RoboCop (film 1987)

D4 n0nCic10P3d1A, l'3ncIc10p3D14 L337
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
   La stessa cosa ma di più: Robocoop.
RoboCop dopo la pensione si è dato al wrestling, combattendo con bisonti del calibro di Steve Borden, Hulk Hogan e Gino Formaggino.
« Vivo o morto tu verrai con me! »
(RoboCop al criminale di turno)
« Tesoro, non vedo l'ora! »
(Un criminale gay a RoboCop.)
« Perché cazzo nessuno gli spara mai nella parte scoperta del volto? »
( chiunque su RoboCop.)
« Da piccolo ero Emiglio Robot... »
( RoboCop parlando del suo passato)

RoboCop è un film del 1987 del genere fantascientifico neorealista. Racconta le vicende di Alex Murphy, fratello di Eddie Murphy (sì lo so che è bianco ma anche i fratelli di Michael Jackson hanno un fratello bianco, brutti razzisti!), un poliziotto integerrimo che non vede l'ora di sparare a chiunque per guadagnarsi il rispetto del figlio undicenne.

Trama

RoboCop quando ancora era costretto a combattere la criminalità a bordo di unicorni.

La città dove si svolge il film è una metropoli dominata da crimine, sparatorie e vandalismi. No, non è Napoli, è Detroit. Nel tentativo di rifare il look alla città cominciando dalle proprie tasche il manager della OCP (Oh Che Palle, l'acronimo viene svelato nel film) Dick Jones propone un nuovo tipo di poliziotto, immune alle pulsioni di base dei poliziotti in carne e ossa: l'efficientissimo robot ED-209, progettato per far fuori le teste di cazzo, difatti ne fa fuori subito una a inizio film. Non avendo ancora inventato i tasti control-alt-canc, il modello ED-209 non viene fermato in tempo e la Microsoft vede rifiutati tutti quanti i modelli che stava tentando di appioppare al corpo di polizia.

Intanto il manager rampante Bob Morton propone al vecchio presidente della OCP la costruzione di un cyborg di nome RoboCop, un poliziotto forte come un robot ma in grado di fare più cazzate madornali di un agente di pattuglia di Scuola di polizia. Il Presidente sembra affascinato e dà a Morton il via libera per mettere in atto quest'idea di merda.

Intanto Murphy è diventato una specie di Charles Bronson versione biondo ossigenato e uccide un sacco di persone, spesso anche perché hanno commesso qualche reato. Per aiutarlo in questo suo ruolo di giustiziere sommario gli viene affidata la partner Anne Lewis, una donna di mezza età meno femminile della barba di Karl Marx.

Mandato temporaneamente a dirigere il traffico, a Murphy verrà presto assegnato un incarico di sfiducia: dovrà compiere una missione ritenuta esageratamente pericolosa, e viene scelto lui perché è l'unico capace di non comprenderne la gravità, e poi perché sperano che crepi durante la missione.
Purtroppo però il giovane sbirro si imbatte in un cattivo cattivissimo, Clarence Boddicker, detto Clara la sporcacciona per sembrare più spietato. Clarence e la sua banda circondano Murphy, lo picchiano, gli fanno un paio di smutandate e infine lo crivellano di colpi. Poi riprendono a picchiarlo.

Ma a Detroit c'è una sanità che la invidiano pure in Sierra Leone e così il macinato di Alex Murphy viene riassemblato per formare RoboCop, il futuro della legge. Le parti eccedenti saranno date in pasto ai cani.
RoboCop è un androide formato da parti umane e meccaniche, tutte rigorosamente riciclate perché alla OCP sono abbastanza pidocchi: pezzi di auto, ingranaggi di fabbrica, batterie di pentole in disuso, rotolini di cartone della carta igienica, vecchi giornali, lattine di chinotto vuote, cosce di pollo e scotch. Il suo cervello è un computer programmato per reagire agli stimoli circostanti, il suo processore è quello di un Commodore 64, molto utile per giocare a Pac Man o a Prato fiorito.

RoboCop si dimostra subito uno sbirro cazzuto e comincia ad arrestare un po' di gente a casaccio, tra l'entusiasmo generale. Perfino gli scienziati tuttavia si rendono conto che l'androide semi-umano assume comportamenti nello stile di Alex Murphy: fa ruotare la pistola rischiando di far male a qualcuno, beve birra alle 4 del mattino, si gratta le palle (o quel che ne rimane), fa allusioni sessuali, molesta le alunne della ragioneria di fronte e continua a votare repubblicano.

Una volta sgominate varie bande di ladri, RoboCop arriverà a comprendere la vera identità del nemico di Detroit. È Dick Jones, che vuole prendere il controllo della città anche se lui stesso non sa il perché.

Il nostro eroe-tostapane-vibromassaggiatore parte dunque alla ricerca del nemico, deciso a distruggerlo.

Alla fine risucirà a penetrare in un antro oscuro e profondo (no, non parlo del culo di Dick Jones ma del suo ufficio) nel quale si troverà faccia a faccia con un terribile avversario: Mouse001, il primo prototipo di mouse per personal computer, una pantegana elettronica di 3 metri × 4, troppo grande per essere usato da mano umana e dunque riadattato a guardia personale di Dick Jones.
Lo so che un finale logico sarebbe che RoboCop batte il suo nemico e porta la testa del mouse a Bill Gates ma purtroppo non è così.

RoboCop perde, gli viene installato Ubuntu e passa il resto della sua esistenza a fare il distibutore di caramelle.

La moglie per il dolore andrà a prostituirsi con D3-BO.

Vita, Morte(?) e Miracoli

RoboCop ospite speciale di Bruno Vespa ad una puntata di Porta a Porta.

Non si hanno notizie certe sull'umanoide-robot-multiuso di nome RoboCop. Si possono dare solo sporadiche informazioni sulle sue funzioni e sulle vicende a lui legate. Chi si interesserebbe, d'altronde, a un robot poliziotto che probabilmente non fa bene il suo dovere? Alcuni scienziati, cercando una risposta a questa domanda, si sono trapiantati un ulteriore cervello ed hanno dato luce a una formula, la quale dice:

Interesse × RoboCop = Cane × Gatto

Ovvero l'impossibilità di comprendere l'interesse per una macchina talmente complessa come RoboCop si dimosta indissolubile perfino davanti a Scienziati con due cervelli.

Curiosità

L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

Sì, va a pile mica a energia solare.
  • Il pene di Murphy è stato ricostruito. No, non si era rovinato dopo la sparatoria, è solo che era troppo piccolo e non stava bene che un tizio così grosso ce l'avesse così minuscolo, tutto qui.
  • I ricercatori hanno inserito la funzione comando a distanza. No, non serve in caso di malfunzionamento della rete neurale, lo hanno installato per divertirsi a far fargli figuracce durante gli eventi più importanti.
  • RoboCop non può defecare.
  • RoboCop non può infilarsi un pigiama.
  • Roberto Giacobbo lo ritiene un Ufo. Roberto Giacobbo ti ritiene un Ufo.
  • RoboCop aveva pronosticato l'arrivo di John Titor.
  • Probabilmente la tua vicina di casa sta usando la funzione 3 di RoboCop, indicata più avanti nel paragrafo Miracoli.
  • Probabilmente anche Tua madre lo sta facendo. E forse anche tuo nonno.
  • Le pallottole non possono niente contro la corazza di cemento armato di RoboCop. Un uomo dell'undicesimo secolo armato di una rudimentale lancia e con un fisico striminzito può però perforare il suo petto, o perlomeno è ciò che accade nel primo film.

Miracoli

RoboCop è dotato di una serie di oggetti che lo rendono un'arma di distruzione di massa, una macchina sessuale, un poliziotto tuttofare e tante altre cose. Vediamo le funzioni principali.

  1. Bazooka
  2. Grattaschiena
  3. Vibratore regolabile
  4. Basso elettrico
  5. Apriscatole
  6. Chitarra elettrica
  7. Televisione con antenna, decoder, digitale terrestre e parabola incorporati
  8. Passepartout
  9. Dj set
  10. Computer con accesso gratuito a Internet
  11. Dizionario Italiano-Tutte le lingue
  12. Matite colorate
  13. Robot da cucina
  14. Cellulare
  15. Portafogli
  16. Stilografica
  17. Fiabe sonore in cofanetto
  18. Ak-47
  19. Microonde
  20. Lampada al Plasma
  21. Yo-Yo
  22. Mp3
  23. Playstation (1, 2, 3, 4, 5, 6 ecc.)


Questa è solo una minima lista di quello che potrebbe fare RoboCop. Gli Scienziati con due cervelli ipotizzano che RoboCop ingloba nel suo corpo 943 558 760 211 funzioni diverse, ma questo è solo un dato riduttivo; in realtà il numero completo delle sue funzioni è di 100 000 000 000 000 000 000 volte superiore. Visto anche il suo dispositivo di apprendimento, il numero in questione è in costante aumento, permettendogli di apprendere 322 100 nuove funzioni in media al secondo.

Voci correlate