John Ronald Reuel Tolkien

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Balrog.jpg
La Fiamma di Udun approva questa pagina!

Per questo sarà incisa nella roccia e il suo verbo aleggerà in eterno nelle viscere di Barad-dur fino al trionfo di Mordor.

Fiammadiudun.jpg


Giorgio Armani.jpg
John Ronald Reuel Tolkien si sente un povero personaggio famoso ignorato.
Modifica la pagina e contribuisci a rafforzare la sua autostima.

P.S.: Se vuoi conoscere gli altri stub relativi alle biografie, vai qui.

Adriana Lima 2.jpg
John Ronald Reuel Tolkien, Monaco di Baviera 1933.
Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente una voce in proposito. John Ronald Reuel Tolkien
« Fingon allora volse lo sguardo verso Est e la sua vista elfica scorse in lontananza una nuvola di polvere e il bagliore dell'acciaio come stelle nella nebbia, e seppe che Maedhros si era mosso e ne fu felice. Poi guardò verso Thangorodrim e le vide avvolte da una cupa nuvola e fumo nero se ne levava. Seppe allora che Morgoth era montato in collera e che la loro sfida era stata raccolta. L'ombra del dubbio calò sul suo cuore. Ma in quel momento un grido si levò e il vento lo portò da su di valle in valle ed Elfi e Uomini vociavano di meraviglia e gioia poiché, inaspettatamente e senza che lo si fosse spronato a farlo, Turgon aveva aperto le porte di Gondolin ed era giunto con un forte esercito di diecimila guerrieri rivestiti di lucenti cotte di maglia, con le loro lunghe spade e lance da sembrare una foresta. Allora, quando Fingon udì in lontananza la grande tromba di suo fratello Turgon, l'ombra che era calata su di lui si dissolse, il suo cuore ne fu sollevato e gridò forte: "Utulie 'n aure! Aiya Eldalie ar Atanatarni, utulie 'n aure!" »
(Tolkien tenta di spiegare come mai si fosse soffermato nel giardino della scuola, entrando così in classe in ritardo)
« Oh No! Un altro cazzo di elfo no! »
(Hugo Dyson mentre Tolkien legge Il Signore degli anelli agli Inklings)

J.R.R. Tolkien (vero nome Giovanni Ronaldo Ravello Torchiaroli) è il famoso creatore del signore degli anelli.

Biografia essenziale[edit]

J.R.R. Tolkien ha sempre avuto problemi sin da piccolo per colpa del suo nome, sopratutto per le prime tre lettere che fino a un decennio fa fecero impazzire anche i migliori scienziati giapponesi, ma da poco Qualcuno aiutato da Nessuno ha scoperto, durante un concerto dei Blind Guardian, che il nome completo significa Jonny Ruttomane Rollatore Tolkien e questo spiega anche l'incommensurabile passione per le droghe leggere dell'autore. Inoltre è stato braccato dalle autorità degli alleati per la sua somiglianza con il noto pacifista Adolf Hitler (si mormora che in realtà Hitler fosse lui, ma poi si è cambiato nome e cognome e ha scritto un trattato sull'invincibilità della razza pura, gli elfi, contro gli ebrei, gli orchi, dopo che gli hanno mandato a monte i piani di dominio del mondo, pacificamente s'intende).

L'ispirazione[edit]

Uno dei più grandi amici di Tolkien

Verso l'età di 7 anni il piccolo Tolkien in un viaggio di piacere nello Zimbabwe conobbe una popolazione di ominidi dai piedi villosi e cazzutamente pelosi questo ispirò e rovinò irrimediabilmente il cervello dell'autore che, colpito dalla puzza terrificante di quei piedi, incominciò ad avere visioni su di un mondo fantastico abitato da nani, elfi, giganti (gli unici a essere capaci di lanciare i nani), hobbit, Comunisti, Russi e ovviamente Qualcuno. Subito dopo il rientro nella Terra di Nessuno, suo paese natio, che confina con quella di Qualcuno, decise di scrivere un libro basato sulla visione avuta in Zimbabwe, ma rendendosi conto che senza emanazioni nocive non riusciva a scrivere nulla, si dedicò all'utilizzo di sostanze stupefacenti. Così nacque Il Signore Degli Anelli.

Curiosità[edit]

  • Tolkien aveva come padre un nano alto 1.43m con manie guerrafondaie, e come madre una donna barbuta e alcolizzata. Questo ci porta a pensare che i nani siano un tributo ai suoi genitori.

L'Accademia della Crusca e della Segale è lieta di presentarvi...

D'Annunzio Superdotato.jpg

I Maestri (elementari) della letteratura:
I Premi Nobel: Dan Brown - Paulo Coelho - Giorgio Faletti - Valerio Massimo Manfredi - Federico Moccia - Melissa P. - Christopher Paolini - J.K. Rowling - Stephenie Meyer - Isabella Santacroce - Francesco Totti - Licia Troisi - Fabio Volo - Ildefonso Falcones
Gli Incompresi: Alessandro Baricco - Charles Baudelaire - Gabriele D'Annunzio - Federigo Tozzi - William Faulkner - Beppe Fenoglio - Dario Fo - Anna Frank - James Joyce - Alda Merini - Yukio Mishima - Giampiero Mughini - Philip Roth - Paul Verlaine - Arthur Rimbaud - Oscar Wilde - Banana Yoshimoto - Alfonso Luigi Marra - Pellegrino Artusi - Ennio Flaiano - Claudio Magris - Leo Longanesi - Hugo Ball
Gli Arcadici: Isaac Asimov - Terry Brooks - Andrea Camilleri - Agatha Christie - Jeffery Deaver - Joe R. Lansdale - Philip K. Dick - Ken Follett - William Hope Hodgson - Stephen King - Howard Phillips Lovecraft - Carlo Lucarelli - Edgar Allan Poe - Georges Simenon
I Grandi Classici: Jane Austen - Douglas Adams - Stefano Benni - Alessandro Bergonzoni - Charles Henry Bukowski - Achille Campanile - Marco Valerio Marziale - Daniel Pennac - John Steinbeck - Emily Brontë
Gli ammuffiti: Vittorio Alfieri - Edmondo De Amicis - Fëdor Dostoevskij - John Fante - Tommaso Landolfi - Alessandro Manzoni - Luigi Pirandello - Umberto Saba - Mario Rigoni Stern - John Ronald Reuel Tolkien - Lev Tolstoj - Johann Wolfgang von Goethe - Giovanni Verga - Jules Verne - Salvatore Quasimodo - Samuel Taylor Coleridge
Gli stantii: Dante Alighieri - Ludovico Ariosto - Giovanni Boccaccio - Gaio Valerio Catullo - Giosuè Carducci - Miguel de Cervantes - Geoffrey Chaucer - Ugo Foscolo - Omero - Silvio Pellico - Marco Polo - William Shakespeare - Sofocle - Su Shi - Virgilio
I Pennivendoli: Giorgio Bocca - Dino Buzzati - Italo Calvino - Charles Dickens - Umberto Eco - Oriana Fallaci - Ernest Hemingway - Gabriel García Márquez - Roberto Saviano - Khaled Hosseini

Le Piattole: Carlo Emilio Gadda - Franz Kafka - Agota Kristof - Giacomo Leopardi - Primo Levi - Thomas Mann - Eugenio Montale - George Orwell - Giovanni Pascoli - Cesare Pavese - Ezra Pound - José Saramago - Ignazio Silone - Italo Svevo - Giuseppe Ungaretti - Virginia Woolf