Nonbooks:Guida del perfetto supercattivo

Nonbooks, prontuari e libercoli anzichenò.
Jump to navigation Jump to search

Il Supercattivo® solitamente è colui che è contrapposto al Diesel buono.

Diventare un Supercattivo è una cosa difficile e non da tutti. Molti promettenti supercattivi agiscono avventatamente, senza le dovute precauzioni, e finiscono così sconfitti e uccisi (o nel migliore dei casi, esiliati in una nebulosa a 150 anni luce dal proprio pianeta).

Ecco perché noi di Nonciclopedia abbiamo redatto questo memorandum che dovresti ripetere tre volte al giorno se stai cercando di affermarti come nuovo Supercattivo[1].

Ripeti

Prima di tutto

  1. Non baserò mai alcun piano sulla presunta prevedibilità delle reazioni di nemici di primo piano, né tantomeno su un fenomeno naturale. Il mio diabolico piano sarà flessibile e libero da schemi fissi, in modo da adattarsi a qualunque imprevisto.
  2. Se dovrò affrontare l'eroe in un combattimento di arti marziali o di qualsiasi disciplina di lotta, non perderò tempo in dialoghi carichi di pathos, né indugerò in alcun modo.
  3. Non ricorrerò al combattimento contro l'eroe quando non necessario. Se posso, sparerò o ordinerò a uno dei miei funzionari di farlo.
  4. Se intrappoleró la mia nemesi, non gli esporró il mio cagata-inator rivelandogli tutti i dettagli e abbassando la guardia. Lo farò fuori e poi procederó col piano.
  5. Non concentrero' la mia fonte di energia in un punto solo; anzi, dividero' la fonte originale in tante piccole fonti di energia sparse per il mondo.
  6. Non cambiero' mai il mio piano originale, neanche se si presentasse una occasione d'oro. E' dimostrato che cambiando piano all'improvviso si rischia di fallire.
  7. Non mi fiderò mai troppo di qualcuno, fosse anche mio padre.
  8. Una volta ucciso l'eroe, non mi farò prendere dai sensi di colpa o dalla noia, piuttosto optando per una ben meritata vacanza alle Maldive.
  9. Se dovrò uccidere più persone, userò una morte diversa per tutti loro, seminando qualche prova falsa contro gangsters di zona o funzionari politici scomodi nel mentre.
  10. Ogni singola arma sarà progettata con un speciale sistema di riconoscimento che rende impossibile sparare se la persona che la sta usando non sia io o i miei sottoposti. Sarà riprogrammabile in ogni momento, ma solo da me.
  11. Se odierò mai qualcuno al punto da volere la sua immediata morte, magari un giornalista scomodo troppo interessato nei miei dignitosi affari, non mi sporcherò le mani mandando i miei funzionari a uccidere lui e la sua famiglia. Piuttosto, opterò per incastrarlo in qualche omicidio recente, preferibilmente facendo sì che l'intero processo sia un linciaggio mediatico lento e snervante mentre cancello le prove.
  12. In nessun modo presterò attenzione agli insulti dell'eroe. Anzi, li prenderò come complimenti, mentre cerco a tentoni il tasto che aziona la Botola della Morte™.
  13. Non sottovaluterò mai l' eroe.
  14. Se un qualche animale feroce mi mutila, non scapperò a gambe levate ogni volta che mi si avvicina: una fucilata in testa sarà più che sufficiente per toglierlo di mezzo. E già che ci sono, lo trasformo in pantofole e guanti da forno.
  15. Non invaderò mai la Russia. Napoleone e Hitler l'hanno fatto e guarda come sono finiti.
  16. Sarò sicuro della mia superiorità. Pertanto non sentirò il bisogno di metterla in mostra seminando indizi nella forma di indovinelli o lasciando i miei nemici vivi per dimostrare che sono troppo deboli per minacciarmi.
  17. Mettiamo il caso che mi trovi sull'orlo di un baratro mortale, appeso a una radice penzolante, e l'eroe appaia dal ciglio del burrone urlandomi di prendere la sua mano. Anziché rifiutare in un ultimo guizzo di orgoglio malvagio, o strattonarlo per cercare di trascinarlo nel mio destino (entrambe azioni che porterebbero sicuramente alla mia dipartita), accetterò l'aiuto, lo ringrazierò sportivamente e gli dirò che mi sono pentito delle mie azioni. Poi lo butterò nel burrone appena abbassa la guardia.
  18. Non sarò né cavalleresco, né sportivo.
  19. Se sarò obbligato a cavalcare in battaglia, certamente non cavalcherò in prima linea in fronte alle mie Legioni del Terrore, né andrò alla ricerca del mio principale avversario in mezzo al suo esercito.
  20. L'invincibilità non esiste. Mai. Così come l'immortalità. Per questo manterrò comunque un elevato livello di prudenza quando avrò conquistato una di queste facoltà, invece di sghignazzare in faccia ai nemici offrendomi come facile bersaglio. Comunque vada, MAI, IN NESSUN CASO pronuncerò la frase: "No! Questo non può essere! IO SONO INVINCIBILE!", in seguito a cui la morte è istantanea.
  21. Nonostante il loro effetto allevia-stress, non indugerò in risate maniacali. Quando sono così impegnato diventa facile farsi sfuggire sviluppi inaspettati a cui un individuo più attento potrebbe reagire.
    Costui ha seguito questo manuale solo a metà.
  22. Non importa quanto sia tentato dalla prospettiva del potere illimitato, non consumerò mai un campo di energia più grande della mia testa.
  23. Non affiderò per alcun motivo la mia forza vitale ad anelli magici, diari o qualunque altro oggetto semi-senziente. Cadrebbero inevitabilmente nelle mani dell'eroe.
  24. Se mai mi troverò a legare frammenti della mia anima a oggetti in modo da diventare immortale, non userò oggetti famosi appartenuti a personaggi leggendari. Un paio di calzini dal mio cassetto della biancheria andranno benissimo. Se dovessi optare per conservare la fonte del mio potere in una parte del mio corpo, non utilizzerò un molare. Gli eroi hanno sempre un gancio micidiale.
  25. L'artefatto da cui traggo il mio potere non sarà conservato nelle Montagne della Disperazione, oltre il Fiume del Fuoco, sorvegliato dal Dragone dell'Eternità. Sarà nella mia cassaforte.
  26. Se venissi a conoscenza del luogo in cui si trova un artefatto che può distruggermi/aiutarmi a conquistare il mondo, non manderò tutte le mie truppe a prenderne possesso. Al contrario le manderei a impossessarsi di qualcos'altro e metterei un discreto avviso di ricerca per acquisto nel giornale locale.
  27. Naturalmente, prima di impiegare un qualunque artefatto o macchinario catturato, leggerò attentamente il manuale d'uso.
  28. Non cercherò di replicare sul mio corpo lo stesso tragico incidente che ha dato i poteri alla mia nemesi: ci sono buone probabilità che su di me non funzioni allo stesso modo, e un ragno radioattivo al giorno d'oggi è difficile da trovare.
  29. Non costruirò mai niente di importante in singola copia. Per la stessa ragione porterò sempre con me almeno due armi completamente cariche.
  30. Una spada decorata, coperta d'intarsi e avvolta in quindici metri di seta scarlatta rifinita con fili d'oro e tinta con sangue di serpente è utile durante le cerimonie, ma poco pratica in un combattimento. Meglio portarsi sempre dietro qualcosa di più funzionale, dotato di forte potenza e cadenza di fuoco.
  31. Se mi ritroverò mai in possesso di una super-arma inarrestabile la utilizzerò il prima possibile invece di tenerla in riserva.
  32. Se la mia Macchina della Fine del Mondo sarà equipaggiata con un pulsante di funzionamento inverso, subito dopo esser stata utilizzata sarà fusa e trasformata in un'edizione limitata di monete commemorative.
  33. Non stringerò un patto con un essere diabolico, tentando quindi di imbrogliarlo semplicemente perché mi piace essere un bastian contrario.
  34. Non mi proclamerò un dio prima di avere effettivamente ottenuto (in maniera certa e definitiva) il potere assoluto al 100%.
  35. Non proclamerò la mia vittoria in una stanza piena di gente che mi dà la caccia solo perché sono sicuro che il mio piano sia perfetto. Anzi, ne darò l'annuncio tramite gli altoparlanti, così non devo pagare gli addobbi e gli antipasti.
  36. Una volta assicurato il mio potere, distruggerò quelle fastidiose macchine per il viaggio nel tempo.
  37. Risparmierò qualcuno che mi ha salvato la vita in passato. È il solo metodo ragionevole per incoraggiare altri a farlo. Comunque l'offerta è valida solo per una volta, se vogliono che li risparmi ancora è meglio che me la salvino di nuovo.
  38. Non ignorerò fino al termine del mio discorso o divertimento corrente il messaggero ovviamente agitato che barcolla esausto. Potrebbe realmente avere notizie importanti. E nemmeno mi farò prendere dall'ira tanto da uccidere un messaggero che mi porti brutte notizie. I buoni messaggeri sono difficili da trovare.
  39. Un aereo non è un posto sicuro.
  40. Anzi, nessun posto è sicuro al 100%.
  41. Se arriva un fattorino non richiesto espressamente o in ritardo, non lo si farà passare. Corollario 1: Nessuno è così importante da non poter andare dal fattorino in questione all'ingresso per firmare la ricevuta. Corollario 2: Se qualcuno fosse così importante, il fattorino sarà scortato da almeno quattro uomini. In più può anche andare al cesso fuori dai miei uffici.
  42. Anziché convincere una persona a fingersi morta, è preferibile ammazzarla sul serio per evitare che lasci messaggi segreti ai suoi amici.
  43. Se dovessi assoggettare l'umanità con un nuovo, terribile virus, non gli darò un nome minaccioso come "Piaga", "Morte nera" o "Spacca-scroto" solo perché fa figo, e non avrà sintomi vistosi come necrosi, morte e cannibalismo. Al contrario, migliorerà la circolazione e favorirà la diuresi. Poi subentrerà il controllo della mente.
  44. Se, di fronte alla sconfitta inevitabile, dovessi scegliere tra la morte e la prigione a vita, sceglierò la prigione. Non si sa mai, potrebbe sempre saltar fuori un mio sostenitore segreto a farmi evadere.
  45. Non accetterò l'aiuto di un'oscura entità ignota per liberarmi della mia nemesi, specialmente se questa oscura entità mi offre il suo aiuto/oggetto mistico senza richiedere nulla in cambio: la magagna c'è. Sempre.
  46. La mia entrata di scena dovrà essere spettacolare: questo distingue un comune cattivo da un vero supercattivo.

Frasi per tutte le occasioni

  1. In generale, parlerò il meno possibile, essenzialmente in occasioni pubbliche o per prendere tempo. Non ho bisogno di dimostrare niente a nessuno, e se sto per uccidere un nemico col mio raggio della morte, non gli esporrò esaustivamente quanto sia piccolo e inutile. Lo ucciderò e basta.
  2. Assolutamente, non pronuncerò mai frasi del tipo "Ma prima di ucciderti c'è un'ultima cosa che voglio sapere".
  3. Non pronuncerò mai frasi tipo "Ci rivedremo [nome dell'eroe]! E allora me la pagherai!", frasi del genere sono inutili e fuori moda, per di più danno un'aria da maniaco.
  4. Non dirò mai all'eroe: "Pensa insieme cosa potremmo fare, tu e io, come dominatori del mondo!". Se l'eroe accettasse per davvero, mi ritroverei nell'assurda situazione di dover condividere il potere con un buono, e i buoni sono peggio delle suocere, quando ci si deve dominare il mondo insieme. Non conviene.
  5. Dire "Fermo, alza le mani, voltati" è molto meno efficace che sparare alle spalle senza avvisi di sorta. Comunque, non sparerò a nessuno dei miei nemici se questi se ne stesse di fronte al supporto cruciale di una pesante, pericolosa, sbilanciata struttura.
  6. Non farò esaltati monologhi stile musical. Non si sa mai chi può essere in ascolto.
  7. Se fosse necessario fuggire non mi fermerò per mettermi in posa drammatica e pronunciare una frase memorabile.
  8. Se arriverò al punto in cui dovrò solo premere il pulsante della mia Macchina Infernale per conquistare il mondo, e naturalmente arriverà l'eroe con i suoi compagni, non gli urlerò qualcosa tipo: "È troppo tardi!! Nessuno può fermarmi ormai!" Mi limiterò a premere il dannatissimo pulsante.
  9. Non mi congratulerò mai con il mio nemico (i complimenti aiutano l'autostima: meglio evitarli), al contrario mi rivolgerò sempre a lui con tono di profonda commiserazione per mandarlo in confusione.
  10. Nel malaugurato caso in cui venissi sconfitto, assumerò un'aria smarrita e innocente e imbastirò una buona scusa per i miei precedenti comportamenti (es. "infanzia infelice", "credevo di far bene" ecc.). Gli eroi sono dei teneroni e l'orgoglio ha già mietuto numerosi signori del male.
  11. Se mai catturassi degli amici dell'eroe o lo stesso eroe, eviterò di andarmene augurandogli sarcasticamente buona fortuna: è scientificamente provato che così le loro possibilità di fuga aumentano del 99,8%.

Il mio diabolico look

Oltre al fatto che saresti accusato di plagio, una forma del genere è fin troppo eterea e abusata. Inoltre non potresti godere dei piaceri terreni.
  1. Non mi accanirò contro chi sembra più bello o affascinante di me. La bellezza è una percezione soggettiva.
  2. Non diventerò un megalomane dall'accento russo, totalmente calvo con molte rughe sulla fronte, monocolo, pistola russa e risata malefica.
  3. Non mi farò crescere una barbetta a pizzo. Nei vecchi tempi dava un look diabolico. Ora fa solo sembrare un membro disaffezionato della Generazione X.
  4. Non indosserò mai un mantello. Per quanto affascinante, potrebbe incastrarsi da qualche parte nei momenti cruciali.
  5. Mi vestirò in colori brillanti (ma non di rosso) e allegri per gettare i miei nemici nella confusione.
    Scelta di vestiario assolutamente sbagliata. Il blu non si intona con gli occhi!
  6. Nel caso fossi uno scienziato, opterò sempre per colori chiari e abiti semplici, mai per armature iper-tecnologiche che fanno inevitabilmente cortocircuito.
  7. Non tenterò disperatamente di assomigliare ad un serpente o a qualche altro strano animale. Oltre ad essere antiestetico, demoralizza i miei sottoposti. Meglio evitare.
  8. Eviterò ogni forma di inutile quanto costosa ostentazione di potere e denaro. Sarò sobrio e borghese.
  9. Non indosserò enormi copricapi con addobbi inutili come corna. Sono ingombranti, ridicoli e coprono la visuale.

La famiglia

  1. Il mio nobile fratellastro a cui ho usurpato il trono sarà ucciso, non tenuto imprigionato anonimamente in una cella dimenticata del mio sotterraneo.
  2. Stesso dicasi per qualunque altro eventuale parente in grado di reclamare il trono, fosse anche in culo al mondo.
  3. Non avrò un figlio. Sebbene il suo risibile e mal pianificato tentativo di usurpare il mio potere fallirà creerà comunque una distrazione fatale in un momento cruciale.
  4. Non avrò una figlia. Sarebbe tanto bella quanto malvagia, ma basterebbe un'occhiata al viso rude dell'eroe per farle tradire il proprio padre.
  5. Mettiamo il caso abbia già una figlia, e la legge mi impedisca di praticare sulla mia malefica consorte un aborto del 18esimo anno. Nel caso dovesse rifiutare di rinunciare all'amore per l'eroe, mi limiterò ad abbracciarla con fare paterno, affidarla all'eroe stesso e organizzare un sontuoso matrimonio al termine del quale le Legioni del Terrore sfileranno in onore degli sposi. Sarebbe sciocco da parte dell'eroe rovinare la sua stessa festa. E alla fine di tutto lo ucciderò.
  6. Nel caso la mia seducente e malefica consorte dimostrasse segni inequivocabili di attrazione sessuale per l'eroe, sarà mia premura ordinare la sua esecuzione immediata, ma in sede privata. Per quanto una bella gnocca non si butti mai, probabilmente la prossima seguirà meglio il seminario di orientamento.
  7. Dopo aver rapito la bella principessa, la sposerò immediatamente in un sobrio rito civile, non sarà un lussuoso spettacolo della durata di tre settimane durante le quali le fasi finali del mio piano saranno portate a compimento.
  8. Se la suddetta principessa mi dicesse "Non ti sposerò mai! Mai, mi hai sentito, MAI!", risponderò "Va bene" e la ucciderò.
  9. Non sottostarrò a eventuali parenti petulanti, ma neanche li ucciderò: la mia immagine ne risentirebbe. Piuttosto finanzierò quella vacanza ai tropici che hanno sempre desiderato.

Il mio impero del male

In ogni caso, è meglio seguire i consigli dell'esperto.
  1. Non baserò la ricchezza del mio impero su una formula matematica segreta scoperta da un mio antenato: chiunque, con le appropriate conoscenze, potrebbe scoprirla per conto suo, e se così non fosse, spunterebbe fuori un discendente di primo piano della mia stirpe che credevo morto, e la rivelerebbe ai ribelli.
  2. I fedelissimi e coloro che mi hanno sostenuto nella mia scesa avranno posti importanti nel mio impero, ma farò in modo che siano posti adatti alle loro competenze: non metterò un bruto sanguinario come mio rappresentante diplomatico. Se proprio non trovo posti adatti, farò in modo che siano circondati da uno stuolo di leccapiedi che gli dicano cosa fare (e che prenderanno ordini da me).
  3. Non costruirò mai un computer senziente più furbo di me.
  4. Non includerò un meccanismo di autodistruzione a meno che non sia assolutamente necessario.
  5. Nel caso, non sarà un grosso pulsante rosso etichettato "Pericolo: Non Premere".
  6. Il grosso pulsante rosso etichettato "Pericolo: Non Premere" farà esplodere una mina sotto il culo di chi sarà così stupido da premerlo. E poi non si dica che non l'avevo avvisato.
  7. Similmente l'interruttore ON/OFF non sarà etichettato come tale.
  8. Non userò un vistosissimo e rumorosissimo allarme rosso generale, bensì una discreta vibrazione nella tasca di ogni guardia.
  9. Non impiegherò mai uno strumento che includa un countdown digitale. Se lo userò, mi assicurerò di avviarlo personalmente almeno quaranta minuti prima di quanto specificato nel piano, in modo che l'eroe non arrivi in tempo per fermarlo.
  10. Non utilizzerò piani in cui il passo finale sia terribilmente complicato, per esempio "Allineare le 12 Pietre del Potere sul Sacro Altare e quindi attivare il medaglione nel momento di eclissi totale". Saranno piuttosto lungo una linea del tipo "Premete il pulsante".
  11. Uno dei miei consiglieri sarà un bimbo medio di cinque anni. Ogni mancanza che identificherà in un mio piano sarà corretta prima che questo sia implementato.
  12. Al mio consigliere bambino di cinque anni chiederò anche di decifrare qualunque codice cifrato che penso di utilizzare. Se riesce a decodificarlo in meno di 30 secondi non lo utilizzerò. Nota: questo si applica anche alle password.
  13. Quando creerò una presentazione multimediale dei miei piani così che il mio consigliere bambino di cinque anni possa comprenderne i dettagli con facilità non etichetterò il disco come "Progetto Overlord" e non lo lascerò in giro sulla mia scrivania.
  14. Se i miei consiglieri chiedessero "Perché stiamo rischiando tutto su un piano così pazzo?" non proseguirò fino a che non avrò una risposta soddisfacente.
  15. Ogni nuova assunzione all'interno della mia organizzazione sarà adeguatamente notificata con il giusto numero di circolari, nessuno così potrà spacciarsi per "quello nuovo".
  16. Le famiglie dei miei dipendenti saranno trasferite all'interno della mia base e visionate 24 ore su 24 da personale medico autorizzato, ciò impedirà chiamate nel pieno della notte da qualcuno che millanta il malanno delle loro mogli, o che li minacci di far del male alle stesse.
  17. La prigione sarà situata all'esterno della mia base e imbottita di tritolo. Se i prigionieri dovessero scappare, mi basterà premere un bottone.
  18. Non riempirò le mie segrete con ogni contadinotto osi parlare male di me. La mia fortezza non è un albergo.
  19. Non arrangerò la prigione con un pozzo di vetro profondo 30 metri e privo di ascensore. Se ci cadessi io, sarebbe un bel guaio.
  20. Ma nemmeno costruirò celle di 100 metri quadri con tappeti orientali e maggiordomo inglese per i prigionieri importanti. Un cubicolo di 3mX3mX3m sarà sufficiente. Indurre claustrofobia è una tortura efficace, e in più risparmio sul parquet.
  21. Le celle del mio sotterraneo non saranno fornite di oggetti contenenti superfici riflettenti o qualunque oggetto che possa essere divelto.
  22. Il mio sotterraneo avrà il proprio staff medico qualificato completo di guardie del corpo. Quindi se un prigioniero si ammalasse e il suo compagno di cella dicesse alla guardia che è un'emergenza, questa chiamerà la squadra di soccorso invece di aprire la porta della cella per dare un'occhiata.
    Lui avrebbe dovuto leggere qui prima di entrare in guerra.
  23. Tutte le levatrici saranno bandite dal reame. I bambini nasceranno in ospedali approvati dallo stato.
  24. Nel caso una profezia preannunci che un bambino che sta per nascere porrà fine al mio regno di terrore, non ucciderò tutti i nati di quel giorno e non tenterò di trucidare i suoi genitori, bensì falsificherò abilmente le sue ecografie e convincerò la madre a praticare un aborto in una comoda clinica privata.
  25. Agli orfani sarà trovata una famiglia adottiva e non saranno abbandonati nella foresta per essere cresciuti come creature selvagge.
  26. Per tenere i miei sudditi in una trance ipnotica fornirò a ognuno un accesso Internet o Mediaset premium gratuito e illimitato.
  27. Avrò i miei vigili del fuoco personali.
  28. Il mio contabile non uscirà mai dalla mia casa, e se dovesse rendersi necessario girerà con 10 guardie del corpo che non lo molleranno neanche in bagno.
  29. Nel mio impero sarà proibita la vendita di armi ai civili e le palestre di arti marziali saranno chiuse immediatamente. I vecchi che insegnano arti marziali nella foresta saranno stanati e uccisi a mitragliate da squadre di 20 uomini.
  30. Perché darsi tanta pena per conquistare un Paese se poi lo voglio distruggere? Meglio mettere da parte gli oscuri piani di distruzione e trasformarlo in paradiso fiscale per rifarmi delle perdite; tra l'altro, questo aumenterà l'innovazione tecnologica di cui potrò fare uso rendendomi ancora più forte.
  31. Non distruggerò mai e poi mai i boschi: un esercito di spiriti dei boschi è un nemico difficile.

Il mio quartier generale/fortezza del male/piramide capovolta o altro

  1. Eviterò un aspetto troppo maestoso per la mia base/fortezza/covo, dà troppo nell'occhio e io non voglio essere scoperto. Una sobria baita all'Aprica andrà più che bene per i primi tempi, poi si vedrà.
  2. Anche se fa figo e il riscaldamento è economico, non costruirò mai la mia base vicino a un fiume di lava. A meno che io non sia completamente immune alle alte temperature.
  3. Le mie vasche di prodotti chimici pericolosi saranno coperte mentre non sono in uso. Inoltre non costruirò passaggi sopra di esse.
  4. Eviterò che il mio covo si trovi in una località in culo al mondo, sarebbe troppo difficile far arrivare i rinforzi. Nonostante questo, farò sì che il mio covo stia sufficentemente nascosto.
  5. Tutti i prodotti per le pulizie che verranno usati nel mio edificio saranno rigorosamente di origine vegetale e non-tossici, nel caso venga in mente all'eroe o un suo compare di dare al rogo parte del mio preziosissimo edificio o di rubare una siringa e minacciare di iniettare Ace Gentile nel collo di un mio funzionario.
  6. Eviterò di avere una Sfinge o una statua colossale che consenta l'accesso al mio maniero a chiunque risponda ad un antico indovinello. Invece penso la sostituirò con una segretaria bella ma stronza che chiederà ai visitatori nome, data di nascita, codice fiscale, professione, indirizzo, impronte digitali, numero di casa e di scarpe, foglio delle vaccinazioni, curriculum vitae, scontrini degli acquisti fino a dodici mesi prima, titolo di studio dove applicabile e infine chiamerà la sicurezza per chiunque non abbia fissato un appuntamento per quel giorno particolare a quella data ora.
  7. La caserma delle guardie sarà situata nel sotterraneo del palazzo, e avrà diverse uscite secondarie. Il sistema d'areazione sarà a ciclo chiuso per evitare colpi di genio dell'eroe come l'immissione di gas nelle tubature.
  8. Le mie uscite secondarie e nascoste non si apriranno muovendo una statua o un libro, si apriranno solo e solo quando io digiterò un codice di non meno di 20 cifre sulla calcolatrice nel mezzo del mio tavolo.
  9. Ogni porta del mio edificio sarà dotata di un metal detector invisibile e funzionante grazie a una batteria scollegata dall'impianto elettrico generale, nel caso l'eroe decidesse di minacciare un mio funzionario con una pistola o un pugnale nascosti nelle tasche per fargli aprire le mie porte.
  10. Il mio allarme antincendio sarà dotato di telecamera nascosta e sarà dotato di allarme che sarà attivato solo dopo il mio consenso e di quello di un speciale corpo di ricerca che si occuperà di controllare la parte dell'edificio dopo che l'allarme ha suonato, nel caso l'eroe decidesse di distrarre i miei funzionari e me accendendo un fiammifero o una Molotov scrausa sopra l'allarme.
  11. Tutte le prese elettriche del mio edificio saranno a norma e ricoperte di gomma spessa non meno di due centimetri, nel caso l'eroe decidesse di arrivare alla forza bruta.
  12. Se l'eroe venisse mai arrestato nelle mie diaboliche prigioni, farò sì che le sue razioni di cibo saranno sufficienti solo per sopravvivere e farcite di narcotici.
  13. Farò sì che l'eroe non possegga oggetti di alcun tipo nelle mie prigioni, nel caso il suo potere si trovasse in essi e l'eroe lo usasse per scappare.
  14. Le porte delle mie prigioni saranno a prova di corrosione, senza neanche la più piccola finestra e costruite per durare secoli.
  15. L'ultimo piano di un palazzo è il primo a crollare, il primo piano il più sepolto. Vivrò in un palazzo a un solo piano, antisismico.
  16. Il mio palazzo avrà un sistema elettrico totalmente a prova di cortocircuito o di esplosioni.
  17. I servizi essenziali del mio palazzo avranno una batteria di riserva capace di tenerli accesi per non meno di una settimana.
  18. Il mio palazzo non si reggerà su un singolo punto di appoggio ma avrà colonne in abbondanza (ciò comunque non significa che dovrà assomigliare al Partenone).
  19. Il terreno su cui è costruito il mio palazzo sarà rivestito di cemento, in modo da evitare che qualche mio nemico entri tramite tunnel sotterranei.
  20. Il mio edificio sarà nascosto in un complesso di covi simili per rendere più complicata l'intercettazione. Tale complesso comprenderà un piccolo parco nazionale e almeno una decina di giardini zen orientali, così da ottenere l'approvazione di associazioni animaliste quali il WWF. Inoltre l'eroe sarà troppo rilassato per ostacolarmi.
  21. La mia base non avrà mai, mai, MAI un soffitto di vetro o di qualunque materiale trasparente e/o che possa essere sfondato senza far rumore.
  22. Le vetrate non saranno in semplice vetro ma in lastroni di materiale trasparente antisfondamento, spesse minimo 5 pollici e a specchio.
  23. Assumerò un team di architetti e di geometri iscritti all'albo per esaminare il mio castello e informarmi di ogni passaggio segreto e tunnel abbandonato di cui potrei non essere a conoscenza.
  24. Ogni singolo bambino autistico capace di violare codici crittografici di grado militare, hacker sedicenne talentato ma escluso dalla società e professore sottopagato ma geniale, con una lunga carriera e una teoria scientifica rivoluzionaria capace di cambiare il mondo non importa quanto strampalata lavorerà per me o dipenderà completamente da me, invece di aiutare l'eroe nella sua missione di uccidermi.
  25. Tutti i computer nel mio diabolico edificio saranno portatili, resistenti alla caduta o alla manomissione, senza porte USB e non funzioneranno se disconnessi dalla mia rete principale oltre che protetti da un antivirus aggressivo e rigorosamente aggiornato.
  26. I miei condotti di ventilazione saranno troppo stretti per strisciarci attraverso e comunque ospiteranno una ricca collezione di serpenti velenosi.
Ecco il pesce rosso perfetto per il tuo nuovo acquario
  1. La mia base avrà la lavanderia interna con annessi corridoi al coperto, inoltre il personale addetto avrà una propria divisa con cartellino e vivrà nelle apposite stanze della servitù (la quale avrà una buona paga): nessun eroe potrà infiltrarsi dall'esterno spacciandosi per lavandaio.
  2. I laboratori di sviluppo delle mie armi saranno esattamente al centro della mia base, protetti da 10 guardie per ingresso affiancate da robot killer e tenuti sott'occhio da 2 telecamere per metro quadrato.
  3. L'armeria della mia base sarà accessibile solo tramite l'inserimento di un codice esadecimale di 20 cifre variato ogni 10 minuti e comunicato alle guardie tramite impianto corticale interno. Se il codice verrà sbagliato partirà l'allarme.
  4. Progetterò i corridoi della fortezza senza nicchie o supporti strutturali protundenti che gli intrusi possano utilizzare come copertura in uno scontro a fuoco. Inoltre le pareti saranno "bombate" quanto necessario, di modo che i proiettili rimbalzino e colpiscano comunque un'eventuale spia/intruso/amico jellato dell'eroe durante la fuga.
  5. Non ci sarà un solo punto in ombra nel mio castello.
  6. La tastiera del sistema di sicurezza sarà in realtà un rilevatore di impronte digitali.
  7. I meccanismi delle mie porte saranno progettati in maniera tale che sparare sul pannello di controllo esterno sigillerà la porta e sparare su quello interno le aprirà, non il contrario.
  8. Le fotocellule laser non lasceranno mai un passaggio disponibile per far entrare un qualsiasi contorsionista, né proteggeranno nulla che sia abbastanza piccolo da passare tra un raggio e l'altro usando una sonda, e assolutamente non funzioneranno a intervalli regolari. Saranno un muro a emissione continua senza spiragli, spesso almeno un metro e a reazione immediata.
  9. La spazzatura sarà incenerita, non compattata. E l'inceneritore sarà costantemente in funzione, senza assurdità tipo fiamme che passano attraverso tunnel accessibili a intervalli predicibili.
  10. Se devo avere un sistema computerizzato con terminali accessibili pubblicamente, le mappe del mio complesso conterranno una stanza indicata chiaramente come "Stanza di Controllo Principale". Questa sarà la fossa degli alligatori.
  11. La vera stanza di controllo principale non sarà indicata come Bacino di Scarico delle Fogne perché a certi eroi piace stare nelle fogne quindi non sarà indicata da nesuna parte.
  12. Non progetterò la Sala di Controllo Principale in modo che ogni stazione di lavoro sia orientata con le spalle alla porta.
  13. La mia sala di controllo non avrà gigantesche vetrate a specchio dietro la scrivania, non sarà circondata da un fossato dove potrei cadere e soprattutto non sarà isolata dal resto della base.
  14. I miei computer centrali avranno un loro proprio sistema operativo centrale che sarà completamente incompatibile con quelli standard IBM e Macintosh.
  15. Nessuna stanza di vitale importanza sarà protetta solo da sensori di calore o pressione, ma anche da un buon numero di telecamere e uomini armati dentro la stanza stessa. Ci vivranno, se necessario. Le telecamere faranno capo a più posti di controllo disseminati in varie parti del globo e non a una sola stanza dove possa entrare chiunque abbia un vassoio del caffè in mano.
  16. Non ci sono sezioni della mia fortezza dove la sorveglianza non è necessaria. Piazzerò sentinelle, telecamere, sensori di ogni tipo anche negli scarichi fognari, nei pilastri delle fondamenta e sui gargoyle di pietra che abbelliscono esteticamente i tetti.
  17. Non utilizzerò cose come robot assassini; per quanto all'avanguardia, finirebbero per danneggiare più il mio covo che eventuali intrusi, inoltre la loro manutenzione costerebbe un occhio della testa.
  18. Mai e per nessun motivo userò come nucleo del mio sistema energetico un globo di antimateria sospeso in un campo di forza. All'eroe basterebbe sabotare quest'ultimo per radere al suolo la mia fortezza insieme a mezzo continente.
  19. Nel caso dovessi proteggere stanze particolarmente importanti, non costruirò lunghi corridoi irti di trappole camuffate da statue gargoyle. Chiunque abbia visto Indiana Jones saprà di doversi tenere alla larga.
  20. In generale, non includerò nella mia fortezza strutture come labirinti, percorsi ad ostacoli o antiche arene romane. Per quanto divertenti, è dimostrato che sono inutili contro l'eroe. Tra l'altro nei corridoi labirintici potrei perdermici anch'io.
  21. Non costruirò, nel cuore del mio salotto, un immenso pozzo senza fondo per minacciare i miei ospiti facendovi cadere fiaccole accese: il rischio di cadervi accidentalmente è eccessivo. Se proprio fossi costretto a costruirlo, mi assicurerò di segnalarlo in modo adeguato.
  22. Se mai dovessi comprare una piscina piena di squali mi assicurerò che siano stati addestrati a non mangiare né me né i miei uomini.
  23. La mia eventuale stazione orbitale sarà provvista di gusci di salvataggio puntati verso la Terra in ogni stanza. La rotta di questi ultimi non potrà essere alterata in alcun modo, e si apriranno solo inserendo un codice segreto.
  24. Nel caso la mia fortezza stia per crollare, non mi metterò a suonare l'organo ridendo come un folle o altre sciocchezze, ma sarò svelto a fuggire.
  25. La mia base (così come le mie navi, le mie astronavi e qualunque altra cosa meriti protezione antiaerea) non sarà protetta solo da enormi cannoni più grossi degli aerei che devono colpire, che sarebbero palesemente troppo lenti per abbaterli permettendo al piccolo caccia dell'eroe di lanciare un missile nell'unico punto vulnerabile, ma anche da una fitta rete di pezzi a tiro ultrarapido e in grado di seguire qualunque aereo sia anche solo ipotizzato essere in mano al nemico. Ah, e per la cronaca, non ci saranno scarichi che conducono direttamente al reattore principale.

Il mio esercito del male

  1. Prima di diventare arma d' ordinanza delle mie legioni del terrore, ogni prototipo verrà esaustivamente testato in modo da verificarne l' efficacia e l' affidabilità.Corollario non importa quanto siano fighe a vedersi: non verranno tollerate decorazioni o accessori quali lame, spuntoni, ali di pipistrello, lucine colorate et simila. Le armi devono essere pratiche e funzionali.
  2. Al momento di decidere che tipo di truppe arruolare, terrò presente questo: gli esseri umani tradiscono; i robot si possono riprogrammare; i mutanti sono difficili da controllare. Il mio esercito comprenderà un po' di umani, un po' di robot, un po' di mutanti.
  3. Non dirò alle mie Legioni del Terrore: "Prendetelo Vivo!" Il comando sarà: "Tentate di prenderlo vivo se è ragionevolmente pratico".
  4. Non insulterò mai il mio esercito, nè lo schernirò. Anzi, molto spesso sarò gentile con loro, ma non gli monterò mai la testa.
  5. Per diventare guardia delle prigioni o dei miei appartamenti, sarà necessario superare un esame scritto, orale, pratico, test psicologico, d'acume e non avere parenti con anche solo leggere antipatie verso di me per almeno dieci generazioni addietro.
  6. Mi assicurerò di avere una chiara comprensione di chi è responsabile di cosa nella mia organizzazione. Per esempio, se il mio generale rovinasse tutto non estrarrò l'arma, puntandogliela contro e dicendo "E questo è il prezzo del fallimento", per poi girarmi di scatto e uccidere un sottoposto a caso. Ucciderò lui.
  7. Se un consigliere mi dicesse "Mio signore, ma è solo un uomo. Cosa potrà mai fare?", risponderò "Questo!" e lo ucciderò.
  8. Se un gruppo di seguaci dovesse fallire miseramente un incarico non li accuserò di incompetenza per poi mandare fuori di nuovo loro a riprovarci. Invece li declasserò a lavapiatti nelle cucine e manderò un'altra squadra.
  9. Le mie Legioni del Terrore avranno elmetti con visori di policarbonato trasparenti, non quelli che nascondono la faccia.
  10. Assumerò uno stilista affermato per creare le uniformi per le mie Legioni del Terrore, invece di affidarmi a qualche economico maneggione che me li faccia sembrare truppe Nazi, fanterie Romane o selvagge orde Mongole. Tutti questi furono infine sconfitti e io voglio che le mie truppe abbiano un atteggiamento mentale più positivo.
    Non mi ispirerò MAI agli Stormtrooper. Se proprio voglio copiare il loro stile, mi assicurerò che TUTTI i soldati frequentino assiduamente un intensivo corso di mira da brevi (e lunghe) distanze.
  11. Non richiederò a membri di alto rango della mia organizzazione di indossare busti di acciaio inossidabile. Il morale è migliore con uno stile di abiti più casual. Similmente le uniformi interamente di cuoio nero saranno riservate solo per occasioni formali.
  12. Le mie Legioni del Terrore saranno addestrate nei principi base del tiro a bersaglio. Chiunque non riesca a colpire un bersaglio di dimensioni umane alla distanza di 10 metri sarà usato come bersaglio d'addestramento.
  13. Il bersaglio in questione sarà sempre una persona viva condannata a morte per ragioni varie, chiunque mostrerà eccessiva empatia esitando a sparare sarà soppresso immediatamente
  14. Le armi del mio esercito non assomiglieranno a dei fucili crucchi, o altri arnesi minacciosi: saranno camuffate da torce elettriche.
  15. Manterrò una riserva speciale di armi a bassa tecnologia e addestrerò le mie truppe a utilizzarle. Cosicché - anche se l'eroe riuscisse a neutralizzare il mio generatore d'energia e/o a rendere inutilizzabili le armi a energia standard - le mie truppe non saranno sopraffatte da una manica di selvaggi armati di rocce e lance.
  16. Istruirò le mie Legioni del Terrore ad attaccare l'eroe in massa, invece di temporeggiare mentre lo attaccano uno o due alla volta.
  17. Se proprio fosse inevitabile, prima che una mia guardia tenti di uccidere l'eroe da sola, dovrà assicurarsi di suonare l'allarme generale prima.
  18. Non importa quanti cortocircuiti ci saranno nel sistema, le mie guardie saranno istruite a trattare ogni malfunzionamento di una telecamera del sistema di sicurezza come un'emergenza di massima gravità.
  19. Le mie guardie si dovranno controllare a vicenda e mai stare a meno di 3 metri una dall'altra. Nessuno saprà chi è che mi riferisce tutto e non potranno mai offrirsi panini, sigarette o parlare di donne sul lavoro lasciando tutto il tempo all'eroe di arrivargli di spalle.
  20. Per lo stesso motivo tra due stanze una guardia guarderà nella direzione opposta all'altra, coprendosi così le spalle a vicenda.
    Due aspiranti supercattivi che leggono quest'articolo
  21. Quando le mie guardie si divideranno per cercare intrusi viaggeranno sempre in gruppi di almeno due. Saranno addestrate in modo che se uno scomparisse misteriosamente mentre è di pattuglia l'altro darà immediatamente l'allarme e chiamerà rinforzi, invece di guardare perplesso dietro l'angolo.
  22. Come assassini specializzati utilizzerò solo cacciatori di taglie che lavorano per denaro. Quelli che vivono per il piacere della caccia tendono a fare cose stupide, come combattere ad armi pari per dare una possibilità sportiva alla preda.
  23. Non manderò solo una frazione delle mie truppe contro il nemico nel caso sia formato da primitivi: al contrario, farò un ripulisti generale sterminando qualunque forma di vita che possa anche solo pensare di combattere per altri miei nemici in futuro.
  24. Non invierò neanche tutte le mie truppe lasciando scoperto il centro di controllo che potrà così essere conquistato da una manica di pezzenti. Regola doppiamente valida se il centro manovra il mio intero esercito di droidi.
  25. I miei eventuali droidi non si muoveranno con passo cadenzato e lento, ma avranno forma e agilità umane, inoltre dovranno essere forniti di ogni genere di sensore per scansionare costantemente i propri dintorni.
  26. Il mio mostro personale sarà tenuto in una gabbia sicura dalla quale non possa scappare e nella quale io non possa accidentalmente cadere.
  27. Tratterò con rispetto ogni bestia sotto il mio controllo mediante magia o tecnologia. Perciò anche se il controllo venisse rotto non mi attaccherebbe immediatamente per vendetta.
  28. Il mutante deforme e lo psicotico squilibrato avranno il loro posto nelle mie Legioni del Terrore. Comunque prima di inviarli in qualche missione segreta che richieda tatto e sottigliezza, controllerò prima se c'è qualcun altro altrettanto qualificato e che attragga meno l'attenzione.
  29. Se decidessi di testare la fedeltà di un sottoposto per verificare se può diventare un sottoposto fidato, avrò una squadra di cecchini pronta nel caso che la risposta sia no.
  30. Mi fiderò dei miei sottoposti abbastanza da chiedere consigli e da subordinare il comando delle operazioni nei casi critici, ma non tanto da non intercettare le loro chiamate,lettere,sms e e-mail.
  31. Usare la morte di una persona cara per accendere sete di vendetta nei miei sottoposti sarà anche meschino, però funziona. Comunque, sempre per mantenere una buona immagine, lo farò con moderazione.
  32. Se il mio fidato luogotenente mi dirà che le mie Legioni del Terrore stanno perdendo una battaglia gli crederò. Dopotutto è il mio fidato luogotenente.
  33. Se una delle guardie dei miei sotterranei iniziasse a manifestare preoccupazioni riguardo le condizioni della cella della bella principessa, sarà trasferito in un posto meno a contatto con le persone.
  34. Nel caso voglia farmi un esercito di non morti, ne utilizzerò pochi, non li vestirò con stracci ma con una bella uniforme, saranno freschissimi e con i muscoli abbastanza integri da farli muovere rapidamente, oppure scheletri tenuti insieme da magie oscure (solo in caso di necessità ESTREMA, l'eroe non deve trovare il modo di controllarli), immuni alla pistola infallibile dell'eroe.
  35. I miei velivoli non inseguiranno mai l'obiettivo dentro a canyon, campi di pale eoliche, metropoli fitte di grattacieli o qualunque altro tipo di ostacolo, ma aumenteranno la quota di volo e li seguiranno da una posizione più sicura; ciò non impedirà al cretino del gruppo di inseguirli lo stesso e schiantarsi alla prima curva, ma se non altro questo favorisce il turn-over.
  36. Tutti i veicoli da combattimento entreranno in azione con botole e portelli chiusi, soprattutto se si prevede di combattere in ambienti ricchi di alberi, edifici o altri spazi verticali o se i nemici sono agili e/o noti per compiere azioni temerarie. Detti portelli e botole avranno serrature a prova di proiettile e soprattutto NON saranno apribili dall'esterno senza la chiave corrispondente, la quale sarà disponibile in una sola copia affidata al pilota del mezzo.
  37. I piloti dei miei camminatori da battaglia saranno addestrati a non avanzare su terreni pieni di tronchi d'albero abbattuti sui quali potrebbero rotolare, o nel caso abbiano la sensazione che le gambe dei mezzi siano state legate con un cavo d'acciaio.

Il mio apprendista/tirapiedi/cacciatore/Nazgul

Ecco, questo è un buon esempio di apprendista squilibrato. Infatti muore come un coglione.
  1. Sceglierò il mio apprendista quando è ancora molto piccolo, in modo da poterlo plasmare a mio piacimento.
  2. Il mio apprendista proverrà da una razza diffusa e civile: le creature abominevoli dimenticate da tempo sono selvagge e instabili.
  3. Dopo averlo scelto, ordinerò alle mie guardie di impiccare tutti i parenti del bambino fino alla diciottesima generazione: le relazioni familiari potrebbero distoglierlo dai suoi compiti.
  4. Non tratterò di merda il mio figlio nano ma astuto, anche se avesse fatto morire di parto mia moglie, anzi, lo incoraggerò a sviluppare le sue doti intellettive per usarle a mio vantaggio; in caso contrario, è statisticamente provato che morirei oribilmente ucciso dallo stesso figlio che avevo deriso (il trono di spade docet).
  5. Un team di psicologi terrà costantemente sotto controllo la sua stabilità mentale: anche se un apprendista squilibrato fa più "stile" è statisticamente provato che morirà orrendamente nella stessa trappola che aveva sadicamente preparato.
  6. Il mio apprendista non potrà uccidere sottoposti a caso, strangolandoli a mezz'aria solo perché gli hanno parcheggiato male la macchina: l'unico ad avere quel potere sarò io.
    Una cisti del genere, tormentato da infiniti sensi di colpa e pronto a tradirmi, non ha cittadinanza nel mio Impero. ERA il Prescelto...avesse fatto più attenzione ai cartelli "Attenzione: fiume di lava".
  7. Nel caso trovi il mio apprendista che brucia come un falò lungo un fiume di lava, lo lascerò squagliarsi. Non mi servirebbe a niente avere una caffettiera asmatica che oltre a non combinare nulla di buono sottrae risorse alla Pubblica Sanità.

Morte agli infedeli!

  1. Non duellerò mai personalmente con chi vuole uccidermi, ma lo farò trucidare dalle mie guardie.
  2. Attaccare qualcuno alle spalle mentre è ubriaco di notte non è affatto meschino. E comunque sarà uno dei miei ninja assassini a farlo, non certo io.
  3. Non accetterò compromessi di nessun tipo.
  4. Quando concederò udienza a qualcuno, a meno di non aver personalmente verificato la lealtà di questo qualcuno non più addietro di due settimane prima, costui dovrà lasciare fuori qualunque oggetto metallico e non. A costo di far strisciare per terra un poliomielitico.
  5. Non farò sorvegliare i prigionieri da guardie del sesso opposto, e le mie guardie saranno rigorosamente etero, ancor meglio se felicemente sposate e fulgidi esempi di fedeltà coniugale. Così non potranno innamorarsi dei prigionieri e liberarli.
  6. Non interrogherò i miei nemici nella mio sancta sanctorum - un piccolo hotel al di fuori dei miei confini sarà sufficiente.
  7. Sparare ai miei nemici non sarà troppo poco per loro.
  8. Non mi vanterò dei problemi dei miei nemici prima di ucciderli.
  9. Se venissi a sapere che un giovane imberbe ha iniziato una missione per distruggermi, lo ucciderò finché è ancora un giovane imberbe invece di aspettare che maturi.
  10. Se un nemico che ho appena ucciso ha un fratello più giovane o una discendenza ovunque si trovino, li rintraccerò e li ucciderò immediatamente, invece di aspettare che crescano covando sentimenti di vendetta verso di me, per poi attaccarmi quando sarò nella vecchiaia.
  11. Se una giovane coppia attraente entrasse nel mio reame, ne controllerò attentamente l'attività. Se scoprissi che sono felici e affezionati li ignorerò, se invece le circostanze li avessero forzati insieme contro il loro volere e passassero tutto il tempo a discutere e a lamentarsi eccetto che durante le intermittenti occasioni in cui si salvano la vita a vicenda e nelle quali ci sono tracce di tensione sessuale, ordinerò la loro esecuzione immediata.
  12. Tutti i nemici uccisi saranno cremati, o perlomeno numerosi caricatori di munizioni scaricati nei loro corpi. Non saranno dati per morti in fondo a un precipizio. Nel caso ciò accadesse manderò immediatamente il mio fidato luogotenente ad esplorare il fondo del burrone per verificare la situazione.
  13. L'annuncio della loro morte, così come le conseguenti celebrazioni saranno deferite fino all'esecuzione di quanto sopra.
  14. La magia nera sarà bandita, e i soli testi che ne parlino conservati nella mia biblioteca, così che eventuali oppositori morti non possano essere riportati in vita.
  15. Per ulteriore sicurezza, tutte le tombe/fosse comuni/mausolei/urne/piramidi saranno sradicati dalle fondamenta e sostituiti da forni crematori al plasma che vaporizzeranno tutti i cadaveri (o quello che ne resta).
  16. Non importa quanto siano attraenti certi membri della ribellione, probabilmente ce ne sono di altrettanto attraenti che non cercano disperatamente di uccidermi. Pertanto ci penserò due volte prima di ordinare di mandare una prigioniera nella mia camera da letto.
  17. Manterrò un salutare ammontare di scetticismo quanto catturerò la bella ribelle e questa proclamerà di essere attratta dal mio potere e che passerà dalla mia parte se la metterò al corrente dei miei piani.

Per quanto riguarda l'eroe

  1. Uccidere l'eroe sparandogli non è da pecora: le pecore non impugnano pistole.
  2. Ricorda: l'eroe molto spesso non è intelligente o chissà chi, è solo potente. In tal caso, diventa semplice batterlo, se si usa un pò di astuzia.
  3. Non c'è alcun motivo per cui, dopo aver convinto l'eroe a rinunciare ad un vantaggio sostanziale con la scusa che bisogna combattere lealmente ed alla pari, anch'io debba attenermi a questa regola. Dopo tutto sono un supercattivo.
  4. Non conterò sul fatto che l'eroe non spari a un uomo disarmato.
  5. Se l'eroe ha solo un coltello, niente mi impedisce di svuotare su di lui almeno un caricatore.
  6. Se decidessi di tenere una doppia esecuzione di un eroe e di un sottoposto che ha fallito o che mi ha tradito, avrò cura di eseguire per prima la condanna dell'eroe.
  7. Non lascerò che l'eroe mi irriti a tal punto da indurmi a usare la mia super-tecnica-segreta contro il mio pianeta. Almeno, non prima di essermi messo a distanza di sicurezza.
  8. Il fatto che l'eroe abbia un qualche legame mistico con me non significa che debba ucciderlo di persona: anzi, è un ottimo motivo per evitarlo a tutti i costi.
  9. Se ogni tot generazioni mi reincarno in un corpo uguale cercherò di cambiare aspetto in modo da non farmi sgamare subito ed eliminerò gli avatar dei miei secolari avversari prima di iniziare il mio malefico piano; se quest' ultimo dovesse riuscire, farò in modo di eliminare le reincarnazioni dell' eroe e del suo principale alleato ogni volta che si ripresentano.
  10. Se l'eroe fuggirà verso i tetti, non gli correrò dietro per lottare con lui cercando di spingerlo oltre l'orlo, anzi ordinerò ad uno dei miei cecchini appostati li vicino di farlo secco con un semplice colpo alla testa.
  11. Inoltre non ingaggerò un combattimento sull'orlo di una scogliera. Non vale neanche la pena di considerare l'eventualità di una lotta su un ponte di corda sospeso sul solito fiume di lava.
  12. Se mi trovassi a combattere con l'eroe in cima a una piattaforma mobile, riuscissi a disarmarlo e stessi per finirlo ed egli guardasse alle mie spalle e si gettasse a terra, anch'io mi getterò a terra invece di girarmi stupito per scoprire cosa ha visto.
  13. Nel caso in cui sparassi un colpo al cuore dell eroe dovrò sempre controllare che il proiettile non sia rimbalzato sul ciondolo\stella da sceriffo\bibbia\ricordo del nonno\e una qualunque cazzata posizionata nel taschino (ovviamente non con le mani ma con un secondo colpo).
  14. Nel caso fossi capace di trasformarmi in un essere dalla potenza smisurata, mi assicurerò di attuare la trasformazione subito prima, e non nel bel mezzo dello scontro con l'eroe.
  15. Durante uno scontro con l'eroe non mi farò prendere dall'ira distruggendo tutto quello che mi sbarra la strada. Anzi, farò attenzione a danneggiare l'ambiente il meno possibile, così da evitare di cadere in buche da me create o di essere schiacciato da strutture da me logorate.
  16. Se, a un passo dalla vittoria, mi scontrerò con l'eroe mentre il mio esercito di dragoni mette a ferro e fuoco la capitale, non lo sfotterò per la morte del suo amico scemo, ma gli invierò contro il dragone più tosto che ho, un'armata di elementali,un esercito di alberi viventi, un demone grosso come un palazzo di trenta piani e qualche strano mutante creato con la magia nera.
    Non cercherò MAI di attirare l'eroe in una trappola facendo leva sul suo buon cuore. Provato al 100%, non farei altro che fornirgli un altro dannato motivo per combattere, e inoltre farei arrabbiare gli amici dell'eroe, ridandogli coraggio. E tutto questo solo per un insano terrore di una checca diciassettenne.
  17. Se le mie truppe più deboli falliranno nell'eliminare un eroe gli manderò contro le mie truppe più potenti in assoluto invece di sprecare tempo con truppe progressivamente più forti man mano che l'eroe si avvicina alla mia fortezza.
  18. Se cenassi con l'eroe e avvelenassi il suo calice e quindi dovessi allontanarmi dal tavolo per una qualunque ragione, ordinerò delle nuove bevande per entrambi invece di cercare di decidere se scambiare o meno i calici con lui.
  19. Se dovrò avvelenare l'eroe, utilizzerò solo veleni che agiscono in meno di dieci secondi(e ai quali io sia immune, non si sa mai). In ogni caso, non sventolerò beffardo la fiala contenente l'antidoto sotto il naso dell'eroe agonizzante. Tale fiala non esisterà. O sarà piena di lassativo, giusto per illuderlo.
  20. Se catturassi l'arma di un eroe non scioglierò immediatamente le mie Legioni e non abbasserò la guardia nell'illusione che chi detenga l'arma sia inarrestabile. Dopotutto, l'eroe la possedeva e io gliel'ho tolta.
  21. Quando catturerò l'eroe mi assicurerò di catturare e sopprimere il suo cane, scimmietta, furetto o qualunque altro fastidioso animaletto che si porti dietro e che sia capace di disfare i nodi e rubare le chiavi.
  22. Eviterò accuratamente tutti i piani che si limitino a ridurre l'eroe all'impotenza per poi sbeffeggiarlo mentre entrambi siamo chiusi nella stessa stanza, isolati dai miei uomini.
  23. Non prometterò all'eroe di lasciarlo andare se vincesse una gara truccata, neanche se i miei consiglieri mi assicurassero che è impossibile per lui vincere.
  24. L'eroe non avrà diritto a un ultimo bacio, un'ultima sigaretta od ogni altra forma di ultimo desiderio.
  25. Quando avrò catturato il mio avversario e questo dirà "Prima che tu mi uccida devi perlomeno dirmi qual è il tuo piano!", risponderò "No" e gli sparerò.
  26. Ripensandoci, prima gli sparerò e poi risponderò "No".
  27. Se tutti gli eroi sono disposti intorno a una strana macchina e si fanno beffe di me, utilizzerò contro di loro un'arma convenzionale, piuttosto che la mia inarrestabile superarma.
  28. Cercherò di evitare di sedurre l'eroe, sua figlia, la sua ragazza, sua cugina o anche solo la sua amica di infanzia, o di porre un qualsiasi momento di tensione sessuale durante i nostri scontri. Il risultato non sarebbe affatto ottimale.
  29. Se parlassi al telefono con un eroe, non lo deriderei. Al contrario gli direi che la sua ostinata perseveranza mi ha fatto comprendere la futilità della mia malvagità e che se mi concederà pochi mesi di quieta contemplazione probabilmente tornerò sul sentiero dell'onestà (gli eroi sono dei tali creduloni).
  30. Non ucciderò la figlia/moglie/amante dell'eroe, non serve se non a farlo incazzare. Ucciderò semplicemente lui, e appena esce dal lavoro, non lo aspetterò solo alla fine di un percorso in cui è preparato a difendersi (sparare attraverso la porta del cesso mentre caga è l'ideale).

31. Quando l'eroe sarà morto, non lascerò lì il suo corpo, ma mi accerterò che venga fucilato per almeno 12 volte e successivamente vaporizzato

Varie ed eventuali

  1. Mi assicurerò che la mia macchina della fine del mondo sia a norma e propriamente messa a terra.
  2. Non avviserò attraverso un complesso sistema di telecomunicazioni tutti i governi del mondo del mio diabolico piano. Risulta dispendioso per la connessione ADSL e rischio che non si rassegnino al mio dominio. Meglio conquistare prima e poi metterli davanti al fatto compiuto.
  3. Eviterò di abbonarmi a riviste d'ogni genere: qualcuno potrebbe risalire al mio numero civico. Per maggiore sicurezza manderò un mio scagnozzo in borghese a prendermi il giornale.
  4. Non importa quanto buone siano le sue capacità, non costruirò mai alcun tipo di macchina completamente indistruttibile tranne per un piccolo punto virtualmente inaccessibile (ovvero non più grande di uno spillo e che solo io so se esiste e dove si trova).
    Questo gatto ha seguito tutti i consigli. È pronto.
  5. Se starò sperimentando un siero dell'invulnerabilità e fossi incerto sugli effetti collaterali, non, e ripeto NON, lo testerò su un mio prigioniero. Se dovesse funzionare, sarei nei guai.
  6. Qualunque file dati di importanza cruciale avrà dimensioni minime di 145 Gbyte: anche se cadesse in mano all'eroe, per controllarlo tutto finirà per farsi beccare da una delle mie guardie. Inoltre, sarà criptato con il sistema della crittografia quantistica così se non ha la chiave di lettura leggerà solo un incomprensibile serie di 0 e 1.
  7. Non cercherò mai di imprigionare l'attraente figlia del brillante scienziato per convincerlo a lavorare per me. Piuttosto mi offrirò, in caso di successo del mio piano, di pagare un sontuoso matrimonio e una casa per lei, e tutti gli studi fino al college per i suoi futuri figli e nipoti.
  8. Offrirò a tutte le vecchie e sagge indovine col dono della preveggenza lifting, cure estetiche e completi d'alta moda gratis. Nessuno le prenderà sul serio con un aspetto giovanile.
  9. Inoltre mi assicurerò che lavorino solo per me o non lavorino affatto, e prenderò sul serio le loro premonizioni. Corollario se è scritto che un eroe mi sconfiggerà, non ucciderò tutti quelli che assomigliano alla sua descrizione: renderei la profezia ancora più ineluttabile; al contrario farò in modo di minimizzare i danni conseguenti alla mia sconfitta in modo da poter riprovare a conquistare il mondo senza eroi predestinati tra i coglioni.
  10. Sarà mia premura ordinare l'esecuzione immediata di ogni mago pasticcione, ciccione buontempone, ragazzino sborone, mercante cagasotto, spadaccino dal raffinato senso dello humour, folletto divertente, essere mitologico sociopatico, monaco depravato, bardo privo di talento e ladro incapace. L'eroe, senza le sue spalle comiche, morirà di noia o cadrà preda della follia guerriera.
  11. Tutte le ingenue, poppute ragazzotte di taverna del mio reame saranno rimpiazzate con arcigne cameriere stanche del mondo che non forniranno rinforzi inattesi e/o subplot romantici per l'eroe o il suo compare.
  12. Non riporterò in vita dei vecchi nemici dell'eroe, sicuro di avere pieno controllo su di loro. Potrebbe sfuggirmene qualcuno.
  13. Il medico delle mie legioni del terrore non sarà un vecchio pazzo emaciato la cui principale occupazione sia riportare in vita i morti. Un trentenne di provincia, bonaccione e affabile, infonde maggiore sicurezza nelle truppe. Allo stesso modo, l'assistente deforme sarà rimpiazzato da un'infermiera in abiti succinti.
  14. Ho speso un mucchio di soldi per farmi costruire l'armatura con la quale andare in giro armato di lanciafiamme. Crepi l'avarizia: pagherò anche quei dieci euro in più per far corazzare le bombole del combustibile.
  15. Mai dire battute stupide o intrattenere conversazioni durante i combattimenti, mai.

Voci Correlate

Note

  1. ^ Il materiale in questa pagina è stato gentilmente rubato in giro per internet, ecco perché vi sembrava di averlo già visto.


Collegamenti esterni