Surf

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia priva di qualsivoglia contenuto.
Jump to navigation Jump to search
Uno sport da Dio.
Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente una voce in proposito. Surf
« Beh, io una volta ho preso un onda alta 20m. »
(Classica affermazione di un surfista poser)
« Ma che ci vuole, è facilissimo!! »
(Tipico niubbo da spiaggia su surf)

Il surf è uno sport da spiaggia[1] eseguito con un tavola e consistente nel farsi centrifugare da onde di tre metri col solo scopo di abbordare le donzelle che osservano divertite le tue costanti figure di merda dalla battigia. Questo almeno nel tuo caso. Gente più brava di te invece è capace di fare qualsiasi cosa su una tavola da surf, persino defecare sul cesso installato su quelle più tecnologicamente avanzate.

Cenni storici[merdifica facile | merdifica]

Ecco una rivisitazione dell'antico surf Hawaiano.

Il surf fu scoperto dal navigatore provieniente dall'antica Inghirlanda Giacomo Cuoco, passato alla storia con lo pseudonimo di James Cook[2]. Egli, naufragato per caso o, per meglio dire, a causa della sua incapacità cronica di reggere un timone, in un'isoletta sperduta nel pacifico, incontrò una strana popolazione indigena dagli strani costumi. Oltre ad andare in giro completamente nudi, questi esseri alti su per giù due mele o poco più, passavano le loro giornate invece che a copulare con le uniche tre esemplari di sesso femminile dell'isola, a saltellare sulle loro tavole di legno, provando un'immensa gioia nel farsi trasportare dalle onde[citazione necessaria]. In poche parole, eiaculavano sdraiati su zattere sballotolate a destra e a sinistra dalla furia del mare. Davvero dei geni incompresi. Purtoppo, con l'avvento dei missionari calvinisti il surf fu ritenuto troppo osceno per l'uso che ne facevano gli indigeni e bandito fino ai giorni nostri con l'aiuto dei rivali del MOIGE.

Abilità necessarie[merdifica facile | merdifica]

Per poter praticare questo sport sono necessarie delle abilità, senza le quali i vostri movimenti sarebbero del tutto simili a quelli di un Magikarp che tenta di abbattere un muro a colpi di splash.

Equilibrio[merdifica facile | merdifica]

Il responsabile di questo non sarà mai un buon surfista...

La virtù più importante per questa discplina è senza dubbio l'equilibrio. Senza di esso non vi reggereste in piedi neanche se la tavola avesse le rotelle. Il modo migliore per migliorarlo è sviluppare le sensazioni propriocettive, ovvero quelle terminazioni nervose che vi impediscono di franare al suolo alla minima scoreggia di un vostro pidocchio. Bendarsi e girare per casa aiuta a svilupparle, ma alla lunga potrebbe causare fratture nasali, commozioni cerebrali e gravidanze isteriche[3]. Astenersi persone che riescono a ribaltarsi anche con veicoli da 16 ruote per lato.

Pazienza[merdifica facile | merdifica]

Eh sì, la pazienza è la virtù dei forti, diceva il vecchio saggio giapponese, e qui ne servirà moltissima. Infatti potrebbe essere frustrante cadere e ricadere migliaia di volte, venir risucchiati come in uno sciacquone e risputati come uno stronzo qualsiasi da un'altra parte del mondo. Nonostante ciò, il vostro animo temprato vi porterà a riprovare ancora una volta, senza arrendervi mai. In caso contrario, riscontrerete a vostro discapito una drastica diminuzione del livello di autostima che vi porterà suicidarvi col veleno per topi. Ma tanto non fregherà nulla a nessuno. Muahahahah!!!

Resistenza al dolore[merdifica facile | merdifica]

Mai scoraggiarsi ai primi tentativi: una falsa partenza può capitare a tutti.

Questa è un'altra caratteristica essenziale per essere un buon surfista. Può capitare infatti che durante una delle vostre esibizioni la tavola vi sfugga da sotto i piedi e diventi un'arma contundente, infilzandosi quindi nel bicipite femorale sinistro. Senza un minimo di resistenza al dolore vi ritrovereste già annaspanti, in balia delle convulsioni e anche con un leggero mal di testa che vi farà annegare in meno di un petosecondo. Se invece allenerete questa virtù, giungere a riva sarà un gioco da ragazzi, così come per lo squalo che vi porterà via mezzo corpo dal busto in giù dopo aver seguito la scia del vostro sangue. Perlomeno per voi sarà come avvertire un leggero solletichino ai fianchi.

Attrezzatura[merdifica facile | merdifica]

Anche l'attrezzatura deve essere a norma per cimentarsi in modo correggiuto nel surf. Ecco gli strumenti essenziali.

Tavola[merdifica facile | merdifica]

La tavola da surf è INDISPENSABILE alla causa ma, nonostante ciò, può essere di diversi tipi. Ecco i principali:

  • Tavola tradizionale - Le più moderne sono fatte in vetroresina, ma se sei un barbone va bene anche un insieme di stecchi di gelato uniti con bava di lumaca. Un altro materiale molto usato è il poliuretano, costituito da migliaia di uretre maschili ancora sporche di piscio plastificate in blocco. Non adatto ai deboli di stomaco e/o ai nasi fini.
Guardate il design ergonomico di questo gioiello tecnologico!!
  • Tavola da stiro - La più amata dalle donne, la tavola da stiro permette di unire l'utile al dilettevole. Cosa c'è di meglio che stirare le camicie del proprio uomo mentre si effettua un arial o mentre si percorre un tube a velocità folle?? Un'esperienza unica, più che altro per il fatto che ti sfracellerai sulla parete d'acqua senza aver manco il tempo di scaldare il ferro...
  • Tavola all'antica - In vecchio stile hawaiano, due canne di bambù legate con alghe rosse e con la punta piegata verso l'alto[4]. Per far ciò, gli antichi impiantavano la tavola nella sabbia e la piegavano facendo leva col proprio peso. Ogni tanto però si verificava l'effetto catapulta e i corpi dei malcapitati, ormai morti di vecchiaia, sono ancora oggetto di avvistamenti UFO in tutto il mondo.

Abbigliamento[merdifica facile | merdifica]

Non è indispensabile, ma sarebbe meglio che tu coprissi il tuo insignificante pipino alla vista altrui, almeno eviti ulteriori brutte figure[citazione necessaria].

Onde[merdifica facile | merdifica]

Ovviamente, non basta una qualunque massa d'acqua in movimento e mi sembra anche superfluo dirlo, ma vista l'intelligenza media degli utenti di Nonciclopedia e in particolare la tua, lo faccio. Infatti, se così non fosse (ovvero se bastasse una qualunque massa d'acqua) ognuno farebbe surf dove gli fa più comodo, a partire dal cestello della lavatrice fino alla vasca idromassaggio dell'ignaro vicino. Purtoppo non è così, servono delle O-N-D-E, e non quelle merdine che fai quando entri in una pozzanghera con la macchina, intendo onde alte anche più di 4 metri!! In ogni caso puoi ricorrere alla tua fantasia, aumentando le dimensioni dell'onda a tuo piacimento mentre racconti le tue gesta agli amici come insegna la famosa tecnica del cazzaro.

Strumenti di supporto[merdifica facile | merdifica]

Per diminuire l'attrito tra acqua e tavola si può ricoprire quest'ultima con il wax, una paraffina costituita da sputo di lama e succo di cocomero killer. Nel caso il prodotto fosse difficile da reperire, una spruzzata di liquido seminale sarà più che sufficiente. Un altro utile strumento è l'ancora, da installare in poppa alla tavola, utile nei momenti di attesa dell'onda. Attenzione ai fondali troppo profondi, a meno che non vogliate fare una gita subacquea senza bombole...

Tecnica per prendere l'onda[merdifica facile | merdifica]

Notare la felicità del surfista ad assumere la posizione fondamentale

Il metodo più usato per prendere l'onda è il cosidetto take-off, diviso in tre parti e incentrato sull'uso del deretano[5]:

  • Nella prima parte il surfista nuota verso l'onda col ventre sulla tavola, quindi col culo all'aria. Questo serve a dare carico aerodinamico al tutto come se foste uno spoiler.
  • Appena la tavola inizia a scivolare verso l'onda si assume una particolare posa a pecorina, che favorirà l'ingresso appena riceverete il colpo.
  • Sulla sommità dell'onda, essa vi darà una botta che vi rizzerà in piedi come se vi fosse stato appena spazzolato l'antro anale. Ora dovete tenere il culo basso per controbilanciare il peso e il gioco è fatto!

Mosse spettacolari[merdifica facile | merdifica]

Le mosse più spettacolari che puoi fare, a tuo rischio e pericolo, sono:

  • Arial - Usa l'onda come un trampolino e spicca un volo di ventordici metri, ruotando su te stesso o sugl'altri di 180/360°, anche se molto probabilmente, dopo l'entrata sarai più predisposto per i 90°...
  • Tube - Quando l'onda si sta chiudendo, passaci in mezzo alla folle velocità di 320 km/h. Se riesci a uscirne vivo, ti aspetta una suoneria in regalo!!

Curiosità[merdifica facile | merdifica]

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

  • L'onda più alta mai cavalcata è quella del famoso tsunami che nel 2004 colpì il sud-est asiatico. Il surfista, di cui non si conosce il nome, dopo aver percorso circa 30m di parete acquosa è stato ritrovato su un'antenna di un grattacielo a Kuala Lampur. Successivamente è stato mangiato dalle tribù locali.
  • L'onda più alta che un surfista poser dice di aver cavalcato è invece di millemila m², ma si sa che la stupidità umana non ha limiti.
  • Tutti gli snowboarder sono convinti che schiantarsi su acqua solida ma soffice faccia meno male che schiantarsi su acqua liquida...
  • ...ma il 42% degli snowboarder si è comunque schiantata su un pino silvestre a 123 km/h, che in mare solitamente non c'è.

Note[merdifica facile | merdifica]

  1. ^ Fabrizio Failla, Storia degli sport da spiaggia, Riccione, Edizioni vacanziere, 1998
  2. ^ Peccato che non si chiamasse James Cock. Sai che ridere a scuola, Giacomo Cazzo, ahahahaha!!
  3. ^ Valerio Zoppo, 1000 modi per vomitare, Amsterdam, Edizioni Sbocco, ISBN 338 345 89 32
  4. ^ All'occorenza fa anche da bong.
  5. ^ Nonostante ciò questo sport non è molto popolare tra il popolo gaio.

Pallone-calcio-nike.png Il mondo degli sport Pallone-calcio-nike.png

Sport non riconosciuti dal CONI Sport al caldo Sport al freddo
Sport che fanno rumore Sport con palle grosse Sport con palle piccole
Sport olimpici Sportivi (e dopati) famosi Altro
Clicca su una categoria per espanderla.
Sport non riconosciuti dal CONI BukkakeCaccia al NusbariGare di ruttoGrattata di coglioniGuadagnare con estorsioni e attentatiLancio dei sacchetti dell'immondiziaArrivare alla fine del meseLancio della vaccaLancio dello stronzoLancio del SilvanoLotta greco rumenaTipi di intrattenimento che provocano sterilitàMondiali di calciPallaficaTirare pugni sulla tastiera a casoTiro al terroneWii Sports
Sport al caldo Bitch volleyAtleticaCanoaCanottaggioCorsaFootingLancio del giavellottoLancio del martelloLancio del discoLancio della radioMaratonaPesca sportivaRaftingStuproTuffiBiciBici per aspiranti suicidi
Sport al freddo EscursionismoHockey su ghiaccioSciSci alpinoSci di fondoSnowboardBiathlonSlittinoBob
Sport che fanno rumore Body buildingCacciaCaccia al cristianoCaccia al niubboCaccia all'emoCaccia al mostroMotociclismoFormula 1Monster truckRissa allo stadio
Sport con palle grosse CalcioBowlingFootball americanoBasketPalla avvelenataPallamanoPallavoloRugby
Sport con palle piccole CricketGolfGrattata di coglioniHockey su sabbiaSessoLapidazioneOrgiaPing pongLo sport per gli amanti delle maglietteTennisBiglieBaseballVolanoChi sputa più lontanoBocceBiliardoCalcio balillaRacchettoniTamburello
Sport olimpici CurlingFistingTiro alla funeLancio del cancellinoJudoTorneo di TekkenKarateKama SutraWrestlingAtleticaGrand Theft AutoMaratonaSoftairSumoMordicchiare le penneCiclismoSurfBeybladeLogorreaSchermaImmigrazionePugilatoNuotoTiro al volteggioSalto ostacoli (equitazione)
Sportivi (e dopati) famosi Alex SchwazerAndrew HoweAngelo JacopucciAlessio SeccoArmin ZöggelerCarolina KostnerFausto CoppiFederica PellegriniIginia BoccalandroFederico ColbertaldoGiocatori di SoftairCalciatoriSportivi pigriJean TodtJoo Se-HyukJury ChechiOscar PistoriusPavlo RozenbergRocky BalboaSteven BradburyTazio NuvolariUsain BoltVanessa Ferrari
Altro Sette e mezzoAsfalt soccerAcchiapparellaOlimpiadiParalimpiadiLippaSciatoreMila e ShiroCampionato italiano di bukkakeCoppa AmericaCulturismoDopingF.I.A.S.Torneo 6 nazioni di bukkakeTorneo di WimbledonTrofeo "Cialtron" Heston 2010Mondiali della Crucchia 2006 (popopopopopopo)Sudafrica 2010Tutto il calcio minuto per minutoPerdereLa Gazzetta dello SportPallone