Marco Polo

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Gondoliere allucinato.jpg
OCIO! CONTENUTO ALTAMENTE VENEZIANO!
La visione prolungata del seguente articolo può indurvi a bruciare la vostra auto e sostituirla con una gondola, guidare un "Brube col vintisinque", parlare senza doppie, odiare Mestre, odiare Chioggia o essere gli unici a votare centrosinistra in un universo storicamente leghista.


Marco polo alla corte dei Khan in Cina, mentre dona alcune spezie esotiche.
« ...e l'emisfero polare prende il nome dal suo scopritore: Marco Polo »
(Maestra di geografia dopo i tagli della Gelmini)
« Senza di lui la fabbrica non sarebbe andata avanti »
(Agente delle vendite della casa produttrice di magliette polo)
« Vastissimo e nobilissimo »
(Marco Polo su qualunque cosa)

Marco Polo, fin da quando la mamma lo allattava, mostrava numerose doti artistiche e intellettuali. Sebbene nella maggior parte delle scuole italiane e dell'intero pianeta lo si ricordi come un grande viaggiatore e DJ, egli fu in realtà l'ideatore di grandi invenzioni che tuttora sono molto utilizzate. È grazie a lui infatti che esistono le famose caramelline Polo e i tipici indumenti usati dai mortali detti volgarmente polo.

Da recenti studi inoltre è emerso che egli amasse particolarmente praticare il rugby, ma poiché questo sport non era ancora stato inventato, dovette abbandonare questa sua grande passione.

Vita e opere[edit]

Nacque a Venezia e successivamente a Roma nel 1254 d.C., e con l'accompagnamento del padre e dello zio intraprese un lungo viaggio verso la terra dei cinesi: Milano. In questa terra egli diffuse l'uso delle sue caramelle col buco, che i cinesi chiamarono ciambelle; ancora oggi, in suo onore, in ogni festa popolare vengono cucinate le ciambelle polo con nutella che sono vendute per pochi yuan. Solo nella provincia di Sichuan la cosa non ha attecchito, per via di Mao, che ha imposto l'uso di ciambelle rotanti senza buco.

Dopo essere tornato nella sua città natia durante le vacanze di Natale, Marco Polo fu imprigionato dagli abitanti di Genova, i sampdoriani, e condannato all'ergastolo per traffico di organi a canne (a quei tempi il possesso di marijuana era severamente proibito).

Aspetto fisico e spirituale[edit]

La strada percorsa da Marco Polo da Pechino alla Crimea. È la famosa Via della Seta, tradizionale ma un po' lunga.

Marco, detto Marco, nacque uomo fin dalla nascita e rimase uomo fino alla morte. Fin dai primi vagiti mostrava una lunga [[barba]] e dei capelli di colore castano che però, stranamente, nelle foto in bianco e nero sembrano essere a volte bianchi e a volte neri (forse per la sua grande passione per il calcio e per la Juventus). Ma la peculiarità che rendeva unico Marco era quella di essere estremamente alto e basso allo stesso tempo.

Per ciò che riguarda il suo carattere, si racconta che egli sia stato più volte tormentato da una crisi interiore che lo fece andare più volte di stomaco (anche se altri storici ipotizzano che questa sua abitudine fosse dovuta al mal di mare e all'abuso di caramelline, le stesse da lui inventate, che mangiava quotidianamente).

Marco Polo e l'Età Moderna[edit]

Dopo essere stato totalmente ignoto prima della sua nascita, egli divenne famosissimo e al giorno d'oggi numerosi frammenti del suo fantastico viaggio, ritrovati di recente, vengono raccontati nel best seller Il Milione.

Marco Polo resterà per sempre nella storia dell'umanità come colui che mi ha permesso di scrivere questa sua biografia.

L'Accademia della Crusca e della Segale è lieta di presentarvi...

D'Annunzio Superdotato.jpg

I Maestri (elementari) della letteratura:
I Premi Nobel: Dan Brown - Paulo Coelho - Giorgio Faletti - Valerio Massimo Manfredi - Federico Moccia - Melissa P. - Christopher Paolini - J.K. Rowling - Stephenie Meyer - Isabella Santacroce - Francesco Totti - Licia Troisi - Fabio Volo - Ildefonso Falcones
Gli Incompresi: Alessandro Baricco - Charles Baudelaire - Gabriele D'Annunzio - Federigo Tozzi - William Faulkner - Beppe Fenoglio - Dario Fo - Anna Frank - James Joyce - Alda Merini - Yukio Mishima - Giampiero Mughini - Philip Roth - Paul Verlaine - Arthur Rimbaud - Oscar Wilde - Banana Yoshimoto - Alfonso Luigi Marra - Pellegrino Artusi - Ennio Flaiano - Claudio Magris - Leo Longanesi - Hugo Ball
Gli Arcadici: Isaac Asimov - Terry Brooks - Andrea Camilleri - Agatha Christie - Jeffery Deaver - Joe R. Lansdale - Philip K. Dick - Ken Follett - William Hope Hodgson - Stephen King - Howard Phillips Lovecraft - Carlo Lucarelli - Edgar Allan Poe - Georges Simenon
I Grandi Classici: Jane Austen - Douglas Adams - Stefano Benni - Alessandro Bergonzoni - Charles Henry Bukowski - Achille Campanile - Marco Valerio Marziale - Daniel Pennac - John Steinbeck - Emily Brontë
Gli ammuffiti: Vittorio Alfieri - Edmondo De Amicis - Fëdor Dostoevskij - John Fante - Tommaso Landolfi - Alessandro Manzoni - Luigi Pirandello - Umberto Saba - Mario Rigoni Stern - John Ronald Reuel Tolkien - Lev Tolstoj - Johann Wolfgang von Goethe - Giovanni Verga - Jules Verne - Salvatore Quasimodo - Samuel Taylor Coleridge
Gli stantii: Dante Alighieri - Ludovico Ariosto - Giovanni Boccaccio - Gaio Valerio Catullo - Giosuè Carducci - Miguel de Cervantes - Geoffrey Chaucer - Ugo Foscolo - Omero - Silvio Pellico - Marco Polo - William Shakespeare - Sofocle - Su Shi - Virgilio
I Pennivendoli: Giorgio Bocca - Dino Buzzati - Italo Calvino - Charles Dickens - Umberto Eco - Oriana Fallaci - Ernest Hemingway - Gabriel García Márquez - Roberto Saviano - Khaled Hosseini

Le Piattole: Carlo Emilio Gadda - Franz Kafka - Agota Kristof - Giacomo Leopardi - Primo Levi - Thomas Mann - Eugenio Montale - George Orwell - Giovanni Pascoli - Cesare Pavese - Ezra Pound - José Saramago - Ignazio Silone - Italo Svevo - Giuseppe Ungaretti - Virginia Woolf