Franco Fiorito

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera dalla forfora.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Franco Fiorito brinda al ritratto regalatogli da Walt Disney per sdebitarsi del suo gentile invito a cena.


Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente una voce in proposito. Franco Fiorito
« Aòò, à sceff, du' bucatini 'a matriciana e 'na coda 'a vaccinara! Metti tutto sur conto dei contribbuenti lazziali! »
(Franco Fiorito mentre gestisce i soldi pubblici in conformità con la filosofia di partito.)
« Io voto a lui perché così magna lui e fa magnà pure a noi! »
« Mio figlio è intelligente: a 3 anni già mi fregava i soldi dal portafogli! »
(Madre di Fiorito depone in sua difesa)
« Qua da noi se te piace er cazzo te devi dimette' ma se te magni i sordi nostri sta tutto appost'. »
(Futuro elettore laziale del Movimento 5 stelle su Franco Fiorito)
« Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior. »
(Fabrizio De André su Franco Fiorito)
« In realtà Fiorito è soltanto una vittima dell'incancrenito sistema politico italiano, dove se non ti adegui non fai carriera e se vieni scoperto diventi un capro espiatorio. Disprezzato, messo alla berlina e per nulla compatito, nonostante quanto possa soffrire per tutti i soldi accumulati che non può spendere, l'Ex-ragazza gnocca che gli manca e le ulcere gastriche che non lo fanno dormire la notte. »
(Avvocato Carlo Taormina in difesa del suo cliente)

Franco Fiorito, detto scrofone unto da chiunque l'abbia appena visto o Er Fatman da chi lo ha visto mangiare, è un politico che ispira fiducia a pelle, consigliere regionale PDL del Lazio nonché ex-tesoriere e divoratore di finanziamenti pubblici ad interim, ovviamente a totale insaputa del presidente Renata Polverini, che lo ha continuamente scambiato per il Giardiniere Manolo.

Vita

Franco Fiorito viene assistito da un portaborse durante una sessione di spaghetti colle cozze.

Franco Fiorito nasce ad Anagni, do' ce bevi e ce magni (preludio a quello che sarebbe stato il suo destino), vicino Frosinone. Fin da piccolo mostra spiccate doti politiche, soprattutto a scuola, dove riesce a farsi eleggere rappresentante di classe in cambio delle risposte corrette ai compiti[1] e delle merende di tutti gli altri alunni. Si rivela brillante anche sul piano del rendimento didattico poiché, grazie ad un disturbo ghiandolare, riesce a passare per alunno di terza media prima ancora di aver finito la quinta elementare e a lasciare prima la scuola dell'obbligo per dedicarsi a quella che sarà la passione di una vita: magnà.

Carriera politica (Cursus magnorum)

Il particolare aplomb e il portamento sobrio non sono gli unici tratti ad averlo reso un elemento di spicco del panorama politico laziale. Fiorito ha da sempre espresso molteplici idee brillanti per migliorare la sua amata regione. In primis, la costruzione di un portale spazio-temporale per collegare Cassino e Viterbo. Successivamente, una monorotaia che girasse intorno al Colosseo.

Purtroppo però si sono rivelate troppo avanti per essere apprezzate dai contemporanei, così è stato costretto a ripiegare su qualcosa di più digeribile dal popolo: spaghetti, lasagne, fettuccine, arrosti, stufati e chi più ne ha più ne mangi. Inutile dire che è stato un successone.
La campagna elettorale culinaria a base di pecorino sardo l'ha portato in alto, ma così in alto da suscitare le invidie dei suoi colleghi di giunta, stufi di non riuscire a posare forchetta su nulla che non fosse una foglia d'insalata durante le cene comunali. Da qui l'accusa di Magna-magna, per cui è indagato[2] da due magistrati e un nutrizionista.

L'arresto

Il 2 ottobre 2012 Franco Fiorito cade nell'astuta trappola della Guardia di Finanza.

« 'A Fiori', vedi de scenne' che s'annamo a fa 'na porchettata! »
(Agenti in borghese sotto casa di Fiorito)


Il motivo ufficiale del gabbio sarebbe il pericolo fuga dell'ex-consigliere, anche se il suo cardiologo rassicura che morirebbe entro i primi 30 metri.

Il nome d'arte

Un pomeriggio fu aiutato da quattro amici a salire sulla sua nuova, fiammante Harley-Davidson: appena lo mollarono, non riuscì a ingranare la prima e, con un tonfo sordo, cadde su fianco bestemmiando. Da quel momento fu "Er Batman"[3].

Franco Fiorito ospite a Porta a Porta

Curiosità

All'affidabilità della tesi Dario Cassini fratello segreto di Fiorito Moody's ha dato AAA.
  • Quando le acque si saranno calmate, si candiderà in Parlamento, per far sentire anche a livello nazionale il suo peso politico.
  • La Batmobile sarebbe dovuta essere una Smart, ma poi non se n'è fatto niente perché sarebbe mancato il posto per Robin.
  • Per alleviare la propria posizione, Fiorito ha promesso di iscriversi in palestra.
  • Durante la puntata con Fiorito, Bruno Vespa ha presentato il modellino dello yacht del consigliere ed una fedele ricostruzione del personale di bordo: sfilata in bikini di finaliste di Miss Italia.
  • Alcune fonti sostengono che sia il fratello gemello della nota popstar internazionale Gepy & Gepy.
  • Il Fatto Quotidiano cerca di cavalcare l'onda imitandoci, ma con scarso successo.
  • Lo si ricorda anche per la risaputa chiusura di tutti i suoi discorsi ufficiali: "Magnamose tutto".

Collegamenti esterni

Voci correlate

Note

  1. ^ Che egli stesso inventava.
  2. ^ http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/09/11/roma-inchiesta-sui-conti-del-gruppo-pdl-in-regione-tra-bonifici-bmw-e-resort/348676/
  3. ^ In questo caso, Nonciclopedia si scusa con il lettore per la momentanea incapacità di riuscire a essere più divertente della realtà stessa.
Questa è una voce di squallidità, una di quelle un po' meno pallose della media.
È stata miracolata come tale il giorno 30 settembre 2012 col 42.9% di voti (su 21).
Naturalmente sono ben accetti insulti e vandalismi che peggiorino ulteriormente il non-lavoro svolto.

Proponi un contenuto da votare  ·  Votazioni in corso  ·  Controlla se puoi votare  ·  Discussioni