Libero (quotidiano)

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Libbero.png
Cosa il padrone vuole che tu pensi
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "carta non molto igienica" rimpalla qui. Magari hai fumato troppo. Se cercavi un cesso libero, vedi Cesso.
Una prima pagina.
NonNews

NonNotizie contiene diffamazioni e disinformazioni riguardanti Libero (quotidiano).


« "Libero" ovvero "libero di essere comandato" »
(Libero su se stesso)
« Le toghe rosse aiutate dai negri cacca pupu »
(Tipica argomentazione ermetica di Libero)
« Dagli al negro! »
(Classico articolo in favore della tolleranza)
« Noi al confronto sembriamo una cooperativa di boy scouts! »
(Il Ku Klux Klan sulla redazione di Libero)

Libero è un quotidiano della terra littoria padana dedicato all'amore verso gli extracomunitari, al dialogo intelligente tra le parti sociali e alla dialettica più fine. Spesso rivela al mondo casi politici sconcertanti, con l'onestà intellettuale propria di troppi pochi pensatori del nostro secolo, senza MAI risultare di parte o fazioso: a causa di questa linea editoriale particolarmente forte, il MOIGE ne sconsiglia l'acquisto ai minori di 18 anni, consiglio puntualmente non seguito, allorché le vendite corrispondono al Prodotto Interno Lordo di Malta alla settimana.

Un tipico lettore di Libero mentre impreca contro gli immigrati, l'Euro, le toghe rosse e la sinistra.

Il direttore della baracca è Maurizio Belpietro, schiavista da sempre e convinto sostenitore del ritorno al colonialismo, oltre che assiduo consumatore di sostanze stupefacenti quali la forfora di Silvio Berlusconi o i calzini usati da Umberto Bossi; contro di lui ci sono mandati d'arresto provenienti da tutti i Paesi del Mondo, tranne Italia, Russia e Cina.

Stile editoriale[edit]

Notoriamente populista e caprista, le prime pagine sono rinomate per i loro raffinati titoli come "A morte il negro" o "Terrone giustamente sbranato dai cani perché tale", e non sono da meno nemmeno le terze pagine (dedicate alle mostre schiaviste) e i giochi enigmistici (l'Impiccato Nero, la gabbia di sodomizzazione dei consumatori di marijuana, e via dicendo), passando per pubblicità di collari elettrici e armi da fuoco, giocattoli perentoriamente usati dai bimbi padani. Le vignette satiriche in prima pagina sono caricature a opera del bravissimo disegnatore Husam Ed Hin, immigrato arabo sfruttato e frustato direttamente da Feltri.

Attentati[edit]

Una perla di educazione, intelligenza, saggezza e sagacia del quotidiano padano

Nel 2005 una bomba presso la sede del giornale causò un ferito; in risposta furono incendiate tutte le baraccopoli nei pressi di Milano, causando 350 morti e 2500 feriti.

Speranze[edit]

Che il giornale fallisca ,cambi linea editoriale o esploda.

Avvertenze[edit]

Un medico su dieci sconsiglia di utilizzare Libero come carta igienica, poiché in questo caso il vostro deretano sarebbe ancora più sporco.

Allegati[edit]

Nel gennaio del 2009, in allegato al quotidiano, è uscito il DVD ridigitalizzato dei filmati a luci rosse tra Benito Mussolini e la sua amante Claretta Petacci, filmati con cinepresa dell'epoca, compreso l'ultimo pompino prima di venire fucilati.

Nemici Storici[edit]

Giornalari[edit]

Collegamenti esterni[edit]


Giornalismo
Ovvero, come farsi i cazzi degli altri senza sembrare guardoni o maniaci.

Giornali Giornalai Tele-giornalai Gli strumenti del mestiere
Clicca su una categoria per espanderla.