Prete

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Da Nonciclopedia, l'enciclopedia di cui nessuno sentiva il bisogno.

Nota disambigua.svg Oops! Forse cercavi Pedofilo?
Chiuso per sfiga.jpg
Attenzione!
Il personaggio descritto nell'articolo può causare sfiga perpetua, sfortuna, necrosi del testicolo e stitichezza. Si consiglia di toccarsi durante la lettura.
(Attenzione a non esagerare se non volete fare questa fine).
Cartello prete.gif
« Quel frate sa sempre prendermi di sorpresa! »
« Ah, e poi il pervertito sarei io? »
« Fra Martino, campanaro... »
(Un frate sulla professione di Martino)
« E la questua? »
(Prete su qualsiasi cosa)
« Ehi bel bambino... La vuoi una caramellina? »
(Prete a bimbominkia)

Il prete è una figura clericale particolarmente avvezzo agli scherzi (da prete).
Conosciuti anche col nome di picciotti o bravi, i preti sono i fedeli servitori de "La Cupola™", alla quale obbediscono senza remore.
Affabili e caritatevoli, i preti sono sempre in prima linea nella lotta contro la pedofilia e i pedofili, fosse solo perché gli rubano tutta la materia prima.
Ma il prete moderno si è evoluto e ultimamente si è specializzato in attività di predicazione online; sembra infatti che negli ultimi tempi i preti battano (letteralmente) la rete alla ricerca di pedofili per poterli ammonire e rimproverare, tutto questo con l'aiuto delle forze dell'ordine™.
Poi, dopo averli ammoniti si scambiano le foto porno dai computer.

NonNews

NonNotizie contiene diffamazioni e disinformazioni riguardanti Prete.


Storia[edit]

Due preti che giocano. Non sono adorabili?

La figura enigmatica del prete nasce una quindicina d'anni fa quando 28 neonazisti di Cinisello Balsamo decisero che le loro camicie nere non erano belle a sufficienza e decisero di adornarle con un collare bianco.

Decisero quindi di andare a trovare il Papa che, sentendosi vicino alla loro causa, scelse di aprirgli le porte del Vaticano, istituendo per loro un conto corrente presso la banca vaticana e dandogli tutto il supporto logistico del quale potessero necessitare. Il loro conto corrente straripa ora di soldi, qualunque azione (quali regalare dolciumi) verso bambini o adulti rimane impunita ed è possibile anche vederli in televisione quando siamo in vicinanza della compilazione del modulo 740.
Conosciuti per super-poteri come ad esempio alitosi molesta e nascere già vecchi, questi servi si tengono in contatto con un'essenza superiore con cui sono convinti di parlare: Dio. Dio è il nome in codice che usano per dare un nome alle loro visioni e per giustificare azioni senza senso.

Frasi famose[edit]

  • "Vieni in sacrestia che ho le caramelle" quando vogliono diffondere il verbo tra i bambini.
  • "Gli stavo scacciando il demonio da dietro" quando vengono beccati a diffondere il verbo tra i bambini in sacrestia.
  • "Signore perdonalo. Non sa quel che fa" quando non gli vengono regalate le sigarette dai tabaccai.
  • "Rigore è quando l'arbitro fischia" ai microfoni di RaiSport.
  • "È colpa della legislatura precedente" rispondendo alle interviste di Studio Aperto.
  • "Anche la tua faccia" quando qualcuno gli fa notare che Dio potrebbe non esistere.

Scherzo da prete[edit]

I preti sono particolarmente dotati dell'inventare scherzi originali e spassosi che fanno divertire grandi e piccini. Alcuni esempi:

  • La Santa Inquisizione.
  • Lo stupro anale.
  • Nascondere per 17 anni il cadavere di una ragazza nel sottotetto della chiesa.
  • Suonare 12 rintocchi di campane a tutte le ore e le mezzore del giorno e della notte.
  • L'otto per mille e altri furti.

Il prete che insegna[edit]

Questo pericolo pubblico è un servo della Repubblica Pedofila della Chiesa cazzolica e tenta di inculcare la parola della Bibbia nelle mente dei più piccoli, ancora indifesi. Ne esistono varie tipologie.

  • Il prete Sciallo: non richiama nessuno fino alla fine delle lezioni e lascia fare agli studenti il cazzo che gli pare. Se gli si fa notare qualcosa di contraddittorio nella Chiesa, chiederà se ci sono altre domande prima di rispondere, dilungandosi in giri di parole improbabili derivanti dal greco antico, se non dall'aramaico, pur di non rispondere.
  • Il prete che si crede un docente: insegna con vigore leggendo dal libro di testo praticamente tutto e facendo piccole e pacifiche parentesi su quanto il Papa Francesco sia umile e voglia una Chiesa povera. Finge di dispiacersi delle torture inflitte dalla Chiesa nel Medioevo, ma in fondo ne è orgogliosamente contento.
  • Il prete che sa tantissime cose: sa moltissime cose, poiché anziché pedofilare ha studiato tutta la vita, anche se durante le sue verifiche c'è la figa di classe che stranamente prende piene sufficienze senza nemmeno ricordarsi cosa è una molecola. Detta tutte le lezioni, in tono acido e severo e qualora gli si chieda di ripetere o fare lo spelling di espressioni come Sternocleidomastoideo o "France' della Rochefoucauld", li reciterà un miliardesimo più lentamente di prima, e chi capisce non perisce e mannaggialcero. Sa a memoria tutta la Bibbia in greco, aramaico e italiano, oltre che la Divina Commedia, i Promessi Sposi, ogni libro teologico e qualche altro ammasso di immondizia clericale. Se si sbaglia a citargli "De rerum Natura", comincerà a recitare i primi 900 versi a memoria, così come farà con le prime 30 cifre del Pi greco.
  • Il prete coerente e senza depravazioni sessuali: non esiste.

Curiosità[edit]

Normale scena di vita in parrocchia.
  • Ogni prete ha un numero segreto che serve ad aprire una porta segreta in Vaticano, e una volta aperta questa porta c'è un campo di bocce. Mah.
  • I preti non possono mangiare aragoste.
  • Pippo Franco era un prete.
  • Tra tutti i tipi di venditori di bagigi, i preti sono i più celebri.
  • Anche i preti possono bestemmiare. Come tutti ben sanno, ogni volta che si fa un gestaccio, come le corna, va messa l'altra mano a riparare il cielo, perché "sennò Dio s'offende". I Preti utilizzano lo stesso metodo per sbizzarrirsi in fantasiose bestemmie da capogiro, ponendo una mano a capanna sulla bocca. E vi assicuro, che all'inferno non ci vanno, me l'ha detto Dio!
  • Dopo aver visto un prete o una suora, meglio darsi una grattata di coglioni.
  • Monsignor Bagnasco è co-autore della famosa canzone "Nella botte piccola c'è il bimbo buono" (Bagnasco-Mustaine-Bagnasco)
  • Dall'anno 1969 è stato stabilito che se un prete si immola per la causa cattolica gli verranno erogati 52 bambini vergini in Paradiso.
  • La loro religione gli impedisce di essere atei.
Preti offrono il "corpo di Cristo" ad un bambino.

Voci correlate[edit]

Collegamenti esterni[edit]

Cose di Chiesa

Nuovo tricolore con il simbolo del Vaticano.JPG
Papaattaccaocchi.jpg
Suora cattiva N.jpg
Truppe Apostoli - Clero - Prete - Suora - Papaboy - Guardie svizzere - Prete moderno - Padri Pompatori Penitenti - Bigotto - Chierichetto - Missionari del glande - Catechista - CCSG - CiElLe
Personaggi in vista Ruini - Padre Fedele - John Holmes - Madonna Nera - Madre Teresa di Calcutta - Padre Livio Fanzaga - Tommaso d'Aquino - Padre Gabriele Amorth - Padre Maronno - Luigi Giussani - Richard Williamson - Don Bosco - Don Perignon - Don Babbeo - Don Mazzi - Ersilio Tonini - Gesù nero - Gesù Super Saiyan - Don Sante Sguotti - Don Zauker - Don Verzè - Angelo Bagnasco - Tarcisio Bertone - Emmanuel Milingo - Frate Indovino - Zichichi - Paolo Brosio - Sant'Antonio - Santa Barbara - Rita da Cascia - San Benedetto - San Francesco - San Foca - San Calimero - San Vittore - San Dokan - San Gemini - San Marzano
Sacre scritture Vangelo - Vangeli apocrifi - Liber Gomorrhianus - Malleus maleficarum - Salvare la propria anima - Ratzinger™: Istruzioni per l'uso - Guida alla seduzione per uomini di Chiesa - L'Osservatore Romano - Avvenire - Playboy - Famiglia Cristiana - Santa messa - Intervista a Dio - Diario di un papaboy - NonLibri:Diario della Madonna - Dogmi - Rerum Novarum
Motivi di vanto Otto per mille - Acqua santa - Armi di distruzione di messa - Cilicio - Cintura di castità - Kamasutra kattolico - Tonsura - Farmacia vaticana - Scomunica - Inquisizione - Crociate - Patti Lateranensi - Sacrilegio - Completa ed esauriente analisi del Sinodo dei Vescovi al Santo Padre Francesco del 2015, detto anche "della famiglia"