UEFA Europa Conference League

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera dagli inestetismi della cellulite.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Il logo

La UEFA Europa Conference League (per gli italiani Conferens Lìg) è l'ennesima inutile competizione europea creata da Michel Platini e compagnia bella per avere i voti di paesi sfigati come Lettonia, Kazakistan e Andokazzostan. È risaputo infatti che le squadre di queste nazioni ogni anno si fanno prendere a calci in culo nelle qualificazioni, e perciò con questa nuova competizione possono sperare di essere almeno nella fase a gironi di una competizione, e soprattutto per essere su FIFA.

Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente una voce in proposito. UEFA Europa Conference League

Storia

Dopo anni di Champions League in cui giocavano sempre le solite squadrone, si capì che una sola competizione non bastava per tutte: si formarono quindi la Coppa UEFA e la Coppa delle Coppe. Nonostante il primo intento fosse quello di far giocare più squadre possibili fu questione di pochi attimi che questo nobile sport diventasse un circolo di scommesse e di scandali.

Molti anni dopo, il presidente UEFA Lennart Johansson bandì la Coppa delle Coppe perché capì che era utile quanto l'appendice dell'intestino umano e la fece confluire nella Coppa UEFA, che divenne così composta da millemila squadre divise tra squadroni e squadrette del cazzo che passavano di lì per caso.

Michel Platini nel 2007 diventa presidente della UEFA e, come prima grande innovazione che tutto il mondo chiedeva da decenni, cambiò il nome della Coppa UFFA in Europa League poiché era più figo. Non si accorse però di una cosa. Che c'erano ancora millemila squadre alla fase a gironi e che non c'era nessuna del suo amatissimo[1] San Marino. Fu per questo motivo che decise di creare la Conference League[2] per accontentare i paesi piccoli e sfigati, anche se dopo alla fase a gironi non ci vanno comunque.

« Ma almeno ci provano. »
(Michel Platini in vena di dire cazzate.)

Formula

Al primo turno partecipano le seconde e le terze delle federazioni che hanno fatto più pena secondo la UEFA nell'arco di cinque anni: per stabilire ciò viene fatto in gran segreto un sorteggio usando una ruota gigante, tipo quella che delle volte si possono trovare nelle sagre paesane. Ovviamente in questo sorteggio è esclusa l'Inghilterra dato che (sempre secondo la UEFA) il loro campionato è il migliore al mondo; invece è inclusa l'Italia, che però non viene mai pescata per chissà quale botta di culo.

A seguire c'è il secondo turno e il terzo turno, dove entrano le squadre più seghe eliminate dalla Champions League: forti in patria, fanno cagare in Europa.

Spareggi

È l'ultimo turno, quello che deciderà il destino delle squadre ancora in gara. Entrano in gioco le squadre che nei maggiori campionati si sono classificate subito sotto quelle che vanno in Europa League e che vengono prese per il culo perché partecipano alla Conference e non a competizioni di più alto prestigio. Peccato che non vanno dirette ai gironi e devono avere la rottura di palle di fare due partite il giovedì ad agosto, quando invece i giocatori vorrebbero solo riposarsi perché è ricominciato il campionato e ci sono 40 gradi all'ombra, e i tifosi vorrebbero pensare ai migliori giocatori da prendere al Fantacalcio.

Edizioni

L'ambito trofeo, riciclabile a Natale come portaombrelli di lusso

2021-22: A.S. Roma

Stranamente la Roma riesce a vincere un titolo continentale e lo fa battendo il Feyenoord[3]. Si vede che non sono al livello della Champions e dell'Europa League. Nella partita non succede praticamente niente, segna Zaniolo che pretende per l'ennesima volta che il cosiddetto figlio di Zaccagni sia suo.

2022-23: West Ham United Football Club

Dopo una stagione in cui le italiane hanno messo letteralmente le palle in testa a tutte in Europa arrivando a tre finaliste in tre competizioni diverse, dopo la sconfitta della Roma in Europa League e la già anticipata sconfitta dell'Inter in Champions, l'unica speranza italiana di portare a casa un trofeo e affidata alla Fiorentina, che aveva fatto pure bene nel cammino per la finale. Peccato che il West Ham (quattordicesimo in Premier League) abbia capito che non è ancora pronto per essere venduto in macelleria e mette tutte le sue forze per guadagnare un rigore e segnarlo con Ben(Ten)Rami. Il vantaggio dura però poco e Jack Bonaventura (ex bidone del Milan) trova il pareggio. Al 90' però l'inculata con il gol di Nastroen su assist di Paquetá.[4]

Da notare in questa partita la solita mafia della UEFA, che ha solo dato una multa agli inglesi perché i loro tifosi hanno aperto il cranio a Biraghi lanciando delle bottiglie con dentro acido. Fin da subito la UEFA si è scusata dell'eccessività della pena, avendo confuso i tifosi con i guelfi bianchi che provavano a rientrare a Firenze.

Voci correlate

Note

  1. ^ non si sa perché
  2. ^ che poi in italiano si tradurrebbe in Lega della conferenza, nome pescato dalla tombola anche perché nessuno sa di quale conferenza si stia parlando
  3. ^ conosciuto solo per aver vandalizzato la Barcaccia a Piazza di Spagna
  4. ^ altro bidone del Milan