Silvio's Facts

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia sporcacciona.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

NOTA: Sembra incredibile, ma le citazioni riportate qui sotto non sono inventate, sono vere!
Non ricordo di aver mai detto queste cose.


L'entrata in campo

  • Confessione
« Se non entro in politica, vado in galera. »
(Un'ottima presentazione.)


  • Niente chiacchere
« Io sono il presidente del fare[1], le chiacchiere le lascio agli altri, ai professionisti della politica. »
(Berlusconi prima di dominare la politica italiana per un ventennio circa.)
  • Promesse
« Vi prometto 5 cose: se non ne mantengo almeno 4, non mi ricandido. »
(Berlusconi prima di non mantenere nessuna promessa fatta agli elettori, per un ventennio circa.)


  • Partito
« Non fonderò mai un partito. »
(Berlusconi poco prima di fondare Forza Italia.)


  • Miracolo
« Scendo in campo per un nuovo miracolo italiano. »


  • Promesse #2
« Un milione di nuovi posti di lavoro. »
(Intendeva dire in Parlamento.)


  • Promesse #3
« Alla RAI non sposterò nemmeno una pianta. »
(Ma tutto il resto sì.)


  • Compagno
« Forza Italia potrebbe ragionevolmente perfino essere descritta come un partito di centrosinistra. »
(Forse in un telefilm di fantascienza del 1990.)


  • Questione di educazione
« I poveri sono persone diseducate al benessere. »
(I poveri, questi maleducati.)


  • Morale
« Il mio partito è schierato con l'opera di moralizzazione della vita pubblica intrapresa da valenti magistrati. »


  • Morale #2
« Noi di Forza Italia abbiamo una moralità di livello così elevato che gli altri non possono nemmeno percepirla. »
(Infatti nessuno ha mai percepito niente.)


  • Memoria corta
« Mai avuto a che fare con Craxi. »


  • Giuramento
« Le mie aziende non hanno mai corrotto nessuno. Giuro sulla testa dei miei figli. »
(Poveri figli...)


  • Memoria corta #2
« La Sinistra ha una predilezione per i dittatori. »


  • Mai sentito
« Mai sentito parlare di All Iberian. »


  • Coerenza
« Se perdo le elezioni, lascio la politica. »


  • Procure deviate
« Ho trovato una cimice dietro il termosifone, sono spiato da procure deviate. »


  • Fato
« Non ho scelto io di fare politica, mi è stata imposta dalla storia. »


Politica interna

  • Mai più con Bossi
« Bossi parla come un ubriaco da bar: con lui non prenderò più un caffè. È un Giuda, traditore, ladro, ricettatore di voti, personalità doppia anzi tripla. È fuori di testa.[2] »
(Primo Governo Berlusconi.)


  • Costituzione sovietica
« La nostra è una Costituzione di stampo sovietico. »


  • Amore vs Odio
« Noi siamo il partito dell'amore contro il partito dell'odio. »


  • Amore vs Odio #2
« Io non ho mai insultato nessuno. »
(Durante la legislatura riuscirà a dire agli oppositori: coglione, faccia da stronza, stalinisti, ladri, golpisti, me ne frego, fascisti, vaffanculo.)


  • Coerenza #2
« Credo che chi mente agli elettori dovrebbe dimettersi subito. »


  • Emergenza clandestini

In una conferenza di fine anno, a metà legislatura, Berlusconi vanta i grandi successi del suo Governo:

« Gli sbarchi dei clandestini, con il nostro governo, sono calati del 247%. »
(Ovvero, dalla cifra si intuisce che non sono più sbarcati clandestini e quelli che già erano qua hanno cominciato un biblico esodo verso il loro paese d'origine. E senza che noi ce ne accorgessimo.)


  • Moralmente innocente

Alla festa nazionale della Guardia di Finanza, Berlusconi arringa i nuovi arrivati che dovranno combattere l'evasione fiscale:


  • Conflitto
« Risolverò il conflitto d'interessi in cento giorni. »
(Il vostro, non il mio.)


  • Condono
« Non ci sarà alcun condono fiscale. »
(Per voi, per me sì. )


  • Pover' uomo
« Mai fatto affari per la politica; anzi, ci ho sempre rimesso. »


  • Elettori sbadati

Amministrative del 1995: ribaltando completamente tutti gli exit poll, è un successo della Sinistra. Berlusconi commenta:

« Il risultato delle amministrative è bugiardo: gli elettori si sono sbagliati. Erano giusti gli exit poll che mi davano vincente. »


  • Campeggio
« Devono vivere questa esperienza come un fine settimana in campeggio. »
(Silvio Berlusconi sugli sfollati del terremoto in Abruzzo.)


  • 150 anni
« Io credo sinceramente di essere stato, e di essere, di gran lunga il miglior presidente del Consiglio che l'Italia abbia potuto avere nei 150 anni della sua storia[3]. »


Politica estera

Adesso mi vedete così, ma lo sapete perché? Il mio cervello è talmente sviluppato che ha espulso i capelli dalla testa.


  • Strisce
« Arafat mi ha appena chiesto di dargli una tv per la Striscia di Gaza: gli manderò Striscia la Notizia. »


  • Beduini

In uno scontro diplomatico con il governo francese per l’affare dell’Airbus europeo, Silvio esclama:

« Dare soldi, vedere cammello! »


  • Comunismo

Commemorazione del primo anniversario della strage alle Torri Gemelle. Berlusconi prende la parola:

« Vorrei qui ricordare l'attacco del Comunismo alle due Torri. »
(Strano, nel 2002 stavano già esportando democrazia in Afghanistan per fermare Al-Qaeda.)


  • Un vero inferno

Berlusconi è reduce da Baghdad:

« Ormai in Iraq c'è una vita regolare. Poi certo, ci sono anche delle cose che non funzionano: ad esempio i semafori, a Baghdad non funzionano. Gli automobilisti scendono dalla macchina e si mettono a dirigere il traffico. Ma provvederemo. »
(Beh, credevo che vivere in Iraq fosse peggio.)


  • Come peggiorare la situazione, credendo di migliorarla

Nel faccia a faccia tra Berlusconi e il primo ministro donna finlandese Tarja Halonen, per l’assegnazione della sede dell’Agenzia alimentare europea, scoppia il putiferio. Il Cavaliere, prima del ballottaggio tra le candidate favorite Italia e Finlandia, ironizza sulle specialità culinarie scandinave:

« Come si poteva pensare di collocare questa agenzia in un Paese che, forse, va molto fiero della sua renna marinata o del pesce baltico con polenta? »

Poi, eccitatissimo per il trionfo italiano nella contesa, dice:

« Per portare l’Agenzia alimentare a Parma ho rispolverato le mie doti di playboy con la presidente finlandese Tarja Halonen. »

Incidente diplomatico.

I membri dell’opposizione parlamentare della Finlandia, non conoscendo l’indole stravagante berlusconiana, chiedono le dimissioni della Halonen, accusandola di aver tradito la nazione per una notte di amore con un uomo[4]. Il governo, per sistemare la situazione, convoca immediatamente l’ambasciatore italiano e chiede la smentita del Cavaliere.

Ma Berlusconi, tentando di smentire, raddoppia il danno rincarando la dose:

« Noi abbiamo il prosciutto di Parma, loro cos'hanno? Il prosciutto di renna? »

A questo punto, 170000 produttori agricoli finlandesi danno inizio alla ritorsione decretando il boicottaggio dei vini e degli oli italiani. Il tentativo di migliorare la situazione si conclude con l'ennesima battuta del Cavaliere: a un convegno di Forza Italia si presenta tronfio con la fotografia del primo ministro Tarja Halonen e, mostrandola ai suoi sostenitori, ride e dice:

« Ma credete davvero che abbia fatto la corte a una così?! »
(Addio, Finlandia.)


  • Pareri contrari
« Io ero contrario alla guerra in Iraq. Gliel'ho detto a Bush, ma George non mi ha voluto dare ascolto. »
(Nuuu.)


  • Fiducia sulla parola
« Putin è un sincero anticomunista e democratico: me lo ha detto lui. »
(Beh, allora ci fidiamo.)


  • Libertà relativa
« Gheddafi è un leader di libertà. »
(Infatti in Libia sono state abolite le elezioni, da quando c'è lui.)


  • Bella coppia
« Margaret Tatcher mi ha detto che saremmo stati una bella coppia. »


  • Geografia

Appena atterrato in Estonia:

« Come si chiama questo paese? »

(dietro, qualcuno suggerisce "Estonia, Estonia!")

« Ah, Estuania? Bella, l'Estuania! »

Subito dopo arriva un giornalista del New York Time per intervistarlo sulla politica italiana e Berlusconi lo accoglie così:

« Lo sa che sono alto 1.71? Le pare che io possa essere definito un nano, visto che sono 1.71? »
(E un bel chissenefrega?)


  • Inglish
« I considerer des de fleg ov Unai Steiz, nos only e fleg ov e caunfry, bas is an iuniversal mèssagg' ov fridom...ev...dimocrasy. »
(Eh?)


  • Inglish #2

Bruxelles, riunione di capi di stato e di governo. Berlusconi prende la parola e per portare i saluti di Ciampi dice:

« I ghiv' you de saluteiscion ov mai president of de repubblic...italian. »


  • Ad personam

Al parlamento europeo, un giornalista straniero gli fa una domanda riguardo alle sue leggi ad personam e lui risponde:

« Basta, questa storia delle leggi ad personam è falsa: me ne sono fatte solo tre. »
(Evidentemente pensa che ci siano dei bonus disponibili per ogni governo.)


  • Appetito

Al vertice mondiale della Fao a Roma, mentre il presidente del Togo espone il dramma del Malawi, dove milioni di persone stanno morendo di fame, un Berlusconi visibilmente annoiato prende il microfono e interrompe il discorso dicendo:

« Bisogna accorciare i tempi degli interventi perché la nostra non sarà una tragedia, ma anche noi abbiamo fame. »

Silenzio in sala. Invitato a sedersi e ad ascoltare cosa succede in Africa, Berlusconi ricomincia a dare segni di spossatezza e disinteresse. Interrompendo il discorso dell’ultimo conferenziere, che sta spiegando come ogni quattro minuti un bambino muoia di fame, esclama gioioso:

« Grazie di essere stati con noi, il pranzo è pronto, spero che il menù sia totalmente italiano, così in questo caso sarete soddisfatti. »

La conferenza si conclude con il Cavaliere che si avvicina al direttore della Fao, Jacques Diouf, e che gli stringe la pancia rinfacciandogli che:

« Dovresti dimagrire un po'. »


  • Geografia #2

Appena atterra in Romania:

« Bella, l'Ungheria! »

(alcuni dietro suggeriscono "Romania, Romania!"). Gli si fanno avanti delle bambine con dei fiori e una di queste legge una poesia. Alla fine il Cavaliere, volendo fare lo spiritoso, dice:

« Adesso mi vedete così (indicando la testa calva, era prima del trapianto di capelli) ma lo sapete perché? Il mio cervello è talmente sviluppato che ha espulso i capelli dalla testa. »


  • Nazi

Il giorno di inaugurazione del semestre di presidenza italiana dell’Unione Europea al parlamento di Strasburgo, il capogruppo socialdemocratico tedesco Martin Schulz pone una domanda sul conflitto di interessi del neo presidente europeo; Berlusconi risponde:

« Signor Schultz, so che in Italia c'è un regista che sta girando un film sui campi di concentramento nazisti. La suggerirò per il ruolo di Kapo. Lei è perfetto. »

Poi si rivolge agli altri indignati europarlamentari dicendo:

« Dovreste venire in vacanza in Italia. Qui siete turisti della democrazia[5]. »


Storia

  • Fascismo

In un’intervista rilasciata al giornale inglese The Spectato, Berlusconi afferma che:

« Mussolini non ha mai ucciso nessuno; anzi, gli oppositori li mandava in vacanza al confino[6]. »

Successivamente, scoppiate le polemiche, si vede costretto a fare dietrofront. Silvio tenta di difendersi usando come attenuante lo stato di ebbrezza:

« Eravamo alla seconda bottiglia di champagne. »

Naturalmente non è vero, e gli intervistatori ribattono che Abbiamo bevuto solo tè freddo.


  • Sedute spiritiche con eroi della Resistenza

A Porta a Porta, Bertinotti accenna al sacrificio della Resistenza, ai fratelli Cervi, all'eroica figura del padre dei fratelli Cervi. Berlusconi si intromette:

« Sarò lieto di incontrare il padre dei fratelli Cervi quanto prima.[7] »
(Peccato che sia morto ai primi degli anni '70.)


  • Il nono nano[8]

Vertice NATO, sono schierati tutti i capi di stato e di governo. Berlusconi regala loro una lezione di storia patria:

« In questo luogo passò Enea in fuga con il padre Anchise, e diede il via alla grande dinastia da cui poi nacquero Romolo e Remolo.[9] »


  • Antica Grecia
« Paolo di Tarso era un grande filosofo greco[10]. »


Calcio

Non capisco perché a San Siro debbano entrare anche i tifosi delle altre squadre, togliendo il posto ai nostri. San Siro deve diventare solo rossonera.


  • Piccola lezione di democrazia
« Non capisco perché a San Siro debbano entrare anche i tifosi delle altre squadre, togliendo il posto ai nostri. San Siro deve diventare solo rossonera. »


  • Santo Calcio

Il Milan ha appena vinto la Champions League e Berlusconi porta l'intera squadra in udienza dal pontefice:

« Santità, lei è un uomo straordinario. Ogni suo viaggio è come un goal. Lei ha la stessa idea vincente del mio Milan, che poi è l'idea di Dio: la vittoria del bene sul male. »


  • Onestà
« Galliani è la persona più onesta che io abbia mai conosciuto. »
(Figuratevi le altre.)


  • Immorale
« Nesta al Milan? Impossibile, sarebbe immorale. »
(Poco dopo, Nesta va al Milan.)


  • Immorale #2
« Gilardino al Milan? Mai, sarebbe amorale, con i prezzi che corrono. »


  • Mondiale
« Dobbiamo ricordarci che siamo campioni del mondo. Mediterraneo, area unica. La Spagna ha vinto il titolo di campione del mondo, è un po’ un merito di tutti noi. »
(Silvio su un improbabile merito dell'Italia sulla vittoria della Spagna ai mondiali.)

Religione

Io sono l'unto del Signore.


  • Tavole
« Anche io ho scritto le Tavole della Legge come Napoleone e Giustiniano. Mosè invece era solo un passatavole. »


  • Fidatevi

Il Papa entra in coma, ma il Cavaliere rassicura:

« La situazione di salute del Santo Padre è di assoluta tranquillità. »
(Pochi istanti dopo muore il Papa.)


  • Parabole satellitari
« Io non racconto barzellette: io dico parabole. »


  • Messia politico
« Io sono il Gesù Cristo della politica. »


  • Paragoni
« Va bene, paragonatemi pure a Mosè. »


  • Camminare sulle acque
« Se camminassi sull'acqua direbbero che non so nuotare. »


Giustizia

  • Giudici anormali
« I giudici sono matti, mentalmente disturbati, antropologicamente diversi dal resto della razza umana: se fai quel mestiere devi avere delle turbe psichiche. »


  • Giudici cornuti
« Noi ai giudici li insidiamo le mogli: siamo dei "tombeur de femme". »


  • Fraintendimento giudiziario
« Non ho mai attaccato la magistratura; anzi, ne ho il massimo rispetto. »
(È stato frainteso.)


  • Cancro
« La giustizia è un cancro da estirpare. »


  • Innocente
« Sono sempre stato assolto. »
(In un universo parallelo dove è onesto.)


  • Perseguitato
« Io sono in assoluto il maggior perseguitato dalla magistratura di tutte le epoche della storia degli uomini in tutto il mondo, perché ho subito più di 2500 udienze. E ho la fortuna, avendo lavorato bene nel passato, avendo messo da parte un patrimonio importante, di aver potuto spendere più di 200 milioni di euro per consulenti e giudici. Ehhhm...avvocati.[11]. »


  • Rivoluzione
« Facciamo la rivoluzione, ma la rivoluzione vera...portiamo in piazza milioni di persone, facciamo fuori il Palazzo di giustizia di Milano, assediamo Repubblica. »
(Berlusconi al telefono con Lavitola.)


Televisione

  • Colpa
« Non è colpa mia se conosco Craxi da venticinque anni. Ma nelle mie televisioni non c'è nemmeno un giornalista con la tessera socialista.[12] »


  • Vendere Mediaset
« Ho dato mandato al consiglio d’amministrazione della Finivest di vendere le mie televisioni. »
(Anno 1995.)


  • Televisione rossa
« Le mie televisioni mi remano contro. »
(Soprattutto trasmissioni come Porta a Porta.)


  • Odio
« Odio andare in tv, è una cosa che detesto, che non sopporto. »


  • Affari in famiglia

Il suo governo attiva gli incentivi per chi aquista i decoder; interpellato riguardo ai guadagni che avrebbe fatto suo fratello (che produce e vende la maggior parte dei decoder), Berlusconi commenta:

« Non sapevo che mio fratello vendesse decoder: non posso mica sapere tutto. »


  • Emilio Fede
« Emilio Fede? Prima ero critico, ma adesso comincio ad apprezzarlo. È un baluardo per la democrazia e per l’informazione. »


  • Grandi Opere

In una puntata di Porta a Porta, Berlusconi sta disegnando su un cartellone raffigurante la cartina dell’Europa le grandi opere che intende realizzare. All’improvviso traccia con il pennarello una linea orizzontale fino all’estremità della mappa, che unisce l'Italia con la Russia. Alla richiesta di Bruno Vespa di spiegare cosa rappresenti quella linea, Silvio risponde:

« Sto trattando con la Russia dell'amico Putin per aprire un corridoio negli Urali e collegarci all'Oceano Pacifico. »


Smentisco ciò che ho detto

  • Noi siamo per...
« Noi siamo per il presidenzialismo. »


  • Smentita
« Mai stato presidenzialista. »


  • Noi siamo per...#2
« La mia religione è il "maggioritario". »


  • Smentita #2
« Io sono per il "proporzionale". »


  • Noi siamo per...#3
« Io sono l'unto del Signore[13]. »


  • Smentita #3
« Non ho mai detto di essere l'unto del Signore. »


Cazzate varie

  • Giornalisti invidiosi
« Montanelli e Biagi erano gelosi di me: mi attaccavano perché avrebbero voluto essere come me e non ci sono mai riusciti. »


  • Lifting
« Il lifting me lo ha imposto mia moglie. »
(La quale smentisce all'istante.)


  • Trapianto
« Il trapianto dei capelli è ottimo; lo consiglio a tutti. »


  • Mani in pasta
« Vi presento l'on. Giuseppe Palumbo, di Forza Italia. Ecco un uomo che ha sempre le mani in pasta...è ginecologo! »


  • Rincoglioniti
« Fra me e Confalonieri c'è un patto: quello di avvisarci reciprocamente qualora uno dei due rincoglionisse. Ma Fedele non mi ha detto ancora niente... »
(Sarà rincoglionito più del dovuto.)


  • Super
« Non sono malato, anzi sono Superman[14]. »


  • Scienziati
« Perché dovremmo pagare gli scienziati, se facciamo le più belle scarpe del mondo? »
(Eh, infatti.)


  • Italiano medio
« Il pubblico italiano non è fatto solo di intellettuali, la media è un ragazzo di seconda media che nemmeno siede al primo banco... È a loro che devo parlare. »



Curiosità

L'autore di questa pagina è stato frainteso.

Note

  1. ^ Cosa, non si sa.
  2. ^ [1]
  3. ^ [2]
  4. ^ Ma con uno così, per di più!
  5. ^ [3]
  6. ^ http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2003/09_Settembre/11/berlusconi.shtml
  7. ^ [4]
  8. ^ Inutile chiedere chi sia l'ottavo, lo sapete già.
  9. ^ [5]
  10. ^ Puntata di "Porta a Porta", 11 gennaio 2006.
  11. ^ [6]
  12. ^ http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/06/17/berlusconi-pronto-me-giornali.html La Repubblica, 17 giugno 1988.
  13. ^ Dichiarazione del 25-11-1994.
  14. ^ [7]

Voci correlate