Nonnotizie:La Guzzanti scopre gli altarini della Carfagna

Jump to navigation Jump to search

8 luglio 2008

« Tu non puoi mettere alle Pari Opportunità una che sta là perché ti ha succhiato l'uccello! »
(Sabina Guzzanti su Mara Carfagna)
« Ma vale anche per il Ministero della Cultura? »
(Sandro Bondi si informa)

File:Stemma Ministero dei Pompini.svg


8 luglio 2008, Roma - Sabina Guzzanti dal palco di piazza Navona, dove si sono dati raduno migliaia di girotondini, dice quello che tutta Italia sa e pensa, ma che nessuno ha le palle di dire.
Durante una manifestazione di protesta contro il governo, l'autrice ed attrice romana ha fugato tutti i dubbi sulle credenziali che hanno portato la giovane Mara Carfagna, showgirl con un'esperienza politica pari a quella di un sasso, a ricoprire il ruolo di ministro per le Pari Opportunità nel governo Berlusconi IV. Infatti la Guzzanti ha descritto nei dettagli come il premier, per saggiare la sua preparazione, l'abbia sottoposta a test duri, spinosi e prolungati, sia prima di affidarle il dicastero che dopo, per continuare a verificare se essa sia all'altezza.

Attesissima la replica della ministra. Il suo portavoce ha preannunciato che il Ministro interverrà appena sarà disponibile, in quanto è momentaneamente impegnata in una riunione di gabinetto in gabinetto con il premier e quindi impossibilitata a parlare (ha la bocca piena). Interviene intanto in difesa della Carfagna lo stesso Berlusconi che, inquadrato dal busto in su, afferma:

« *Col fiatone* Gli insulti di stasera fanno parte della solita campagna di odio di un'opposizione giustizialista e *piccolo gemito* ormai senza argomenti, che per screditare il capo del governo legittimamente eletto si è ridotta ad utilizzare chiacchiere da osteria. Vorrei invece confermare la mia stima *rumore di risucchi* alla signorina Carfagna, che sposerei volentieri se non fossi già sposato. »
(Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi)

Da oltreoceano, Monica Lewinsky, saputo della vicenda ha rilasciato un immediato commento:

« Quello tra me e la Carfagna è sempre stato un paragone del cazzo »

In attesa dell'inevitabile massacro che si scatenerà sulla signorina Guzzanti, Nonciclopedia si rallegra per avere perso una temibile concorrente nel campo della satira.

Fonte