Paradosso

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia in libertà vigilata.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Eh già.
« DU-DUM DU-DUM »
(Para-automobile mentre passa su un para-dosso)

Un paradosso è un assunto che è vero e falso allo stesso tempo ed è proprio il fatto che sia o vero o falso indistintamente a renderlo né falso né vero. Il che è un'assurdità. Ovvero un paradosso. Oppure no.

Esempi

Il nonno

"Ho 24 anni e sono sposato con una vedova di 48 anni, la quale ha una figlia di 25 anni. Mio padre ha sposato tale figlia. Quindi attualmente mio padre è diventato mio genero, in quanto ha sposato mia figlia. Inoltre, mia nuora è divenuta mia matrigna, in quanto moglie di mio padre. Mia moglie e io abbiamo avuto lo scorso gennaio un figlio. Costui è quindi diventato fratello della moglie di mio padre, quindi cognato di mio padre; e inoltre mio zio, in quanto fratello della mia matrigna. Mio figlio è dunque mio zio. La moglie di mio padre a Natale ha avuto un figlio, che quindi è contemporaneamente mio fratello in quanto figlio di mio padre, e mio nipote in quanto figlio della figlia di mia moglie. Io sono quindi fratello di mio nipote, e siccome il marito della madre di una persona è suo padre, risulta che io sono padre della figlia di mia moglie e fratello di suo figlio. Quindi io sono mio nonno!"

I filosofi, stufi di ragionamenti puramente teorici, decisero di fare una ricerca sul campo andando a cercare un nonno di sé stesso. La ricerca è ancora in corso[1].

Mio fratello è figlio unico

"Se io sono mio nonno, dovrei essere anche padre di me stesso, fratello di mio zio e nipote di mio figlio.

Però essendo mio figlio mio zio io non posso essere il cognato di mia madre che ha sposato mio nipote, ovvero mio zio. Quindi mia madre ha sposato mio zio e questo porta a dedurre il fatto che ora mia madre è anche mia sorella. Mia sorella è diventata suocera di mio figlio ma mia sorella è anche mia madre essendo matrigna di mia zia. Quindi mio nonno potrebbe essere semplicemente il nipote di mio figlio. Quindi io sono fratello di un figlio unico!"

Il bel dugongo

"Un giorno, un bel dugongo, disse Io sto mentendo!. Il dugongo stava dicendo la verità dicendo di mentire o stava mentendo insinuando di non mentire dicendo la verità? O viceversa? O no? Oppure stava affermando di mentire sul fatto che stesse mentendo sul fatto di mentire sul fatto che stesse mentendo, ecc... I filosofi ancora ricercano la fine della catena.

Platone mente

"Socrate un giorno disse "Platone mente!" e Platone che (sfiga) passava di lì per caso disse "Eh sì, Socrate ha proprio ragione". Ora: Socrate ha ragione dicendo che Platone mente ma così Platone afferma che Socrate non ha ragione e quindi non mente, ma se non mente Socrate dice la verità e quindi Platone mente, ma mentendo ecc..."

Il coccodrillo

"Un giorno un coccodrillo rapì un bambino, promettendo però di restituirlo alla madre nel caso in cui ella avesse indovinato le sue intenzioni di ridarglielo o meno. La madre allora rispose che il coccodrillo non voleva restituirlo. Perciò lui cadde in contraddizione, perché, se avesse ammesso le proprie intenzioni di non restituirlo, avrebbe poi dovuto consegnare il bambino. Invece, se l'avesse spontaneamente restituito, rendendo quindi falsa la risposta della madre, avrebbe avuto diritto a tenerselo. In buona sostanza, il coccodrillo divenne scemo nel giro di dieci secondi, mentre la madre, libera di riprendersi il bambino, se ne andò lieta e divertita. Invece il coccodrillo sta ancora lì e non capisce un cazzo."

La rosa

"Profuma di rosa ma rosa non è, indovina cos'è?"

La soluzione più ovvia è che la rosa è rossa, ma se è rossa non può essere rosa, e qui il filosofo si dà al satanismo.

La puttana

"In una curiosa cittadina viveva una puttana che masturbava tutti quelli che non si masturbavano da soli e mai quelli che lo fanno da soli, ora: chi masturba la puttana? Se ella si masturba da sola vuol dire che è nella categoria di quelli che si masturbano da soli, dunque non può masturbarsi. C'è quindi un altro che la masturba? No, perché lei masturba tutti, ma solo quelli che non lo fanno da soli, quindi se lei non lo fa da sola dovrebbe masturbarsi, ma non può per quanto si è detto sopra! In definitiva la puttana si convinse che la masturbazione è troppo problematica e iniziò a concedersi in altre maniere."

Questa frase

"Questa frase è falsa"

Mettiamo che la frase sia vera. Allora è vero il fatto che è falsa. Ma questo è impossibile, perché se è vera non può essere falsa. Quindi la frase deve essere falsa. Ma se è falsa allora ciò che dice deve essere falso, quindi non è falsa. Ergo, Dio non esiste. A questo punto il mondo dovrebbe implodere su sé stesso. Ma non accadrà, perché la frase è falsa. Ma dunque è vera, ecc...

Paradosso dell'errore

Colui che ha provato a risolvere il paradosso
"Questa sezione contiene almeno un errore"

In una caleidoscopica estensione del paradosso di sopra, se il testo seguente fosse totalmente corretto, quanto affermato sarebbe comunque vero, poiché l'errore consisterebbe nell'affermazione stessa. Ancora una volta, l'affermazione falsa sarebbe vera e Dio continua a non esistere.

A scanso di equivoci, l'errore non sussiste nel testo presente in questa sezione. Ma se quest'ultima affermazione ("l'errore non sussiste nel testo presente in questa sezione") fosse l'errore, allora la sezione conterrebbe un errore. Il paradosso suggerisce quindi di non credere ciecamente a quello che si legge, a meno che l'errore non sia questo consiglio, che essendo quindi un errore in sé e non un errore nella sezione non sarebbe un errore della stessa, ma facendo anch'esso parte della sezione è un errore, ma come sostiene questa stessa sezione non ci sono errori, quindi non è un errore, ma purtroppo da qualche parte un errore ci deve essere, lo dice la teoria del motore a gatto imburrato quindi l'errore potrebbe essere la frase che dice che non persistono errori in questa sezione, ma essendo essa stessa un errore l'errore ci sarebbe, ma essendo che proprio essa afferma che errori non ce ne sono bisogna darle retta, ma in caso fosse il darle retta l'errore tutti noi saremmo errori, e se tutti noi siamo errori pure la sezione lo è, quindi essendolo è sbagliato pure la frase che dice che non ci sono errori, ma dicendo questo ovviamente errori non dovrebbero essercene e non c'è ne sono, però essendo la frase erronea in sé la soluzione è suicidarsi.

Note

  1. ^ Devono ancora analizzare il cast di Beautiful

Voci correlate