Nonnotizie:Finalmente in Italia la meritocrazia

Jump to navigation Jump to search

25 luglio 2009

Sei di Calatafimi-Sagesta? Sapevi che negli USA ci sono università bellissime come questa?

Finalmente nelle università i fondi per ricerca e l'istruzione saranno assegnati in base alle efficienze dei singoli atenei; questo grazie al pacchetto firmato dal ministro dell'istruzione Gelmini, col benestare del ministro dell'economia Tremonti.

« Pwima l'univewsità, poi il mondo! »

Parecchie le università promosse, tra le prime dieci: Milano, Torino, Rovolòn, Trento, Castel Lambro e Cumignano sul Naviglio. Smorzate le voci sui pregiudizi nord-sud della maggioranza, il ministro dell'istruzione risponde: "Il feudalesimo meridionale è un ecosistema delicato, ulteriori gettiti fiscali lo destabilizzerebbero, andando contro a ogni principio di biodiversità". Lo stesso concetto, ribadito con parole oscure, è stato espresso da un rantolo ispirato di Bossi "È tempo che il Signore Oscuro sopraggiunga e che i Babbani imparino qual è il loro posto."

Oltre all'istituzione della meritocrazia, ulteriori soldi proverranno dall'eliminazione delle lauree inutili: nel principale mirino del ministero per ora ci sono giornalismo, giurisprudenza e scienze politiche; per i posti vacanti creati da quest'ultimo si provvederà tramite concorso a premi, con estrazione tra i cittadini italiani di età inferiore ai 25 anni, preferibilmente donne e di bella presenza, così da favorire il ricambio generazionale.

Fonti

Collegamenti esterni