Nonbooks:Natale

Nonbooks, manuals and librs of test liber.
Versione del 13 dic 2020 alle 12:25 di Wedhro (rosica | curriculum) (rimozione template decorativi obsoleti)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Il vostro albero di Natale ha le palle girate? Ecco come risolvere il problema!
« Amore, ti sei ricordato dei regali per i figli? »
(La classica madre che compra i regali un mese prima al proprio marito)
« Ho comprato i regali giusto oggi »
(Il classico padre che cerca regali alla vigilia costretto a regalare ai propri figli dei sassi presi dal giardino. Tanto è il pensiero che conta)
« Arg! Sto morendo! »
(Tipica vittima dopo il cenone di Natale che ha sprecato un giorno della sua vita restando al cesso)

I tuoi genitori sono cristiani e sei costretto a festeggiare il Natale? Non sai che cosa regalare? Sei una vittima della tortura dei prezzi? E soprattutto, non sai come trascorrere il Natale? Allora questo è il manuale che fa per te.

Regali

Scegliere i regali

A differenza di quello che dicono in molti, il Natale inizia subito dopo Halloween e quando inizia dicembre sarebbe il momento di eseguire il primo passo del manuale. Ossia trovare e comprare i regali.

- Idiota di turno: “Ho trovato un bel regalo”
- Fidanzata: “L'hai comprato?”
- Idiota di turno: “No”

Contrariamente a quello che si pensa, un regalo costoso non farà necessariamente la felicità del ricevente. Quindi non provate a fare in particolar modo questi tre regali:

  • Crema anti rughe da 100€
  • Libro dal titolo "100 modi per smettere di fumare", da evitare sia se il ricevente fuma sia se non fuma
  • Gadget per tifosi (non importa a quale squadra siano dedicati, sarà sempre quella sbagliata)
Ottima scelta!

Se siete persone con una dignità abbastanza ferma, è più che sufficiente per voi acquistare dei regali di costo modesto, come cornici in finta plastica che imita finto argento o custodie per videogiochi del Game boy.
Se invece volete a tutti i costi uscire dal Natale senza avere speso un euro, beh, seguite le prossime istruzioni, ma a vostro rischio e pericolo.

Prima di tutti gli altri, il buon vecchio trucchetto di rispedire ad altra gente ciò che vi hanno regalato.
Ottime le seguenti combinazioni:

  • Libro su Marilyn Manson regalato dalla cugina della Transilvania a nonna Rosalba della Basilicata.
  • Salame calabro di nonno Pino a zio Gianpiero che mangia solo prosciutto San Daniele addolcito con zucchero a velo.
  • Magliettina rosa D&G del nipote di zio Pino alla cugina della Transilvania di prima.
  • Marmitta Polini sempre del magnanimo nipote di zio Pino per il triciclo del nipotino di nonna Rosalba.

Ma i regali più economici che potreste fare regalando comunque felicità al ricevente sono:

  • Fiori a vostra madre e a qualunque ricevente femmina
  • Rasoio usa e getta a vosto padre (fate finta che dura per sempre)
  • Peluche a riceventi sotto i 7 anni
  • Regalini dell'Happy-Meal a riceventi fino a 14 anni
  • Berretti con scritta senza senso a ogni adolescente che si rispetti
  • Panettone per i vecchi
  • Cioccolatini con alcool a tutti gli altri

Se proprio non volete spendere ma anzi guadagnare dei soldi grazie a questo Natale, vendete i vari regali e regalate ai vari parenti oggetti che già avete e che risultano poco utili. In assenza di materiale strappate la carta da parati e distribuitela a confezioni da due centimetri quadrati.

Dopo aver comprato i regali viene il passo successivo

Impacchettare

Questo è uno dei passi più difficili da eseguire.

In ogni caso, la prima cosa da fare è togliere il prezzo. Se vi siete dimenticati di farlo fare alla cassiera sarete costretti a farlo voi. Per farlo dovrete eseguire questi passi:

  1. Non insaponare
  2. Non coprirlo con un pennarello

No, aspetta, questo è quello che NON dovete fare, quello che dovrete fare dipenderà dal tipo di etichetta:

  • Etichetta ben attaccata Staccare a poco a poco rompendovi tutte le unghie, grandissima soddisfazione alla fine
  • Etichetta bastarda Le peggiori, sono quelli che si staccano subito ma lasciano sulla confezione una tonnellata di colla, non tentate di togliere la colla (impossibile), ma togliete l'etichetta e sostituitela con un foglietto del colore dell'oggetto dalla quale avete staccato l'etichetta

Dopo aver fatto la parte più difficile vi toccherà impacchettarli, la cosa migliore è comprare le buste colorate già pronte.

La busta con gli auguri

Insieme al vostro regalo resta da fornire la busta con gli auguri (suggerimenti: "Buon Natale!"/"Buon 25 Dicembre!"/"Auguri!"/"Punti esclamativi!"), nella quale - tanto più se a corredo di regali di infimo valore - qualsiasi bravo spilorcio, opportunista ed anche buontempone farebbe bene ad allegare tipo 5 gratta e vinci diversi da 1 euro, per poter così scrivere nel biglietto qualcosa del tipo "Buon Natale, Buona Fortuna... e a Buon Rendere!!", il che potrà come minimo strappare un sorriso al destinatario dei regali (magari di disprezzo, ma va beh..), e nella migliore delle ipotesi ci guadagnate pure. (nda:A buon rendere, eh!)

Diventare ebreo per non dover comprare regali

Ah-ah, fregato! Ora sarai circonciso e dovrai fare comunque i regalo d'Hanukkah, fesso!

Cenone

   La stessa cosa ma di più: Cenone di Natale.
Tipico esperimento di cucina, due morti e otto feriti.

Se non volete passare la vigilia incatenati ai fornelli, a infilare ripieni in culo a un pollo, evitate di mettere in mezzo l'argomento cenone. Siate invece molto chiusi, e alludete spesso al fatto che di recente avete disinfestato casa con un gas altamente nocivo, soprattutto a contatto con panettoni e casatielli. Se siete proprio costretti, ad esempio in quanto minacciati di morte da parte della zia Enzuccia con le forbici da cucito, potete usare ingredienti genuini come le Vigorsol o i tubetti di maionese e ketchup rigorosamente rubati ai ristoranti.

Comunque se mangi a casa tua o in quella degli zii cambierà poco, giusto il viaggio di notte col rischio di essere accecati dagli abbaglianti del zucchino di turno.

La cena di solito si divide in quattro tipi:

Pollo

Sarà presente un pollo grande come un albatros. Alla fine del pasto rischierai di esplodere, ma più o meno rimarrai soddisfatto. Ti accorgerai dei veri effetti il giorno dopo.

Fondue chinoise

Una vera bomba in tutti tre i sensi (calorie, digestione difficoltosa, prezzo di acquisto, che a te non te ne può fregar di meno, ed elemento chimicamente instabile). In questo pasto è tradizione servirsi da soli, ma ci sono sempre infinite salse diverse e ti verrà lo stranissimo impulso di provarle tutte.

Alla fine del pasto quello che lo ha preparato dirà che non ha più voglia di spendere troppo per il cenone e che il prossimo anno comprerà caviale, ma farà sempre e solamente fondue chinoise.

Esperimenti vari ed eventuali

Il peggiore, a volte al cucinatore verrà la folle idea di fare degli esperimenti sul cibo. Questi esperimenti saranno sempre pessimi e immangiabili. Non si avrà mai l'effetto della diarrea perché il cenone verrà espulso anticipatamente sotto forma di vomito. Nonostante ciò molti diranno che è ottimo per non offendere il cuoco, ma lui si accorgerà da solo di quanto il pasto faccia schifo e il prossimo anno cucinerà un altro pietoso esperimento culinario.

Cenone buonissimo

A meno che tu non faccia sposare la tua zietta del'68 con un cuoco diplomato all'Accademia della Crusca, questo cenone te lo puoi sognare.

Canto

A volte, sopravvivere al Natale può rivelarsi un'impresa più piacevole di quanto si possa immaginare.

La fase che anticipa sempre quella dei regali, dei bambini canteranno sotto l'albero le canzoni che hanno imparato alle elementari. Probabilmente uno di questi bambini sarai tu, ma se non lo sei puoi ascoltarti un po' di metal dall'iPod e aspettare la fase più attesa.

Regali: fase due

In questa fase dovrai intraprendere una missione, cercare i regali giusti scavando nell'immenso labirinto di carta scartata. Se sei furbo passerai i regali ai loro proprietari fino a scoprire i tuoi. Aprendo i tuoi regali scoprirai che si trattano di

  • Regali di cui il contenuto conoscevi da un anno perché lo hai scelto tu.
  • Giochi di ruolo mai diversi da battaglia navale e forza 4.
  • Vestiti orribili che sarai obbligato a mettere per tutta la serata.
  • Libri che non leggerai mai.
  • Regali consumabili che non consumerai mai perché se li consumerà tutti quello che li ha regalati.

A questo punto la festa sarà finita e potrai provare i regali che hai scelto tu solo la mattina seguente.

Articoli correlati