Tommaso Padoa-Schioppa

Da Nonciclopedia, la pseudo-enciclopedia pseudo-libera.
(Rimpallato da Padoa Schioppa)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Schioppa canta al karaoke.
« Le tasse sono una cosa bellissima. »
(Tommaso Padoa-Schioppa in un momento di delirio prima di morire, intendendo che sono bellissime per lui che, in quanto ministro, le riscuoteva)
« Ma vai a cagare, va'! »
(Pino Scotto in risposta alla frase qua sopra)
« Lavoratori, prrrrrrrrrrrrr »
(Il nostro Schiappa mentre parla ai proletari)


Tommaso Padoa-Schioppa (Padoa-Schiappa, per gli amici o semplicemente Schioppa): bagarino e proprietario di un banco dei pegni, il buon Tommaso, "Tommy peto-a-scoppio" per gli amici di borgata, è uno sveglio, un dritto anche se con le gambe storte, abituato fin dalla fanciullezza a maneggiare denaro.

È stato Ministro dell'umorismo finanziario in Italia.

La vita e i miracoli

Cresce in una famiglia Bellunese di eticità assai rigida; il padre, gli intima:" o lavori in miniera nel doposcuola o niente tv dopocena", mentre la madre lo picchia selvaggiamente con tubi in ghisa ogni volta che lo becca che acquista figurine dei Pokémon. La già difficile infanzia è inoltre tormentata dai bamboccioni una baby-gang di ricchi figli di papà, noti nella zona per far bisboccia su biciclette della Mercedes e abusare di zucchero a velo da sniffo.

Il futuro ministro vedrà le proprio ambizioni di giovane capitalista infrante da tali Bamboccioni: il chiosco delle limonata più volte incendiato, la bicicletta (di seconda mano, ovviamente) con la catena giù e le ruote sgonfie e il contrabbando di action figure di Neon Genesis Evangelion taglieggiato.

Divenuto un giovane e romanticone si infatua della bratz locale, detta la Tassa, per via conti al ristorante stratosferici e i consistenti regalini che gli spasimanti erano costretti a farle.

La svolta

Purtroppo però una sera, tornato dopo il consueto turno in miniera di sale, trova la Tassa nel sedile posteriore di una Mercedes classe S amg 63 quadtriturbo EVO X abarth special intenta nel soddisfare un po' per volta i vari bamboccioni.

Tale vista crea uno shock tale nel giovane, che cade in coma per 33 anni.
Poco si sa di cosa abbia pensato o immaginato, fatto sta che una volta risvegliatosi (all' incirca un mese prima delle elezioni) poco si ricordava del suo passato, tuttavia due cose, seppur sfocate continuavano a tormentarlo, quasi come una televendita di Mediashopping: l'odio per questi bamboccioni e un amore idealizzato per la Tassa, ormai divenuta creatura eterea e irreale simile alla Beatrice Dantesca.

Bellissima e senza peccato, il buon Tommaso si aspettava che cotale bellezza angelica e senza peccato sarebbe stata amata da tutti, anzi sarebbe stata un dovere civico amarla - un po' come per la Tassa vera, anche se in quel caso più che amarla il dovere e il piacere stavano nel farci altro.

Tommy e la politica

Il futuro ministro rispondeva esattamente ai criteri che il mortadella cercava: completamente idiota e dotato di un carisma peggiore del suo. Pochi infatti riuscirebbero a farsi odiare così tanto dicendo così poco; dopotutto Tommy risparmia anche sulle parole.

« Mandiamo i bamboccioni fuori di casa, anzi bruciamo le loro case, picchiamo i loro padri e violentiamo le loro donne, quindi uriniamo sulle tombe dei loro antenati e deridiamoli perché hanno il pene piccolo »
(Tommaso Padoa Schioppa sui bamboccioni, davanti alle Commissioni Bilancio di Camera e Senato)

Il tesoretto

Ma la fama imperitura di Tommy rimarrà legata alle tragicomiche vicende del tesoretto. Quelli di Wikipedia lo hanno catalogato senza passione:

« L'extra-gettito nelle casse statali: dovuto in parte da entrate fiscali non previste e, dall'altra, dalla lotta contro l'evasione fiscale che ha visto un netto incremento di "entrate recuperate" rispetto l'anno precedente. »
(Wikipedia su Tommaso Padoa Schioppa)

Quello che non scrivono è che in realtà da tali fonti si è ottenuto un gettito pari a euro 5 e 5 centesimi, dovuti alla dichiarazione dei redditi più veritiera di nessuno.
In realtà il tesoretto è un vero e proprio tesoro, un enorme giacimento di stronzio, trovato nell'Antartide da una spedizione finanziata da Italia, Greenpeace e Norvindia e capitanata dall'eroe Capitan Findus già noto per le sue battaglie contro i cyber-merluzzi vampiri.

Si prevedono inoltre ulteriori guadagni dall'enorme resort-golf club-base missilistica che verrà ivi creata in joint-venture con IKEA.

Morte

Durante l'ennesimo festino organizzato da Berlusconi, mentre tutta la destra si divertiva, Fassino, sfruttando la sua magrezza, era intento a raccogliere i capelli di Berlusconi per creare una bambola voodoo.

Sfortunatamente, tra i capelli della parrucca, vi era anche un capello dell'ex ministro dell'economia, Tommaso Padoa-Schioppa.

Di Pietro, resosi conto dell'errore, ha tentato invano di bloccare lo spillo che penetrava nella bambola voodoo, con il risultato che è stato rovinato il festino sbagliato.

Curiosità

  • il nomignolo Tps è un vecchio ricordo di gioventù quando, insieme a Pier Paolo Pasolini e Adam Smith, fonda il gruppo pop-metal, TPS appunto: T(ommaso)-P(asolini)-S(mith)

Opere

  • Topolino albo 10697 - "Paperino e le tasse, amore a prima svista"
  • Topolino albo 98867 - "Minni scopre che comprare i pacchi famiglia di assorbenti conviene"
  • Mega Almanacco Topolino 76535 - "Paperoga Bamboccione"

Voci correlate