Esplorazione anale

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera con l'indulto.
Versione del 14 mag 2024 alle 09:08 di MrApocalisse (rosica | curriculum) (→‎Storia)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
« Sii ahh siii siiii, vengo! »
(Pervertito su Esplorazione Rettale)

L’esplorazione anale (o morbo di Crebb) è una disciplina che studia i versi dello Gnu in amore.

Storia

Fondata dall'etereo Francesco da Buglio di Grottasecca, fa male alla salute, porta cancro e pestilenze in ogni era, ma rimane diffusa e accettata ovunque, persino a Grazzfield, la capitale dell'ammmore.

Abbiamo numerosi reperti dell'esplorazione rettale dai Sumeri e agli Armeni fin al III secolo dopo Cristo. Lo stesso Cristo scrisse un paio di manuali sull'argomento, andati perduti nel grande incendio di Grottasecca a Buglio. Facendo riferimento ai dettami del geniale Paolo Limiti inventore della "sensazione gastrica a polmone umido" esistono 3 principi basilari da rispettare per non perdere mai l'orientamento in un Ano:

  1. È impossibile esplorare il proprio ano.
  2. Ci sono ani che restano impenetrabili alla speculazione filosofica, perciò vale la formula: “Tieniti! Sta per arrivare!”
  3. Un buco nero è un ano dell'universo.

Metodi

L'esplorazione rettale si esprime in Kelvin, dal grande astrofisico ginnasta Karl Immanuel Incoronet de sta Capocch, il quale calcolò la distanza minima tra il proprio ano e il resto del mondo in gradi. Mediamente 90 Kg bastano per farsi inculare, e tale assioma lo dobbiamo proprio al grande Capoch, i cui studi serpeggiano in un campo d'ulivi nel mar Mediterraneo. L'avvento del Retto-regista Paolo Limiti fa dell'esploratio rettale un fenomeno di massa: ricordiamo infatti tra gli Hippies gli Inchiappettye, i pionieri dell'esploratio ingenua con l'aiuto di massicce dosi di acido lisergico, aspirina e coca cola.

Sviluppi recenti

L'ultimo grande esploratore dell'ano è Enzo Paolo Turchi.