Giorgio Almirante

From Nonciclopedia
(Redirected from Almirante)
Jump to navigation Jump to search
Brunetta dormiente.jpg
« Figliolo, una volta qui era tutta campagna elettorale! »

Quest'articolo parla di Politica, quindi se non ti piace ciò che c'è scritto riceverai un vitalizio di 3000 € mensili netti. O più probabilmente verrai additato come un qualunquista e nessuno si interesserà di te. Buona lettura!

Deputato fa gesto delle corna.jpg
Giorgio Almirante con l'inserto de "La difesa della razza"
« Mettiamola in frigo! »
(Giorgio Almirante su la destra che avanza)


Giorgio Almirante è stato un politico italiano, degno rappresentante della tradizione dei leader fascisti pelati. Per anni è stato il custode della fiamma tricolore, che teneva nascosta sotto il lettino in quanto i fascisti a quell'epoca non avevano scoperto come accendere il fuoco (oggi hanno imparato e ne sono talmente entusiasti che spesso vanno in giro a dimostrare la loro abilità in centri sociali e posti del genere).

Vita[edit]

Un intenso primo piano di zia Assunta Almirante

Rampollo di una umile famiglia,[1] nacque già pelato, e con i baffi bianchi folti e pronti all'uso. Da ragazzo si rivelò subito molto abile nelle arti oratorie, diplomandosi al liceo classico e laureandosi brillantemente in Retorica Patafisica Soporifera Scappellata (a destra, ovviamente) con una tesi sull'uso della frittura dell'aria nella circonvenzione di masse ignoranti.

Durante gli anni dell'università conobbe l'affascinante Donna Assunta Almirante (chiamata così per distinguerla dal fratello Assunta Almirante, a cui somigliava in tutto a parte i baffi, che quest'ultimo non portava), e la sposò con rito fascista (in cui la sposa può entrare in chiesa solo alla fine della cerimonia, per pulire il pavimento).

Carriera[edit]

Divenne da subito il segretario di redazione della più autorevole rivista di divulgazione scientifica dell'epoca, La difesa della razza,[2] e vi rimase per anni, finché non dovette partecipare alla missione di pace dell'esercito italiano in Africa del nord. Una volta tornato in Italia si accorse con orrore che il suo paese era stato invaso, così dovette riprendere in mano le armi e combattere per la libertà.

Durante questi giorni duri diventò il migliore amico di Junio Valerio Borghese, detto JVB, con cui si sollazzava andando a tirare petardi contro i malvagi alieni che avevano invaso il suo paese. Alla fine le soverchianti forze nemiche sconfissero i patrioti, e sia JVB che Giorgio dovettero nascondersi temendo per la loro vita.

Qui inizia la seconda parte della vita del nostro, la più triste; infatti, mentre JVB utilizzava con scarso successo il suo colpo preferito, il colpo di stato, Almirante fondò un partito, l'MSI (sigla ignota che secondo alcuni starebbe per Movimiento Sexy Italiano, secondo altri, soprattutto gli elettori meridionali, per Maria Santissima Immacolata), affiancato da numerose associazioni giovanili, come Fare Verde, associazione dei giovani ecologisti fascisti e Fare In Culo, i giovani gay in camicia nera.

Così si fece eleggere in parlamento e tentò di abbattere i nemici con la sua robusta dialettica. Purtroppo, però, questa strategia non ebbe successo né con i molli democristiani né con i malvagi comunisti, perché i primi erano abituati agli angelus domenicali del Papa, mentre i secondi invece iniziavano a fare "bla bla bla bla non ti sento non ti sento" non appena apriva bocca.

L'eredità[edit]

Il suo indegno erede. Più dritta quella mano, più dritta!

Intristito e invecchiato, passò i suoi ultimi anni ad addestrare il suo successore, Grisoux Musolesi; ma, dopo che questi si rivelò il fallimento che tutti conosciamo, passò al presidente di Azione Giovani, Gianfranco Fini, perché secondo lui nessuno avrebbe potuto dare del fascista a uno nato dopo la guerra e con tanti bei capelli.[3]

Nonostante tutti i suoi insuccessi, non smise mai di cercare di traghettare il fascismo verso la democrazia,[4] con il suo MSI che, evolutosi dal PNF si sarebbe poi trasformato in PDL, in perfetta continuità e coerenza di idee. Morì nel 1988, il giorno dopo un altro capo del MSI di cui a nessuno importa, e sulla sua tomba si recarono a pregare pogare anche i comunisti Nilde Iotti e Giancarlo Pajetta.

Note[edit]

  1. ^ E ci credi pure? Secondo te le famiglie umili hanno i "rampolli"?
  2. ^ Una specie di Voyager meno politicamente corretta.
  3. ^ Se avesse vissuto qualche altro anno avrebbe potuto scegliere un candidato molto più pelato e anche molto più fascista.
  4. ^ O era il contrario? Mi sa che era il contrario...
Cazzari in giacca e cravatta

Noi siamo di sinistra, ma anche di destra. Zzzzzzzzzzzzzzzz... Sono l'ultimo degli immortali, tiè! Aaaaaaaaaa... Asgratbhsfhgbcchdinbsnfa Padania! ♪♫ L'unico frutto dell'amor, è la patonza, è la patonza ♫♪

Rive Gauche In mezzo alle palle Quelli che hanno la precedenza
Rive Gauche Il sindacalista usurpatoreLo smacchiatore di giuaguariL'ammeriganoIl figlio di Topo GigioMortadellaTafazziIl nipotino dalle larghe inteseSherlock HolmesBandiera Rosso CachemireGrissino TorineseDottor SottileBill KaulitzEmmadonnaPiss-ky and SodaMani zozzeMani ancora più zozzeIl gaudente De MaialisFabbrica Tasse Padoa&SchioppaIl Webmaster dei RedditiIl verde non padanoMister FrollinoEr monnezzaLa gnocconaLa mummia di LeninCraxers salatiArturo ParigiLa VentolaIl grillo smerdanteLa cugina di campagnaIl TransitIl suo compareMassimo TonnatoL'oste del senatoRe Giorgio IIRe Carlo Azeglio IIl rottamatoreIl parcheggiatore abusivoQuello che è sempre colpa sua'O bello guaglioneFaccetta neraRumoreGiovanni CiccioliniIl becco sacrificale


Prossimo leader del Partito Democratico
Candidato Presidente della Repubblica del PD
In mezzo alle palle Il DivoRe MidaThe GasperyAldo NegroAntelope CobblerIl Gran CasinìEl ButtillónRobotLa cariatide che non ci staIl Teo-radicalLa ProletariaBuona volontéIl difensore dei bambiniIl capo dei bigottiLo sniffatoreIl suo CompareTrasforManAmintore FanfaraIl picconatoreMartina ZoliMiss cilicio bagnatoMagdi Intercambiabile AllamIl TabacchinoRanocchioForlaniAdoneNicola De EnricoCaramelle GoriaIl presidente siciliano
Quelli che hanno la precedenza Meno male che c'è!Il suo ex-camerata compagnoEl senatùrLo stratapizzatore H24PorcellumSalve SalviniL'incazzatoIl fascista solitarioIl nonno rincoglionitoEr sindacoLo scemo del gruppoIl ministro dell'InfernoMissione EsteriNomen OmenDon MarcelluzzoLa voce del padroneIl genio finanziavioCicchettoIl mini-stroDa Playboy al palazzoL'aministra del istruzzioneBocca di rosaIl suo collegae la sua apprendistaDon RaffaéMassimo BoldiGigi D'AlessioLa brunaLa biondaLa rossaCazzoneIl ministro del sottoboscoAngelino JolieLa mamma di BatmanL'avvocato del diavoloIl galeottoLo sconosciutoLa sindacalista fascio e martelloLo showmanIl ministro a sua insaputaSquacquaragnioIl ciccione ritardato2 neuroniLa formichinaIl lupacchiottoRoberto CottoIl culattone raccomandatoL'irresponsabileIl medico legaleEr BatmanIl golpistasuo figliottoLa bevanda dei coglioni


Prossimo leader del PdL