Tempo

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Da Wikipedia, l'enciclopedia... hai abboccato, dì la verità...
Una delle utilitarie con cui il Tempo scorrazza qua e là.
« Il tempo è denaro »
(Albert Einstein cercando di pagare un caffè con 80 centesimi di secondo)
« Tempo scaduto »
(Barista in risposta ad Einstein che cercava di pagare un caffè con 80 centesimi di secondo avariati)
« W alla meno 2 per 3 alla radice quadrata di 14 per moltomila fratto 1 »
(Ingegner Cane spiega la formula chimica del tempo)
« ORE!!! Cifre che fanno girare la testa!!! »
(Ingegner Cane su tempo)
« Il tempo è denaro »
(Euro su tempo)
« Se non mi chiedi che cosa sia il tempo lo so ma se invece me lo chiedi non so rispondere. »
(Studente al professore durante l'esame di maturità)
« Ho bisogno di più tempo!... »
NonCitazLogo.png
NonCitazioni contiene deliri e idiozie (forse) detti da o su Tempo.


Biografia[edit]

Il tempo è un personaggio alquanto curioso.
In una terra molto lontana, un po' dopo il secondo semaforo a sinistra, conduceva la sua vita da re: soldi, feste, potere... cosa poteva volere di più?
Ma un freddo e buio pomeriggio di luglio un viandante vestito di sacco si presentò al suo cospetto [1]:

- Viandante: “Salve, o Re!”
- Tempo: “Salve, straniero! Qual buon vento ti porta qui?”
- Viandante: “Ho sentito che la voglia scalpitava, strillava, suonava, cantava...”
- Tempo: “Quella è la dama del castello, non io, IDIOTA!!!”
- Viandante: “Oh... Chiedo perdono...”
- Tempo: “PERDONO UN CORNO! TI SEMBRO PER CASO UNA DAMA?!”

Il tempo, colpito nell'orgoglio, iniziò a randellare vigorosamente il viandante, che a un certo punto, con un filo di voce disse:

- Viandante: “Sire... Ahia... Mi permette almeno di presentarmi?”
- Tempo: “NO! Mi hai rovinato la giornata! Sono rosso di rabbia!!!”
- Viandante: “Ma è solo un rosso relativo...”

Al che il tempo, persa del tutto la pazienza, fece arrestare il viandante, che solo dopo anni scoprì essere sir Tizian Iron, un famoso trovatore che arrotondava facendo il gigolo; in cella egli avrebbe prodotto alcuni dei suoi pezzi più celebri, come "Rosso di sera mi aspetta la galera" e "Ma xché capitano tutte a me".
Incazzato come una iena, il Tempo cercò conforto nel suo amico, nonché scienziato di corte, Alberto Unapietra. Saputo ciò che era successo, Alberto iniziò a rimuginare sul concetto di "relativo", e su come il tempo, che era un monarca assoluto, ne avrebbe potuto trarre giovamento. Se c'era riuscito un insulso colore, ci doveva riuscire anche un re! Alberto quindi si mise a scrivere giusto un paio di milioni di equazioni differenziali e si ritirò in bagno per risolverle.
Dopo cinque minuti, uscì urlando "Ce l'ho fatta! Sono un grande!!!" e, calmatosi, suggerì al tempo di iscriversi al Grande Club delle Dimensioni dell'Universo, un esclusivo ed eccentrico gruppo di decinaia di elementi del calibro di Lunghezza, Altezza, Bellezza, Schifezza, Monnezza, Rotondità, Profondità, Inutilità e altri. Il Tempo, un po' titubante ma constatato che dopo tutto non era bello essere sempre lì da solo, accettò il consiglio. Da lì in poi la sua vita cambiò: ebbe più di ventordici relazioni, con individui come Velocità, Potenza, Massa, tutte prima o poi naufragate (secondo fonti più o meno attendibili, lui era quello che, nella coppia, era sempre sottomesso all'altro).
Parente stretto di Spaziotempo, contadino con l'hobby della cromodinamica quantistica, il tempo è stato recentemente visto, in stato confusionale, a bordo di numerose utilitarie chiamate orologi.

Cosa fa nella vita[edit]

Occupazione principale del tempo è rompere le palle a chiunque si accinga a cominciare una qualche mastodontica impresa, semplicemente non presentandosi. "Non c'è tempo!" è l'esclamazione più ricorrente, prima che un qualsiasi progetto fallisca inesorabilmente, o che uno studente riesca a studiare quel dannato paragrafo di quel dannato libro per sostenere quel dannato esame.
C'è poi chi dice che il semplice fatto che il tempo esista ci debba riempire d'orgoglio, perché è la persona più preziosa che ci possa capitare di avere accanto, e la possibilità di poter godere della sua compagnia (manco fosse Pasolini) non va sprecata. Chi lo dice, però, non tiene conto di un drammatico effetto collaterale: a stare insieme al Tempo, si invecchia. Quindi attenzione quando vi sedete in autobus.

Note[edit]

  1. ^ Da questo dialogo il viandante trarrà uno dei suoi pezzi meno riusciti.

Voci correlate[edit]


Logo Portale scienza.png