Denominazione di origine protetta

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia liberamente ispirata all'Osservatore Romano.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Disambiguazione – Oops! Forse cercavi l'acerrimo rivale di cui nessuno capisce la differenza, vedi Denominazione di origine controllata.
Presidente del comitato per l'assegnazione del marchio DOP.
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente una voce in proposito. Denominazione di origine protetta
Cliente : Da dove vengono queste mozzarelle?
Venditore : Non si preoccupi, sono Denominazione di origine protetta
« I prodotti dalla terra dei fuochi hanno appena ricevuto tutti la Denominazione di origine protetta mentre i membri del comitato per l'assegnazione del marchio sono stati visti girare con rolex, ferrari e tigri come animali domestici. »
(Il Il Fatto Quotidiano sullo stato della Denominazione di origine protetta in Italia)

La Denominazione di origine protetta, abbreviato in DOP per venire incontro alle ridotte capacità mentali dei consumatori, sta a indicare un prodotto spiccatamente migliore rispetto alla media nazionale di qualità di quello stesso prodotto, tutto certificato da un semplice bollino con scritto DOP. Infatti, se lo si stacca, diventa perfettamente uguale agli altri.

Storia

Un medico su dieci consiglia di mangiare ragni, ma solo se DOP.

Le origini della denominazione di origine protetta questo sono antichissime, si ipotizza che la denominazione sia stata coniata per la prima volta fra il fiume Tigri ed Eufrate, dove venneno scoperti nuovi cibi, frutta e verdura, e nuovi mestieri, fruttarolo e bancarelle del mercato. Quest'area è infatti denominata la mezzaluna fertile, dove i prodotti DOP potevano crescere bene ed in abbondanza per essere venduti a quei buzzurri dei vicini. La moneta corrente era il cammello, ma a quelli del Tigri ed Eufrate non servivano tali bestiacce, così ebbero la geniale idea di gonfiare il prezzo inventando la dicitura DOP. Le derrate venivano ora pagate in donne, molto meglio.

Descrizione

Una pesca DOP pronta da raccogliere.

Col passare dei secoli, l'alimento con denominazione di origine protetta ha avuto però un triste declino, specialmente in Italia, tanto che ora si presenta con un aroma inconfondibile che è difficile da descrivere per iscritto, ma la cosa che davvero fa riconoscere il DOP dal resto dei cibi è il conato di vomito che avviene dopo il primo boccone, inconfutabile prova della sua bontà e freschezza. Si può subito sentire la fragranza penetrare nel proprio organismo e, immediatamente dopo, il 118 arrivare.

Vini

I vini marcati denominazione di origine protetta hanno numerosi impieghi in tutti i campi, tranne in quello gastronomico. Possono sciogliere la roccia più dura, eliminare i germi più resistenti, sbiancare il bucato che più bianco non si può e tanti altri utilizzi industriali.

Cibi

Curiosità

  • Gli alimenti DOP fanno bene alla salute, basta non mangiarli.
  • Gli alimenti DOP aiutano a prevenire malattie cardiovascolari, perché fanno morire prima.

Collegamenti