Savona

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia priva di qualsivoglia contenuto.
Jump to navigation Jump to search
Cartello di benvenuto.
« È una città giovane, piena di vita e in continuo cambiamento. È ricca di attrattive e non ci si annoia mai! »
(Opinione comune su Londra)

Savona è una città italiana di 7 milioni di abitanti, di cui 6 milioni e 700 mila sono morti e 200 mila risiedono alle isole Cayman. I 100 mila abitanti rimanenti comunicano tra di loro con parole formate solo da consonanti a causa dell'eccesso di alcol e droghe che rappresentano il loro bisogno primario. Il padre fondatore di Savona fu Annibale, figlio di Alvaro Vitali e Madre Teresa di Calcutta. Nel 1997 è stata premiata come città più elastica dell'anno, ma il premio non è stato consegnato a causa dell'incomprensibilità del significato del suddetto premio. Il sindaco attuale è John Woodcock, nipote e fratello di Erika e Omar, fondatore del Partito Democratico e inventore della pressione atmosferica nonché cugino di Riscassi.

Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente una voce in proposito. Savona

Monumenti e luoghi d'interesse[merdifica facile | merdifica]

La più interessante attrazione turistica di Savona.

Secondo un recente speciale di Lucignolo Savona offre diverse attrattive:

  • La campanassa: è un campanile diroccato
  • La cappella sistina: è come quella di Roma, solo più piccola e brutta
  • Il porto: come ogni altra città ligure solo che in questo c'è un po' più di casino la sera. Rinomato è il fetore di carcassa putrida emanato in particolari ore del giorno.
  • La fortezza del Priamar: ideale per smarrire mogli, suocere, figli e amanti dei mariti. Usuale ritrovo di drogati, cannati in generale o gente che dovrebbe piantarla con quei bonghi (cit.)
  • Il tribunale: è orribile, ma se pensi che lo ritengono un monumento crepi dalle risate.
  • Il Filo d'acqua: grattacielo del porto color verdeacqua, venite a vederlo finché la Costa Crociere attraccata nel porto non lo farà diventare nero.
  • Il Matitino: è come il Matitone di Genova, solo più piccolo.
  • Il Santuario: un pazzo ubriaco ci ha visto la madonna e ora il Papa l'ha pure maledetto benedetto
  • Costa Crociere: messaggio subliminale per dirti "Parti pure, ma lascia qui i soldi".
  • Ciassa du belin: piazza che deve il nome alla celebre scultura postmoderna che raffigura un uomo intento a inserire il suo pene tra le sbarre di una prigione.
  • Piazza Aurelio Saffi: piazza rinomata per gli attacchi terroristici dei millemila piccioni presenti e barboni che abitano sotto le palme nella disperata ricerca di cibo.
  • Piazza con la salma di Lenin: RIP
  • Le Officine: un centro commerciale di dubbia utilità sorto dalle ceneri di una ex-Fabbrica (da notare la spiccata fantasia dei proprietari nel darci il nome). Di particolare interesse sono i bambini con evidenti problemi di peso a bordo di skate e i gusti particolari di chi ha creato questo posto, che è riuscito ad azzeccare gli unici colori che non c'entrano un cazzo con ciò che lo circonda.

Società[merdifica facile | merdifica]

Maccio Capatonda, protagonista del toccante Esse come Savona.

Savona è abitata, ebbene sì, Studio Aperto l'ha confermato: Savona è abitata da persone, case, cose, animali, cani, piccioni, politici (evidente ridondanza, perché si era già detto "cani") e gentaglia. Il 60% della popolazione invernale savonese è di vecchi piemontesi che vengono a svernare. Con l'arrivo della primavera le infermiere li prendono e surgelano fino all'autunno. Il 60% della popolazione estiva savonese è di terronesi (terroni di Torino) e milanesi scazzati che arrivano il venerdì pomeriggio e se ne vanno da domenica sera con code interminabili. Il 30% della popolazione savonese è costituita da personale sanitario che in inverno bada ai vecchi sclerotici e d'estate si fa delle panciate di ridere coi terronesi alle prese col mare e il sole. L'8% della popolazione savonese sono tamarri senza speranza di redenzione.

Il restante 2% della popolazione, non essendo vecchia, terronese, milanese, personale sanitario o tamarra, è impazzita.

Qualità della vita[merdifica facile | merdifica]

Secondo Nessuno a Savona ci si diverte! I principali svaghi sono:

  • Discoteche: piene di albanesi, rumeni, truzzi, pervertiti e bimbominchia. Se volete divertirvi, scappate!!!
  • Pub, bar, localacci: ottima scelta e infatti sono tanti. Affogate la delusione nell'alcool!
  • Il cinema: almeno c'è la multisala, pensate positivo!
  • La pista di pattinaggio: mistica costruzione di ghiaccio che appare davanti al comune senza una precisa ragione, se riuscite a sopravvivere agli abominevoli albanesi delle nevi potreste anche divertirvi.
  • Tabelloni elettronici ovunque: leggere come certi idioti osano chiamare i loro figli può cambiare la giornata.
  • Pigià pe u cu: rinomati per la squisita cortesia, i savonesi si prestano volentieri a mandare affanculo i foresti che chiedono loro informazioni.
  • Le trincee (via delle trincee): noto luogo di spaccio e depravazione [1]

Cultura[merdifica facile | merdifica]

Istruzione[merdifica facile | merdifica]

I genitori possono facilmente liberarsi dei figli adolescenti col mugugno perenne affidandoli alle seguenti strutture rieducative:

  • Liceo classico: per finti bulli, truzzi e figli di papà.
  • Liceo scientifico: deve il nome alle numerose ricerche scientifiche per capire quale batterio o virus determini un simile rincoglionimento degli alunni. Per ora si è solo riuscito a dimostrare che ogni anno trascorso qui provochi la riduzione del 10% del proprio QI[2].
  • Liceo artistico: per checche e femmine in grado di stenderli con un rutto, a loro volta distinte in: lesbica incallita con cartella di disegni di qualche quintale, o, raramente, topa che ama l'arte.
  • Liceo delle scienze umane: per coglioni totali, in particolare capre, truzzi, troiette, effemminati, finti atleti, represse.
  • Ragioneria: non si hanno notizie sugli alunni e i corsi di questa struttura, forse a causa dei suoi interni labirintici.
  • ITIS: per sovversivi e potenziali terroristi, tant'è che la Polizia ha deciso di piazzare la sua sede proprio sopra suddetto istituto.

Economia[merdifica facile | merdifica]

Savona vive grazie a:

  • le pensioni dei vecchi bacucchi piemontesi e le loro seconde case;
  • le multe per divieto di sosta;
  • l'ospedale (ci lavora il 30% della popolazione savonese);
  • il turismo (incredibile!);
  • la Costa Crociere;
  • il porto di Vado (via);
  • il chinotto.

Amministrazione[merdifica facile | merdifica]

Savona è rossa, talmente rossa che Silvio Berlusconi quando è venuto a Savona ha rischiato di prendere fuoco e solo il sacrificio dell'onnipresente Sandro Bondi potè salvarlo dall'ascensione definitiva.

Tranne per poi diventare verde nel 2016 con la vittoria della sindaca leghista. Per il Partito Democratico far rivoltare Sandro Pertini nella tomba era una tentazione troppo grande.


La provincia[merdifica facile | merdifica]

Alassio[merdifica facile | merdifica]

Alassio, un paese modesto.

Alassio, in lingua locale Arâsce, viene irriverentemente chiamata "Arâsce ladri e bagasce". Mentre gli abitanti vengono chiamati "Cagalegna" per la classica tendenza di mangiare carrube come i cavalli. Comune (s)popolato da semplici pescatori trovatosi invaso prima da ricchi snob inglesi poi da simpatiche famigliole di tedeschi obesi e infine da Torinoterronesi. Gli abitanti di Alassio attualmente si sono trasferiti in massa nel vicino comune di Albenga.

La popolazione media durante i mesi di luglio e agosto raggiunge - e a volte supera - quella della Spagna. Il primo lunedì di settembre questa ridente cittadina si ritrova svuotata nell'anima e nel portafoglio. Alassio è famosa per il muretto di Alassio, luogo situato in pieno centro dove i VIP di passaggio e i loro animali usano segnare il territorio con una pisciatina prima di scappare via molto velocemente.

Le principali attività svolte nel territorio sono:

  • evasione fiscale;
  • costruzione di villette abusive;
  • pesca del Tedesco Obeso che fa il bagno alle due di pomeriggio e puntualmente viene colpito da congestione fulminante;
  • drogarsi[3];
  • eiaculazione precoce ai piedi delle palme.

Da sottolineare l'importanza del mensile locale il famoso Alassino, comprato da tutti e sette i residenti di Alassio in quanto sono presenti le foto sui necrologi.

Las Bengas[merdifica facile | merdifica]

Comune a ponente di Savona è nella piana di Albenga, famosa per la presenza di signorine disponibili e affabili, pagando il giusto ovviamente, sotto la diocesi di Albenga. Il motto nel gonfalone del comune, "Las Bengas, chi non ci ha da fare non ci vengas", riassume la gioia di vivere e l'apertura internazionale della comunità.

La città delle serre è nota per la sua coltivazione di terroni, truzzi ed extracomunitari. I pochi abitanti svaniscono nel nulla verso allo scoccare delle 19:30. Las Bengas è storicamente e sociologicamente composta al 50% + 1 da una enclave sicula (Villalbas). Ma secondo alcuni noti studiosi in questa città si sarebbe sperimentato il primo tentativo realizzato di quel noto fenomeno denominato "sostituzione": prendi una popolazione straniera, trattala male, falle sentire che è poco importante, schiaffala da un'altra parte per eliminare un'altra cultura. Che nel caso dei veri abitanti di Las Bengas era la coltura, dei carciofi e degli asparagi. Gli invasori di Villalbas hanno soppiantato i noti ortaggi ingauni con il finocchietto selvatico (essendo un'etnia ancora dedita alla raccolta e non pervenuta al neolitico).

Albisola[merdifica facile | merdifica]

La parte a levante di Savona, è nota come "La città a uno sputo da casa comodamente raggiungibile in due, tre ore di macchina". Cittadina costiera nota per le ceramiche, i VIPs che la abitano e la coda interminabile per attraversarla nonostante sia a 2 km dal centro di Savona.

Borghetto Sotto Spirito o Santo Spirito o Scappa Subito[merdifica facile | merdifica]

Cittadina dopo Loano, è nota ai liguri come "corri a tutta birra" per la nota pacificità e onestà dei suoi abitanti da cui il proverbio "Parcheggia a Borghetto e ripartirai all'inferno". Da notare come il treno, che per tutta la Liguria va a passo di lumaca, nei pressi di Borghetto acceleri improvvisamente.

Loano[merdifica facile | merdifica]

Comune a ponente di Savona, questa città è nota per la facilità con cui si può scriverne il nome con allusioni scatologiche. Ad un tiro di schioppo dall'ospedale di Pietra Ligure, è l'ideale per terroni con famiglia che si accingono a vedere quanto i loro bambini resistano sotto il sole estivo, o a buttarsi dagli scogli, e per i vecchi babbioni con un piede già nella fossa.

Rialto[merdifica facile | merdifica]

Paesino sperduto sopra Finale Ligure, la popolazione autoctona (originaria di lì, ignorante!) è stata invasa e sterminata qualche secolo fa da un gruppo di veneziani, che poi sono ovviamente scappati altrove al motto di "meglio in bocca ai piranha che qui!". Il paese è talmente sperduto che è fuori da ogni mappa, ma se ci si dovesse capitare per caso sarebbe possibile constatare come un'esigua minoranza veneta è attecchita in tale luogo degenerando in campagnoli senza rimedio. Lo abitano riccastri avari, donne sexy e pelose come lo yeti, e contadini rimbambiti.

Pietra Ligure[merdifica facile | merdifica]

Cittadina famosa per un livello di pulizia pari a quello di Beirut. L'ospedale rimette a posto le schiene bruciate dei tedeschi obesi, mentre il suo fiore all'occhiello sono i palazzi stile Unione Sovietica. Questi allietano il paesaggio davanti agli stabilimenti balneari, i quali, peraltro, sono esempio nazionale di cortesia da parte dei gestori.

Troiano[merdifica facile | merdifica]

Paesino erroneamente traslitterato come Toirano, è noto per la generosità delle sue donne e dei suoi uomini e per le grotte dalle caratteristiche forme dure e lunghe.

Vado (via) Ligure[merdifica facile | merdifica]

Comune a ponente di Savona, il porto l'ha resa un nido di [tamarri senza possibilità di redenzione. La cittadina ridente è caratterizzata dalle due ciminiere rosse e bianche che la rendono visibile anche dalla Luna e che quando non tira vento (ovvero mai) ricopre la cittadina di un tenero manto nero di cenere.

Varazze (Varazzifornia)[merdifica facile | merdifica]

Pesce della Val Bormida.

Ultimo comune prima di Genova, è considerata a furor di popolo la cittadina più bella della riviera (a vedere il resto ci si crede senza problemi). Famosa per il porto coi tetti azzurri[4]. Patria di tamarri californiani, ma con buona percentuale di topa, ha un tasso di alcolismo pari a quello dell'Irlanda e della Germania sommati insieme.

Val Bormida[merdifica facile | merdifica]

Agglomerato di comuni piccoli e inutili tipo Cairo Montenotte, Carcare, Cengio ed altri, a circa 20 km dal capoluogo. Questa valle prende il nome dal fiume Bormida, famoso per essere abitato da pesci a tre occhi e da quintali di sostanze altamente nocive, gentilmente offerte dalle numerose industrie della zona. È conosciuta anche come il luogo dove piove/nevica sempre e dove non c'è mai sole. Questa zona della provincia è sconosciuta ai più e sarebbe del tutto inutile se non fosse per i caselli autostradali di Millesimo e Altare. Da queste parti, l'autostrada Torino-Savona fa un giro della morte a 360 gradi.

La totale mancanza di luoghi di divertimento fa sì che i principali passatempi, soprattutto tra i giovani, siano: ubriacarsi pesantemente a ogni occasione (frequenti i casi di coma etilico), la rissa di gruppo, l'omicidio e il suicidio. Gli eventi della valle si limitano a qualche sagra di paese nel mese estivo, tra cui spicca il Cairo medievale di Cairo Montenotte (patria del faraone Ranfame II e della pornostar Natasha Kiss), dove sembra che per la prima volta nella storia della valle ben 15 persone fossero riunite nello stesso posto.

Finale (Criminale) Ligure[merdifica facile | merdifica]

A ponente rispetto a Savona, è universalmente conosciuta come unica cittadina ligure in grado di offrire spiaggie libere di dimensioni superiori rispetto alla media regionale, ferma intorno ai 2 metri quadri. Una sua particolarità è la poligamia dei turisti che la vivono: si va dagli Snob milanesi in villeggiatura a Varigotti ai tamarri Torinesi che la notte occupano gli ex-capannoni Piaggio per dormire, oppure la stazione, a seconda degli accordi orali coi romeni Autoctoni. Altra attrazione di particolare rilevanza è Finalbronx, dove nella terza settimana di agosto ogni anno prende vita una rievocazione degna dei peggiori bar di Caracas. La cittadina offre inoltre una varietà di sport unica: si va dalle allegre scampagnate in cerca di un posto per la camporella nella località delle Manie alle corse in mountain bike per i colli vicini, senza dimenticarsi le scalate sulla roccia o la fuga dal vigile intento a multare la tua auto al Malpasso.

Noli[merdifica facile | merdifica]

Comune a ponente di Savona e acerrima nemica dell’adiacente Spotorno; di Noli sopravvive la nomea di “Uno dei borghi più belli d’Italia” e “Bandiera Blu”, due riconoscenze meritatamente ottenute, nonché le uniche che tale villaggio turistico può esporre. La popolazione nolese, poco variegata e per lo più anziana, si diletta in lunghe sessioni di imprecazioni rivolte al Signore durante interminabili partite di scopone, briscola o cirulla, impreziosite dal caratteristico mugugno ligure, tant’è che il Sommo Poeta Dante, passando per di qua, avrebbe voluto inserirli nel girone dei “mugugnosi” ma poi non ha avuto tempo e se n’è dimenticato.

In particolare:

  • D’inverno si lamentano che non ci sia mai niente da fare e anelano il ritorno dell'estate.
  • D’estate non vedono l’ora che se ne vadano “i mena belin dei furesti” e anelano il ritorno dell’inverno.

La restante parte della popolazione, invece, soffre dello stesso problema di quei vichinghi della Val Bormida, infatti anche qui la totale mancanza di luoghi di divertimento fa sì che i principali passatempi, soprattutto tra i giovani, consistano nell'ubriacarsi fino al coma etilico a ogni occasione, e la rissa di gruppo.

Curiosità[merdifica facile | merdifica]

  • Savona è la città del chinotto e infatti i ragazzi sono sempre molto soddisfatti e sorridenti.
  • Savona è una città, non è un paese!
  • A Savona vanno tante persone da tutta Italia, il problema è che per uno che arriva dieci scappano.
  • I savonesi non sono genovesi: sono peggio!
  • Se un torinese a Savona ti dice che se ne capisce di mare, stai sicuro che due ore dopo lo troverai all'ospedale con le infermiere che al posto di curarlo se la ridono dal modo idiota con cui è riuscito a farsi portar via dalle onde.
  • Il comico[senza fonte] che si spacciava per savonese non parlava savonese: il savonese è ancora più incomprensibile!

Note[merdifica facile | merdifica]

  1. ^ Ma quando mai, è solo un luogo pieno di bimbiminchia e finti sportivi.
  2. ^ È evidente che i professori stiano lottando per mantenere l'ultimo neurone disponibile, ma che sia una lotta impari.
  3. ^ Da notare che l'amore per la coca di questa cittadina le è valsa l'indicazione stradale "segua la striscia".
  4. ^ È vivamente consigliato (?!) di andare a vederli al più presto, prima che gli scarichi delle auto e la nota manutenzione comunale li rendano color ardesia.