Franchi

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia liberalizzata (ma solo in Olanda).
Jump to navigation Jump to search
« Quando c'erano i franchi era tutta un'altra cosa. Ora con gli euro i prezzi sono raddoppiati. »
(La casalinga di Limoges sui Franchi.)
«  -Vinceremo questa battaglia????- -Beh, no: non siamo poi così tanti e invece di addestrarci ci stroncavamo di pugnette. Con ogni probabilità verremo massacrati.-  »
(Cavalleria FRANCA su esito della battaglia.)

I Franchi furono il popolo barbaro più sincero di tutti. Per non essere confusi con altri popoli germanici come i Goti, i Visigoti, gli Ostrogoti e i Pernigotti, presero il nome di Franchi tentando di farsi passare per francesi, che faceva più figo; per dare più credibilità al loro inganno, usavano parlare con la erre moscia e, come i francesi puri, conservavano perennemente moscio pure il cazzo. Questa fu la ragione principale della loro estinzione.

Origini[merdifica facile | merdifica]

"A schifìo finisce!"

Come accennato sopra, il nome di Franchi è piuttosto dovuto alla loro sincerità, e in particolare alla sincerità del loro primo re, Franco il Franco, che nemmeno col nemico riusciva a mentire mai. Se doveva attaccare, ad esempio il Lussemburgo, mandava un'ambasciata (e una massaggiatrice brasiliana in tanga) al re avversario, annunciando in dettaglio giorno, ora e modalità d'attacco.
Una strategia che ebbe successo però solo con il Lussemburgo. Già quando i Franchi tentarono di invadere la Cecoslolandia usando lo stesso metodo furono ricacciati indietro a calci nel culo appena passarono il confine di due metri. Si vede che con Franco il Franco ci andarono giù pesante, perché morì proprio in quella battaglia.

Gli successero i figli Franco I, Franco IV e Franco Franchi che si fecero notare solo per il loro inno di guerra "Ho scritto t'amo sulla sabbia",
Manco era cominciata, e già la dinastia viveva un periodo buio che proseguì per svariati secoli fino all'avvento di Franco Magno.

Apogeo[merdifica facile | merdifica]

Franco Magno, figlio di Franchino il Breve e nipote di Franco Martello salì al trono appena ventrentenne e subito si distinse per la ferocia senza uguali: alla testa delle sue truppe sanguinarie andava di villaggio in villaggio, saccheggiando, uccidendo, violentando e suonando i campanelli dei palazzi.

La Cecoslolandia si trova tra la Slovazia e la Bulgarecia.

Di villaggio in villaggio e di saccheggio in saccheggio, conquistò tutta la Russia e poi la Prussia. Visto che gli era bastata l'aggiunta di una consonante, si spinse fino in Sprussia ma non poté andare oltre per limiti linguistici.

Su consiglio del suo Richelieu, comprò una vocale e invase l'Asprussia.
Fu il trampolino di lancio verso nuovi orizzonti. Soggiogò la Lasprussia e poi la Glasprussia, la Sglasprussia, infine si trovò incasinato. Di comprare altre vocali non se ne parlava: troppo care![1]
Se ne stette buono buono a godersi l'impero finché non venne a sapere che c'era un paese dove la sera i barbari da tutte le latitudini si divertivano come matti.
Siccome un antico proverbio franco diceva che dove c'è barbaro c'è figa, radunò le truppe e mosse verso l'Italia

La campagna d'Italia[merdifica facile | merdifica]

Atterrati a Fiumicino con due ore di ritardo per uno sciopero dei controllori di volo, i Franchi affittarono seicento cavalli e una Lancia Prisma, e si precipitarono in centro per mettere Roma a ferro e fuoco. Giunti alle porte del Vaticano, la loro orda fu scambiata per un Gay Pride non autorizzato e vennero dispersi con getti d'idrante che spruzzava acqua santa.

Per l'assalto al Vaticano, i Franchi si vestirono da Antichi Egizi.


Risalita l'Italia, i Franchi decisero di giocare la carta diplomatica e presero contatto con i Savoia, tentando di combinare un matrimonio tra la bellissima figlia di Franco Magno, Luisa Magna, e il rampollo di casa Savoia Emanuele Filiberto che, in altre faccende affaccendato, rifiutò proponendo Pupo come suo sostituto. Il re Franco oppose uno sdegnato diniego e per ripicca televotò 100.000 volte negli ultimi cinquanta minuti per Valerio Scanu.

Declino[merdifica facile | merdifica]

Franco il Merlo, unigenito figlio di Dio Franco Grande Stevens, a sua volta figlio di Franco Magno, dilapidò nel giro di un mese e mezzo il patrimonio messo insieme dai Padri nel corso di alcuni secoli. Barattò la Russia per un piatto di lenticchie e la Prussia per un telefonino con 24 GB di memoria; scambiò la Sprussia e la Lasprussia per la Kamchatka senza peraltro mai capire dove si trovasse; vendette la Glasprussia e la Sglasprussia per due panetti di fumo e rimase solo col Lussemburgo che oltretutto non era nemmeno suo ma un esempio mio.


Curiosità[merdifica facile | merdifica]

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse vuoi veder crescere le margherite dalla parte delle radici?

  • Franco Califano e Franco Causio non erano Franchi.
  • Franco Grillini sì, e fu per causa sua che il Vaticano li scambiò per i Gay Pride.
  • Non so come sia successo, ma i Franchi, a un certo punto della storia, da popolo germanico divennero francesi.

Note[merdifica facile | merdifica]


  1. ^ E pensare che ancora non c'era l'euro!

Voci correlate[merdifica facile | merdifica]

Roba dei Mangiarane

La Grande Nation Francia FranceseFrancia Tedesca - Francia ArabaNon Proprio Francia - Francia Italiana - Francia NegraFrancia del Medio OrienteLussemburgoFrancia NoiosaRegno di SarkozySpacca culi-francesi
Imperatori Francesi Asterix - Carlo Martello - Pipino il Breve - Carlo MagnoLuigi XIV - Maria Antonietta - Napoleone Bonaparte - Barone Haussmann - Nicolas Sarkozy - Maximilien de Robespierre
Troie Francesi Carla Bruni - Giovanna d'Arco - Lady Oscar - Monica Bellucci - Paris Hilton - Alizée
Popoli Francesi GalliFranchi - Francesi - Nazionale di calcio della Francia
"Intellettuali" Francesi Auguste Comte - Marchese de Sade - Paul Gauguin - Claude Monet - Blaise Pascal - Pierre-Auguste Renoir - Jean Paul Sartre - Paul Verlaine - Voltaire - Charles Baudelaire - Antoine de Saint-Exupéry
Gente inutile ancora viva Jean Claude - Raymond Domenech - Jean Michel Jarre - Hercule Poirot - David Trezeguet - Zinedine Zidane - Ispettore Clouseau
Nouvelle Cuisine Cucina francese - Baguette - Champagne - Croissant - Formaggio - Vino
Roba di Parigi Ghigliottina - Museo dell'Ouvre - Donna Nostra di Parigi - Parigi - Rivoluzioni - Tour Eiffel - Gustave Eiffel
Altra roba inutile francese Cannes - Citroën - Désencyclopédie - Esercito francese - Evve moscia - Illuminismo - Reggia di Versailles - L'origine del mondo - Lingua francese - Ratatouille - Renault - Peugeot 106 - Wakfu (serie animata)