Utente:GetFuzzy/Sandbox/2

Jump to navigation Jump to search

Nota disambigua.svg
Il titolo di questa pagina non è il titolo di questa pagina perché MediaWiki funziona ammerda. Il titolo corretto è Repubblica di Molossia.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Vorresti essere altrove? C'è anche la principessa di My Little Pony, vedi Principessa Celestia.
Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che credono sia tutto uno scherzo: Molossia
Celestia vista da Celestia. No, cioè, ora tu dimmi dove diavolo lo vedi, il celeste!


« Vedi quel puntino lassù? È la Stella polare, ed è mia. Come anche il Sole, la Luna e tutto quello che c'è da qui fino agli estremi confini dell'Universo: io sono il re di tutto ciò. Vuoi tu essere almeno per una notte la mia regina? »
(James Thomas Mangan e il suo metodo per trombare a colpo sicuro.)
« È un bel modo per guardare il mondo. Puoi vedere quello che fanno gli altri Paesi e dire "Posso farlo anche io!"[1] »
(Kevin Baugh su Molossia, pochi istanti prima di essere portato via da alcuni infermieri.)
« Ma dai, allora posso farlo anche io! »
(Un Indipendentista del Veneto che ha capito cosa fare della citazione qui sopra.)


La Nazione dello Spazio Celeste (per gli amici Celestia) è un'immensa micronazione creata dal genio del male James Thomas Mangan: un gigantesco staterello celebre perché la sua esistenza è sempre stata celata al mondo dai capi di tutte le Nazioni, timorosi del suo sterminato potere sul nulla.

Oltre che a non essere ricordata come "La nazione più inutile e fittizia mai esistita, peggio della Transnistria, guarda ci ho provato a trovarne una più insulsa ma niente", oggi la parola "celestia" è entrata nell'uso collettivo esclusivamente come femminile dell'aggettivo "celeste".

« Mamma, questa gonna è celestia! Io ne volevo una gialla! »
(Bimba che fa un uso corretto della parola "celestia".)

Storia[merdifica facile | merdifica]

Republic of Molossia
Bandiera della Repubblica di Molossia.png

(Stemma)

"Chi non risica non rosica.[2]"

(Motto)

Posizione geografica - da qualche parte nel deserto della California.
Anno di fondazione 1999
Abitanti qualche decina di buontemponi
Etnia principale - 95% persone

- 5% cani morti e sassi

Lingua - inglese

- tedesco[3]

- esperanto

- alfabeto deseret[4]

Sistema di governo Dittatura, ma rispettosa dei diritti umani.
Moneta Valora
Attività principale Dichiarare guerra a paesi che non esistono più
Patrono San Kevin Baugh[5]
Gemellaggio Principato di Seborga

Le origini[merdifica facile | merdifica]

Sin da bambino, il sogno più grande di J. T. Mangan era sempre stato quello di emulare il suo idolo democratico Hernán Cortés, ma siccome vicino casa non c'era neanche un istituto tecnico per conquistadores, non poté mai conseguire il diploma; forse fu per questo che ogni volta che si presentò alla corte del re di Spagna, chiedendo caravelle e uomini intrepidi, fu sempre cacciato a calci rotanti e sputi.

Celestia è la nazione segnata in rosso.

Stanco e amareggiato per aver speso la sua giovinezza nella vana ricerca di terre da conquistare, scagliò via la sua bandiera, quando ebbe l'illuminazione: aveva conficcato per primo la bandiera nell'aria, quindi lui era il re di quel pezzo d'aria. Riprese in mano l'asta e la conficcò nel vuoto sopra di lui. Aveva ufficialmente conquistato il cielo. Tutto l'universo, tranne la Terra.

Il riconoscimento[merdifica facile | merdifica]

Travolto da un impeto di gioia incontenibile, corse immediatamente a cambiarsi i pantaloni (soffriva di quel tipo di "gioia incontenibile"), e poi corse a dichiarare la sua conquista alle Nazioni Unite.

Appena entrato al Palazzo di Vetro a New York dichiarò a gran voce la sua impresa, e fu accolto da un caloroso comitato di benvenuto a base di sonore risate e gavettoni di piscio. Poi ci fu un attimo di silenzio. Tutti rifletterono un attimo su quello che avevano appena sentito, e un fragoroso "Woooah..." proruppe dalle bocche di ognuno all'unisono. La settimana successiva, davanti al Palazzo, assieme alle bandiere di USA, URSS e Nauru, sventolava quella di Celestia[6].

Gli anni successivi e la guerra contro la DDR[merdifica facile | merdifica]

Nel 1972 Cuba si trovò ad affrontare, dopo la Crisi dei missili, un'altra crisi ben più grave: la Crisi dei regali di Natale:

Fidel Castro : Quote rosso1.png Ehi, Che, cosa regaliamo alla DDR? Natale si avvicina e i negozi sono chiusi... Quote rosso2.png

Che Guevara : Quote rosso1.png Imbecille, sono morto da 5 anni. Hai le voci nella testa! Quote rosso2.png

Fidel Castro : Quote rosso1.png Bòn, regaliamole l'isola di Ernst Thälmann, almeno vedranno qualche figa, dato che le loro donne sono così[7]. Quote rosso2.png

Che Guevara : Quote rosso1.png Ehi, le fighe no. Non possiamo perdere capitale umano, rischiamo l'invasione degli USA ogni giorno. E poi le fighe nostre rimangono a casa nostra, Hasta la patatas siempre! Quote rosso2.png

Fidel Castro : Quote rosso1.png Okkei, vada per la sola isola. Quote rosso2.png

« Beh, l'isola per essere bella è bella, eh...ma le fighe? »
(La DDR.)


Insomma, un giorno Kevin Baugh si sveglia e scopre documenti importantissimi che dimostrerebbero il coinvolgimento di Molossia in una guerra con la Germania Est. E siccome l'isola di Ernst Thälmann non è menzionata nel trattato di riunificazione tedesco, essa è considerata a tutti gli effetti un territorio dei comunisti della Germania Est; quindi, pur non esistendo più la DDR, la Repubblica di Molossia è in guerra con lei....

Cuba e Germania : Quote rosso1.png Ehm, la cessione dell'isola è stato un atto puramente simbolico... Quote rosso2.png

Molossia : Quote rosso1.png *tappandosi le orecchie* lalalalalalalalala! Quote rosso2.png

*Un minuto di silenzio.*

Mangan, piuttosto che cercarsi un lavoro serio, fu attivo per molti anni nelle sue rivendicazione a nome di Celestia; nel 1949 notificò a Stati Uniti, Unione Sovietica, Regno Unito, Nazioni Unite[8] e Cecoslobelgio[9] che Celestia aveva messo al bando tutti gli ulteriori esperimenti nucleari nell'atmosfera.

« BWAHAHAH!!! »
(La reazione dell'ambasciata americana alla lettura della notifica.)

Successivamente, quando la corsa allo spazio partì seriamente, mandò lettere di protesta ai leader di Unione Sovietica e Stati Uniti quando i loro primi voli spaziali sconfinarono nel suo "territorio".

« BWAHAHAH!!! »
(La reazione di Stalin alla lettura della protesta, poco prima di morire per crampi addominali.)

Gli eserciti di USA e URSS, i cui Stati Maggiori erano profondamente divisi tra coloro che volevano esportare democrazia a Celestia e quelli che avevano il mal di pancia dal ridere al sentirne pronunciare il nome, decisero alla fine di prepararsi ad un attacco massiccio nei confronti del nuovo avversario: per anni e anni costruirono grandi flotte, riarmarono gli eserciti e costruirono bombe atomiche sempre più grandi. Alla fine, nella primavera del '61 diedero il via all'offensiva scagliando, rispettivamente dalle isole di Bikini e di Novaja Zemlja, una serie di bombe nucleari all'idrogeno contro Celestia ma, incredibilmente, non venne danneggiato nulla: una forza misteriosa rispediva miracolosamente le testate verso Terra, senza mietere nemmeno una vittima fra i Celestini.

Da quel giorno, russi e americani dovettero far finta di odiarsi e di guardarsi in cagnesco ogni volta che si incontravano per strada, per far credere al mondo che tutte quelle armi servissero per farsi guerra fra di loro, e non per attaccare il vuoto interstellare. Tutto ciò venne chiamato dalla propaganda di Stato "Guerra Fredda", ma questa è un'altra storia...

Economia[merdifica facile | merdifica]

Valuta corrente[merdifica facile | merdifica]

Le monete molossiane, ottime anche come palle nell'Air soccer o come ostie.
Le banconote molossiane sono dedicate alle personalità più influenti del paese, come John Car, il meccanico che nel 2007 ha riparato l'automobile di Kevin Baugh, o come Ruth o' Rutt, il primo molossiano capace di pronunciare l'intero l'alfabeto[10] ruttando. Qui vediamo la banconota dedicata alla paffuta first lady, Kevin Baugh Adrianne Baugh.

L'indiscussa solidità[citazione necessaria] della Banca Centrale Molossiana si basa su una strana ma collaudata teoria economica: lo ficherismo. Quando c'è penuria di liquidità nel paese il ministro dell'economia, Kevin Baugh, si reca nella relativamente vicina Las Vegas portando con sé i miseri ricavi che il proprio paese ha ottenuto dal turismo, e con quei pochi dollari compra delle fiche da poker; su tali fiche vengono appiccicate delle etichette per dare la forma finale alle monete molossiane. Tali monete saranno vendute ai turisti come souvenir, i cui ricavi saranno impiegati per comprare altre fiche, che saranno vendute ai turisti, che permetteranno di comprare altre fiche, che saranno vendute ecc. ecc.

Certo, l'intero ciclo economico lavora in perdita, dato che i turisti a Molossia spendono meno di quanto faccia Kevin Baugh tra benzina ed etichette, però non diteglielo, eh, sennò non è più divertente.

Una menzione a parte meritano le (aperte molte virgolette)monete(chiuse molte virgolette) da 10 Valora raffiguranti l'effigie di Joshua Abraham Norton, un tizio strambo che nella seconda metà del XIX secolo si dichiarò primo Imperatore degli Stati Uniti d’America e protettore del Messico col nome di Norton I.

Probabilmente un lontano parente di Kevin Baugh.

Bibliografia[merdifica facile | merdifica]

  • Petoria, la mia fonte di ispirazione Molossia Edition, settembre 1999
  • Dichiarare guerra a paesi già morti: come fare Kevin Baugh, Edizioni Bonshibonshibonbonbon. Prefazione di B. Mussolini

Molossia in tutta la sua enormità[merdifica facile | merdifica]

Curiosità[merdifica facile | merdifica]

  • Questo articolo è più lungo ed esauriente di quello presente su Wikipedia.
  • D'ora in poi, ogni volta che guarderai il cielo, saprai che tutta quella roba azzurra appartiene a qualcuno e che quel qualcuno non sei tu.
    Se vuoi ti do il numero del mio psicoanalista.

Note[merdifica facile | merdifica]

  1. ^ [1].
  2. ^ Giuro.
  3. ^ Il cui studio a scuola è obbligatorio per conoscere meglio il nemico.
  4. ^ Alfabeto fonetico inventato da Brigham Young, secondo presidente della Chiesa Mormone. E ho detto tutto.
  5. ^ Il fondatore riveste ogni ruolo possibile ed immaginabile.
  6. ^ Per sbaglio.
  7. ^ Donna palestrata 2.jpg
  8. ^ Non faceva prima a sentire solo queste?
  9. ^ Che neppure esisteva, all'epoca.
  10. ^ Alfabeto deseret, ovviamente.

Voci correlate[merdifica facile | merdifica]