QOOB

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia in libertà vigilata.
(Rimpallato da Qoob)
Jump to navigation Jump to search

« Ma io quest'episodio l'ho già visto »
(Ore 08:45)
« Ma io questo corto l'ho già visto »
(Ore 10:23)
« Ma io quest'animazione l'ho già vista »
(Ore 14:54)
Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente una voce in proposito. QOOB
« Ma io questo sketch l'ho già visto »
(Ore 14:54)
« Ma questo non è l'episodio di stamattina? »
(Ore 18:02)
« Oh, finalmente qualcosa di nuovo! »
(Ore 22:30, dopo aver cambiato canale)
« Maccheccazz... »
(In una qualsiasi ora di un qualsiasi giorno dopo il 1° novembre 2009)

QOOB è era un canale disponibile sul digitale terrestre, sul satellitare, su internet in streaming e, se ci fate caso, anche sul fondo del vostro pezzo di porcellana da bagno più pregiato[1].

Coos'è QOOB

Prodotto da MTV (italia), è era un canale sperimentale ed innovativo, primo (e si spera anche ultimo) canale fondato sul concetto di déjà-TVu a ciclo continuo. Il palinsesto è infatti un continuo rimescolamento, completamente random, dei numerosi[2] programmi. Rimescolamento interamente gestito da un apposito software open source, chiamato QOOBOOTIZER®, che è anche utilizzato per scandagliare la rete alla scoperta di nuovi videoclip, rigorosamente nonsense e frutto del parto della mente malata di registi in erba. Il software, grazie ad un complesso algoritmo, aggiunge automanticamente ogni 8760 ore due videoclip e ne rimuove uno: questo ricambio garantisce un palinsesto sempre fresco.

In esclusiva per Nonciclopedia, il QOONTATORE® del QOOBOOTIZER®:

  • N° di videoclip aggiunti quest'anno: Immagine Counter 2.jpg
  • N° di videoclip rimossi quest'anno: Immagine Counter 1.jpg
  • Prossimo aggiornamento: 05 febbraio 2024 23:51

Stooria

Il nome originario del canale era NOOB, e stava proprio ad indicare il grado di esperienza dei registi/realizzatori dei vari tipi di videoclip in rotazione sul canale.

Dopo aver cambiato altri 423 nomi, dal 1 gennaio 2009 al 9 febbraio 2009 QOOB ha interrotto le trasmissioni su digitale terrestre, a causa di un blocco del software dovuto ad un eccessivo numero di video da randomizzare. Il n° di videoclip supportati era stato quindi aumentato da 20 a 30, operazione che aveva impegnato numerosi tecnici e che è durata più di un mese soprattutto per colpa di Linux. L'upgrade avrebbe dovuto garantire la mancanza di altri problemi tecnici almeno fino al 2020, ma la mattina del 1 novembre 2009 il senatore Gasparri[3] decise che Telecom Italia non poteva più avere, secondo legge, la concessione o l'autorizzazione che consentiva al gruppo di irradiare più del 20% delle reti televisive analogiche digitali in ambito nazionale. Con questo stratagemma, venne liberato dello spazio utile per la prossima collocazione di Rete 4 tra le frequenze in digitale.

Sul canale campeggia una citazione:

« Un viaggio di scoperta non è cercare nuove terre, ma nuovi occhi »

Frase in cui la frecciatina nei confronti di Gasparri è abbastanza palese.


Nonostante nessuno se ne sia accorto, il 31 ottobre 2010 anche il sito di QOOB è definitivamente collassato su se stesso.

Curioosità

NOOTE

  1. ^ visibile tra un vortice e l'altro solo per un lasso di tempo che va da cinque a dodici secondi, dopo aver tirato lo sciacquone. In caso di interferenze, contattare un idraulico con diploma di elettrotecnico.
  2. ^ 10 videoclip di vario genere, 3 corti, 5 cartoon ed 1 programma d'approfondimento (di 5 minuti e 32 secondi)
  3. ^ Da fonti del ministero.

Vooci coorrelate

Coollegamenti esterni