Assemblea d'ateneo

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search

Un'assemblea d'ateneo è un particolare tipo di festa universitaria.

Svolgimento dell'assemblea[edit]

Se la vostra università è grossa, l'assemblea potrebbe assomigliare a questa. A sinistra il microfono, a destra colui che ci litigherà gridando frasi piene di rabbia e vuote di significato.

L'assemblea di ateneo è un rito antico e complicato, codificato in secoli di storia, e si svolge secondo un'elaborata liturgia. Chiunque abbia assistito ad una di esse cambia completamente: la sequenza dei gesti, ognuno dei quali con un preciso significato nascosto, la disorganizzazione e la rottura di palle rimangono per sempre impressi nella mente dei malcapitati spettatori.

Convocazione[edit]

Altri tagli all'istruzione pubblica? Altro aumento delle spese di rappresentanza del rettore (ora potrà permettersi quattro studenti di agraria che lo portino sulle spalle)? Ennesima negazione dell'ennesima sospensione della didattica necessaria per recuperare ore di sonno? Allora sapete già cosa succederà. Ed iniziate ad avere paura.

Le bacheche universitarie si popolano di fogli tutti uguali, con minor utilità rispetto ai classici dodici (ma anche redici) manifesti elettorali identici in fila. Annunciano che sta per accadere un evento unico, per la terza volta in un mese, la panacea per tutti i mali e la soluzione a tutti i problemi non solo della vostra università, ma dell'Italia intera: un'Assemblea d'Ateneo.

Viene chiesta una sospensione della didattica, puntualmente negata. Mezz'ora dopo l'orario d'inizio prefissato inizia ad affluire gente nell'aula prescelta per il grande evento: l'assemblea può iniziare.

Arrivo delle persone[edit]

Le persone arrivano a piccoli gruppi e, non appena sedute, si accendono una sigaretta. Tutti quanti fumano nervosamente per l'intera durata dell'assemblea, nonostante si tratti di un inno al fancazzismo. I capi, sempre gli stessi da quindici anni, sono già seduti alla cattedra cercando di capire come funziona un microfono.

Si vedono diverse tipologie di persone. Addentriamoci più a fondo in questa strana fauna.

I capi[edit]

Tipico capo dell'assemblea: vecchio, sporco e drogato.

I capi sono quelli che hanno convocato l'assemblea ed hanno già scritto il documento finale, perché da ogni assemblea deve uscire un documento che ribadisca la nostra ferma contrarietà a tutte le politiche di una-cosa-molto-brutta-cacca-pupuzzazione che questo governo/rettorato/portiere di lettere vuole imporci. Sì, avete capito bene: le assemblee non servono ad un cazzo, tanto è già tutto deciso. Sono studenti fuoricorso che per un particolare legame affettivo con la propria università decidono di non dare più esami, legame che manca a quelli che intervengono, fuoricorso pure loro ma meno hard-core. Fumano più di tutti e in anni di militanza non hanno ancora capito come funziona un impianto di amplificazione.

Quelli che intervengono[edit]

Fuoricorso che danno un esame all'anno, giusto per non dare dispiacere ai genitori che li mantengono (che comunque se ne fottono); in compenso hanno molto tempo libero che spartiscono equamente tra assemblee d'ateneo ed esercizi di retorica. La loro situazione li rende poco credibili quando parlano di precarietà, ma tanto la maggior parte di quelli che ascoltano sono pure loro fuoricorso mantenuti. Quando intervengono non riescono a non urlare, nonostante il microfono finalmente fatto funzionare per miracolo. Se uno spettatore solleva un dubbio su un punto del loro discorso scoppiano a piangere e si ritirano in un angolino; il giorno dopo sono pronti a dare tutti gli esami arretrati e una parvenza di senso alla loro vita.

I comunisti[edit]

La maggior parte di quelli che vanno alle assemblee d'ateneo sono comunisti; la parte restante ha comunque idee di sinistra ma sa che dichiararsi comunista non rende figo. Quando un comunista interviene è la fine: il pubblico è costretto a sorbirsi dettagliate analisi sbagliate del processo produttivo e del modo in cui esso influisce sulla mancanza di gessi in aula studio. I dreadlocks sono d'obbligo; la canna, nonostante la credenza generale, no.

I ciellini[edit]

I ciellini non partecipano MAI alle assemblee d'ateneo, ma il loro netto rifiuto merita di essere esaminato in dettaglio. Il ciellino è l'unico essere che anche durante una rivoluzione potrebbe invocare il sacro "diritto a seguire le lezioni" e per questo disprezza le assemblee, le occupazioni, i picchetti, i cortei, le vacanze accademiche e qualunque altra occasione in cui ci sia un blocco della didattica. Infatti un ciellino studia sempre, tranne la domenica mattina quando va a messa e il mercoledì sera quando si trova nel gruppo dei suoi simili a spaccarsi le corde vocali e a scegliere il prossimo presidente della Lombardia. Per andare a queste riunioni chiede il permesso dei genitori poiché l'educazione impedisce loro di contrastare qualunque tipo d'autorità. Qui alcuni esempi paradigmatici:

Situazione: Università in sciopero contro i tagli al fondo per il diritto allo studio.

Reazione del ciellino: Il ciellino evoca il diritto allo studio chiedendo di poter andare a lezione.

Situazione: I bagni della facoltà sono occupati in risposta alla scadente qualità dei cibi della mensa.

Reazione del ciellino: Il ciellino evoca il diritto allo studio chiedendo di poter andare in bagno. La cosa è per lui seccante: aveva già chiesto un analogo permesso al professore dell'ora per poter lasciare l'aula.

Situazione: Tutti e soli gli edifici dell'ateneo sono stati distrutti da una razza di alieni provenienti dalla stella M. Gemini.

Reazione del ciellino: Il ciellino evoca il diritto allo studio chiedendo di poter andare a lezione e viene distrutto pure lui.

Un'occupazione per un ciellino è il penultimo passo verso l'anarchia; per questo vengono ridicolizzati persino dagli abbonati al 30 e lode che non disdegnano queste occasioni per staccare pure loro un paio di giorni. Oltre alla categoria in esame, solo un'altra creatura leggendaria che si aggira per la giungla universitaria è in grado di lamentarsi per le sospensioni della didattica, ed è il normalista. I peggiori ovviamente sono i normalisti ciellini, che, nonostante tutte le previsioni, esistono.

Gli altri[edit]

Nei rari casi in cui un'assemblea viene convocata per validi motivi, ci vanno anche altre persone oltre a quelle finora descritte, ingenuamente convinte dell'importanza dell'evento. Passeranno il tempo a rompersi le palle nell'inutile attesa di un intervento costruttivo e nello scacciare dalla faccia le fastidiose nuvole di fumo. Se ne vanno per primi promettendosi di non rifarlo mai più, salvo ricascarci alla prossima occasione.

Gli interventi[edit]

Dopo una buona mezza giornata, finalmente si inizia a discutere. Le persone che parlano sono sempre le stesse, sempre nello stesso ordine. Si inizia con un riassunto dell'ordine del giorno da parte di uno dei capi, che non manca di aggiungerci un pizzico di retorica. Gli interventi successivi iniziano sempre con "Mi riallaccio a quello che è stato detto nei precedenti interventi", dopodiché vengono dette le stesse frasi in un ordine diverso. Ma non tutti gli interventi sono così: alcuni conservano l'ordine. Dopo ogni orazione, per quanto possa essere stata stupida o ripetitiva, partono 92 minuti di applausi. Ecco un discorso da assemblea d'ateneo:

Tipico intervento[edit]

Io ho un pensiero molto simile a quello dei ragazzi che hanno parlato prima di me. Non può andare avanti in questo modo! Faremo vedere che la nostra opposizione è ferma! Perché non siamo disposti ad accettare passivamente questi soprusi! Andremo avanti finché la situazione non cambierà!


Per vedere quello che dirà il prossimo a parlare, basta ricaricare la pagina!

Fine[edit]

L'assemblea è finita, il documento finale è stato approvato all'unanimità e la gente si accende la sigaretta finale. Alla prossima Assemblea!

Interventi costruttivi[edit]

Dopo che tutti sono andati ad ubriacarsi (le assemblee spesso finiscono in tarda serata), arriva il momento degli interventi costruttivi: il personale tecnico pulisce l'aula altrimenti vuota tirando qualche bestemmia.

Voci correlate[edit]



Bart-lavagna squola.JPG
INFRASTRUTTURE TIPOLOGIE
MATERIE VARIE
Clicca su una voce per espanderla.
INFRASTRUTTURE Squola - Scuola privata - Scuola media - ITIS - Ragioneria - Liceo - Liceo scientifico - Liceo classico - Liceo linguistico - Liceo artistico - Liceo strizzacervelli - Liceo per i futuri dopati - Liceo musicale - Zappaterra - Scuole Salesiane - LIPSIA? - CFP - Università - Università di Bologna - Università Cattolica di Roma - Università Cattolica di Milano - Pollitecnico de Milàn - Università del Salento - Università di Napoli "Quella dell'est!" - Luisa - Fuckoltà di Lettere - Reparto geriatrico - Unical - Grafico pubblicitario - San Raffaele a Milano - Nabba - Il ghiacciolo
TIPOLOGIE Primino - Quartino - Studente - Studente universitario - Studente fuori sede - Studente fuori corso - Preside - Maestra - Maestro - Professore - Il prof. di Mate - L'architetto mancato - Inglis Professor - Quello che non fa un cazzo - Il Re della scuola - Compagno di merende
MATERIE Num3r1 - L'alinqua itagliana - Inglisc - Latin Lover - Français -

Λινγuα Ελλενικα - Linkua teteska - Biologia - Botanica - C'era una volta - Verbologia - Algebra -

Geometria - Statistica, clicca anche qui! - Materia bazza - Palleontologia - Altropollogia - La scenza del Gene (Non Gnocchi) - Educazione sessuale - Teorema del catetere - Teorema Pitagorico - Olimpiadi della matematica - Scinenzie dei matteriali
VARIE Tavolo da lavoro - Cose mai fatte... - Le tavole della legge - Quelle che si collezionano - Scuola per figli di papà - Saltaore - Scrutigno - Gara di bocce - La Matura - I comunisti! - Ancora più comunisti - I fascisti! - La laurea infinita - A.A.A Cercasi Voglia di Studiare - Manuali:Scrivere un tema scolastico - Manuali:Fregare il professore al compito in classe - San Firmino - Ora buca - Lancio del cancellino - Spelling - Assemblea d'ateneo - Manuali:Utilità delle materie scolastiche per un netturbino - Manuali:Tradurre una versione di greco - Manuali:Risolvere un'equazione - Manuali:Risolvere un'addizione - Laurea - Rappresentante di classe - Giornalino scolastico - Dove manca sempre la carta igienica - Scarabocchio sul banco - AIESEC - Manuali:Marinare la scuola