Drago

(Rimpallato da Dragone)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Un simpaticissimo cucciolotto di drago che ha appena aperto gli occhi alla vita.
« Oh, scusa, spero che ti piaccia ben cotto! »
(Drago sul cavallo ignaro di Bowen)
« Sento qualcosa di strano... »
(Il Cavallo di Bowen sul senso della vita)
« Attraverserò le Terre Incantate sul mio unicorno d'argento e con la mia Spada di Smeraldo ucciderò il Drago! »
(Un cavaliere qualunque, in un qualunque fantasy, su Drago)
« AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHH! »
(Un cavaliere qualunque, in un qualunque fantasy, dopo aver visto il Drago)
« Mamma, voglio un cucciolo di drago! »
(Un bambino alla ricerca di un animaletto da compagnia)
« FUS RO DAH!!! »
(Sangue di Drago rivolto a Drago)

Il drago è una creatura particolare del tutto somigliante a una lucertola gonfiata con il compressore. Alcuni possono scambiare un drago per un'iguana che ha fatto indigestione di spugne della Spontex.

Caratteristiche

I draghi esistono davvero e questo esemplare non sembra affatto socievole.

Il drago si differenzia per caratteristiche a seconda della specie. Alcune specie tendono a essere obese e ad assumere le dimensioni enormi, e per questo qualcuno pensa che possano essere imparentati con i dinosauri, mentre altre specie non sono dissimili da lucertole bombardate di radioattività. In Oriente invece li descrivono muniti di enormi baffi, zampe di pollo, testa di coccodrillo e corpo di boa constrictor. Esiste anche una sottospecie azteca dal nome impronunciabile: Quetzalcoatl. Una cosa che hanno in comune tutte le specie di drago è la forte alitosi, causata dalla loro nutrizione a base di cipolla, vino, peperoncino, paprika, criceti e aglio, così che il loro alito possa raggiungere circa la temperatura di 1000 gradi centigradi. Un'altra cosa in comune è che i loro alcolici preferiti sono olio di ricino, guttalax, spremuta di prugne e mosto di vino andato in aceto; questo causa frequentemente aerofagia (la cosiddetta arma a retrosoffio o fuoco di copertura), meteorismo e diarrea, per un totale allucinante in quanto a quintali di escrementi e potenza aerifera rettale.

I draghi sono donnaioli per eccellenza. Rapiscono fotomodelle a gogò e possono farsi brutalmente la ragazza di qualche truzzo, lasciandola incinta e infine divorandola davanti agli occhi del malcapitato.

Storia

Non è sempre facile essere un drago.
Un cavaliere qualsiasi, una donzella e un drago che sta per vomitare.

Tracce dei draghi si riscontrano già ai tempi di greci e romani. Il Vecchio, durante il suo safari in Africa, li descriveva come dei serpentoni mangiatori di elefanti.

Nel Medioevo i draghi proliferarono ovunque. Questo causava gravi problemi alle povere persone, che ritrovavano incendiati i tetti di paglia delle loro case a causa del fiato non proprio fresco di questi ultimi. Inoltre tendevano a causare smog da flatulenze e a sommergere interi campi coltivati con i loro escrementi. Nonostante questo fenomeno risultasse utile per la concimazione, non si trovava un luogo adatto in cui stendere i panni, la gente era infastidita dall'odore terrificante che le feci sprigionavano. Pare inoltre che i draghi amassero collezionare cianfrusaglie, accumulando il tutto nelle proprie caverne.

Purtroppo un giorno alcuni cavalieri benedettini, in ritorno dalle crociate, decisero di spacciarsi per Santi e liberare le città sommerse dal letame di drago. Anche se, in verità, non fecero altro che depredare i draghi di tutti i loro tesori e portarli a Sua Emminenza. Spesso accadeva di dover liberare anche una principessa, a patto che non fosse già stata divorata dal drago o nella peggiore delle ipotesi struprata in malo modo. Così il numero dei draghi si ridusse drasticamente. I pochi rimasti decisero di sparire dalla circolazione, nascondendosi all'interno dei vulcani per continuare indisturbati le loro opere di devastazione.

I draghi nell'immaginario collettivo

La gente, assuefatta dalle propagande mistificatorie della Chiesa per catechizzare gli infedeli, è stata abituata a immaginare i draghi come grossi e brutti rettili sputafuoco al servizio di Lucifero. Anche se probabilmente i draghi sono tutte invenzioni dei pelati, queste creature si vedono ovunque: nei libri, nei film, nei videogiochi e nel giardino sotto casa tua.

Un drago in tutta la sua ferocissima potenza selvaggia

Curiosità

L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse vuoi veder crescere le margherite dalla parte delle radici?

  • Un drago spuntato dal Vesuvio sommerse Pompei ed Ercolano di fiamme e fango. O almeno questa è la versione che ci forniscono i romani per non ammettere di essere degli idioti a costruire una città sotto un vulcano attivo.
  • Il Basilisco è l'unico drago vegetariano in grado di ucciderti senza staccarti la testa a morsi.
  • Non tutti odiano i draghi. I cinesi baciano con ardore le loro zampe e si esibiscono spesso in allegre festicciole indossando maschere grottesche.

Voci correlate