Coraggio

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera con l'indulto.
Il coraggio incute rispetto anche ai nemici. Alexandre Dumas (padre)

Il coraggio è una virtù umana spesso confusa con l'eroismo. L'atto eroico è molto diverso dall'atto di coraggio: nel primo caso è necessaria la presenza di un eroe che, per definizione classica, è in genere un semidio o un uomo dotato di straordinarie doti fisiche e mentali; nel secondo caso invece il coraggio presuppone l'avere prima paura[1] e il superarla. Occorre un esempio per meglio esporre il concetto.

  • Garibaldi e i suoi "mille" rappresentano un fulgido esempio di coraggio. Sapevano bene che rischiavano la vita, che prima o poi avrebbero incontrato le truppe borboniche e sarebbero stati "cazzi amari", avevano tutti una paura esagerata di morire, però si fecero coraggio a Vicenza e partirono da Quarto lo stesso.
  • Achille invece è un semidio praticamente invulnerabile, non teme niente e nessuno... "e ce mancherebbe!!! Così so' bboni tutti!!". (Vabbè, lasciamo perdere và!)
« La differenza è evidente!! »
Seppur in contesti molto diversi, quando uno ha fegato si vede subito.

Però Garibaldi lo chiamavano "l'eroe dei due mondi"... allora non c'ho capito una minchia e ho confuso anche voi, scusate. A mia discolpa posso affermare che oggi c'è il transito di Urbano in trigono con Platone, ossia è una di quelle giornate in cui non ho voglia di fare un cazzo, quindi è plausibile che convenga interrompere la lettura adesso e guardare solo le figure, prima di realizzare di aver perso tempo[2].

« Chi ha coraggio, ha vantaggio. »
(Modo di dire.)
« Forza e coraggio che dopo aprile viene maggio. »
(Modo di dire di mio nonno (che non ho mai compreso a fondo).)

Etimologia, semantica e semiotica (sessapessicosè)[edit]

Deve essere il corso di perfezionamento per tiratori scelti, altrimenti il tipo con le sue palle ci gioca a bowling.

Viene dal latino coraticum o anche cor habeo, aggettivo derivante dalla parola composta cor, cordis (cuore) e dal verbo habere (avere), quindi significa letteralmente ho cuore. Ma allora per quale caspita di motivo, parlando di uno coraggioso, si dice: "quello ha fegato" o "quello ha le palle"?
È sicuramente questione "di lana caprina" ma, giunti a questo punto, vale la pena approfondire.

Immagini dal mondo animale[edit]

Immagini dal mondo umano[edit]

Immagini dal mondo disumano[edit]

Ci vuole un grande coraggio anche ad andare in giro con queste facce.
Ma se proprio ti vuoi suicidare, non è meglio prendere un treno?
(in faccia).
Skywalking:
una sfida per coraggiosi o un'opportunità per aspiranti suicidi?


Citazioni sul coraggio[edit]

« Chi ha il coraggio di ridere è padrone del mondo. »
(Detta da Giacomo Leopardi, che di motivi per ridere ne aveva veramente pochi.)
« È necessario un grande coraggio per donare a molti quel che spesso si dà solo all'amato. »
(Quella maiala ninfomane di Anaïs Nin.)
« Chi rende ardita l'umile mosca nella foschia fosca nella notte losca e fa sì che un moscerino la paura mai conosca? Il coraggio! »
(Il leone de Il mago di Oz.)
« Non c'è bisogno di essere eroi, basterebbe ritrovare il coraggio di aver paura, il coraggio di fare delle scelte, di denunciare. »
(Giuseppe Diana (questa era seria))

Test: Sei coraggioso?[edit]

Rispondi senza farti prendere dal panico:

<abc>Un rapinatore in motorino scippa la pensione a tua nonna |Ci metti venti euro di tasca tua altrimenti, con quello che prende di pensione tua nonna, il rapinatore domani non potrà mettere la benzina. |Raccogli da terra un opuscolo di un corso di uncinetto e lo leggi molto interessato, fingendo di non essertene accorto. |Rubi un furgone e lo insegui per tutta la città con l'obiettivo di asfaltarlo, tanto prima o poi finirà quella cazzo di benzina!! </abc>

<abc>Finisci per sbaglio su un ring di Mixed martial arts |Ti togli la maglietta, ci scrivi sopra col sangue un numero a caso e fingi di essere la "bonazza" che segnala l'inizio dei round |Convinci l'avversario a darti una spintarella leggera, con la quale simulerai (gridando a squarciagola) la frattura di nove costole |Ti fai pestare ma aspetti il momento buono per sputargli il sangue negli occhi ed accecarlo </abc>

<abc>Un gattino è in cima ad un albero e non riesce a scendere |Piangi assieme alla padrona |Lo abbatti da lontano con un fucile di precisione |Piangi assieme alla padrona ma ne approfitti per palparla </abc>

<abc>Un pirata della strada percorre a grande velocità Via del Corso a Roma |Inizi a gridare, anche se sei a Gallarate |Commenti con "il solito rumeno ubriaco" |Fai domanda da vigile urbano al comune di Roma, tanto prima o poi quel rumeno infame lo rifarà </abc>

Risultato[edit]

<abcresult>Ecco qua la tua scheda clinica: |Pavido: Non vai in bicicletta perché una volta un satellite spia russo è caduto ed ha ucciso un ciclista nell'Oregon
|Neutrale: Qualsiasi cosa accada meglio restarne fuori. Correre rischi ti interessa quanto la poesia berbera del XIII secolo
|Eroe: Il tuo motto è: Molti nemici molto onore!, peccato che non hai abbastanza costole
</abcresult>

Note[edit]

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ mentre l'eroe non sa cosa sia
  2. ^ l'avviso c'è stato

Voci correlate[edit]