David Bowie

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia liberatoria.
Jump to navigation Jump to search

"Ho 99 omicidi chiamati vita alle spalle e questo è il centesimo"

-David Bowie dopo l'omicidio di yara gambirasio

David Bowie (Qualcosa Avanti Cristo - Pianeta Soviet, 10 gennaio 2016) è stato un famosissimo uomo delle stelle, noto sia per la sua brillante carriera come cantante di cabaret sia per quella di attore in film di Pieraccioni[1].

Ha attraversato più di cinque decenni riuscendo sempre a rinnovarsi come artista del travestirsi in modo ambiguo, e nel suo amore per i completini di pelle attillati. Secondo Focus Storia in realtà è un alieno mandato in avanscoperta dal suo popolo per conquistare l'umanità con i propri suoni psico-manipolatori, mentre secondo altri potrebbe essere quel piccolo principe che Antoine de Saint-Exupéry raccontava nei suoi racconti per bambini di tre anni allattati con il detersivo.

David Bowie mentre tira intona un Rutto per Baritono in Do Minore nel baretto sotto casa sua.

Carriera

David Bowie paparazzato all'uscita da un gay bar.

Dopo essere giunto sul nostro pianeta ed aver preso forma umana, ma senza ben capire la differenza fra sessi, David Bowie, attorno alla fine degli anni sessanta, si dà alla musica e produce il suo primo disco. Dopo notti insonni alla ricerca di un nome originale, lo chiama estrosamente David Bowie.

Questo suo lavoro non avrà un grandissimo successo ma spianerà la strada al suo nuovo album: Balle Spaziali che otterrà il successo anche grazie all'omonimo film, del quale sarà colonna sonora. Qualche anno inizia a sviluppare dipendenza da diversi tipi di droghe, tanto da arrivare a intitolare il suo nuovo album Ziggy polvere di stelle richiamando al nomignolo che aveva affettuosamente affibbiato al suo pusher di fiducia. Il disco è un vero successo. Da segnalare, pezzi come Five Years, che è sempre stato interpretato come un innocua canzonetta di fantascienza ma che in realtà nascone la profezia della venuta degli alieni dal pianeta di Bowie e la conseguente fine del mondo; o l'autobiografica Starman, ove racconta le vicissitudini del suo arrivo sulla terra. David Bowie si faceva accompagnare da una band chiamata "I ragni da Marte", suoi amici metamorfi. Ci si distaccherà poi qualche anno dopo per una partita a briscola andata male e per un litigio con il barista su che birra prendere. David Bowie però si tenne in contatto con il suo amichetto Mick Ronson che gli fece sostegno morale durante i concerti accompagnandolo con la chitarra.

A causa della droga, Bowie si perde sulla via della conquista della Terra e, ormai troppo poco concentrato, rinuncerà per sempre verso la fine degli anni '80, quando si rende anche conto che l'umanità è troppo brutta per essere conquistata.

Per un certo periodo vive a Berlino, per respirare un po' d'aria di dittatura totalitaria che lo aiuta nel processo di lavorazione artistica. Per celebrare coloro che cercano di superare il Muro di Berlino ma vengono istantaneamente cecchinati, compone un fortunato pezzo, Heroes. Quello che la storia non racconta è che egli stesso era una spia sovietica.

I suoi album degli ottanta sono più meccanici di un frigo a pedali, quindi non ne parleremo. Dopo 5 anni di assenza, probabilmente passati sul pianeta d'origine, David Bowie ritorna a cantare ed emozionare di nuovo gli animi, per poi fare a tutti il bello scherzetto di morire subito dopo.

Note

Voci correlate

Altri progetti