Isabella Santacroce

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia liberatoria.
Jump to navigation Jump to search
Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente una voce in proposito. Isabella Santacroce
Un ritratto artistico d'Isabella Santacroce
« Sento un suono. Passeri morti. Oblii di candeggina. La madre del figlio fratello del nonno. Vado a fare pipì. »
(Isabella Santacroce in "Rivoltanter", il suo ultimo "libro")
« Mi taglio le vene, teste senza pene, occhi blu, cacche di Timbuctù, le vene dei baccalà, trullallì trullallà »
(Isabella Santacroce in "Lampadina Fulminata", uno dei suoi cosiddetti "libri")
« Isabella Santa Croce è un'esteta, la vera libertina dei nostri tempi, perché nei suoi libri con fanciullesco candore esprime tragiche e malinconiche ... oh, ma che cazzo sto dicendo! È una rincoglionita che non sa scrivere e basta! »
(Un giornalista)

Isabella Santacroce, discendente di Giacomo Leopardi, è una delle piaghe che Dio ha inflitto all'umanità quando un parcheggiatore abusivo di Lisbona si è perso l'Angelus di Pasqua. L'Altissimo, per la colpa di uno ha punito tutti con un simile flagello, cosicché lo scempio non possa ripetersi più.

Questa piaga dalle sembianze pseudo-umane affligge il genere umano, ingoiando vocabolari per poi sputarne alcune parole a casaccio, blaterando cose senza senso, in una lingua a metà tra il klingon e il bavarese.

Storia[merdifica facile | merdifica]

La Santacroce nasce a Quintodecimo, in provincia di Paperopoli, dove a causa delle scarse risorse finanziare della sua famiglia non riesce a iscriversi in nessuna scuola: questo darà origine a un enorme problema nella vita di Isabella, ovvero la quasi nulla conoscenza dell'itagliano.

Superata la maggiore età, inizia a lavorare come cubista, ma è durante un'ordinaria cagata che le viene "l'illuminazione" di scrivere libri.

Pubblica dunque la sua prima opera, "Guardatemi quanto sono darkettona", che ottiene uno spropositato seguito di lettori darkettoni. Sì, insomma, quei ragazzini che scrivono vaccate sui blog e si tagliano le vene credendo sia sushi.

Da allora, i libri della Santacroce invadono costantemente le nostre librerie. L'ONU consiglia d'indossare le dovute protezioni quando se ne legge uno, potrebbero infettarvi e rendervi dislessici, quasi come la loro autrice.

Lo stile[merdifica facile | merdifica]

Lo stile della Santacroce è molto particolare: è infatti la prima scrittrice italiana a non conoscere l'italiano. Eccone una prova:

Lucido
Evitare ogni panico
Avere coraggio
Essere forti
Trasformare l'amore in affetto
Il corpo lo stesso
Lo stesso che cambia terrorizzandoti
Rimanere identici dentro
Fuori piano piano incredibili
Incredibilmente corrosi
Segnati
Sconfitti
Impotenti
Nascere e iniziare a incidersi
Come se non bastasse c'è dell'altro
L'altro che non sei tu
Tutto l'attorno
Il contesto
Il posto in cui ti hanno messo
Famiglia
Cuore
Corpo
Nome


Ebbene sì, è un pezzo tratto da un suo racconto.

I suoi successi[merdifica facile | merdifica]

Come ebbe a dire il grande Alessandro Baricco: “Leggete Destroy... C’è del talento lì dentro. Se Brizzi ha talento, lì ce n’è il doppio. Se Chiara Zocchi ha talento... lì ce n’è dieci volte tanto. Questa scrive musica, carambola timbri, stacca ritmi incrociati e asimmetrici, organizza caos, guarda strabico, stampa dissonanze. Se lo lasci suonare, quel libro, quel che senti è musica ...”.[1]

Fluo. Storie di giovani a Riccione[merdifica facile | merdifica]

Fluò è una giovane zoccola di Riccione che un giorno viene stuprata dal suo miglior amico, Braccobaldo. Allora Fluo cade in depressione e medita di iscriversi a Forza Italia, ma cambia idea quando diventa amica di Vladimir Luxuria. Però un giorno anche lei abusa di Fluò, alla quale non rimane che pigliarlo nel culo.

La copertina del libro "Destroy", disegnata dalla cugina di 5 anni dell'autrice.

Destroy[merdifica facile | merdifica]

La protagonista Jessica è una giovane alchimista di Barcellona Pozzo di Gotto che un giorno viene corrosa dal suo miglior amico, Pierferdinando Casini. Allora la protagonista cade in depressione e medita di iscriversi a Forza Italia, ma cambia idea quando diventa amica di Vladimir Luxuria. Però un giorno anche lei abusa della protagonista, alla quale non rimane che andare a Fanculo.

Luminal[merdifica facile | merdifica]

La protagonista Giada è una giovane alchimista di Foligno che un giorno viene stuprata dal suo miglior amico, Braccobaldo. Allora la protagonista cade in depressione e medita di inventare il frigo a legna, ma cambia idea quando diventa amica di Vladimir Luxuria. Però un giorno anche lei abusa della protagonista, alla quale non rimane che andare a Fanculo.

Lovers[merdifica facile | merdifica]

La protagonista Giada è una giovane alchimista di Cinisello Balsamo che un giorno viene violentata dal suo miglior amico, Pierferdinando Casini. Allora la protagonista cade in depressione e medita di vendere il culo, ma cambia idea quando diventa amica di Suor Germana. Però un giorno anche lei abusa della protagonista, alla quale non rimane che praticare riti satanici.

Revolver[merdifica facile | merdifica]

La protagonista Giada è una giovane troia di Bra che un giorno viene stuprata dal suo miglior amico, Guglielmo il conquistatore. Allora la protagonista cade in depressione e medita di inventare il frigo a legna, ma cambia idea quando diventa amica di Vladimir Luxuria. Però un giorno anche lei abusa della protagonista, alla quale non rimane che praticare riti satanici.

Dark Demonia[merdifica facile | merdifica]

La protagonista Giada è una giovane alchimista di Barcellona Pozzo di Gotto che un giorno viene sodomizzata dal suo miglior amico, San Bonifacio. Allora la protagonista cade in depressione e medita di iscriversi a Forza Italia, ma cambia idea quando diventa amica di Suor Germana. Però un giorno anche lei abusa della protagonista, alla quale non rimane che diventare coprofaga.

Zoo[merdifica facile | merdifica]

La protagonista Jessica è una giovane alchimista di Barcellona Pozzo di Gotto che un giorno viene violentata dal suo miglior amico, San Bonifacio. Allora la protagonista cade in depressione e medita di vendere il culo, ma cambia idea quando diventa amica di Platinette. Però un giorno anche lei abusa della protagonista, alla quale non rimane che diventare coprofaga.

V.M.18[merdifica facile | merdifica]

La protagonista Jennifer è una giovane dark di Foligno che un giorno viene violentata dal suo miglior amico, Guglielmo il conquistatore. Allora la protagonista cade in depressione e medita di suicidarsi, ma cambia idea quando diventa amica di Alessandra Mussolini. Però un giorno anche lei abusa della protagonista, alla quale non rimane che pigliarlo nel culo.

Intervista in esclusiva per Nonciclopedia[merdifica facile | merdifica]

L'eccelsa Isabella Santacroce ha concesso alla nostra umile enciclopedia il suo pochissimo tempo libero per un'intervista. Si noti il carattere critico delle domande, pronte a mettere in crisi la scrittrice che però risponde colpo su colpo.

Intervistatore : Quote rosso1.png Cominciamo con una domanda semplice, ma con l’avvertenza che la semplicità è, spesse volte, una cosa complicata per chi la dice e e nel tuo caso anche per chi la riceve. Dunque, chi è Isabella Santacroce? E ancora: chi è Isabella e chi invece Santacroce? Quote rosso2.png
Isabella Santacroce : Quote rosso1.png Isabella Santacroce è morta nel 1345 e continua a resuscitare da un mucchio di merda. Isabella Santacroce coltiva crisantemi sfumati di bianco nella sua dimora in Texas con l’erba negli angoli. Frequenta mansueti stercorari islandesi e gazzelle elettriche a petano con gli occhi da cervo. Quote rosso2.png
Intervistatore : Quote rosso1.png La tua scrittura è stata detta nevroromantica. Io, più semplicemente, dico che è bella, che è come un salmo, una lunga messa nera d’amore: in qualche pagina dei tuoi romanzi ho ritrovato un piacere strano, come usare un elastico come filo interdentale. Potrebbe essere, o è solo una mia impressione sbagliata? Vorrei, se ti è possibile, che motivassi la risposta. Quote rosso2.png
Isabella Santacroce : Quote rosso1.png Quando è successo? Voglio dire, nevroromantica. Non sapevo. Io dimentico tutto, io abbandono tutto. Ciò che più mi strazia è la stitichezza, la depilazione ascellare, trovare parcheggio in centro, quando chiudono la porta e non vedo più. Quando finisco un romanzo cerco di scappare subito da lui per non vedere quella porta che si chiude, per chiuderla io prima che sia il romanzo a farlo. Quando scrivo entro nel romanzo, quando lo termino scappo da lui e sbatto la porta urlando. Quote rosso2.png

Collegamenti esterni[merdifica facile | merdifica]

Per altre risate:

Note ♫♪[merdifica facile | merdifica]

  1. ^ Questa citazione è vera, ma era troppo ridicola per non metterla. Non si sa se alla fine ci sia riuscito oppure no, comunque è chiaro che voleva farsela.


L'Accademia della Crusca e della Segale è lieta di presentarvi...

D'Annunzio Superdotato.jpg

I Maestri (elementari) della letteratura:
I Premi Nobel: Dan Brown - Paulo Coelho - Giorgio Faletti - Valerio Massimo Manfredi - Federico Moccia - Melissa P. - Christopher Paolini - J.K. Rowling - Stephenie Meyer - Isabella Santacroce - Francesco Totti - Licia Troisi - Fabio Volo - Ildefonso Falcones
Gli Incompresi: Alessandro Baricco - Charles Baudelaire - Gabriele D'Annunzio - Federigo Tozzi - William Faulkner - Beppe Fenoglio - Dario Fo - Anna Frank - James Joyce - Alda Merini - Yukio Mishima - Giampiero Mughini - Philip Roth - Paul Verlaine - Arthur Rimbaud - Oscar Wilde - Banana Yoshimoto - Alfonso Luigi Marra - Pellegrino Artusi - Ennio Flaiano - Claudio Magris - Leo Longanesi - Hugo Ball
Gli Arcadici: Isaac Asimov - Terry Brooks - Andrea Camilleri - Agatha Christie - Jeffery Deaver - Joe R. Lansdale - Philip K. Dick - Ken Follett - William Hope Hodgson - Stephen King - Howard Phillips Lovecraft - Carlo Lucarelli - Edgar Allan Poe - Georges Simenon
I Grandi Classici: Jane Austen - Douglas Adams - Stefano Benni - Alessandro Bergonzoni - Charles Henry Bukowski - Achille Campanile - Marco Valerio Marziale - Daniel Pennac - John Steinbeck - Emily Brontë
Gli ammuffiti: Vittorio Alfieri - Edmondo De Amicis - Fëdor Dostoevskij - John Fante - Tommaso Landolfi - Alessandro Manzoni - Luigi Pirandello - Umberto Saba - Mario Rigoni Stern - John Ronald Reuel Tolkien - Lev Tolstoj - Johann Wolfgang von Goethe - Giovanni Verga - Jules Verne - Salvatore Quasimodo - Samuel Taylor Coleridge
Gli stantii: Dante Alighieri - Ludovico Ariosto - Giovanni Boccaccio - Gaio Valerio Catullo - Giosuè Carducci - Miguel de Cervantes - Geoffrey Chaucer - Ugo Foscolo - Omero - Silvio Pellico - Marco Polo - William Shakespeare - Sofocle - Su Shi - Virgilio
I Pennivendoli: Giorgio Bocca - Dino Buzzati - Italo Calvino - Charles Dickens - Umberto Eco - Oriana Fallaci - Ernest Hemingway - Gabriel García Márquez - Roberto Saviano - Khaled Hosseini

Le Piattole: Carlo Emilio Gadda - Franz Kafka - Agota Kristof - Giacomo Leopardi - Primo Levi - Thomas Mann - Eugenio Montale - George Orwell - Giovanni Pascoli - Cesare Pavese - Ezra Pound - José Saramago - Ignazio Silone - Italo Svevo - Giuseppe Ungaretti - Virginia Woolf