Khaled Hosseini

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Il primo romanzo.

Khaled Hosseini (خالد حسینی in pugliese) è un kebabbaro, sciamano e pensatore talebano.

Di origine pashtun, dal 1980 vive negli Stati Uniti d'Americalandia. È autore del libro campione d'incassi al cinema, Il cacciatore di cacciatori, che solo in Italia ha venduto 12 miliardi di copie.

Biografia[edit]

Nato a Kabul, città cumulo di macerie che esiste solo sulle cartine geografiche, Hosseini era l'ultimo di 5 fratelli. All'età di 5 anni viene barattato dal padre per un dromedario nuovo. Nel 1970 il Ministro degli Esteri afghano, Jafar, manda la famiglia in Tagikistan solo per vedere se il Tagikistan esistesse davvero. Successivamente vengono spediti a Teheran, in Basilicata. Il viaggio durò 12 anni e la carovana subì 314 imboscate. Alla fine l'unico ad arrivare a destinazione fu un cammello, che però imboccò l'uscita sbagliata e finì a Cosenza.

Nel 1973 tornarono a Kabul. Nel luglio 1973 il re afghano, una scimmia di nome Luigi, fu spodestato in un colpo di stato dal cugino, Luigi Mohammed Daoud XIII. Il cugino del re era un gibbone.

Nel 1976 il Ministero trasferì ancora una volta la famiglia Hosseini, questa volta a Parigi. Nel 1980 sarebbero dovuti tornare a Kabul, ma nel frattempo in Afghanistan il potere era nelle mani di un'amministrazione filo-comunista che aveva spodestato il re Scimmia II. Temendo l'impatto della guerra sovietica in Afghanistan, la famiglia Hosseini chiese e ottenne l'asilo politico negli Stati Uniti e, nel settembre 1980, si trasferirono a San José. Olè!
Dato che avevano lasciato tutte le loro proprietà in Afghanistan, che consistevano in due litri di latte di capra, un trinciapollo e uno stereopazzetto, per un breve periodo vissero di sussidi statali, fino a che il padre riuscì a risollevare le sorti della famiglia intraprendendo numerosi lavori: elettricista, imbianchino, facchino, bestia da soma, giocatore d'azzardo, giocatore di baseball, cantante, sosia di Nino D'Angelo.

Khaled Hosseini è tornato in Afghanistan come inviato per l'agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ma in realtà il suo unico scopo era recuperare lo stereopazzetto.

Poco dopo pubblica il suo primo libro, intitolato "Mille splendidi kebab".

Attualmente vive nel nord della California con la moglie Roya, da cui ha avuto due figli: Allah e Maometto.

Stile[edit]

L'imam di Foggia ha invocato la Sharìa contro il miscredente Khaled Hosseini, colpevole di aver messo in cattiva luce le leggi afghane.

Khaled Hosseini si rifà principalmente alle storie della narrativa persiana risalenti al 12 a.C., dove i principali temi affrontati sono l'inferiorità della donna rispetto al cammello, la compravendita di pecore e dromedari, oppure l'accumulo di ingenti ricchezze derivate dalla vendita di tappeti.
Particolare rilevanza nelle sue opere hanno gli avvenimenti della storia afghana della seconda metà del '900 e dei primi anni 2000: in questi anni, la presa del potere dei talebani ha portato una ventata di novità tra la popolazione, come ad esempio il divieto di ingoiare la saliva e l'obbligo di non sbattere le palpebre nei giorni dispari, pena la lapidazione.

Influenze[edit]

Da bambino Khaled Hosseini prese molti tipi di influenza, tra cui aviaria e spagnola.

Bibliografia[edit]

L'Accademia della Crusca e della Segale è lieta di presentarvi...

D'Annunzio Superdotato.jpg

I Maestri (elementari) della letteratura:
I Premi Nobel: Dan Brown - Paulo Coelho - Giorgio Faletti - Valerio Massimo Manfredi - Federico Moccia - Melissa P. - Christopher Paolini - J.K. Rowling - Stephenie Meyer - Isabella Santacroce - Francesco Totti - Licia Troisi - Fabio Volo - Ildefonso Falcones
Gli Incompresi: Alessandro Baricco - Charles Baudelaire - Gabriele D'Annunzio - Federigo Tozzi - William Faulkner - Beppe Fenoglio - Dario Fo - Anna Frank - James Joyce - Alda Merini - Yukio Mishima - Giampiero Mughini - Philip Roth - Paul Verlaine - Arthur Rimbaud - Oscar Wilde - Banana Yoshimoto - Alfonso Luigi Marra - Pellegrino Artusi - Ennio Flaiano - Claudio Magris - Leo Longanesi - Hugo Ball
Gli Arcadici: Isaac Asimov - Terry Brooks - Andrea Camilleri - Agatha Christie - Jeffery Deaver - Joe R. Lansdale - Philip K. Dick - Ken Follett - William Hope Hodgson - Stephen King - Howard Phillips Lovecraft - Carlo Lucarelli - Edgar Allan Poe - Georges Simenon
I Grandi Classici: Jane Austen - Douglas Adams - Stefano Benni - Alessandro Bergonzoni - Charles Henry Bukowski - Achille Campanile - Marco Valerio Marziale - Daniel Pennac - John Steinbeck - Emily Brontë
Gli ammuffiti: Vittorio Alfieri - Edmondo De Amicis - Fëdor Dostoevskij - John Fante - Tommaso Landolfi - Alessandro Manzoni - Luigi Pirandello - Umberto Saba - Mario Rigoni Stern - John Ronald Reuel Tolkien - Lev Tolstoj - Johann Wolfgang von Goethe - Giovanni Verga - Jules Verne - Salvatore Quasimodo - Samuel Taylor Coleridge
Gli stantii: Dante Alighieri - Ludovico Ariosto - Giovanni Boccaccio - Gaio Valerio Catullo - Giosuè Carducci - Miguel de Cervantes - Geoffrey Chaucer - Ugo Foscolo - Omero - Silvio Pellico - Marco Polo - William Shakespeare - Sofocle - Su Shi - Virgilio
I Pennivendoli: Giorgio Bocca - Dino Buzzati - Italo Calvino - Charles Dickens - Umberto Eco - Oriana Fallaci - Ernest Hemingway - Gabriel García Márquez - Roberto Saviano - Khaled Hosseini

Le Piattole: Carlo Emilio Gadda - Franz Kafka - Agota Kristof - Giacomo Leopardi - Primo Levi - Thomas Mann - Eugenio Montale - George Orwell - Giovanni Pascoli - Cesare Pavese - Ezra Pound - José Saramago - Ignazio Silone - Italo Svevo - Giuseppe Ungaretti - Virginia Woolf