Il Foglio

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera DA Don Ciotti.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Il Foglio di Giuliano Ferrara è stato il primo giornale d'Italia a essere pubblicato su un tovagliolo di ristorante, venne chiamato il foglio per la sua caratteristica di assorbire l'unto.

Un comune problema che accade quando si sfogliano le pagine de Il Foglio

Composizione

Dal 1992 ha cambiato formato ogni anno, evolvendosi in un vero quotidiano (più o meno), riuscendo a vendere un numero intero positivo di copie. Inizialmente la redazione occupava solo un piccolo ufficio al centro di Milano. Con l'espandersi della redazione (ovvero di Giuliano Ferrara) però, la metratura è salita fino all'occupazione di ben 3 uffici contemporaneamente, in modo da ospitare comodamente le abbondanti parti del corpo della redazione. I 3 uffici sono dislocati a Milano, Napoli, Venezia.

Scalata verso la vetta

Dal 1992 il Foglio crebbe sempre più, fino a diventare una vera testata giornalistica. Venne assunto il famoso artigiano Peppe Schillaci per le rubriche di attualità e gadgets, e aumentati i salari a quelli che cercavano di scappare. Non si sa molto della restante storia del Foglio, poiché gli archivi vennero misteriosamente mangiati nel 2001, il colpevole non è stato mai trovato.

Parolacce

Il Foglio contiene più o meno 122 parolacce ogni edizione, la più gettonata è senz'altro "Vaffancuore", ma nella top ten figurano anche parolacce meno famose come "stupidino", "figlio di un Robot", "Mi sei d'impiccio", "Gargaroz", "Scrubs" e/o "Grumoz". "Calè calò". "Alé". L'usanza di inserire 122 parolacce si pensa derivi dall'antico popolo degli indios, una specie di tribù che come unico obiettivo ha quello di cucinare e mangiare erbette dalla mattina alla sera. È esattamente lo stesso popolo che Giuliano Ferrara giurò di odiare in una sua intervista nel 1988, questo dimostra il forte legame tra le culture del cibo e delle parolacce tra gli indios e gli italiani. "La loro mania di erbette" dice G.F., "non ha fatto altro che galvanizzare i dietologi. Penso che il mondo sarebbe un po' più tondo se queste tribù fossero civilizzate..." qui i registri sono diventati illeggibili a causa di macchie di unto e briciole di tramezzino. Ma il significato sembra essere il totale disprezzo delle usanze erbettiane.

Pagine correlate

Giornalismo
Ovvero, come farsi i cazzi degli altri senza sembrare guardoni o maniaci.

Giornali: ciò che usi quando finisce la carta igienica
Il Fattone QuotidianoFamigghia CristianaIl GiornalaccioIl TovaglioloneCorriere della Segae la versione non pornoLa Repubblica delle BananeLa StampanteOccupatoAvvenireQuello che ti causa ustioni di secondo gradoI Resti di CarlinoL'Osservatope RomaneLa Gazzetta della TerroniaRuttosportQuello che non legge nessuno
Giornalai
Indro ManganelliIl fattoNosferatuMarco PartorienteIl latitanteIl mentoneLittorio FeltriLa voce di GrilloIl servo liberoQuello uscito da un quadro dell'800La signora RutelliOriana FalliFilippo Facci(a da culo)Gianni RicottaGiorgio Bocca di rosaIl figlio di AigorL'eunucoAntonio SorciLa ZanzaraEnnio FlaianoL'anticonformistaLeo LonganesiThe Voice
Tele-giornalai: quelli che non hanno mai imparato a scrivere
Umilio FidoMin Zho LinL'insettoLa direttrice comunistaSan ToroQuello che vuole portare chiunque a La7e il suo gemello bruttoFabio il fazioso"A pra foco..."Il Vatedemente MimunMi manda rai trans treDaniele LuttazziBistecconeLa moglie di Mario De FilippiAnna La RosaCesara BuonamiciTiberio TimperiLucia AnnunziataIl papaboy
Gli strumenti del mestiere
TelegiornaleArmi di distrazione di massaIntercettazione telefonicaMacchina del fangoSciopero dei giornalistiCoccodrillo (giornalismo)Carta su cui scrivereReportClick baiting