennifer - Le mani fatate - Il Discesa - A bad book

Film vincitori del premio "Nobody cares"

Alex l'ariete - Il prequel di Lost - American Biuti - Casto lontano - Diverso a chi? - Quello che corse per 3 anni - Grazie Padre Pio - Grease - Vaselina - Harry Fotter - High School Bordello - 'O Savvatore - Non mi chiamo Qualcuno - La partita a scacchi con la morte - L'ultimo film orrendo di Nicolas Cage - Il GPS nuovo - La cagata pazzesca - La febbre del sabato sera - Gente che evade passando in tunnel pieni di merda - Lemonade Mouth - Il paradosso di Gaetano - Mission (non quella Impossible) - La donna che visse una volta sola - Tredici - Quello che faceva un rumorino da niente - Troppo Belli - Tre metri dentro al culo - Ultimo mango a Parigi - Tormentone natalizio - Il film con Grissom capellone e Goblin truzzo - 100 peggiori film di tutti i tempi - De Drimers - Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto - Vi presento Joe Black - Locke

Attori vincitori del Premio Oscarrafone

Gionni Profondo - Gesuccristo - Uataaaaa! - Il furioso - Fei belliffima... - Lo sbabbaro - Scavicchimanonapra evolution - The Tres - Scamorzoun' - Frocettino - Maccio Capatonda - Brucia lì - Modello Giuditta - Cinetto Arco - Pelo Ponneso - Orso Pozzi - Cipollino - Erberto Dancer - Ispettore Frank Drebin - La moglie di Cletus il bifolco - Il cowboy - La roccia - Marlon Brandy - Miss Divorzio - Tommaso Matasse - Nicolas Toupet - Black Lee - Miss Occhiaie - La produttrice di detergenti intimi - Quella che si spoglia sempre nelle pubblicità - Sabrinona nazionale - L'androide paranoide - Quello che in Italia lavora solo lui - L'uomo dalle mille espressioni - Il baffo - Il mozzaorecchie - Paolo Metropoli - Renato Pozzo senza fondo - Caz Woman - Lupo Alberto è sordo - Lo stupìdo... - ... il compare Cicciozzilla... - ... e la loro fusione - Blackjack - Attenti al gorilla - La serial killer - Guglielmo Fabbro - Quelli originali - Quello nella scatola di latta - Roberto Del Negro

Tutto lo spaventoso mondo del cinema

Film - Come realizzare un film - Cinema - Gente che rompe le palle nei cinema - Hollywood - Cinecittà - TV - Western - Horror - Snuff movie - Cinepanettone - The Asylum - Oscar...rafone - Anche in Albania fanno film - Spada e sandali - Cineturismo

Categorie

Tutte le pellicole - Le fuckcions - Tutti gli attori, le attrici e i registi - Il meglio - Tutte le locandine dei film

Fantascienza e avventura

Star Whores - La sua versione turca - E il suo sequel - Star Treccina - Ettì - La guerra degli immondi - Tremori - La saga di Mosconi Wars - Parco nazionale dei dinosauri domestici - Libertà per il Pride! - Numerix - Pelati dei Caraibi - I Gummies - Rita Levi Montalcini - La storia del barbone matto che mangia le bacche velenose e poi muore a causa della dissenteria - Macachi su Marte - Ritorno al futuro - Avatar - Inception - Il film con la ninfomane fatta in casa - Prometheus - Mostriciattoli verdi che si moltiplicano se bagnati - Babylon A.D. - The Revenant - Jupiter - Il destino dell'universo - Luogo di nascita di George W. Bush e Maurizio Gasparri - Doomsday - il regista senza giudizio

Animazione

Emmmorta!!! - Mostrone verde - L'era del freezer - L'era di sbrinare il freezer - La terza era, arriva la carne - L'era in cui il freezer va in tilt - Sta finendo il mondo e ti preoccupi del freezer? - La pantegana che cucina - No alla depilazione!!! - La storia dei vibra... ehm giocattoli - McDonald's City - Il cattivo di un videogioco che spacca tutto - Vichinghi vs draghi pucciosi - Qualcuno ha visto Nemo? - Bianca e Berna nella terra di Fanculo - Titanic:in space - L'attacco dell'addetta al reparto surgelati