Romano Prodi

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Chiuso per sfiga.jpg
Attenzione!
Il personaggio descritto nell'articolo può causare sfiga perpetua, sfortuna, necrosi del testicolo e stitichezza. Si consiglia di toccarsi durante la lettura.
(Attenzione a non esagerare se non volete fare questa fine).
Forse cercavi aggiornato.jpg
Prodi
Romano Prodi in una delle foto migliori dall'archivio del TG4.
Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente una voce in proposito. Romano Prodi
« Da adesso in poi la sinistra avrà un governo stabile e duraturo. »
(Le ultime parole famose di Romano Prodi)
« Quando Prodi parla, sembra che si rivolga ai parenti di un malato terminale. »
(Oliviero Toscani su Romano Prodi)
« Avanti, miei Prodi! »
(Romano Prodi su quelli del Partito democratico)
« Era un ladro! Era dentro l'IRI e ho pagato un casino di soldi per far correre questa dicer... ehm... Notizia. Ma ora scusatemi che devo raccomandare delle veline a Saccà. »
(Berlusconi su Prodi)

Romano Prodi, conosciuto anche come "Romeno Prodi", "Drupi", "testa quadra" e "Il Mortadellone di Bologna", è un vegliardo allegro e un po' arteriosclerotico che la sinistra italiana guarda ancora con ammirazione perché è stato l'unico a fargli vincere le elezioni. Con il defunto Gianfranco Funari era accomunato da uno spiccato attaccamento affettivo alla mortadella.
Per dire una parola ci mette tre anni, per cui spesso nessuno lo ascolta. Grande economista sconosciuto, Romano Prodi ha ricoperto per due volte la carica di Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana, nonostante i suoi alleati.
Ex-Presidente della Commissione europea alla Bicicletta, possiede non a caso un posto bicicletta a Strasburgo, dove quando se la vede male si ritira in Banania. Crede di essere amato dagli italiani, e qualche volta ci riesce pure, ma solo per farsi odiare di più in seguito, e ignora di essere noto in tutto il resto del mondo per la sua leggera, simpatica deficienza e per l'"umorismo" che gli è proprio: una specie di comicità del tutto involontaria.

Biografia[edit]

Il vero volto di Romano Prodi; senza trucco e senza inganno.

Romano Prodi nasce a Rakata, ai piedi del monte Krakatoa, il 27 agosto 1864, ma l'evento potrebbe essere anticipato di qualche secolo, nel pieno del tristemente famoso crash Internet.
Da giuovine frequentò il Pio Istituto delle Legnate Santissime, diretto da Don Peripoccu, ricevendo il diploma di "Vice Sostituto dell'Operatore Sostituto dell'Insaccamento Salumi" con il massimo dei voti. Da qui deriva il nomignolo "Mortadella". Tuttavia in famiglia - nonché nei suoi incontri intimi con Giorgio Napolitano - si fa ancora chiamare "LittlePig", perché da bambino andava sempre in giro con un limone in bocca.

È diventato professore ordinario di Economia Applicata nell'Università di Bologna dopo aver sbaragliato al concorso candidati come Tonio Cartonio, Rita Dalla Chiesa e Giulio Tremonti, che cambiarono poi professione.

A capo dell'IRI Prodi rivelò un insospettabile acume amministrativo nell'amministrare il patrimonio pubblico: note sono le brillanti operazioni "Cirio" e IMI SIR. A proposito di quest'ultima, il nostro eroe seppe dimostrare anche una non comune dote di sopravvivenza, quando, dopo avere tentato di regalare per due soldi e senza gare di appalto al suo protetto De Benedetti, seppe fare inquisire per corruzione l'intera cordata di imprenditori che era riuscita a fermarlo, in una causa legale che sarà probabilmente più duratura di quella di Galileo.
È ben noto il giudizio su Romano Prodi pronunciato da Bettino Craxi a proposito dell'operazione IMI SIR:

« Questo qui fa vergognare perfino me! »

Vita politica[edit]

Romano Prodi al lavoro, solerte come sempre.

Allievo delle Tartarughe Ninja, di Hypokrites, Rocky Balboa e di Ken Shiro, aderì alle correnti riformiste dello stretto di Messina, riuscendo ad affondare un peschereccio maltese. Il problema è che nessuno sa quando sia accaduto, così come nessuno sa in che anno sia stato ministro con la DC a causa della lontananza nel tempo dell'evento.

La tecnica politica di Romano Prodi è un metodo inventato e affinato da lui stesso con gli anni: quello del "farfugliamento". Davanti a folla e telecamere è solito borbottare velocemente parole in un idioma sconosciuto, molto probabilmente un sinolo di cinese, slovacco e aramaico: grazie a questa tecnica ha fatto approvare molti dei suoi decreti legge, in quanto, in senato, davanti a una tale masticazione di vaghe parole hanno preferito acconsentire inconsapevoli che negare il diritto di varare leggi alla stessa creatura che, la sera prima, gli aveva regalato un cestino mangereccio.

Curiosità[edit]

A quanto pare, Romano Prodi è un cannibale.
  • Ha imparato a fare la pipì in piedi. Giovedì scorso.
  • Il suo avversario politico, Silver, nutre per lui un affetto tale che lo ha fatto protagonista di un fumetto intitolato "Cattivik". Vestendo i panni di un uomo a forma di pera, l'antieroe di carta si ritroverà in un fantastico mondo di droga, corse di bicicletta truccate, traffici di mortadella e pestaggi ai danni di professori universitari. La sua ultima apparizione in edicola risale al 10 aprile 2006, nel numero speciale di Lupo Alberto Pisanu "Lupo Alberto Pisanu e i brogli elettorali".
  • È appassionato di sedute spiritiche; famosa quella del 1978.
  • Prodi va in bici senza la sella.
  • È senza dubbio una spia del KGB. Basta guardarlo.
  • Le ultime notizie danno Prodi appeso insieme ai prosciutti in una macelleria. È ancora in attesa della giusta stagionatura per poter essere affettato
  • Quel testone di Prodi è l'incubo dei cinespettatori perché se ti si piazza davanti in sala non vedi più un cazzo.
  • Nonostante il nome, non è affatto Prode.
  • Prodi fa sesso quasi ogni giorno: quasi il lunedì, quasi il martedì...

Il ritiro[edit]

Recentemente, dopo essere stato battuto al Senato, ha dichiarato che, in rispetto ai suoi mentori, Ramsete II e Ramsete III, non si ripresenterà alle prossime elezioni ma che si dedicherà alla più onorevole attività di nonno di Walter Veltroni, assistendolo e facendosi insegnare i rudimenti del "manchismo".
Quando ha detto che si sarebbe dedicato di più ai nipoti, questi hanno chiamato il telefono azzurro.
Dopo essere scampato all'arresto ed essere sparito per qualche giorno, Prodi ha dichiarato di aver chiuso con la politica italiana, che nel frattempo ha organizzato i festeggiamenti lanciando i coriandoli fabbricati da Silvio Berlusconi con il programma di Veltroni.

Collegamenti esterni[edit]

Galleria dei prosciutti[edit]

Preceduto da:
Ranocchio
Stemma Italia.png
Presidente del consiglio
1996 - 1998
Succeduto da:
Il baffino inciucione
Preceduto da:
Psiconano
Stemma Italia.png
Presidente del consiglio
2006 - 2008
Succeduto da:
Psiconano

Voci correlate[edit]

Altri progetti[edit]

Bandiera del Presidente del consiglio con Pamela Anderson.png
Bandiera del Presidente del consiglio con Pamela Anderson.png
Cazzari in giacca e cravatta

Noi siamo di sinistra, ma anche di destra. Zzzzzzzzzzzzzzzz... Sono l'ultimo degli immortali, tiè! Aaaaaaaaaa... Asgratbhsfhgbcchdinbsnfa Padania! ♪♫ L'unico frutto dell'amor, è la patonza, è la patonza ♫♪

Rive Gauche In mezzo alle palle Quelli che hanno la precedenza
Rive Gauche Il sindacalista usurpatoreLo smacchiatore di giuaguariL'ammeriganoIl figlio di Topo GigioMortadellaTafazziIl nipotino dalle larghe inteseSherlock HolmesBandiera Rosso CachemireGrissino TorineseDottor SottileBill KaulitzEmmadonnaPiss-ky and SodaMani zozzeMani ancora più zozzeIl gaudente De MaialisFabbrica Tasse Padoa&SchioppaIl Webmaster dei RedditiIl verde non padanoMister FrollinoEr monnezzaLa gnocconaLa mummia di LeninCraxers salatiArturo ParigiLa VentolaIl grillo smerdanteLa cugina di campagnaIl TransitIl suo compareMassimo TonnatoL'oste del senatoRe Giorgio IIRe Carlo Azeglio IIl rottamatoreIl parcheggiatore abusivoQuello che è sempre colpa sua'O bello guaglioneFaccetta neraRumoreGiovanni CiccioliniIl becco sacrificale


Prossimo leader del Partito Democratico
Candidato Presidente della Repubblica del PD
In mezzo alle palle Il DivoRe MidaThe GasperyAldo NegroAntelope CobblerIl Gran CasinìEl ButtillónRobotLa cariatide che non ci staIl Teo-radicalLa ProletariaBuona volontéIl difensore dei bambiniIl capo dei bigottiLo sniffatoreIl suo CompareTrasforManAmintore FanfaraIl picconatoreMartina ZoliMiss cilicio bagnatoMagdi Intercambiabile AllamIl TabacchinoRanocchioForlaniAdoneNicola De EnricoCaramelle GoriaIl presidente siciliano
Quelli che hanno la precedenza Meno male che c'è!Il suo ex-camerata compagnoEl senatùrLo stratapizzatore H24PorcellumSalve SalviniL'incazzatoIl fascista solitarioIl nonno rincoglionitoEr sindacoLo scemo del gruppoIl ministro dell'InfernoMissione EsteriNomen OmenDon MarcelluzzoLa voce del padroneIl genio finanziavioCicchettoIl mini-stroDa Playboy al palazzoL'aministra del istruzzioneBocca di rosaIl suo collegae la sua apprendistaDon RaffaéMassimo BoldiGigi D'AlessioLa brunaLa biondaLa rossaCazzoneIl ministro del sottoboscoAngelino JolieLa mamma di BatmanL'avvocato del diavoloIl galeottoLo sconosciutoLa sindacalista fascio e martelloLo showmanIl ministro a sua insaputaSquacquaragnioIl ciccione ritardato2 neuroniLa formichinaIl lupacchiottoRoberto CottoIl culattone raccomandatoL'irresponsabileIl medico legaleEr BatmanIl golpistasuo figliottoLa bevanda dei coglioni


Prossimo leader del PdL
Silvy.png
Chi lo ha votato è un coglione!
Icona cacca argento.png
Icona cacca argento.png Questa è una voce di squallidità, una di quelle un po' meno pallose della media.
È stata miracolata come tale il giorno 24 settembre 2006 col 100% di voti (su 1).
Naturalmente sono ben accetti insulti e vandalismi che peggiorino ulteriormente il non-lavoro svolto.

Proponi un contenuto da votare  ·  Votazioni in corso  ·  Controlla se puoi votare  ·  Discussioni