Apatia

From Nonciclopedia
Jump to navigation Jump to search
Puzzle-papocchio.png
Questa voce è solo un abbozzo (stub).
È probabile che il suo autore abbia fumato troppa erba e sia svenuto prima di completarla.
Se puoi contribuisci adesso a migliorarla secondo le convenzioni di Nonciclopedia.

Per l'elenco completo degli stub, vedi la relativa categoria.

Puzzle-papocchio.png
« Gli scienziati hanno scoperto un rimedio contro l'apatia. Ma al resto del mondo non gliene frega niente. »
(George Carlin su Apatia)
« Apatici di tutto il mondo, unitevi! Anzi no, lasciate stare, tanto è tutto inutile. »
(Karl Marx su apatia)
« Sono apatico e ne vado fiero! »
(Nessuno su apatia)

L'apatia (dal greco apátheia, o απάθεια, che significa apatia) è una condizione psicologica caratterizzata dall'assenza di reazioni emotive o di interesse verso il mondo. Un argomento entusiasmante insomma.

In filosofia[edit]

In fin dei conti è solo un pezzo di carne.
« Sapevo di averlo generato mortale. »
(Zenone, rispondendo a colui che lo informava della morte del figlio)
« Grazie pa'. Sapevo che eri una testa di cazzo. »
(Il figlio di Zenone, dall'aldilà)

Come ricordano gli storici stoici che stoicamente insegnano la storia, occorre accettare tutto quello che accade senza entusiasmo e senza sconforto. Il dolore e la sofferenza vanno superati con pazienza. La gioia invece non deve mai prendere possesso del nostro animo, perché conduce inevitabilmente alla delusione. Occorre capire che ogni piccolo avvenimento è volto a realizzare un bene universale superiore a quello del singolo.
Forse. E sennò amen.

In psicologia[edit]

- Paziente: “Dottore, mi sento apatico e non capisco perché.”
- Dottore: “Sono costernato signore, ma devo informarla che lei ha un tumore al cervello, i cui effetti si ripercuotono sul sistema nervoso centrale.”
- Paziente: “Ah ok, allora è per quello.”

In psicologia, l'apatia viene definita come l'assenza di reazioni emotive o interesse verso il mondo. Sì, l'avevo già detto, ma poco importa.
In genere è la spia che segnala la presenza di depressione. Spesso, infatti, sopraggiunge dopo un periodo di forte stress o di dipendenza da qualche sostanza. Oppure dopo avere constatato che Bruno Vespa e Studio Aperto continueranno ad andare in onda, le boy band si susseguiranno una dopo l'altra senza fine, Berlusconi non smetterà mai di andare a mignotte, i ghiacci si scioglieranno, le foreste spariranno e, quel che è peggio, noi tutti che ci siamo impegnati così tanto perché tutto ciò accadesse non potremo nemmeno ammirare gli effetti nefasti delle nostre malefatte.
Davanti a questo scenario apocalittico, è chiaro che l'umanità sta aderendo con entusiasmo e gioia rassegnazione e sconforto alla filosofia apatica.

Apatia oggi[edit]

Tu in fotografia.

Oggi, il ruolo dello psicologo e dello psichiatra è reso più difficile dalla commistione di diverse patologie.

Infatti, ai soggetti affetti da apatia o da depressione incipiente, si aggiungono i disoccupati, i menefreghisti e i pigri come te.

Senza contare coloro che del non far nulla hanno fatto un'arte, il fancazzismo: quest'esercito di milioni di italiani si riconosce per la canottiera unta (anche d'inverno) e la bottiglia di birra in mano, l'aria scazzata e l'assenza di lamentele persino contro il commissario tecnico della Nazionale.

Voci correlate[edit]