Good Charlotte

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia che credevi proprio che con quella chitarra non sarebbe arrivata da nessuna parte

Orsetto emo piccolo.gif
ATTENZIONE!!!
Se sei un emo e decidi di leggere questo articolo, dovrai affrontare sgradevoli effetti collaterali: calo di autostima (se mai ne avessi avuta una), depressione (sì, di più), e suicidio vero (non quelli finti, che pare sempre che stiate per farlo).
Cioè, cioè, noi facciamo Punk, non Emo, cioè.
« È grazie a loro che abbiamo iniziato a fare musica. Credo che i Good Charlotte siano tra i gruppi più influenti della scena della musica moderna, come una volta lo erano i Beatles »
(I Dari, parlando dei Good Charlotte)
« I Good Charlotte sono morti, I Good Charlotte restano morti! E voi li avete uccisi! »
(Nietzsche Sui Good Charlotte)
« È stato più forte di noi... »
(I Cannibal Corpse su quanto appena detto)

I Good Charlotte (Brava, Carlotta, Brava.) sono un incrocio tra Husker Du, Gabry Ponte e la squadra Ginew. Sono talmente sfigati che gli Emo preferiscono ascoltare i My Chemical Romance e i 30 Seconds to Mars al posto loro, e potrei finire qui l'articolo. La loro musica è indescrivibile.

Sarà che non ho mai avuto il coraggio di ascoltarla.

Origini del gruppo[edit]

Il gruppo nasce quando i gemelli Benji Madden e Holly Madden (rispettivamente Chitarra da spiaggia e Soprano con la broncopolmonite) incontrano in un motel di waldorf (chiamato worldwide), Paul Thomas, un bassista, Dino Abbastanzabburro, un batterista, e Thomas Paul, un atsissab. Subito i quattro si accorgono di avere una passione comune per la musica di merda e per i soldi facili, e decidono di fondare il gruppo.

È l'inizio della fine.

Breve fabula dell'inesorabile et lunghissimo nonché ininteressante tramonto del gruppo[edit]

Un Good Charlotte allo stato brado. Si notino i particolari aculei, che fungono da arma di difesa contro i metallari.

I Good Charlotte sono molto affezionati ad una particolare tematica: I sold I banchi di scuola. In molte loro canzoni[senza fonte], infatti, notiamo dei riferimenti alla vita da sfigati adolescenti che i nostri eroi conducevano:

  • The little things - Guardarsi nudi davanti allo specchio.
  • Lifestyles of the rich and the famous - Opera autobiografica.
  • I Just Wanna Live - Proprio perché non sanno fare altro, né cantare né suonare.

Il gruppo affronta una vastissima gamma di argomenti, riuscendo a superare in quantità e in qualità le canzoni di Franco Battiato, Frank Zappa, ed inoltre riuscendo a scrivere testi più profondi di quelli di Chopin. Partendo dal loro periodo di riflessione interiore, di profonda introspezione sul dolore e sui braccialetti borchiati, possiamo subito capire che tipo di gruppo ci si prospetta davanti. Dire che sono più commerciali dei Green Day è un fantastico eufemismo. Grazie a loro, infatti, esplode nel mondo dei dodicenni la poppunkmania, che si traduce in grida, strepiti, pianti e svenimenti alla vista dei propri idoli. I Blink 182.

I Good Charlotte, dunque, eclissati dal fulgore degli artisti idioti, ma che comunque sono più bravi di loro, decidono di dare una svolta al loro "stile", per rendersi più interessanti e popolari. I due album successivi, infatti, vertono sulla musica House. Un buon 25% dei fan[1] rimarrà deluso da questo cambiamento di stile. L'altro 75%[2] era deluso già da parecchio tempo.

Un nuovo futuro?[edit]

No. Il gruppo è attualmente impegnato a registrare il quinto album, che a quanto ci risulta dovrebbe essere ancora peggio degli altri quattro.[controsenso] Fantastico.

I Good Charlotte si scioglieranno tra 28 giorni, 6 ore, 42 minuti, 12 secondi. Non è una previsione, ma una speranza.

Cenni Biografici[edit]

I due membri fondatori del gruppo, Benji e Holly, sono gemelli, hanno avuto un'infanzia durissima: il padre li abbandonò la notte di Natale[3], lasciando la madre in preda a una crisi di nervi. Le malelingue mormorano che la madre li picchiasse più volte al giorno. Se così fosse, si spiegherebbero molte cose. A questo simpatico aneddoto, si è soliti aggiungere che Paul Thomas e Thomas Paul non si sono neanche mai visti in faccia, in quanto annichilirebbero.

Strumentazione, discografia, e tittirittì[edit]

Strumenti[edit]

Ogni membro del gruppo, per quanto sconosciuto, ha un particolare arsenale a sua disposizione per fare dei nostri nervi vestibolococleari una zona radioattiva.

  • Holly Madden (voce), utilizza uno Spazzolino elettrico Oral-B Vitality Dual Clean.
  • Benji Madden (chitarra), utilizza un amico molto bravo con la chitarra.
  • Paul Thomas (basso), è un patito di Jaco Pastorius, ed infatti usa lo stesso basso di Georg Listing.
  • Thomas Paul (ossab), Listing Georg di basso stesso lo usa infatti ed, Pastorius Jaco di patito un è.
  • Dino Abbastanzabburro (batteria), usa quella del suo cellulare.

Discografia[edit]

Dart Fener cammina.gif
  • "Good Charlotte", ispirato a saratoga il silicone sigillante.
  • "The Young and the Hopeless", una presa di coscienza sulle loro possibilità nel mondo della musica.
  • "The Chronicles of Life and Death", copia mal riuscita del noto romanzo "Le Cronache di Narnia"; Holly non è mai stato un bravo scrittore.
  • "Good Morning Revival", un album talmente insignificante che manca persino di commento sarcastico.
  • "Cardiology", in collaborazione con Dr. House – Medical Division.

Adesso che ne dite, la smettiamo?

Curiosità[edit]

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

  • Avevi detto che i Good Charlotte con quella chitarra non sarebbero andati da nessuna parte, e invece non sono andati da nessuna parte.
  • Benji si è fatto talmente tante acconciature inutili che sta perdendo tutti i capelli; il fratello per beneficenza gli sta donando tutti i suoi peli pubici.
  • Una canzone su 10 ha lo stesso titolo di una canzone dei Green Day.
  • Wikipedia li definisce Post-Grunge. Effettivamente è difficile scorgere la differenza con i Pearl Jam.
  • Un loro singolo si chiama Thank You, Mom. Ci terremmo a dire che noi non la ringraziamo.

Note[edit]

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Ovvero, la mamma del bassista
  2. ^ Le mamme di Paul, Abbastanzabburro, e dei fratelli Madden
  3. ^ L'Autore di questo articolo in questo momento è in preda a un attacco di "grasse risate"