Ascoli Piceno

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera con l'indulto.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
« Quando Ascoli era Ascoli, Roma era ancora pascoli! »
(Ogni ascolano che si rispetti)
La celebre Piazza dei popolani emblema di Ascoli

Ascoli Piceno, o Città delle cento torri o Città dei cento aperitivi, è un feudo situato nel Far West delle Marche, carica di chiese medievali e monumenti a sfondo sessuale.

Da non tralasciare che esisteva prima di Roma. E chiaramente molto prima di New York.

Simbolo

Il simbolo della città è sempre stato il Picchio, sebbene come tutte le città del mondo, ma un po' di più, trabocchi di piccioni che cagano ovunque. Il picchio è simbolo di qualsiasi cosa ascolana, specialmente dell'Ascoli Calcio; probabilmente dietro c'è un complotto illuminato che ci distruggerà tutti.

Festività

  • 5 agosto, festa di Sant'Emidio: ci sono fuochi ipnotizzanti per il cielo e si tromba tutta la notte sui tetti delle scuole medie.
  • 10 agosto, Notte bianca di San Lorenzo: notte romantica piena di stelle cadenti in cui nel centro storico di Ascoli ci sono musica e attrazioni per ogni età tutta la notte, ma l'ascolano medio si reca a guardare le stelle, sempre sui tetti delle scuole, e pubblica storie su Instagram in cui canta con un amico un pezzo in dialetto ascolano bevendo la birra.
  • Il Carnevale ascolano: evento che si tiene la domenica e il martedì di Carnevale in cui per le piazze tantissimi gruppi si vestono da meme o da barzellette tutte in dialetto ascolano, che al 90% riguardano tua nonna oppure i Maranza.

Quintana

Festività ascolana di origine puramente medievale che si svolge durante l'estate in cui dei cavalieri si sfidano nel colpire un bersaglio mentre sono a cavallo. Intanto il pubblico cerca nello stesso modo di colpire i cavalli degli avversari con le bucce di noccioline per farli imbizzarrire e per poi pubblicare il video su YouTube.

Luoghi d'interesse

Rrete li Mierghe

Che luogo romantico...

Il luogo più emblematico di Ascoli. Via delle Stelle o Dietro ai merli (rrete li Mierghe) è una tipica strada medievale che si trova appesa a cazzo di cane sulle mura antiche della città, sul fiume, è coperta di piante, è lunga 20000 ventordici metri; quindi apparentemente è un posto dimenticato dal Padre Eterno carico di mostri tipo Bigfoot, ma per qualche assurdo motivo è la zona più popolata di Ascoli da coppiette, venditori di pesce, spacciatori, maranza, gente che fa jogging, e chiaramente tanti merli che fanno la guardia.

Chiesa di San Francesco

È quella chiesa raffigurata a inizio pagina. Chiesa gotica e chiaramente carica all'interno di mosaici che sembrano anime, ma la cosa più caratterizzante dell'edificio è la bellissima scultura marmorea sul campanile che raffigura le intimità maschili, chiamata il Fallo di san Francesco costruita da una milf di alti livelli nel Medioevo.

Voci correlate