Roberto Maroni

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
KKK marchio di kualità.png
RAZZISMO!
Codesto articolo tratta temi scabrosi, crudeli, fascisti, nazisti, leghisti, kukluxklanesi,
nonché di negri, musi gialli, nazicomunisti e simili.
Se non sei Horatio Caine vedi di girare al largo!
A sinistra Maroni, a destra due maroni. Trova la differenza[1]

Roberto Maroni, meglio conosciuto come Bobo, è un politico della Lega Nord, ex presidente della regione Lombardia o, come amava credere, il presidente del decimo stato d'Europa per popolazione. In passato è stato Ministro del Lavoro (nel senso di far lavorare gli altri) e Ministro dell'Interno (nel senso di mettere la gente dentro) in vari governi Berlusconi.

Vita, imprese e fedina penale[edit]

Debutta in politica con Democrazia Proletaria, un partitino talmente a sinistra che molti dei suoi ex-membri hanno poi sconfinato nell'estrema destra. È questo anche il caso di Maroni: abbandonato dal suo partito, viene trovato e adottato da Umberto Bossi e così aderisce alla Lega Lombarda, di cui diviene subito uno dei militanti più convinti. Cane da guardia di Bossi, è al suo fianco anche durante il fallito tentativo di secessione della Padania del 15 settembre 1996 (una partita di Risiko in cui le armate verdi dirette da un Alto Comando formato da Bossi, Calderoli, Borghezio, Gentilini, Castelli e Maroni vengono massacrate dalle armate blu di Mohammed, bambino di otto anni immigrato clandestinamente). In seguito a questa atroce delusione, l'Alto Comando Padano inizia a dare in escandescenze, i vicini chiamano la polizia per schiamazzi notturni, e Maroni interviene mordendo il piede di un agente. Viene per questo motivo castrato e condannato a 4 mesi e 20 giorni per resistenza a pubblico ufficiale, e obbligato a portare una museruola, abilmente camuffata con il baffetto da sparviero e la mosca.[2]

Maroni ha a cuore le difficili condizioni di vita dei nomadi

Nel settembre 2006 ha fatto scalpore una sua dichiarazione a Vanity Fair, nella quale asseriva di scaricare video pedopornografici da internet. La provocazione, a suo avviso, serviva a portare il caso dell'educazione sessuale in età prescolare all'attenzione dell'opinione pubblica.

Il 7 maggio 2008 Berlusconi gli affida l'incarico di Ministro dell'Interno con licenza di uccidere. Da buon pregiudicato, Maroni conosce bene l'ambiente della criminalità e individua immediatamente una soluzione all'emergenza sicurezza che tanto affligge il nostro paese[3]: schedare gli zingari. In questo modo, si può.. si può... si può? Boh... Ah, sì! Si può dare un nuovo impulso all'industria padana di inchiostri e tamponi, e si risparmia tempo, perché tanto prima o poi tutti gli zingari sarebbero comunque stati presi dalla polizia per qualche reato e schedati. E soprattutto, dopo aver preso le impronte digitali a uno zingaro gli si lavano le mani, così puzza di meno ed è risolto anche il problema dei cattivi odori.

Pacchetto sicurezza[edit]

Il pacchetto sicurezza[4] è un piano per rendere sicure le strade italiane.[5] Prevede l'abolizione della polizia, che verrà sostituita dalle ronde padane (i carabinieri potranno continuare a prestare servizio solo in occasioni speciali quali manifestazioni contro il governo e G8), e l'impiego di oltre 3.000 militari nelle principali città e in tutti i luoghi ritenuti ad alto rischio quali i centri di permanenza temporanea, i campi nomadi, le moschee e i kebab. Ogni tanto qualche militare può andare a fare una capatina anche in aeroporti, ambasciate e stazioni ferroviarie. Oltre a svolgere compiti di pattugliamento e ricognizione, i militari coadiuvano l'allestimento di presidi operativi. In pratica, se qualcuno gli regge il mitra, possono aiutare le vecchiette ad attraversare la strada. Nel caso non li abbiate mai visti, sappiate che ci sono, ma portano delle tute mimetiche eccezionali.

Reddito di autonomia[edit]

Da governatore della Lombardia, senza abbandonare lo spirito goliardico dei bei tempi - vedi montatura degli occhiali - dopo un tamtam mediatico e telepatico durato tutta l'estate, il Nostro nell'autunno del 2015 lancia in pompa magna il reddito di autonomia regionale, ovvero una misura utile a far capire a qualsiasi lombardo disoccupato, in difficoltà economica, che deve cavarsela da solo per trovare un reddito in lombardia (che mica siamo in Europa, terun!!).

Nello specifico, prima di poter avere anche solo un centesimo di euro in virtù di una brutta-brutta cattiva-cattiva chimera inesistente chiamata "reddito minimo garantito", il lombardo DOC (d'oca) deve:

  • essere disoccupato da almeno 36 mesi
  • aver smesso di respirare da almeno 36 ore
  • saper vivere con massimo 36 euro/mese tutto incluso
  • amare il numero 36 più del numero 42

Nel caso il lombardo con problemi economici da disoccupazione abbia tutti i requisiti suddetti (oh cribbio!), per avere le poche monetine promesse deve prima frequentare a sue spese un tot di corsi di formazione gratuiti di qualità infima, onde creare così un ulteriore pretesto per foraggiare tutti gli amici degli amici degli amici di chi in passato ha promosso i consiglieri regionali nelle scuole dell'obbligo; dopo di ciò attendere invano lo stanziamento deliberato con la delibera incrociata - che annulla lo stanziamento precedente - senza con questo evocare uno scisma nella fronda esterna della maggioranza, ma aprendo invece una finestra elettorale dalla quale auspicabilmente il disoccupato si dovrebbe buttare e tuttavia sopravvivere, almeno dal punto di vista formale, onde poter essere utile per studi clinici e campagne pro-eutanasia (perché del maiale non si butta niente).

Curiosità[edit]

  • Suona l'organo Hammond in un gruppo musicale, i Distretto di Polizia 51. Fortunatamente fanno musica soul e non napoletana, altrimenti c'era il rischio di un G3 con Berlusconi e Mariano Apicella.

Note[edit]

  1. ^ A sinistra c'è un coglione, a destra ce ne sono due.
  2. ^ Il ciuffo di peli sotto la bocca si chiama mosca, l'ho letto su Wikipedia. Istruisciti, ignorante.
  3. ^ Almeno così dice Studio Aperto. Io avevo sentito che in realtà in Italia si sta più sicuri che in molti altri paesi, ma se lo dice Studio Aperto dev'essere vero.
  4. ^ Si chiama così perché è, per dirla alla napoletana, un pacco.
  5. ^ Per sicure si intende "prive di persone che non corrispondano almeno al 75% dei requisiti del bergamasco tipico".

Altri progetti[edit]

Cazzari in giacca e cravatta

Noi siamo di sinistra, ma anche di destra. Zzzzzzzzzzzzzzzz... Sono l'ultimo degli immortali, tiè! Aaaaaaaaaa... Asgratbhsfhgbcchdinbsnfa Padania! ♪♫ L'unico frutto dell'amor, è la patonza, è la patonza ♫♪

Rive Gauche In mezzo alle palle Quelli che hanno la precedenza
Rive Gauche Il sindacalista usurpatoreLo smacchiatore di giuaguariL'ammeriganoIl figlio di Topo GigioMortadellaTafazziIl nipotino dalle larghe inteseSherlock HolmesBandiera Rosso CachemireGrissino TorineseDottor SottileBill KaulitzEmmadonnaPiss-ky and SodaMani zozzeMani ancora più zozzeIl gaudente De MaialisFabbrica Tasse Padoa&SchioppaIl Webmaster dei RedditiIl verde non padanoMister FrollinoEr monnezzaLa gnocconaLa mummia di LeninCraxers salatiArturo ParigiLa VentolaIl grillo smerdanteLa cugina di campagnaIl TransitIl suo compareMassimo TonnatoL'oste del senatoRe Giorgio IIRe Carlo Azeglio IIl rottamatoreIl parcheggiatore abusivoQuello che è sempre colpa sua'O bello guaglioneFaccetta neraRumoreGiovanni CiccioliniIl becco sacrificale


Prossimo leader del Partito Democratico
Candidato Presidente della Repubblica del PD
In mezzo alle palle Il DivoRe MidaThe GasperyAldo NegroAntelope CobblerIl Gran CasinìEl ButtillónRobotLa cariatide che non ci staIl Teo-radicalLa ProletariaBuona volontéIl difensore dei bambiniIl capo dei bigottiLo sniffatoreIl suo CompareTrasforManAmintore FanfaraIl picconatoreMartina ZoliMiss cilicio bagnatoMagdi Intercambiabile AllamIl TabacchinoRanocchioForlaniAdoneNicola De EnricoCaramelle GoriaIl presidente siciliano
Quelli che hanno la precedenza Meno male che c'è!Il suo ex-camerata compagnoEl senatùrLo stratapizzatore H24PorcellumSalve SalviniL'incazzatoIl fascista solitarioIl nonno rincoglionitoEr sindacoLo scemo del gruppoIl ministro dell'InfernoMissione EsteriNomen OmenDon MarcelluzzoLa voce del padroneIl genio finanziavioCicchettoIl mini-stroDa Playboy al palazzoL'aministra del istruzzioneBocca di rosaIl suo collegae la sua apprendistaDon RaffaéMassimo BoldiGigi D'AlessioLa brunaLa biondaLa rossaCazzoneIl ministro del sottoboscoAngelino JolieLa mamma di BatmanL'avvocato del diavoloIl galeottoLo sconosciutoLa sindacalista fascio e martelloLo showmanIl ministro a sua insaputaSquacquaragnioIl ciccione ritardato2 neuroniLa formichinaIl lupacchiottoRoberto CottoIl culattone raccomandatoL'irresponsabileIl medico legaleEr BatmanIl golpistasuo figliottoLa bevanda dei coglioni


Prossimo leader del PdL

Siamö padani, abiamö ün söniö nel cuöře, brüžare il tricölöre, brüžare il tricölöre!