Studente

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia sporcacciona.
(Rimpallato da Studenti)
Jump to navigation Jump to search
Lo studente medio italiano.
« Professore, ma quel Kant... »
(Studente su lezione all'aperto)
« Oh, parla de meno e rolla deppiù! »
(Professore di filosofia su lezione all'aperto)

La parola Studente è ancora in attesa di una corretta definizione, ma sta genericamente a indicare una persona che dopo aver fissato a lungo un libro riesce a convincere un'altra persona (vedi alla voce professore) che deve verificare il suo grado di studenteria a dargli il voto più alto possibile.

Sante parole!

Significati nei vari contesti

Tipica azione dimostrativa studentesca.

Attualmente con il termine studente si usa indicare due condizioni contemporaneamente simili e distanti.

Se si parla di qualcuno che frequenti la scuola dell'obbligo infatti il termine indica la sua attività preponderante, ovvero i pisolini sul banco spacciati per momenti di assimilazione.

Se invece il soggetto a cui ci si riferisce è uno studente che di sua spontanea volontà prosegue gli studi alla scuola superiore o - peggio - all'università, il termine indica lo stesso atteggiamento sostanziale (la nullafacenza) ma situato in un momento a venire: tali sfortunati individui infatti sono destinati a terminare (forse) gli studi per poi rimanere disoccupati a vita, mantenuti da mammà.

Dibattito filosofico

I filosofi delle più diverse età si sono ripetutamente e violentemente scagliati contro l'utilizzo letterale di questo termine. Da Occam a Kant infatti molti ebbero a osservare che questo termine non ha in realtà alcun referente nel mondo della realtà, almeno nella sua versione idealizzata di "persona che accumula nozioni e impara a utilizzarle criticamente".

Tipi di studenti

Ci sono diversi tipi di studenti che tendono a scontrarsi fra di loro o tutt'al più a coalizzarsi contro i malcapitati di turno (solitamente i professori).

Un secchione dell'università mentre saluta i compagni

Il cesso

È un pluriripetente emarginato con piedi deformi (sta sempre scalzo o costretto in scarpine da bebè da 1 centesimo) occhiali iperbuffi, apparecchio, capelli all'olio di palma, brufoli e vestiti di centesima mano che ogni ricreazione vaga in giro in cerca di compagni ciechi e anche se studia il prof, disgustato dal suo look WC-style, gli da il 4 quotidiano e lo boccia, motivo della sua plurolirilopetenza (c'ha detto?). Quando si avvicina a qualcuno (anche al cocco del prof ipereducato) riceve come regalo nient'altro che... VOMITOOO!

Il coglione

A prima vista sembra un emo, poi sembra un trans, poi ancora sembra una persona etero, sana di mente e simile agli altri anche se dopo un quadrimestre comincia a ricordare al prof di interrogare e quando invita a cena un amico vegano comincia a ordinare bistecconi, würstel e tutti derivati animali con Just Eat quando gli aveva promesso un pasticcio di tofu, kamut, seitan e robe vegetali.

Lo sfigato

Emarginato da tutti, solitamente puzza, e la mitologia vuole che sia esiliato sia dai compagni (e sopratutto dallE compagnE) che dai professori e che vaghi misteriosamente per le scuole, impestando le aule con il suo olezzo caratteristico. Tuttavia è di un cinismo spietato. Già, perché fra una sudata nel bel mezzo di una lotta Pokemon e l'altra, sfrutta la magnanimità della sua insegnante per poter liberamente uscire dalla classe, e trovare quelli come lui.

Il lecchino

Ritenuto da tutti lo sfigato ma che riesce a trarre vantaggio dalla propria posizione, ecco che come per magia, ha tutti voti alti solo ringraziando i prof. La sua cassetta delle lettere é strapiena di cambiali da pagare, poiché spende troppi soldi per comprare orologi per il preside. Il suo grande talento è la paraculaggine: grazie alla sua pacatezza, e la stima degli insegnanti, ogni barbatrucco diventa un'opera di bene. È solitamente il rappresentante della sua classe, carica di una maestosità tale da consentirgli di ottenere un punto in più a prescindere.

Il secchione

È il cocchino dei prof. Non sbaglia neanche un'interrogazione e, se succede, per la classe accadono festeggiamenti in stile vittoria della Coppa del Mondo. È talmente educato che ad ogni parolaccia chiude la bocca agli studenti. Attenti però, lui per avere tutti i voti in doppia cifra, studia solo 30 minuti al giorno.

Il rasta

Capelli lunghi, maglietta del Che, solitamente fuma in classe canapa indiana e piace alle ragazze più alternative cesse ed emarginate.

Nascere bone è un ottimo modo per prendere 30 senza studiare.

Il fascista

Look nero, odia solitamente tutti i professori e i rasta. Solitamente si organizzano in gruppi e tendono a disturbare l'insegnante. Come dite? Se l'insegnante gli dice qualcosa? Ma certo che no, è normale essere fascisti! Anche i fascisti hanno il diritto di esprimere le proprie idee, non lo sapevate?
Uno studente fascista, si è tinto la pelle di nero per amore del fascismo.

L'alternativo

Solitamente di sinistra, tende a vestire in modo più o meno trasandato e a indossare felpe con i gruppi musicali da lui amati o con strane immagini psichedeliche. Sempre molto oscillante negli studi e molto disprezzato dai truzzi.

La gnocca

Solitamente la pupilla o la nemesi di uno o più professori maschi. Solitamente questo tipo di studente studia (sembra scontato) MA, a meno che non si trovi a casa di professori maschi diversi ogni sera (per ovvi motivi), si ritrova sempre a prendere un voto massimo di 6- e minimo di 4 e mezzo. Campa in modo sconosciuto come lo sculato.

Lo sculato

Non studia mai, tipicamente in coppia perenne con la studentessa citata sopra, ha voti che oscillano tra il 6--- e 4, alla fine dell'anno ha dalle 3 alle 5 insufficienze, ma viene promosso lo stesso, e viene puntualmente bersagliato dai compagni di domande come "brutto bastardo, come hai fatto?", alle quali lo sculato prontamente risponde con un “boh” oppure “eh, sono un grande” Questo alunno, sceso in Terra con Cristo, è solitamente volto a dedicarsi ad altre attività, che nessuno è mai riuscito a comprendere e prolifera negli istituti tecnici e licei scientifici. Campa miracolosamente grazie agli arrotondamenti per eccesso, e i gollonzi in zona Cesarini.

Il culato

Solitamente è maschio, si accompagna allo sculato ma al contrario dell'esemplare precedente i suoi voti oscillano tra il 5 e l'8... tutto normale direte voi... INVECE NO! Questo esemplare non studia mai! Per i compiti in classe usa dadi o tira a caso e indovina nel 90% dei casi. Egli è odiato da tutte le compagne rompicoglioni ma idolatrato dai compagni di sesso maschile. Come un tarzanello presente in via rettale, è nell'angolo di ogni classe. In quel preciso punto dell'aula, esso edifica la sua capanna di bambù, la cui funzione portentosa è la virtù del culato. Il culato, infatti, imboscato sotto a essa, ottiene le sue più grandi imprese, strappando sufficienze al fato.

L'Invisibile

Nessuno lo ha mai visto in classe, tantomeno i professori. Amico dei bidelli, passa il suo tempo tra i corridoi della scuola, della quale conosce ogni meandro, tranne la biblioteca. Lo si può trovare spesso negli uffici della segreteria a parlare di calcio con gli impiegati, ai quali scrocca il caffè e il Corriere dello Sport. Spesso gli viene conferita la nomina di "Custode ad Honorem".

Il ciccione

Il ciccione della classe è l'essere più inutile della scuola (qualsiasi scuola) ed è considerato leggenda. Alla mattina è il primo a entrare in aula, portandosi dietro circa venti chili di focaccia e qualche decina di Estathé. Ha sempre da dire qualcosa di stupido al professore di turno e di solito in quel momento si sente uno sbuffo generale proveniente dal resto dalla classe (incluso il prof). In definitiva è composto da un barile di carne a cui sono state appese delle palline da albero natalizio; solitamente è calvo o ha pochi capelli, tutti persi a causa dell'esplosione di grasso che staziona tra il cranio e il cervello, mai più grosso di un acino d'uva. È solito vantarsi del fatto che sa riscrivere il BIOS di un ventilatore, formattare un Hardisk in CSK, di conoscere una persona che lavora alla Pixar e altre cazzate varie, tra cui la più grossa è quella di avere la morosa!

Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse ti incuriosisce sapere com'è dormire coi pesci?

  • Ciccioniano: dialetto parlato dai ciccioni della classe, che non include mai più di venti parole. L'esempio classico è: "Prof, posso andare a prendere da mangiare?"
  • Berlusconi e il ciccione della classe: vi starete chiedendo come si senta un ciccione della classe dinnanzi a Berlusconi. Be', si sente esattamente come tutti noi, soggetto a una grande voglia di fare politica. Il saluto classico di un ciccione della classe al sommo politicante è: "Buongiorno Premier, posso andare a prendere da mangiare?"
  • Vita media: si hanno poche informazioni su questo campo, più che altro perché non interessa a nessuno e tutti vogliono morto il ciccione della classe.
  • Peli sulla lingua: il ciccione della classe non ha peli sulla pancia o sul pene, sempre se ce l'ha, ma ne ha una grossa quantità sulla superficie della lingua (foresta pluviale), causa troppe leccate di culo ai professori e in generale a qualsiasi persona che abbia un briciolo di cibo potere.

Voci correlate



Bart-lavagna squola.JPG
INFRASTRUTTURE TIPOLOGIE
MATERIE VARIE
Clicca su una voce per espanderla.
INFRASTRUTTURE Squola - Scuola privata - Scuola media - ITIS - Ragioneria - Liceo - Liceo scientifico - Liceo classico - Liceo linguistico - Liceo artistico - Liceo strizzacervelli - Liceo per i futuri dopati - Liceo musicale e coreutico - Zappaterra - Scuole Salesiane - LIPSIA? - CFP - Università - Università di Bologna - Università Cattolica di Roma - Università Cattolica di Milano - Pollitecnico de Milàn - Università del Salento - Università di Napoli "Quella dell'est!" - Luisa - Fuckoltà di Lettere - Reparto geriatrico - Unical - Grafico pubblicitario - San Raffaele a Milano - Nabba - Il ghiacciolo
TIPOLOGIE Primino - Quartino - Studente - Studente universitario - Studente fuori sede - Studente fuori corso - Preside - Maestra - Maestro - Professore - Il prof. di Mate - L'architetto mancato - Inglis Professor - Quello che non fa un cazzo - Il Re della scuola - Compagno di merende
MATERIE Num3r1 - L'alinqua itagliana - Inglisc - Latin Lover - Français -

Λινγuα Ελλενικα - Linkua teteska - Biologia - Botanica - C'era una volta - Verbologia - Algebra -

Geometria - Statistica, clicca anche qui! - Materia bazza - Palleontologia - Altropollogia - La scenza del Gene (Non Gnocchi) - Educazione sessuale - Teorema del catetere - Teorema Pitagorico - Olimpiadi della matematica - Scinenzie dei matteriali
VARIE Tavolo da lavoro - Cose mai fatte... - Le tavole della legge - Quelle che si collezionano - Scuola per figli di papà - Saltaore - Scrutigno - Gara di bocce - La Matura - I comunisti! - Ancora più comunisti - I fascisti! - La laurea infinita - A.A.A Cercasi Voglia di Studiare - Nonbooks:Scrivere un tema scolastico - Nonbooks:Fregare il professore al compito in classe - San Firmino - Ora buca - Lancio del cancellino - Spelling - Assemblea d'ateneo - Nonbooks:Utilità delle materie scolastiche per un netturbino - Nonbooks:Tradurre una versione di greco - Nonbooks:Risolvere un'equazione - Nonbooks:Risolvere un'addizione - Laurea - Rappresentante di classe - Giornalino scolastico - Dove manca sempre la carta igienica - Scarabocchio sul banco - AIESEC - Nonbooks:Marinare la scuola