Barbara Palombelli

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
« La Palombelli non deve niente a nessuno »
(Francesco Rutelli su Barbara Palombelli)
« Brematurata la supercazzola come se fosse antani con scappellamento a destra e fuochi fatui. »
(Conte Mascetti su Barbara Palombelli)
« Questi poveri cuccioli abbandonati!!! »
(Ciò che di meglio sa dire Barbara Palombelli)
« Poverino! Nessuno gli ha mai voluto bene! »
(Barbara Palombelli parlando di un serial killer)


Barbara Palombelli è una delle più grandi e altruiste giornaliste del globo terracqueo in forza al tg 5, infatti non fa mai un cazzo per evitare che i suoi insulsi colleghi facciano brutta figura, evitandogli così un licenziamento in tronco.

La vita[edit]

Barbara Palombelli all'età di 23 anni.

Nasce a Sini Canave, in provincia di Stromboli dalla mamma Mariàla e da padre ignoto con il nome di Santuzza Trinciaterra. Nonostante ciò la mamma ha sempre sostenuto che sia stato lo Spirito Santo a concepirla, il che non può essere falso visto che in passato è già successo, per cui Barbara Palombelli è figlia di Dio. In quanto superiore agli esseri umani, non ha mai voluto lavorare nella vita, ecco perché dopo aver terminato gli studi di prima scuola materna decide di ritirasi per un periodo sabbatico di 40 anni. A 47 anni, divenuta ormai persona matura decide di fare finta di avere un lavoro come attrice, le viene offerta la prima parte da un barbone che affianca interpretando magistralmente la parte di una bertuccia che porge il berretto delle offerte mentre lui suonava il suo carillon all'angolo della strada. È in questo ambiente che Villaggio la nota e, all'età di soli 54 anni viene presa per interpretare Mariangela nel suo film, Fantozzi che la lancia definitivamente nel mondo dei volti noti. All'età di 74 anni, decide di ringiovanire la sua immagine, con vari interventi chirurgici si rimette a nuovo come se fosse una quarantenne, cambia il proprio nome in quello attuale e si dichiara giornalista, tra lo stupore delle masse che ancora adesso si chiedono come ciò sia stato reso possibile. È così che sfonda e si fa sfondare nel mondo del gionalismo, grazie anche a Francesco Rutelli, ex sindaco di Roma che la aiuta a ottenere ingaggi dai telegiornali.

Barbara Palombelli come la conosciamo oggi.

Le opere[edit]

Non esistono sue opere, non avendo mai fatto niente nella vita. Ultimamente ha ricevuto come riconoscimento alle sue opere la cittadinanza onoraria di Troia, per cui può esibire il titolo di "figlia di Troia", o più semplicemente "Troia". Va notato che altri appellativi come zoccola o mignotta non li ha mai rifiutati, ecco perché la gente comune si prodiga così tanto nel conferirglieli.

Il più grande articolo scritto dalla Palombelli.

Particolarità[edit]

Il potere più grande di Barbara Palombelli è quello di poter parlare per ore e ore senza dire mai niente, anche chiamato "potere del blàblà"; a esso si aggiunge il potere della voce odiosa, particolarmente potente in Barbara, capace di stroncare anche il più accanito spettatore. Per questo motivo nel 2006 è stata silurata dalla rai che ha pensato bene di smetterla di buttare i contributi pubblici, iniziando proprio da lei. Purtroppo Carlo Rossella le ha permesso di approdare al TG 5 con una squallida rubrica chiamata Posta@ tg5 che non dice asoolutamente nulla, mai.
La particolarità più accentuata di Barbara è di essere odiata da chiunque.

Giornalismo
Ovvero, come farsi i cazzi degli altri senza sembrare guardoni o maniaci.

Giornali Giornalai Tele-giornalai Gli strumenti del mestiere
Clicca su una categoria per espanderla.