Publio Virgilio Marone

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Da Nonciclopedia, l'enciclopedia gemellata con la Liberia.
« Grazie per il pensiero »
(George W. Bush a Virgilio conclusa la lettura delle 'Georgiche')
« Ama chi ti ama, non amare chi ti sfugge, ama il cuore che per te si distrugge, non t'ama chi amor ti dice, ma t'ama chi ti guarda e tace. »
(Madonna a Gesù)
« Ma che c'entra? »
(Virgilio riferendosi alla precedente citazione)
« Ho dovuto chiudere la mia agenzia "Tour Infernali": sapete, non è che Dante m'abbia fatto una gran pubblicità... »
(Virgilio)
Virgilio in una foto dell'epoca, durante una scena di gineceo.

Publio Virgilio Marone (il cognome fa riflettere su che tipo di persona fosse; Pustole sul Glande, 15 ottobre 70 a.C.Canicattì, 21 settembre 19 a.C.), figlio di Stiticone Virgilio Marone, è stato il più grande rapper dell'antichità, anche se ha rovinato la vita a milioni di studenti con il suo maledetto latino, che faceva meglio a essere dimenticato già da allora. Nacque ad Andes, una località dimenticata da Dio Giove e dagli uomini in provincia di Mantova il 15 ottobre del 70 a.C. anche se a nessuno importa. Proprio come il Manzoni ebbe una vita travagliata (in altre parole... era uno che si ammazzava di seghe) ed era timido e tetro come un film di Lino Banfi.

Dopo due mesi nella Domus Magni Fratris la sua fede, più volte riaffermata, che gli uomini più gentili, nobili, colti e raffinati della terra siano i pecorari in generale lo rese un opinionista di successo.

Ideatore e autore del ben noto poema dantesco e virgiliano, la Divina Commedia, si distinse da subito per la bellezza e la solennità della sua poesia. Tra le opere che l'hanno reso famoso tra i contemporanei e leggenda per i posteri ricordiamo la Bibbia, composta tra il 3000 e il 2.500 a.C. con la collaborazione del caro amico e compagno di studi Dante Alighieri (che inoltre lo aiutò nella stesura della Commedia, correggendone le bozze). Altre opere del poeta mantovano degne di nota sono Il calendario di Frate Indovino (ancora oggi in voga), il Ricettario della Prova del Cuoco, all'epoca bestseller, e l'Eneide.

Un episodio famoso della sua vita, ma anche dei suoi fianchi e cosce, fu appunto l'incontro con i suoi amati pastori, amanti della pecora... Il resto capitelo voi.


Morì nel 19 a.C. in seguito a una diarrea emorragica. In letto di morte chiese ai suoi amici Vario e Tucca di distruggere l'Eneide perché incompleta (in realtà mancava solo qualche correzione). Quei due disgraziati invece di bruciare quel libro, lo pubblicarono, rovinando così la vita di milioni di studenti, i quali sperano che almeno quei disgraziati brucino all'inferno.


L'Eneide[edit]

Questa è senz'altro la sua opera più importante, dopo il libro erotico gentilmente scopiazzato dallo scrittore Ennio, gli An(n)ales.

La storia narra di Enea, un eroe fuggito dal puttanaio di Troia, poiché ricchione. Così partì per il Lazio e cercare un uomo da sposare. Ma a causa della dea Giunone, o, come detto da Venere, madre di Enea, "Quella puttana là" fece naufragio a Cartagine. La regina locale, Didone, la quale era un gran pezzo di gnocca, si innamorò perdutamente dell'eroe troiano Enea, ma alla scoperta dell'omossessualità dell'uomo che amava, si uccise. Enea poté così partire verso il Lazio, ove trovò l'uomo della sua vita, Turno. I due si sposarono e vissero per sempre felici e contenti nella loro omosessualità.

Le Bucoliche[edit]

Questa è una delle opere più famose di Virgilio grazie alla profondità della tematica centrale sviluppata: il Buco. Esatto, quel Buco. Dovete sapere che Virgilio non era quel figo della madonna che Dante ha provato a farci credere; anzi era una sfigato magrolino sminchio preso per il culo anche dal fornaio di Camerata Nuova (fiorente località dei dintorni romgnoli). Il caro Virgi non riuscendo a rimorchiare neppure la figlia del fornaio non aveva altro da fare che spippettarsi dal mattino alla sera e per rendere il tutto più coinvolgente scrisse la famosa opera su come trovare questi tanto desiderati buchi. Il nostro amichetto fu molto fortunato perché a Roma di poveretti quasi accecati dalle pippe ce n'erano parecchi e tutti questi sfigati videro le "Bucoliche" come la Bibbia della seduzione ma purtroppo non funzionò per un cazzo (proprio come wikihow, esci di casa credendoti Rocco e rientri solo e buliccio). Dopo aver letto questa fedele analisi qualche rompicoglioni del liceo classico potrebbe dirmi: "Guarda che le Bucoliche sono un componimento in esametri di argomento pastorale" ma io vi rispondo...secondo voi quando si parla di come mungere vacche o raccogliere patate di cosa stava parlando???? Stava facendo un'allegoria!(se non sai cos'è un'allegoria sei troppo ignorante pure per questa pagina).

Dopo la morte[edit]

Virgilio (in blu) e Dante (in rosso) che cercano di ammazzare il primo che passa, ma non ci riescono perché ubriachi. Scena tratta dal film Devil May Cry 3.

Virgilio finì all'inferno perché Dio Giove lo condannò per aver rovinato la vita a moltissimi studenti. Così mille anni dopo (verso il 1200-1300) fece da guida a Dante negli inferi. Ma i due litigarono dopo aver appena attraversato la selva oscura grazie al suv di Virgilio e al GPS perché Virgilio era un truzzo e voleva lasciar sintonizzata l'autoradio su K-TRUZZ, mentre Dante era un metallaro e voleva V-ROCK. Così iniziò una lite che sarebbe durata per secoli. Un passante vide tutto e, con l'uso di droghe appropriate, scrisse il libro "Devil May Cry 3" (iniziò dal 3 proprio perché drogato).

Morale della storia[edit]

In sostanza, possiamo concludere che Virgilio non era un uomo mortale come tanti; Virgilio era di più, molto di più. Virgilio era Dio. Quando morì, Guccini si sentì ispirato e gli dedicò la famosa canzone, appunto, "Dio è morto".

Discografia Libri scritti[edit]

  • 50 a.C.: BuColiche: opera densa di terribile sofferenza e dolore, riguarda le magagne dei processi intestinali di Virgilio.
  • 47 a.C.: Ecloche: hoc librum scripsi quod cazzum faciendi non habebam (traduzione- ho scritto questo libro perché non c'avevo un cazzo da fare)
  • 42 a.C.: Georgiche (dedicato a George Bush)
  • 30 a.C.: Enelide, testimonianza di 10 anni della propria vita passati a fare la fila alle poste per pagare le bollette dell'Enel™.


Altri progetti[edit]

L'Accademia della Crusca e della Segale è lieta di presentarvi...

D'Annunzio Superdotato.jpg

I Maestri (elementari) della letteratura:
I Premi Nobel: Dan Brown - Paulo Coelho - Giorgio Faletti - Valerio Massimo Manfredi - Federico Moccia - Melissa P. - Christopher Paolini - J.K. Rowling - Stephenie Meyer - Isabella Santacroce - Francesco Totti - Licia Troisi - Fabio Volo - Ildefonso Falcones
Gli Incompresi: Alessandro Baricco - Charles Baudelaire - Gabriele D'Annunzio - Federigo Tozzi - William Faulkner - Beppe Fenoglio - Dario Fo - Anna Frank - James Joyce - Alda Merini - Yukio Mishima - Giampiero Mughini - Philip Roth - Paul Verlaine - Arthur Rimbaud - Oscar Wilde - Banana Yoshimoto - Alfonso Luigi Marra - Pellegrino Artusi - Ennio Flaiano - Claudio Magris - Leo Longanesi - Hugo Ball
Gli Arcadici: Isaac Asimov - Terry Brooks - Andrea Camilleri - Agatha Christie - Jeffery Deaver - Joe R. Lansdale - Philip K. Dick - Ken Follett - William Hope Hodgson - Stephen King - Howard Phillips Lovecraft - Carlo Lucarelli - Edgar Allan Poe - Georges Simenon
I Grandi Classici: Jane Austen - Douglas Adams - Stefano Benni - Alessandro Bergonzoni - Charles Henry Bukowski - Achille Campanile - Marco Valerio Marziale - Daniel Pennac - John Steinbeck - Emily Brontë
Gli ammuffiti: Vittorio Alfieri - Edmondo De Amicis - Fëdor Dostoevskij - John Fante - Tommaso Landolfi - Alessandro Manzoni - Luigi Pirandello - Umberto Saba - Mario Rigoni Stern - John Ronald Reuel Tolkien - Lev Tolstoj - Johann Wolfgang von Goethe - Giovanni Verga - Jules Verne - Salvatore Quasimodo - Samuel Taylor Coleridge
Gli stantii: Dante Alighieri - Ludovico Ariosto - Giovanni Boccaccio - Gaio Valerio Catullo - Giosuè Carducci - Miguel de Cervantes - Geoffrey Chaucer - Ugo Foscolo - Omero - Silvio Pellico - Marco Polo - William Shakespeare - Sofocle - Su Shi - Virgilio
I Pennivendoli: Giorgio Bocca - Dino Buzzati - Italo Calvino - Charles Dickens - Umberto Eco - Oriana Fallaci - Ernest Hemingway - Gabriel García Márquez - Roberto Saviano - Khaled Hosseini

Le Piattole: Carlo Emilio Gadda - Franz Kafka - Agota Kristof - Giacomo Leopardi - Primo Levi - Thomas Mann - Eugenio Montale - George Orwell - Giovanni Pascoli - Cesare Pavese - Ezra Pound - José Saramago - Ignazio Silone - Italo Svevo - Giuseppe Ungaretti - Virginia Woolf


SPQR.png
SPQR.png
SPQR 2.png
|}