Omini verdi

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Alienbank (sponsor della voce)
Gli omini verdi sono dei gran burloni.
« Gli omini verdi?! Boh! Saranno dei nani iscritti alla Lega. »
(Un tizio che non li conosceva.)
« Gli omini verdi sono degli ottimi giardinieri, perché hanno il pollice verde. »
(Luca Sardella spara una freddura durante Linea Verde.)
« Gli omini verdi sono i responsabili dei cerchi nel grano. »
(Un idiota che prende Sardella troppo sul serio.)

Omini verdi (in inglese Little Green Men, in galiziano Homiño verdes, in francese c'importa sega) è il nome dato in ufologia e fantascienza ad una tipologia di extraterrestri. Il termine è utilizzato anche per descrivere esseri mitologici come i Goblin, e qualche volta per i nani invidiosi.
Certe storie su questi esseri si ritrovano nel folclore di vari paesi, ancor prima che gli fosse attribuita un'origine extraterrestre. D'altra parte, se nel 1200 vedevi atterrare una macchina volante, con sopra forme di vita non umane, non potevi certo andare in giro a raccontarlo, avresti implicitamente fanculato il geocentrismo e la Chiesa, cose che al tempo dell'Inquisizione potevano seriamente minarti la salute. Comunque, il fatto di chiamare un alieno "omino verde" attenua in qualche modo la sua pericolosità, scatenando un incontenibile sentimento del puccioso. Ma loro sono malvagi e letali, è un dato di fatto, e per una considerazione logica:

« Chi è il cretino che investirebbe enormi capitali in astronavi solo per dare un'occhiata su un'altro pianeta? »

Descrizione[edit]

È opinione comune che gli omini verdi abbiano un'intelligenza superiore.

Gli omini verdi sono descritti come umanoidi caratterizzati da piccola statura e pelle di colore verde. Se fossero stati alti si sarebbero potuti chiamare omoni verdi, o magari spilungoni verdi; se la pelle fosse stata scura li avrebbero invece classificati come pigmei, o semplicemente negri. Si distinguono dai Grigi per il colore e per il nome ridicolo. Non che "Grigi" sia il massimo, infatti si sono pure lamentati e hanno inciso col laser un messaggio sinistro sull'osservatorio di Monte Palomar:

Due omine® verdi.


Ѭ Ѡ ҉


I maggiori esperti mondiali di "Lingue che non si caga nessuno" hanno dato parere unanime, i tre simboli significano inequivocabilmente:

  • Veniamo!
  • Vi facciamo un culo così!
  • Vi cancelliamo dalla galassia!

Talvolta sono rappresentati con antenne sulla testa. Appena l'ha saputo, a Gasparri gli si sono annodate le palle, aveva appena finito di scrivere la sua Legge SalvaEmilio ed è stato costretto a rivedere tutto l'assetto del sistema radiotelevisivo e la normativa sulle radio frequenze, e per uno che non sa leggere è stato uno sforzo notevole.

« Allora facciamo così: Rete 4 la lasciamo dov'è e spostiamo gli omini verdi sul satellite. »
(Gasparri che prende la palla al balzo.)

Storia[edit]

Primi contatti con gli omini verdi.

Si racconta che nel 1877 in Spagna, nel villaggio di Banjos, vennero trovati due bambini con la pelle di colore verde. Furono scoperti sotto un cavolo, questo rese tronfi i sostenitori di quella versione della nascita dei bambini. La cicogna non se ne preoccupò più di tanto, aveva il suo seguito. Probabilmente si trattava di bambini abbandonati, lo affermò un membro della comunità famoso per il suo quoziente intellettivo. Sul colore della pelle invece vennero formulate alcune ipotesi:

  1. poteva essere dovuto a clorosi provocata da denutrizione;
  2. i due graffitari che si firmavano Cloro e Filla finalmente avevano un volto;
  3. una vacca (con grossi problemi di digestione) aveva concimato pargoli e cavoli;
  4. il signor Núñez poteva riprendere a lavorare sulla staccionata, i ladri di vernice erano stati individuati.

In seguito, gli avvistamenti degli omini verdi si susseguirono in ogni dove[1].

  • 1899 Atlanta (Georgia): lo chiamarono "Little Boy from Hurrah", poco prima di impiccarlo come "negro che ha tentato di camuffare la sua negrezza colorandosi".
  • 1932 Viukovo (Russia): l'omino verde fu consegnato in un sacco chiuso ad alcuni zingari, spacciandolo per un bel bambino biondo. L'astronave fu venduta come stufa a legna per stabili di grosse dimensioni.
  • 1933 Cudworth (Canada): il piccolo essere fu trovato surgelato nel Saskatchewan che, con i suoi -37 °C in inverno, contende all'Alaska il trono di Posto più infame della Terra. L'astronave non venne neppure cercata perché si scartò subito l'ipotesi aliena, la creatura doveva essere un animale di qualche tipo, un essere intelligente non sarebbe mai andato da quelle parti.
  • 1944 Bastogne (Belgio): durante l'offensiva delle Ardenne, un caporale della 101ª Divisione aviotrasportata accoppò un piccolo essere verde con un colpo di bazooka. Per non diffondere il panico tra le truppe, il rapporto ufficiale parlò di "nano ariano della Wehrmacht che stava cagando".
  • 1969 Bethel (New York): due dozzine di omini verdi improvvisarono una partita a calcio in una radura, arbitrati dal fantasma di Abraham Lincoln. A testimoniarlo sono circa tremila persone, tutte lì per un concerto di altri drogati.

Dalla fine degli anni settanta la popolarità degli omini verdi è andata gradualmente scemando, la Publimarte Inc (leader del settore Marketing Alieno) gli ha suggerito di cambiare colore con un ben più accattivante grigio perlato.

Omini verdi nella fantascienza[edit]

"Ti vò in culo e porto tre!"
  • Nel romanzo Sotto le lune di Marte lo scrittore Edgar Rice Burroughs descrive varie specie di Marziani, tra cui una razza con la pelle verde. Marte comunque non ha affatto gradito che qualcuno gli abbia sbirciato sotto le lune.
  • Tra il 1920 e il 1950 diventarono popolari grazie alle riviste di fantascienza. Tra gli albi più apprezzati troviamo: Flash Gordon contro gli Spinaci Alieni, Buck Rogers e i diabolici Baccelloni e il favoloso Sesso alieno della Collana Coniglio.
  • Negli anni '50 furono protagonisti di vari romanzi di fantascienza, tra cui The Case of the Little Green Men di Mack Reynolds. L'opera fu proposta nel 1976 come uno dei contenuti culturali per la sonda Voyager 2, alla fine si preferì spedire l'autore.
  • Negli anni '60 Fredric Brown scrisse Marziani, andate a casa!, una satira delle invasioni aliene che in realtà colpiva la comunità gipsy di Tishomingo (Oklahoma).
  • Nel 1977 il film Guerre Stellari consacrò definitivamente gli omini verdi. Il personaggio di Yoda, voluto fortemente da George Lucas e dalla potente Loggia dei Piselli Novelli Surgelati, ha rappresentato il canto del cigno di questa specie, a cui seguì l'oblio.

Note[edit]

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ anche in Puglia, ma non è in elenco per non dargli soddisfazione

Voci correlate[edit]


Denti di mostro superiori.png










Denti di mostro inferiori.png