Daron Malakian and Scars on Broadway

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera su cauzione.
Versione del 25 dic 2022 alle 16:07 di DarkMatterMan4500 (rosica | curriculum) (Annullate le merdifiche di Nevosinter (rosica), riportata alla versione precedente di Wedhro)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
« No, io con Sergio non ci parlo più! u.u »
(Daron Malato su Sergio Tanchio e la loro litigata d'amore)
« They say it's all about to end... they say... they say... »
(Daron Malato piangendo rannicchiato in un angolino, a sua madre dopo aver passato la serata a scrivere tutte le canzoni del nuovo album)
« Deh, lo sapevi che il resto dei System si è messo a fare Deathcore?! »
(Bimbominkia a bimbogigi sulla dipartita del nuovo gruppo)
« Chimica... »
(Sciavo Odoacre con una bonga tra le mani)


Sciavo Odoacre strafatto di Ketamina (lui vive in bullet time).

Gli Scars on Broadway (Trad. Scazzo a Broadway pron. Scazz on Broduei) sono un gruppo composto dai due rimanenti del quartetto System of a Down, ovvero Daron Malato, e Giovanni Dolmen.

La Favola degli Scazzo a Broadway

Daron Malato, la controfigura di Tom Hanks in "Cast away".


Una sera, Daron e Sciavo (Futuro bassista della Band), ritrovatisi nel cesso del bar Broadway (in Armenia sud-est) ubriachi come faine, decisero di portare avanti un nuovo progetto senza l'ultima fidanzata di Daron (Sergio Tanchio, Ex-vocalist della band System of a Down, ormai diventata lesbica dopo essersi rasata i capelli perché le ricordavano "il suo Darino Piccino") e decisero di andare dal loro vecchio batterista Giovanni Dolmen' (si, l'uomo che dopo la storia delle api e dei fiori non ha più parlato con nessuno) a chiedergli, appunto, se volesse coltivare questo progetto con loro.

Arrivati a casa di Dolmen, la madre di quest'ultimo (una signora sull'ottantina) aprì la porta e li fece accomodare. Erano le otto di mattina. Giovanni era seduto al tavolo con la cuffia di topolino e il pigiama in tema, mentre fissava il suo latte e cereali senza azzardar movimento o spiccicar parola. L'accoglienza non fu da meno, ma quando i due gli esposero il progetto, un sorriso si materializzò sulla faccia di Giovanni...


Giovanni Dolmen dallo psicologo.

Creazione del primo cd: Scazzo a Broadway

Subito dopo aver accompagnato la madre di Giovanni all'ospedale per infarto (siccome era la prima volta che lui sorrideva nella sua vita) i tre si ritrovarono nella roulotte di Sciavo Sciarvasc Odino Odoacre con una matita mangiucchiata, una liuto a 3 corde e Giovanni che suonava le bottiglie di birra (Analcolica perché lui ha paura delle cose alcoliche) con un cucchiaino. Decisero di dedicare il nome del gruppo, nonché omonimo dell'album, all'incontro casuale di Sciavo e Daron nel locale Broadway, nientepopodimeno che Scazzo a broadway e, in una serata durata all'incirca un ora e mezza, grazie a 4 accordi hanno creato le 15 canzoni del nuovo album. Dopo 5 rifiuti da parte di 5 case discografiche diverse, si rassegnarono e con un cellulare registrarono il nuovo cd in un quarto d'ora nello sgabuzzino della roulotte di Sciavo Odoacre.

Le Canzoni

  1. Seriamente (Spirito iniziale)
  2. Divertente...(Daron ci prende la mano)
  3. Aspetta.. rifacciamo (momento di panico)
  4. Odio per Stoner (c'era il motomondiale quella sera quindi momento di ispirazione)
  5. Insano (Commento di Sciavo mentre guardava esterrefatto il triplo cheeseburger di Daron sciogliersi nella sua nuova barba)
  6. Il mondo lungo andrà
  7. Uccidete tutte le altre!! La regina è mia!! (Daron in momento ispirazione dopo un attacco di formiche in massa)
  8. Babilonia (La discoteca dove Daron Ha conosciuto la futura fidanzata Sergio Tanchio)
  9. Chimica... (Citazione di Sciavo con una bonga tra le mani)
  10. Il mio Nemico!! È tornato!! (Daron Malato su uno specchio)
  11. L'universo
  12. Tremilacinque (le copie vendute di questo album...)
  13. Macchine per tagliare (oggettistica per Emo firmata SOB)
  14. Cazzarola
  15. Loro dicono (citazione di Daron Malato mentre parla nel sonno sbavando)