Umberto Saba

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia 2.0.
Jump to navigation Jump to search


ah, che bella giornata ventosa a trieste! Andiamo a fare un giro!
oggi voglio rimorchiare: ciapemo la pipa dei.
mmmh, vara el cul de cuela baldraca la fora del local!
bene, da qui posso stalkerare tute le babe, che poi femo la clanfa!
quasi quasi me indormenzo un pochettin...
uh? Machecazz...
ma quanto cazzo go dormì?!
« Ho attraversato tutta la città, poi mi sono rotto il cazzo. »
(Umberto Saba elogia la città)
« Ah sì, era quello che parlava di Trieste. »
(Elogio funebre di Umberto Saba)
« Ma parlare d'altro no? »
(Studente al terzo anno di liceo classico)

Umberto Saba (Trieste, 1883 - udine Trieste, 1957) è stato un poeta triestino famoso per aver fatto due coglioni così a tutti gli studenti, almeno fino al liceo.

Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente una voce in proposito. Umberto Saba

Biografia[merdifica facile | merdifica]

Nato a Trieste, morto a Trieste e vissuto a Trieste, Saba era un cittadino di Trieste. Vive con una badante slovena per 3 anni. Poi la madre, svegliatasi un bel giorno di bora col "cinciut", decide di allevarlo a forza. Saba trascorre quindi un'infanzia triste, un'adolescenza grigia e numerosi periodi di depressione. Mariottide in confronto è Jovanotti.

Le opere[merdifica facile | merdifica]

Tutti sanno che l'opera più famosa di Saba è il Cazzoniere. In sintesi Saba elogia i parchetti della sua città, i quali danno tanta felicità al malinconico poeta. Giusto per farsi del male ci scrive due poesia su tutte le tragedie e siamo a posto.


L'Accademia della Crusca e della Segale è lieta di presentarvi...

D'Annunzio Superdotato.jpg

I Maestri (elementari) della letteratura:
I Premi Nobel: Dan Brown - Paulo Coelho - Giorgio Faletti - Valerio Massimo Manfredi - Federico Moccia - Melissa P. - Christopher Paolini - J.K. Rowling - Stephenie Meyer - Isabella Santacroce - Francesco Totti - Licia Troisi - Fabio Volo - Ildefonso Falcones
Gli Incompresi: Alessandro Baricco - Charles Baudelaire - Gabriele D'Annunzio - Federigo Tozzi - William Faulkner - Beppe Fenoglio - Dario Fo - Anna Frank - James Joyce - Alda Merini - Yukio Mishima - Giampiero Mughini - Philip Roth - Paul Verlaine - Arthur Rimbaud - Oscar Wilde - Banana Yoshimoto - Alfonso Luigi Marra - Pellegrino Artusi - Ennio Flaiano - Claudio Magris - Leo Longanesi - Hugo Ball
Gli Arcadici: Isaac Asimov - Terry Brooks - Andrea Camilleri - Agatha Christie - Jeffery Deaver - Joe R. Lansdale - Philip K. Dick - Ken Follett - William Hope Hodgson - Stephen King - Howard Phillips Lovecraft - Carlo Lucarelli - Edgar Allan Poe - Georges Simenon
I Grandi Classici: Jane Austen - Douglas Adams - Stefano Benni - Alessandro Bergonzoni - Charles Henry Bukowski - Achille Campanile - Marco Valerio Marziale - Daniel Pennac - John Steinbeck - Emily Brontë
Gli ammuffiti: Vittorio Alfieri - Edmondo De Amicis - Fëdor Dostoevskij - John Fante - Tommaso Landolfi - Alessandro Manzoni - Luigi Pirandello - Umberto Saba - Mario Rigoni Stern - John Ronald Reuel Tolkien - Lev Tolstoj - Johann Wolfgang von Goethe - Giovanni Verga - Jules Verne - Salvatore Quasimodo - Samuel Taylor Coleridge
Gli stantii: Dante Alighieri - Ludovico Ariosto - Giovanni Boccaccio - Gaio Valerio Catullo - Giosuè Carducci - Miguel de Cervantes - Geoffrey Chaucer - Ugo Foscolo - Omero - Silvio Pellico - Marco Polo - William Shakespeare - Sofocle - Su Shi - Virgilio
I Pennivendoli: Giorgio Bocca - Dino Buzzati - Italo Calvino - Charles Dickens - Umberto Eco - Oriana Fallaci - Ernest Hemingway - Gabriel García Márquez - Roberto Saviano - Khaled Hosseini

Le Piattole: Carlo Emilio Gadda - Franz Kafka - Agota Kristof - Giacomo Leopardi - Primo Levi - Thomas Mann - Eugenio Montale - George Orwell - Giovanni Pascoli - Cesare Pavese - Ezra Pound - José Saramago - Ignazio Silone - Italo Svevo - Giuseppe Ungaretti - Virginia Woolf