Samuel Taylor Coleridge

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia 2.0.
Jump to navigation Jump to search
Coleridge, fototessera per la patente.
« È stato il mio pusher. »
(Gianluca Grignani in una recente intervista "Memorie su Coleridge")
« Ha dato una mano a mio fratello, a me qualcos'altro. »
« Si è sbattuto mia sorella a mia insaputa! »

Samuel Taylor Coleridge (3500 a.C. - 1802 d.C.) pare sia stato un famoso letterato romantico inglese, ma nessuno ha le prove per dimostrarlo. Quel che si sa di lui, e probabilmente l'unica cosa che i posteri ricordano di lui, è che era un drogato, spacciatore, pappone, malato di reumatismi e collezionista d'accendini. Il quindicesimo punto di Wilson ci ha tramandato che Samuele vendette la sua anima al diavolo, lo stesso che donò l'immortalità a Carla Fracci e Raffaella Carrà.

Un'immagine di Dorothy giunta sino a noi.

Vita morte e miracoli[merdifica facile | merdifica]

Samuele nacque a Calcutta, nella repubblica di Genovia, da madre aliena e padre cerebroleso. Già dalla tenera età di 30 anni Samuele cominciò a scrivere e a comporre, ma nessuno se lo filava. Tornato alla sua patria potestà conobbe un tale dal nome impronunciabile, Uordsuorf, che tutti prendono per il culo chiamandolo Wordsworth. Ma che noi per semplicità chiameremo Peppe. Samuele e Peppe, non avendo un cazzo da fare, decidono di aprire un bordello. È proprio qui che Samuele incontra lei, quella gran zoccola di Dorothy, sorellona di Peppe. Dopo essersela sbattuta più di una volta in luoghi e situazioni diverse, decide di cercare lo sballo altrove e va a un concerto di Fergie.

La rima del marinaio bastardo[merdifica facile | merdifica]

Exquisite-kfind.png   La stessa cosa ma di più: La ballata del vecchio marinaio.
Il marinaio bastardo. Recentemente è stato ospite di "Porta a Porta"

Altre opere minorate[merdifica facile | merdifica]

Curiosità[merdifica facile | merdifica]

  • L'interprete del marinaio bastardo ha addirittura vinto il tapiro d'oro, consegnatogli direttamente da Gimmi Ghione


L'Accademia della Crusca e della Segale è lieta di presentarvi...

D'Annunzio Superdotato.jpg

I Maestri (elementari) della letteratura:
I Premi Nobel: Dan Brown - Paulo Coelho - Giorgio Faletti - Valerio Massimo Manfredi - Federico Moccia - Melissa P. - Christopher Paolini - J.K. Rowling - Stephenie Meyer - Isabella Santacroce - Francesco Totti - Licia Troisi - Fabio Volo - Ildefonso Falcones
Gli Incompresi: Alessandro Baricco - Charles Baudelaire - Gabriele D'Annunzio - Federigo Tozzi - William Faulkner - Beppe Fenoglio - Dario Fo - Anna Frank - James Joyce - Alda Merini - Yukio Mishima - Giampiero Mughini - Philip Roth - Paul Verlaine - Arthur Rimbaud - Oscar Wilde - Banana Yoshimoto - Alfonso Luigi Marra - Pellegrino Artusi - Ennio Flaiano - Claudio Magris - Leo Longanesi - Hugo Ball
Gli Arcadici: Isaac Asimov - Terry Brooks - Andrea Camilleri - Agatha Christie - Jeffery Deaver - Joe R. Lansdale - Philip K. Dick - Ken Follett - William Hope Hodgson - Stephen King - Howard Phillips Lovecraft - Carlo Lucarelli - Edgar Allan Poe - Georges Simenon
I Grandi Classici: Jane Austen - Douglas Adams - Stefano Benni - Alessandro Bergonzoni - Charles Henry Bukowski - Achille Campanile - Marco Valerio Marziale - Daniel Pennac - John Steinbeck - Emily Brontë
Gli ammuffiti: Vittorio Alfieri - Edmondo De Amicis - Fëdor Dostoevskij - John Fante - Tommaso Landolfi - Alessandro Manzoni - Luigi Pirandello - Umberto Saba - Mario Rigoni Stern - John Ronald Reuel Tolkien - Lev Tolstoj - Johann Wolfgang von Goethe - Giovanni Verga - Jules Verne - Salvatore Quasimodo - Samuel Taylor Coleridge
Gli stantii: Dante Alighieri - Ludovico Ariosto - Giovanni Boccaccio - Gaio Valerio Catullo - Giosuè Carducci - Miguel de Cervantes - Geoffrey Chaucer - Ugo Foscolo - Omero - Silvio Pellico - Marco Polo - William Shakespeare - Sofocle - Su Shi - Virgilio
I Pennivendoli: Giorgio Bocca - Dino Buzzati - Italo Calvino - Charles Dickens - Umberto Eco - Oriana Fallaci - Ernest Hemingway - Gabriel García Márquez - Roberto Saviano - Khaled Hosseini

Le Piattole: Carlo Emilio Gadda - Franz Kafka - Agota Kristof - Giacomo Leopardi - Primo Levi - Thomas Mann - Eugenio Montale - George Orwell - Giovanni Pascoli - Cesare Pavese - Ezra Pound - José Saramago - Ignazio Silone - Italo Svevo - Giuseppe Ungaretti - Virginia Woolf