Oscar Wilde

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera su cauzione.

Purtroppo sì, questa è la conferma. Quello che hai sempre temuto è vero:
Faccina rosa.png SEI OMOSESSUALE! Faccina rosa.png
E il fatto che tu sia venuto a leggere questa pagina lo conferma. Accettalo. Leggi pure, ma poi considera di fare coming out: non c'è niente di male! Basta usare la vaselina!
Oscar Wilde mentre si interroga sulla destinazione d'utilizzo del bastone che ha in mano.
« Amare sè stessi è l'inizio di un idillio che dura tutta la vita. »
(Oscar Wilde su masturbazione)
« È un uomo che ammiro molto. »
(Oscar Wilde su Oscar Wilde)
« Su con la vita, signora! È un segno che Dio ha senso dell'umorismo! »
(Oscar Wilde, su madre che ha appena partorito due gemelli morti)
« La bigamia è avere una moglie di troppo, la monogamia lo stesso. »
(Oscar Wilde su sua moglie)
« L'unico modo per liberarsi da una tentazione è concedersi ad essa. »
(Oscar Wilde mentre tenta di violentare il suo compagno di cella)
« Il Fabio Volo dell'800. »
(Critica letteraria moderna su Oscar Wilde)

Oscar Wilde (Pianeta gay, 1854 ante Scriptum - Raduno della Lega Nord, 1968 post Scriptum) è stato un noto rappresentante irlandoirlandese di vibratori. Si dice fosse molto scupoloso nel proprio lavoro, infatti prima di venderla a domicilio provava la merce di persona.

Biografia[edit]

Oscar in tutta la sua stupefacente virilità.
Io ce l'ho profumatoooo... ha, ha... l'aaaaaaalito! Con Vasellain!

Nato sotto il segno del Pesce, Oscar Wilde venne educato dal prozio di Tonio Cartonio, Arthur Cartonio, su tutto ciò che c'era da sapere sul come raggiungere la felicità estrema e su come ritagliare con le forbici dalla punta arrotondata il cespuglio dei peli pubici per farlo venire a forma di coniglietto di Playboy.
Diventato adolescente, Wilde volle abbandonare il Cartonio sia perché era venuta meno la sua coltivazione di cetrioli sia perché a la sua città era nella lista nera delle tappe previste dai Tokio Hotel per il loro concerto. Si trasferì quindi a Londra, dove ebbe l'incontro con Lord Alfred Douglas, noto sciupafemmine....pardon, noto sciupamaschi all'Università di Cambridge. Insieme fecero strage di culi, studiarono il moto della forfora dei peli anali, si scambiarono l'AIDS e brevettarono il preservativo anti-polmonite.
Poiché il padre di Alfred Douglas, Lord Queensbery, era in preoccupazione per il figlio, che per godersi le gioie della vita omosessuale non gli proliferava nessun nipotino, chiese a Wilde di trovare una moglie per l'adorato rampollo. Wilde dapprima acconsentì, poi si comprò una parrucca bionda e si presentò al suocero col nome di Ramona, spacciandosi per la fidanzata di Lord Alfred. Per precauzione si smaltò anche le unghie, per non fare brutta figura con il suo futuro suocero. Purtroppo Wilde non si era fatto la barba e il suo piano naufragò dopo pochi secondi. Lord Queensbery citò allora Wilde in Tribunale per frode e idiozia congenita e vinse la causa.
Per mandare avanti la relazione clandestina con Alfred Douglas, Wilde trovò lavoro nella Perugina, come scrittore di frasi sui bigliettini. Grazie al suo lavoro, fu in grado di creare un commercio illegale di cioccolato con Willy Wonka ma venne presto scoperto e mandato in carcere in Lussenlavia. Stranamente all'udienza di appello, rifiutò lo sconto della pena, asserendo che in carcere aveva trovato il senso della sua vita. Poco dopo la scarcerazione, ritornò a lavorare come rappresentante di vibratori fino alla sua morte, avvenuta nel 1968. In realtà sarebbe dovuto morire prima, ma a causa di una grave dimenticanza la cosa gli passò di mente. La sua morte fu comunque rapida: venne infatti impalato da 300 leghisti alle strette delle Termopili mentre cercava di mostrare la propria merce e il suo utilizzo.
Si dice che in cattività abbia scritto qualcosa come 40 commedie, ma in realtà sulla maggiorparte dei fogli di carta che utilizzava giocava a tris con sè stesso.

Invenzioni[edit]

Lodevoli le sue iniziative umanitarie.

L'intelletto di Oscar Wilde era sconfinato. Sono qui riportate alcune delle sue invenzioni:

Filmografia[edit]

Ispirazioni cinematografiche[edit]

Molti registi moderni si sono ispirati alla sua vita tortuosa per concepire dei colossal del cinema occidentale, come:

  • Into the Wilde (2008)
  • Brokeback Mountain (2006)
  • I Dieci Comandamenti 2: Io non desidero la donna d'altri! (2004) Straight to DVD
  • Harry Potter e la pietra rettale (2002)
  • Freddy vs. Jason vs. Il Ministero della Pubblica Istruzione (2001)
  • Wilde Wilde West (1999)
  • Wilde Things (1998)
  • Call of the Wilde (1972)
  • Girls Gone Wilde (1969)
  • Il sequel perduto de I Predatori dell'Arca Perduta (1983)
  • L'amore ai tempi dell'AIDS (domani mattina nei migliori cinema)

Impersonificazioni[edit]

Uno spezzone del video di "Born to be Wilde"

Inoltre molti attori hanno provato a impersonificare la sua figura in molti film di successo. Eccone una lista:

  • Harry Potter .... Severus Piton
  • V per Vendetta (film adaption) .... Se stesso
  • La Ballata di Shawshank Redemption: the Musical (in progetto) - Se stesso (non citato nei titoli di coda)
  • Wilde Wilde West (1999) ...Se stesso
  • Oscar Wilde we$$t (1998) ... Se stesso (digital actor)
  • Girls Gone Wilde (1990) ... Narratore
  • Il piccolo Oscar Wilde (1986) ... il piccolo Oscar Wilde (doppiaggio)
  • Star Wars (1977) ... Oscar Obi Wilde
  • The Oscar Wilde (1972)... Sè stesso
  • The Oscar Wilde One (1953) ...Il cugino di se stesso
  • Everybody Loves Hitler (1938) ... Ebrea omosessuale
  • Into the wilde (2008) ... Se Stesso in un'avventura con Se Stesso Medesimo

Musica[edit]

La figura stagliante dell'idolo della virilità, chiamato Oscar Wilde, viene menzionato anche nel mondo musicale:

  • Voce degli Steppenwolf in "Born to be Wilde", scaricabile da I-Tunes pagabile solo in natura, arrivò al successo poiché venne usato come colonna del film Easy rider

L'Accademia della Crusca e della Segale è lieta di presentarvi...

D'Annunzio Superdotato.jpg

I Maestri (elementari) della letteratura:
I Premi Nobel: Dan Brown - Paulo Coelho - Giorgio Faletti - Valerio Massimo Manfredi - Federico Moccia - Melissa P. - Christopher Paolini - J.K. Rowling - Stephenie Meyer - Isabella Santacroce - Francesco Totti - Licia Troisi - Fabio Volo - Ildefonso Falcones
Gli Incompresi: Alessandro Baricco - Charles Baudelaire - Gabriele D'Annunzio - Federigo Tozzi - William Faulkner - Beppe Fenoglio - Dario Fo - Anna Frank - James Joyce - Alda Merini - Yukio Mishima - Giampiero Mughini - Philip Roth - Paul Verlaine - Arthur Rimbaud - Oscar Wilde - Banana Yoshimoto - Alfonso Luigi Marra - Pellegrino Artusi - Ennio Flaiano - Claudio Magris - Leo Longanesi - Hugo Ball
Gli Arcadici: Isaac Asimov - Terry Brooks - Andrea Camilleri - Agatha Christie - Jeffery Deaver - Joe R. Lansdale - Philip K. Dick - Ken Follett - William Hope Hodgson - Stephen King - Howard Phillips Lovecraft - Carlo Lucarelli - Edgar Allan Poe - Georges Simenon
I Grandi Classici: Jane Austen - Douglas Adams - Stefano Benni - Alessandro Bergonzoni - Charles Henry Bukowski - Achille Campanile - Marco Valerio Marziale - Daniel Pennac - John Steinbeck - Emily Brontë
Gli ammuffiti: Vittorio Alfieri - Edmondo De Amicis - Fëdor Dostoevskij - John Fante - Tommaso Landolfi - Alessandro Manzoni - Luigi Pirandello - Umberto Saba - Mario Rigoni Stern - John Ronald Reuel Tolkien - Lev Tolstoj - Johann Wolfgang von Goethe - Giovanni Verga - Jules Verne - Salvatore Quasimodo - Samuel Taylor Coleridge
Gli stantii: Dante Alighieri - Ludovico Ariosto - Giovanni Boccaccio - Gaio Valerio Catullo - Giosuè Carducci - Miguel de Cervantes - Geoffrey Chaucer - Ugo Foscolo - Omero - Silvio Pellico - Marco Polo - William Shakespeare - Sofocle - Su Shi - Virgilio
I Pennivendoli: Giorgio Bocca - Dino Buzzati - Italo Calvino - Charles Dickens - Umberto Eco - Oriana Fallaci - Ernest Hemingway - Gabriel García Márquez - Roberto Saviano - Khaled Hosseini

Le Piattole: Carlo Emilio Gadda - Franz Kafka - Agota Kristof - Giacomo Leopardi - Primo Levi - Thomas Mann - Eugenio Montale - George Orwell - Giovanni Pascoli - Cesare Pavese - Ezra Pound - José Saramago - Ignazio Silone - Italo Svevo - Giuseppe Ungaretti - Virginia Woolf