Pianura Padana

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera dalla forfora.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Vorresti essere altrove? C'è anche Padania, vedi Padania.


« ... e Dio creò la Pianura padana. Poi, accortosi dell'errore, creò la nebbia. »
(Bibbia sulla Pianura Padana)


La Pianura Padana sarebbe più bella, se solo fosse interamente ricoperta dalle acque.

La Pianura padana o padano-veneta o padano-veneto-romagnola o padano-veneto-romagnolo-lombardo-friulana con una spruzzata di Trentino e Piemonte è una putrida palude immersa nella nebbia, nello smog e nell'umidità, ma la gente ci abita lo stesso perché ci sono i soldi.

Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente una voce in proposito. Pianura Padana

Fatto sta che, comunque la si chiami, la Pianura padana non risponde corrisponde al bacino del fiume Po, dalla valle creata dal suo corso fino alla sua foce a Lancia Delta. È una pianura alluvionale unitaria dal punto di vista morfologico e idrografico, mentre, sul piano amministrativo, è un'area dell'Italia settentrionale divisa tra ventordici regioni: Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, ecc., i cui abitanti parlano millemila dialetti diversi e non comunicano minimamente tra loro.

A nord-est, dopo l'Adige, la stessa pianura prende anche il nome di "veneto-friulana", come se non bastasse la confusione generata dalle denominazioni già descritte.

Le Alpi, oltre a essere utilizzate dai ricchi per andare a fare i fighi sulle piste da sci e nelle discoteche vip d'inverno, servono anche a separare la Pianura padana dall'Europa Centrale: la Pianura padana pertanto è geograficamente parte dell'"Europa Meridionale", con sommo disappunto dei Leghisti.

La Pianura padana è bagnata a est dal Mar Adriatico e, in tutta la sua superficie, dalla pioggia e dalla nebbia.

Il nome

I male informati suggeriscono che il nome derivi da Padus, nome latino del fiume Po. I padovani sono fermamente convinti che il nome derivi da quello della loro città, mentre chiunque si rende conto che non può essere così. In realtà, la Pianura prende nome dal Grana Padano, utilizzato sia come cibo sia, spremuto, come bevanda ufficiale della Pianura padana fino all'avvento dello spritz. Il termine "Padania", invece, è stato coniato nel 1903 e poi rispolverato dai lungimiranti seguaci di Salvini.

Geografia

Flora e fauna

La flora è pressoché inesistente, si conta un albero ogni 1000km piantato apposta dal governo nel disperato tentativo di produrre un minimo di ossigeno in questa cappa infernale, vista la totale assenza di ventilazione.

La fauna è composta esclusivamente dal pesce siluro, dalle nutrie e dalle zanzare.

Dimensioni

« Le dimensioni contano. »
(Rocco Siffredi, sicuramente parlando della Pianura padana)

E infatti la Pianura padana ha 20.000.000 di abitanti e vanta una superficie di circa 47.000 chilometri quadrati, proprio come la camera da letto di casa Berlusconi ad Arcore. Significativamente, infatti, ha la forma di un triangolo.

« Giuro che non ho visto mai un triangolo di quella superficie. »
(Gem Boy sulla Pianura padana)

Considerato che la Pianura padana è una delle più grandi pianure europee e la più grande dell'Europa meridionale, la forma a triangolo, vista dallo spazio, attira numerose specie aliene alla ricerca di figa.

Chi ha lasciato aperto il rubinetto?

Sul piano idrografico qualcuno deve aver combinato un gran casino. Oltre alla perdita maggiore d'acqua, costituita dal fiume Po, altri guasti minori hanno contribuito a formare la Pianura padana: Dora chi la Riparia?, Dora Baltea, Sesia, Adige, Brenta, Piave, Tagliamento, Reno, Adda, Mincio, Oglio e Peperoncino.

La falla che ha causato il disastro.

Il fiume Po scorre nella Pianura padana in direzione ovest-est, ma quando trova coda sull'A4 torna indietro[citazione necessaria].

Questa falla, dispersa in mille rivoli, è la principale causa della formazione dell'attuale Pianura padana. Quest'ultima si è formata nel corso di millemila anni, sia come pianura alluvionale, cioè grazie a tutti i rifiuti che i montanari sono soliti gettare a valle, sia a causa delle diverse glaciazioni e della "subsidenza differenziale in corrispondenza di sinclinali e anticlinali sepolte", che è un'espressione che usano i geologi quando non sanno spiegare un fenomeno.

Come la città di Bergamo, da cui trae ispirazione, anche la pianura padana si divide in alta, bassa e risorgive. L'alta pianura, detta anche pianura asciutta, è quella che non va sott'acqua quando c'è acqua alta a Venezia ed è costituita da terreni permeabili e sabbiosi che non riescono a trattenere l'acqua in superficie: le piscine, i fossati dei castelli e le vasche da bagno si prosciugano come se fossero bucati, perdono i liquidi, che penetrano nel sottosuolo creando falde freatiche che poi sgorgano in risorgive. La bassa pianura o pianura irrigua inizia proprio dalle risorgive che poi originano altri fiumi, paludi e acquitrini che aumentano, a loro volta, il problema dell'umidità e dei reumatismi in Pianura padana.

Pianura Padana: l'unico caso in cui i metereologi non possono sbagliare: prevedono nebbia e vanno sul sicuro.

Clima

Il clima è caldo d'estate e freddo d'inverno, insomma una stranezza che si trova solo in Pianura padana, come Studio aperto non manca di sottolineare in ogni circostanza. Pensate che quando ci sono temperature sotto lo zero in Pianura Padana i ristagni d'acqua possono anche ghiacciare! Il sole si vedrà sì e no due volte l'anno perché dove non arrivano le piogge e la onnipresente nebbia, arriva lo smog. Infatti, quest'area inospitale offre una delle maggiori concentrazioni di fabbriche e di fonti di inquinamento. Poiché, poi, non c'è neanche vento, i ristagni d'aria creano ulteriori nebbie d'inverno e afa d'estate.

Tutto ciò rende assolutamente inadatta all'insediamento umano l'intera area. Non si comprende quindi perché la gente continui a ostinarsi a vivere in Pianura padana. Gli scienziati spiegano il fenomeno con la forma di triangolo che attrae gli uomini e con l'elevato livello di ricchezza che attira invece le donne.

Inquinamento

Come si può notare da questo selfie, la Pianura Padana non è minimamente inquinata.

La Pianura padana è come un bagno cieco con l'aspiratore rotto a causa dell'ostacolo dei monti e della conseguente mancanza di ventilazione, dell'industrializzazione e dell'alta densità di popolazione. Il problema dello smog e dell'inquinamento dell'aria, che prima non interessava nessuno, ha iniziato a essere argomento di conversazione negli anni '60.

« Signora mia, ha visto che bello smog stamattina? »
(Signora Brambilla alla signora Fumagalli)
« Sì, è di un bel verde brillante, con un retrogusto di cianuro. Dev'essere esplosa di nuovo la fabbrichètta di quel pirla del Commendator Citrulli. »
(Risposta della signora Fumagalli)

Oggi i satelliti dimostrano che l'inquinamento dell'aria nell'area è il più grave in Europa e il quarto nel mondo. Ovviamente si tratta di statistiche riportate da Wikipedia, quindi fatte un po' a spanne da un bambino di sette anni bocciato all'asilo e con lievi disturbi cognitivi e comportamentali.

Ambiente

Un tempo la pianura padana era ricoperta da foreste e da brughiera.

« Qui una volta era tutta campagna! »
(Abitante della Pianura padana medio sui luoghi comuni e sui cinque ettari che ha appena disboscato, spianato e asfaltato per realizzare un parcheggio per la propria Smart)

Ancor oggi il lombardo, il veneto e il piemontese dimostrano grande amore per la natura[citazione necessaria]: eccezion fatta per i "boschi" di Bonsai sul proprio terrazzino, i rari spazi lasciati liberi dalle fabbriche e dai capannoni industriali della pianura padana sono quasi interamente coltivati. Le coltivazioni più diffuse sono la marijuana, il papavero e la pianta della coca, dalle quali si ricavano diverse droghe. Solo nella parte piemontese del vercellese e del novarese, dove il mare non si è ancora ritirato, l'allagamento delle campagne costringe i contadini a coltivare il meno redditizio riso, materia prima per la panissa assieme ai fagioli e al Barolo.

La Pianura Padana, ricca di splendide architetture[citazione necessaria] e brulicante di popolazione attiva e operosa[citazione necessaria].

Città

La maggiore città della Pianura padana è Vergate sul Membro.

In onore della stessa, tutte le altre città lombarde devono per legge avere il nome che finisce con "ate": Manate sul Labbro, Minchiate sul Serio, Lambrate, Segrate, Gallarate, Agitate, Sfigate, Inquinate, ... Purtroppo alcune città contravvengono tuttora a questa legge giusta[citazione necessaria] e si ostinano a chiamarsi con nomi diversi solo per il gusto di creare confusione: Milano, Brescia, Pro Patria, Monza, Pavia, Cremona, Lodi, Crema, Piacenza, Mantova, ecc. La città più a Nord, non solo della Pianura padana ma di tutto il mondo, è Bergamo.

Da Verona in poi inizia una distesa ininterrotta di capannoni industriali senza soluzione di continuità. A perdita d'occhio, fino quasi a Venezia, gli industriali del ricco e produttivo Nordest[citazione necessaria] hanno riempito tutta la Pianura padana di capannoni industriali. Considerato che in Veneto, ci sono quattro imprenditori ogni due abitanti e che ciascun imprenditore ha diverse industrie, anche in competizione con sé stesso e con i propri familiari, appare assai difficile distinguere le principali città in questa massa ininterrotta di case e fabbriche. Tuttavia ci proveremo, pur consapevoli che il nostro elenco potrebbe non essere esaustivo: Verona, Schio, Thiene le corna, Bassano del Grappa, Vicenza, Padova, Rovigo, Montebelluna, Treviso, Dolo, Mira, Mestre, Portogruaro, ecc.

La Pianura padana lambisce anche le risaie piemontesi di Novara, Vercelli, Asti e Alessandria e le città sovietiche dell'Emilia: Parma, Modena, Reggio Emilia, Carpi, Brescello, Bologna, Imola, Faenza oltre ad altre che non si capisce se stiano in Romagna o in Emilia, come Ferrara e Ravenna.

Economia

Sul piano economico, il prodotto più redditizio dell'agricoltura sono le droghe sopra citate e ampiamente consumate nei privé delle discoteche della Pianura padana e dai ricchi professionisti indigeni. L'agricoltura per scopi alimentari, invece, produce quasi esclusivamente polenta. Infatti, gli abitanti della Pianura padana ne sono ghiotti e ne consumano circa un quintale pro capite al mese: un'alimentazione così varia e completa favorisce simpatiche malattie come pellagra e avitaminosi.

Inoltre, in Pianura padana vengono allevati maiali, pecore, polenta e altri animali.

Nella Pianura padana si concentrano diverse aree agricole ed industriali tra le più importanti d'Italia. Quindi tra le meno importanti al mondo.

Sono sviluppate tutte le industrie manifatturiere, specie piemontesi. Nel Lombardoveneto, invece prevalgono magnaschei e imprenditori, il cui prototipo sono il cumenda milanese e il piccolo imprenditore veneto. Da quando l'arroganza e l'arrivismo possono essere inserite a bilancio come immobilizzazioni, il PIL della Pianura padana è salito ai vertici mondiali. Esempi di evasori fiscali ricchi imprenditori sono: in Piemonte Flavio Briatore e la famiglia Agnelli, in Lombardia Silvio Berlusconi, in Emilia Giorgio Armani e Pietro Barilla, in Veneto Luciano Benetton, Leonardo Del Vecchio, Luigi Brugnaro e Renzo Rosso.

Importanti sono anche il turismo, anche se non si capisce cosa ci trovino di bello i turisti a Venezia o a Milano, il settore bancario ed il commercio, in primis quello delle figurine.

Curiosità

  • Non è chiaro se sia nata prima la Pianura padana o gli anziani seduti a giocare a briscola nei bar della Brianza.
  • Gli anziani della Pianura padana giurano che da giovani erano in grado di saltare il fiume Po per lungo.
  • Il tasso alcolico di un abitante della Pianura padana, al momento della nascita, è superiore a quello per il quale è previsto il ritiro della patente. Per questo motivo i neonati non possono guidare.
  • Gli abitanti della Pianura padana considererebbero i montanari dei minus habens, se solo sapessero cosa vuol dire. I montanari ricambiano irridendoli. I padani salirebbero in montagna per dare loro una meritata lezione ma sono troppo ubriachi per iniziare la salita.
  • La religione ufficiale della Pianura padana sono gli schei.
  • Gli sport principali sono l'alcolismo e la bestemmia: dalla Pianura padana, infatti, proviene anche il Vate.

Voci correlate


Siamö padani, abiamö ün söniö nel cuöře, brüžare il tricölöre, brüžare il tricölöre!