Philip Roth

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia deliberatamente idiota.
Jump to navigation Jump to search
Philip Roth minaccia di uccidere chi compra un suo libro e non vuol sentirsi parlare di figa.
« Come qualcosa di diverso da uno che pensa solo alla figa, sono un imbroglione fino al midollo »
(Roth fa finalmente outing)
« Ci si rassegna all’obbedienza per abbassare il prezzo »
(Roth obbedisce all’ordine di infilare il preservativo impartitogli da una puttana)
« Se volete leggere un libro che non parla di figa, non comprate un mio libro »
(Roth risponde alla solita domanda dei giornalisti: “Un nuovo libro vaginocentrico?”)

Philip S’è Roth (Elizabeth, Newark, New Jersey, 1933 – Reparto di cardiochirurgia dell’ospedale di Jersey City, domani) è uno scrittore ebreo-americano di origine barese che in testa ha una sola cosa: quella cosa.

Dove è nato[merdifica facile | merdifica]

Figa, centro molto frequentato di Elizabeth.

Nato in New Jersey, ha parlato per tutta la vita di un tizio del New Jersey (che di solito si chiama Renato Manidizucchero) alla costante e spasmodica ricerca del modo per fare ritorno dove è nato, che non è dove pensate voi o dove pensava il suo vicino newyorkese e cugino di Scritture Woody Allen bensì la casa d’infanzia di Elizabeth, in New Jersey, e precisamente in camera da letto, esattamente lì, tra le calde cosce di Elizabeth.

Cosa ha scritto[merdifica facile | merdifica]

Di figa.

Cos’altro ha scritto[merdifica facile | merdifica]

Roth e Allen stanno pensando alla stessa cosa.

I suoi romanzi seguono un filo conduttore mai coitointerrotto il cui aspetto più notevole è senza dubbio l’elasticità e che fa di Roth uno degli autori più coerenti del panorama americano e al tempo stesso uno dei più penetranti a livello inguinale, nonché intellettuale. Tra le uniche deviazioni e fuoriuscite da tale canale tematico si possono citare la capillare esplorazione analitica della figura femminile e la sua profonda espressività orale, che ne hanno fatto un’indimenticabile protagonista della letteratura iperrealista e di costume moderna, senza tuttavia scordarne la figa.

« Spegni la luce e poi spegni la luce »
(Traslato rothiano su come strangolare la moglie)

L’aspetto forse più interessante e caratterizzante della pagina di Roth è il suo esemplare approccio “clinico”, vale a dire focalizzato sui suoi problemi di salute in evoluzione e sui suoi mali di stagione, intesi qui nella particolare declinazione vascolare-coronarica e venerea, e sulla lucida, circostanziata, pallosa susseguente descrizione della professione di un personaggio qualsiasi del racconto, che può essere quella di orologiaio, guantaio o burattinaio, che, al pari delle opere di altri narratori ebreo-americani e a differenza per esempio di quelle di un Bukowski, ne fa dei romanzi trasudanti una lirica e realistica indagine dell’uomo – essenzialmente l’uomo borghese, e nello specifico l’uomo borghese ebreo – nei suoi aspetti più intimi e intrinsecamente esistenziali e che non danno assolutamente l’impressione di essere libri in cui si parla invece di figa.

Il giovane Roth rassicura l'apprensiva mame ebraica di stare mangiando kosher.
« Fottuti bastardi! Musoni figli di puttana! Stronzi colpevolizzatori! »
(Roth ai figli avuti dalla prima moglie)

A questo proposito, è curioso notare come la filogenesi narrativa di Roth si sia appunto modificata nel corso dei decenni, per cui ai lavori della giovinezza come “Lamento di Pornoy”, dove i genitali femminili compaiono già alla dodicesima pagina, dopo la sintetica digressione su un raffreddore e la sommaria illustrazione del mestiere di suo padre, si contrappongono le opere della maturità quali ad esempio “More sheath for everyman”, dove invece bisogna aspettare settantaquattro pagine per vedere una figa.

« La gente è infallibile: prima sceglie quello che ti manca e poi non te lo dà »
(Roth in riferimento alle donne)

Come i più arguti, informati e maliziosi avranno notato, il numero delle pagine di attesa corrisponde all’incirca all’età di Roth al tempo della stesura del libro. Pertanto, se Phil sopravvivrà al quattordicesimo intervento cardio-vasco-gastro-intestinale e al settimo bypass uretrale e avrà ancora il fegato per scrivere, ci dobbiamo aspettare almeno un’ottantina di pagine di attesa, la prossima volta, e se purtroppo non sarà più in grado di arrivare a opere di tali dimensioni ci dovremo accontentare di un’introduzione sull’ultima operazione a cuore aperto e a stomaco vuoto, di una pesantissima descrizione del lavoro forse di un calzolaio e basta. Quindi, se volete invece leggerne subito, andate in libreria e chiedete alla commessa una vecchia ristampa dei quaderni dell’asilo di Roth, dove già in prima pagina compaia una figa.

« La morte pesa un bel paio di tonnellate »
(Roth, ormai anziano, si sente oppresso da qualcosa)

Traccia di un intreccio rothiano tipo[merdifica facile | merdifica]

Una ragazza che legge un libro di Roth, ma che preferisce mantenere l'anonimato.

Un tipo del New Jersey, solitamente un intellettuale/artista/cabarettista di strada ebreo di mezza età che non fa un cacchio tutto il giorno, dopo aver chiarito di che colore è il vomito che ogni mattina scarica nel lavandino e dopo aver spiegato come suo nonno cuciva i calzini in pelle di daino dall’interno senza rovesciarli – e qui siamo mediamente a pagina trentacinque – si scopa all’improvviso una baby-sitter ventiquattrenne studentessa di letteratura armena sul tavolo della cucina mentre nella sua cameretta il figlio di suo fratello, un bambino di cinque anni, sta giocando con i soldatini. Il libro finisce quando viene sbattuto fuori di casa (il bambino).

« Inchiodami, inchiodami, crocifiggimi col tuo cazzo ebreo! »
(Una studentessa cattolica con il sedere puntato verso Philip)

È altresì degno di attenzione come i protagonisti dei libri di Roth siano inclini ad avere relazioni con ragazze sempre più giovani man mano che la loro età narrativa avanza.

Roth : Quote rosso1.png Mi sono accorto che più invecchio più sono giovani le donne che mi porto a letto Quote rosso2.png
Il suo agente : Quote rosso1.png Di questo passo a ottant’anni ti scoperai uno spermatozoo Quote rosso2.png

Cosa ha vinto[merdifica facile | merdifica]

Philip Roth con i baffi.

Un sacco di roba:

  1. Il Premio Pulitzer 1997
  2. La National Medal of Blow-job Arts della Casa Bianca nel 1998, appuntatagli sul fallo con bacio accademico da Monica Lewinski
  3. La Goldon Medal per la narrativa erotica protetta 2002
  4. 2 National Pussy Book Award
  5. 2 National Cunt Book Critics Crop Circle Award
  6. 3 PENIS/Faulkner Award, toccatigli dall’eredità di William Faulkner
  7. 1 PENIS/Nabokov Award, toccatogli dalla mano di Lolita
  8. 1 PENIS/Saul Bellow Award for Achievement in American Fiction, consegnatogli da Piersilvio ed Elisa di Rivombrosa
  9. 1 PENIS di gomma
  10. Il premio La Topa della Strega 2009
  11. Un pompino da Hillary Clinton

Più un sacco di figa.

Topografia[merdifica facile | merdifica]

Completa identificazione.
Philip invecchia. La figa se ne va.
  • Pastorale americana, pecorina ebraica
  • 11 settembre 2001: il complotto contro l’America giudaica
  • More sheath for everyman (per un errore di traduzione uscito in Italia con il titolo “Più merda per tutti”)
  • L’indignazione di essere ebrei in America
  • La nemesi di Sodoma
Fabrizio Corona : Quote rosso1.png Phil, quanto pagheresti per vedere pubblicate delle foto di Berlusconi mentre scopa Ruby? Quote rosso2.png
Philip : Quote rosso1.png Trovami delle foto del papa che scopa Ruby, allora sì che potremo combinare Quote rosso2.png

Curiosità[merdifica facile | merdifica]

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse ti incuriosisce sapere com'è dormire coi pesci?

  • Philip Roth è l'unico scrittore americano vivente la cui opera viene già pubblicata in forma completa e definitiva dalla Library of America, nella speranza che non scriva più niente.
  • Fino a quattro anni fa erano in tre, poi Washington e Franklin sono morti.
  • Philip Roth non è parente di Henry Roth né di Joseph Roth e tanto meno di Tim Roth, ma di David Lee Ha Roth.
  • Philip Roth fuma solo Rothmans di contrabbando (e ciò spiega i suoi problemi cardiovascolari).
  • Philip Roth è correntista presso i Rothschild, suoi lontani parenti.
  • A Philip Roth piace questa pagina, e la figa.


L'Accademia della Crusca e della Segale è lieta di presentarvi...

D'Annunzio Superdotato.jpg

I Maestri (elementari) della letteratura:
I Premi Nobel: Dan Brown - Paulo Coelho - Giorgio Faletti - Valerio Massimo Manfredi - Federico Moccia - Melissa P. - Christopher Paolini - J.K. Rowling - Stephenie Meyer - Isabella Santacroce - Francesco Totti - Licia Troisi - Fabio Volo - Ildefonso Falcones
Gli Incompresi: Alessandro Baricco - Charles Baudelaire - Gabriele D'Annunzio - Federigo Tozzi - William Faulkner - Beppe Fenoglio - Dario Fo - Anna Frank - James Joyce - Alda Merini - Yukio Mishima - Giampiero Mughini - Philip Roth - Paul Verlaine - Arthur Rimbaud - Oscar Wilde - Banana Yoshimoto - Alfonso Luigi Marra - Pellegrino Artusi - Ennio Flaiano - Claudio Magris - Leo Longanesi - Hugo Ball
Gli Arcadici: Isaac Asimov - Terry Brooks - Andrea Camilleri - Agatha Christie - Jeffery Deaver - Joe R. Lansdale - Philip K. Dick - Ken Follett - William Hope Hodgson - Stephen King - Howard Phillips Lovecraft - Carlo Lucarelli - Edgar Allan Poe - Georges Simenon
I Grandi Classici: Jane Austen - Douglas Adams - Stefano Benni - Alessandro Bergonzoni - Charles Henry Bukowski - Achille Campanile - Marco Valerio Marziale - Daniel Pennac - John Steinbeck - Emily Brontë
Gli ammuffiti: Vittorio Alfieri - Edmondo De Amicis - Fëdor Dostoevskij - John Fante - Tommaso Landolfi - Alessandro Manzoni - Luigi Pirandello - Umberto Saba - Mario Rigoni Stern - John Ronald Reuel Tolkien - Lev Tolstoj - Johann Wolfgang von Goethe - Giovanni Verga - Jules Verne - Salvatore Quasimodo - Samuel Taylor Coleridge
Gli stantii: Dante Alighieri - Ludovico Ariosto - Giovanni Boccaccio - Gaio Valerio Catullo - Giosuè Carducci - Miguel de Cervantes - Geoffrey Chaucer - Ugo Foscolo - Omero - Silvio Pellico - Marco Polo - William Shakespeare - Sofocle - Su Shi - Virgilio
I Pennivendoli: Giorgio Bocca - Dino Buzzati - Italo Calvino - Charles Dickens - Umberto Eco - Oriana Fallaci - Ernest Hemingway - Gabriel García Márquez - Roberto Saviano - Khaled Hosseini

Le Piattole: Carlo Emilio Gadda - Franz Kafka - Agota Kristof - Giacomo Leopardi - Primo Levi - Thomas Mann - Eugenio Montale - George Orwell - Giovanni Pascoli - Cesare Pavese - Ezra Pound - José Saramago - Ignazio Silone - Italo Svevo - Giuseppe Ungaretti - Virginia Woolf