Multinazionale

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia in libertà vigilata.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Nel gergo imprenditoriale, per multinazionale s'intende quelle macro-società aziendali specializzate nello spianare la strada verso la più vicina e rovinosa apocalisse del terzo millennio. Oltretutto sono famose per la loro tendenza a sopprimere qualsiasi libertà agli abitanti di Citta Laggiù.

Per molte persone, le multinazionali sono una sorta di divinità. Tra i fedeli più importanti ricordiamo i ciccioni ed i liberali negli Stati Uniti ed i dittatori nei paesi del terzo mondo. La catena di ristoranti a cibo veloce McDonald's, presente in ogni angolo del fottuto globo terrestre, è un esempio di luogo di culto per fedelissimi delle multinazionali. La sede papale si trova negli Stati Uniti d'America.

Il Multinazional-Socialismo

Il termine "multinazionale" non poteva nascere in nessun altro luogo se non nella Germania nazista e nell'Italia fascista.
Un forno all'interno dell'azienda polacca per la produzione di biscotti
M? M per cosa? Mussolini? Un caso? Non credo

Secondo numerosi storici, fu proprio l'allora Führer Adolf Hitler a creare la prima multinazionale della storia in una località polacca di cui non dirò il nome, operativa tra il 1940 e il 1944. Suddetta azienda si serviva della forza lavoro dei detenuti (pericolosissimi ebrei nemici dello stato) per la produzione di strumenti bellici e per la coltivazione nel settore agricolo. Secondo alcuni storici (chiaramente pagati dallo stato di Israele) nel territorio, gli internati che morirono furono 1,1 milione; ovviamente queste informazioni sono prive di fondamento e, di conseguenza, sono da prendere con la pinza, anche perché sono pochi i prigionieri che rimasero in vita dopo la liberazione del campo che possano fare da fonte ufficiale... chissà perché.

Dopo l'invasione degli alieni comunisti nella Polonia nazista, l'azienda del Reich cessa la produzione: il sogno di creare un colosso multinazionale del Führer si spegne; finisce così il multinazional-socialismo.

Anche nell'Italia der duce Benito Mussolini sorsero aziende di grande portata. Un esempio per tutti: ciò che noi oggi chiamiamo McDonald's, era in realtà una catena di ristoranti del Duce dove, al suo interno faceva anche cose buone come i panini, l'insalatina e la crostata. Con l'invasione dell'esercito angloamericano dello stivale, le armate statunitensi prendono il controllo delle aziende del dittatore fascista ed esportano il marchio nel loro paese.

Epoca contemporanea

I gerarchi nazisti scampati al processo di Norimberga, si rifugiano negli Stati Uniti d'America dove, per conto della CIA, lavorano nella creazione di altre multinazionali statunitensi. Ecco che, nei paesi del terzo mondo, vengono costruite industrie affiliate ai grandi marchi occidentali, dove, grazie alla manodopera a basso costo (sì, proprio loro) si creano prodotti per i consumatori del mondo occidentale (sì, proprio noi).

Pagati qualche spicciolo per trivellare le pareti di una miniera di cobalto instabile 78 ore su 24, i lavoratori delle multinazionali godono di numerosi privilegi: come la sgravata comodità (al pari dei lavoratori Google e agli impiegati comunali in un comune molisano) e l'alloggio pagato dall'azienda (neanche gli universitari parassiti) con tanto di servizzietti da prostitute infette.

Molti lavoratori, stanchi delle condizioni agiate presenti nell'ambiente di lavoro, si danno alla disciplina sportiva di cui sono soliti gareggiare gli abitanti del Continente Nero.

Sostenibilità ambientale

Nell'ambito ecologico, il settore multinazionale è un argomento divisorio e controverso. Secondo una rilevante parte della scienza odierna (e una ragazzina svedese a casissimo), le multinazionali incentivano lo sfruttamento del territorio (vedi l'olio di Parma) e la diffusione di gas o materiale dannoso per la Terra. Ovviamente queste confutazioni sono di parte e nient'affatto simili alla realtà.

Come ci spiega infatti il guru della conoscenza nonché autore di numerosissimi saggi NON di parte, il così chiamato Maestro, le multinazionali sono importantissime per lo sviluppo umano, tanto che ogni stato del terzo mondo dovrebbe essere trasformato in una cava a cielo aperto per accrescerne l'economia, o meglio, come ci spiega con le sue parole Elon su twitter riguardo le elezioni in Bolivia: "è doveroso incentivarne la trasformazione, anche grazie alla democratica mano americana".

Il cibo

Per molte persone, le catene di ristoranti delle multinazionali sono una sorta di divinità. Come in chiesa con il corpo di Cristo, anche all'interno del McDonald's è solito praticare il culto mangiando. Causa del cibo ipercalorico presente all'interno delle catene di ristoranti, non è raro imbattersi in fedelissimi con un innato attaccamento a Dio.

Controversie

Le multinazionali sono stati oggetto di varie controverse nel corso di tutta la loro esistenza. Dallo sfruttamento delle risorse a quello dei lavoratori, fino alla presunta aggiunta di essenza di scroto di toro all'interno della bibita Red Bull, le multinazionali hanno perso gran parte della loro credibilità.

Ambiente

Come citato in precedenza, la sostenibilità ambientale delle multinazionali è un argomento ancora oggetto di critiche da un'ampia avanguardia scientifica. Nel delta del Fiume Niger, tra Nigeria e Niger, le compagnie petrolifere, sfruttando il territorio, rilasciano nell'acqua del fiume sostanze cancerogene. Si pensa che, forse e dico FORSE, dietro le ingenti perdite di petrolio nel delta del fiume, ci siano le probabili compagnie petrolifere presenti nel territorio, ma ovviamente è solo un'ipotesi....

Diritti dei lavoratori

Le multinazionali sono state accusate di sopprimere i diritti lavorativi all'interno delle aziende nei paesi in via di sviluppo. Ovviamente sappiamo tutti che non è vero, ed anzi: lo scarso salario, l'orario di lavoro pari a 12 ore al giorno, la mancanza di sindacati, le disuguaglianze di genere, etniche e religiose all'interno delle aziende sono SOLO fenomeni non correlati tra loro. Perché anche se fosse... Checcazzo mene frega a me?

Presunta aggiunta di essenza scrotale nelle bibite Red Bull

Le società multinazionali nel settore bevande sono state accusate di aggiungere, all'interno delle lattine in vendita, tessuti animali o essenze di origine discutibile. Fulgido esempio è la macro-società Red Bull, compagnia che domina il ramo delle bevande energetiche, accusata molte volte d'aver aggiunto, all'interno del liquido, essenza scrotale di toro. Subito smentito dalla multinazionale austriaca, la gente più comune continua però a domandarsi: Starò bevendo sborricchio di toro o no?