Nonnotizie:PdL: via i pornazzi dalla rete. I nerd insorgono.

Jump to navigation Jump to search

16 giugno 2008


« Se togliessero da internet tutta la pornografia, rimarrebbe un solo sito:"www.ridateci-i-porno.com" »
(Pier Paolo Pasolini su pornografia ed internet)
Ore ed ore online su Halo hanno reso i nerd abilissimi combattenti.


16 giugno 2008, Roma - Via tutta la pornografia da internet. È questa la proposta di legge di un ligio ed onesto[senza fonte] senatore del Popolo delle Libertà.

«È tempo», ha dichiarato il Senatore in questione, «Che i giovani italiani la smettano di stare online a smandrupparsi il cazzo tutto il giorno. Sarebbe meglio se si dedicassero finalmente alle attività che da generazioni hanno reso la nostra nazione famosa nel Mondo: truffa, falso in bilancio, dittatura ed estorsione!»

Il Papa, ricevuta la notizia in mattinata, ripresosi da 40 minuti di allucinazioni a sfondo mistico, ha redatto la bolla "De minchia solleticatione", nella quale le lodi per la proposta si sprecano. Davanti ad una folla oceanica, il pontefice ha poi dichiarato: «Ciofani italici fiaccati ta troppe pugnetten! A loro età io ezzere in wehrmacht a szparare ad inferioren!»; il delirio papale si è concluso con un invito a mandare a lui tutti i fanciulli con la fissazione dei pornazzi in rete, affinché possa somministrare loro una giusta punizione.

Il MOIGE è in festa: «Finalmente internet sta diventando la babysitter ideale per i nostri bambini, così io avrò tutto il tempo per godermi il cofanetto "Le epiche avventure di Cicciolina" senza nessuno fra i coglioni», ha dichiarato un genitore che ha preferito rimanere anonimo.

Meno contenti i nerd, i quali pare si siano riuniti in un Fronte di Liberazione Nazionale e si siano dati alla guerriglia. Una lettera, inviata per rivendicare un recente attentato, recava le emblematiche parole: "7o9L1373m1 7U77O, MA nON L3 M13 P1pP3. 3 woRld Of waRCRaf7."

Fonti

La dichiarazione di guerra consegnata dai nerd.